Bologna, ora il "prete rosso" può tornare a dire messa

Eugenio Melandri, che era stato sospeso a divinis nell'89, dopo l'elezione a Bruxelles con Democrazia Proletaria, può tornare ad officiare

Eugenio Melandri, il "prete rosso" di Brisighella, che ha fatto della militanza politica a sinistra una, se non la principale, delle sue cifre stilistiche, è di nuovo un sacerdote officiante. Quindi avrà anche la possibilità di predicare dai pulpiti delle chiese.

La decisione l'ha presa la Santa Sede. Non c'è altro modo di rientrare in gioco: bisogna che il Vaticano si pronunci. Poi è stato mons. Matteo Maria Zuppi, arcivescovo di Bologna, che diventerà cardinale della Chiesa cattolica nel corso dei primi giorni di ottobre per volontà di papa Francesco, a far sì che Eugenio Melandri entrasse a far parte dell'elenco dei sacerdoti che coordina. Il quasi porporato, che è considerato dai più un progressista, potrebbe anche indicare una parrocchia di riferimento. E Melandri, come si apprende da Avvenire, ha subito reso noto di essere più che felice della notizia. Ma perché il "prete rosso" aveva smesso di celebrare i sacramenti?

Come succede sempre quando un consacrato viene eletto in un organo parlamentare, Melandri era stato sospeso a divinis. Una delle modalità con cui un ecclesiastico, per i dettami del diritto canonico, può essere almeno ridimensionato in relazione ai suoi incarichi e alle sue mansioni. La prassi prevede che il provvedimento possa terminare nel momento in cui la legislatura volge al termine. Ma dipende dai casi. In quello del "prete rosso", l'attesa non è stata breve: l'elezione a Bruxelles con Democrazia Proletaria, infatti, risale a trent'anni fa. Vale comunque la pena sottolinare come poi il ravennate abbia continuato con l'attivismo politico, schierandosi e presentandosi di nuovo agli elettori, con le liste di Rifondazione Comunista, il partito guidato all'epoca di Fausto Bertinotti. Quello che, dopo una serie di scissioni e contro scissioni, ora fa di nuovo parte dell'agone politico nazionale, seppure con un peso elettorale diverso rispetto al recente passato.

La Chiesa cattolica italiana ritrova così uno di quei "preti di strada" che in questi anni si sono distinti per le critiche mosse alle politiche anti-accoglienza.

I commenti saranno accettati:
  • dal lunedì al venerdì dalle ore 10:00 alle ore 20:00
  • sabato, domenica e festivi dalle ore 10:00 alle ore 18:00.
Non sono consentiti commenti che contengano termini violenti, discriminatori o che contravvengano alle elementari regole di netiquette.
Qui le norme di comportamento per esteso.
Commenti
Ritratto di navajo

navajo

Gio, 19/09/2019 - 14:29

Semplice. Basta cambiare chiesa.

Ritratto di babbone

babbone

Gio, 19/09/2019 - 15:03

oramai le chiese sono vuote.

polonio210

Gio, 19/09/2019 - 16:08

Una ragione in più,che rafforza la mia convinzione a non dare l'8x1000 alla chiesa cattolica.

rossini

Gio, 19/09/2019 - 16:30

Giustissimo, polonio210. Uniamoci tutti per gridare il coro NO 8 × 1000 ALLA CHIESA CATTOLICA. Ciascuno ne convinca un altro. Passate parola.

Vigar

Gio, 19/09/2019 - 16:43

Presto bergoglio lo farà vescovo.

razzaumana

Gio, 19/09/2019 - 16:59

...NON condanno a prescindere.Magari intellettualmente è più onesto di tanti altri..."falsi e buonisti" In ogni caso,son convinto che sopportare un'invasione incontrollata ASSOLUTAMENTE NO...ma con un atteggiamento di chiusura totale,tipo Paesi di VISEGRAD....NON SI VA DA NESSUNA PARTE:::!!!

evuggio

Gio, 19/09/2019 - 18:01

Ecco perchè il Cristo crocefisso su falce e martello, a suo tempo non è stato restituito in modo serio e fermo al suo mittente: vedrete che verrà buono, magari da esporre agli ingressi del vaticano!

Ritratto di Trinky

Trinky

Gio, 19/09/2019 - 18:53

Francesco, lasciatelo dire: vai axxxxxxxo con la tua banda di pedofili!

Ritratto di Zizzigo

Zizzigo

Gio, 19/09/2019 - 18:54

Ma, intanto, la "folla" dei credenti viene decimata dalle bordate di sua santità... e il prete officerà nel simildeserto...

Ritratto di gianky53

gianky53

Gio, 19/09/2019 - 19:00

Meglio di no. Si candidi per l'estrema sinistra che quella è la sua casa. Già aveva sbagliato una volta a fare il prete ideologizzato, sbagliare di nuovo sarebbe diabolico.