Bonafede & C. il più grande spettacolo dopo il Big Bang

l caso Bonafede, ministro della Giustizia finito nel tritacarne delle guerre tra magistrati, è l'emblema dell'epopea grillina, un mix di incapacità, demagogia, moralismo, giustizialismo, sete di potere e di soldi.

Il caso Bonafede, ministro della Giustizia finito nel tritacarne delle guerre tra magistrati, è l'emblema dell'epopea grillina, un mix di incapacità, demagogia, moralismo, giustizialismo, sete di potere e di soldi. L'altro giorno Antonio Padellaro, giornalista di lungo corso e presidente de Il Fatto Quotidiano, scriveva a proposito della situazione politica: «Vorrei aver visto la faccia di Sallusti quando Berlusconi, senza avvisarlo, ha detto che il governo Conte non deve cadere». Ecco, detto che Berlusconi può dire ciò che crede, io avrei pagato per vedere la faccia di Padellaro quando Travaglio ha scritto, senza avvisarlo, che se un magistrato suo amico (Di Matteo) accusa un politico suo amicissimo (Bonafede) di presunte collusioni con la mafia, che sarà mai, «si tratta solo di un equivoco».

In poche righe, e all'insaputa di Padellaro, Travaglio ha smentito anni di duro lavoro suo e dei suoi giornalisti sguinzagliati a inseguire tutti i teoremi giustizialisti e pistaroli possibili e immaginabili. Ma com'è la storia? Se un killer pentito di mafia, tale Spatuzza (che partecipò al sequestro del bambino sciolto nell'acido), dice di aver sentito dire che Berlusconi è stato amico di un mafioso, significa (...)

(...) che Berlusconi è mafioso: se invece un famoso magistrato antimafia dice che un ministro ha trattato con la mafia, è solo un innocuo gioco tra bambini.

Il problema non è se Bonafede, detto anche mister boria, è o no colluso con la mafia (non lo è) o se Di Matteo sia o no un grande magistrato erede di Falcone (certamente non lo è). Il problema è quanto stupidi e pericolosi siano questi professionisti dell'antimafia, politici o giornalisti o magistrati che siano, rimasti vittime dei loro stessi giochini e delle loro ossessioni. Vederli in mutande arrampicarsi sui vetri per spiegare balbettando che lo scambio di accuse tra Bonafede e Di Matteo avvenuto in diretta tv da Giletti è stato «un equivoco» è lo spettacolo dell'anno, che ci ripaga di tante sofferenze. Anzi, come canta il grande Jovanotti è «il più grande spettacolo dopo il Big Bang».

Di Matteo ha passato (inutilmente) la vita a voler far fuori Berlusconi e in due minuti ha bruciato la carriera del suo amico e sodale Bonafede; Bonafede voleva affidare il Paese ai magistrati manettari ed è riuscito ad azzoppare per sempre il magistrato numero uno dell'antimafia, ieri scaricato anche dal moralista Davigo. Dei veri geni, si sono «arrestati» tra di loro, Bonafede e Di Matteo (le rispettive carriere finiscono qui, al di là del fatto se rimarranno ancora per qualche tempo al loro posto) e insieme hanno smascherato l'ipocrisia del loro megafono Travaglio. Neppure Paolo Villaggio ha avuto tanta fantasia nel descrivere le bislacche disavventure di Fantozzi.

I commenti saranno accettati:
  • dal lunedì al venerdì dalle ore 10:00 alle ore 20:00
  • sabato, domenica e festivi dalle ore 10:00 alle ore 18:00.
Non sono consentiti commenti che contengano termini violenti, discriminatori o che contravvengano alle elementari regole di netiquette.
Qui le norme di comportamento per esteso.
Commenti

rino biricchino

Ven, 08/05/2020 - 17:42

Il piu grande spettacolo è vedere Berlusconi, "perseguitato" penalmente da Di Matteo, partecipare alla sfiducia di Bonafede perchè questi non ha piu messo Di Matteo a capo del Dipartimento Affari Penali. Meraviglioso!

Ritratto di mavalala

mavalala

Ven, 08/05/2020 - 18:04

Sete di soldi.....proprio poche si tagliano lo stipendio dal primo giorno? Ma quanto è schierato sto giornale? Bonafede è un ministro scomodo che ha fatto leggi scomode per il malaffare. Questa è la verità e se siete onesti pubblicate questo post...

stefano.colussi

Ven, 08/05/2020 - 18:17

Complimenti direttore .. Stefano Colussi

Ritratto di Cali85

Cali85

Ven, 08/05/2020 - 18:27

mavalaia, continui a non soffiarti la narice centrale, che è sempre otturata e non fa affluire ossigeno al cervello! E' chiaro che tu vorresti tutta la stampa schierata come Il Fatto o La Repubblica ma mi chiedo : Ma perchè non vai su quei giornali a sparare belinate ?

Nicola48ino

Ven, 08/05/2020 - 18:31

Ma Vala'quali leggi contro il mallaffare ha fatto Fefe'. Dove le hai letto le leggi sul falso giornaliero o sulla repubblica di db. Bell'articolo egr. Direttore, tra fefe'di matteo palamara prima la giustizia era quella che era ma adesso è da piangere.

Ritratto di bonoitalianoma

bonoitalianoma

Ven, 08/05/2020 - 18:34

Ho sentito l'intervento in Parlamento del Ministro Bonafede ... attendiamo fatti coerenti con l'interesse precipuo verso il sovrano cittadino elettore contribuente. Altrimenti ci arrabbiamo ... diceva quello che rimaneva a sonnecchiare sulla sedia a dondolo.

Ritratto di etaducsum

etaducsum

Ven, 08/05/2020 - 18:39

Grazie, Direttore. Questa sua risposta fa il paio con la spolverata di Berlusconi, in TV, della sedia dove si era seduto Travaglio. Magnifico!

mzee3

Ven, 08/05/2020 - 18:39

Ci saranno state delle ragioni e Bonafede non ha il dovere di dirlo né a lei né ad altri. Se Di Matteo ha delle prove le porti e non porti impressioni o dietrologie. Di Matteo fa incarcerare le persone con le prove e non su suggestioni. Gravissimo errore di Di Matteo.

Ritratto di venanziolupo

venanziolupo

Ven, 08/05/2020 - 18:44

mavalala quali leggi scomode avrebbe fatto Bonafede ? se intendi lo svuota carceri per i mafiosi sono d'accordo con te .... ma non sono leggi scomode per come le intendi tu ....

Ritratto di dlux

dlux

Ven, 08/05/2020 - 18:49

Direttore, quel che Lei definisce "spettacolo" è invece una scena indegna del programma a reti unificate che va in onda da agosto dell'anno scorso. E tradisce un andazzo che si sapeva, di cui si conoscevano i mezzucci, i giochini, le mossettine strategiche...ed è appena il caso di sottolineare con quanta pertinace perseveranza i comunisti impongano "il loro uomo" qualunque sia il posto in lizza. Sarebbe quasi un film divertente se non fosse che tutto si gira sulla pelle degli italiani...

Chanel

Ven, 08/05/2020 - 18:54

Al di là della penosa querelle tra Di Matteo e Bonafede resta il fatto gravissimo di pericolosi delinquenti usciti dalle carceri e ogni persona intellettualmente onesta può immaginare cosa mai sarebbe successo se tutto questo fosse successo con un ministro della giustizia non grillino. Veramente squallido leggere il Fatto Quotidiano capace di lisciare il pelo a Berlusconi. Nel peggior periodo della nostra storia aggredita dal Covid ci troviamo oltre a Bonafede la scuola nelle mani della Azzolina, gli Esteri in quelle di Di Maio che flirta con il regime cinese, l’ INPS in quelle di Tridico......e tutta questa armata guidata dal novello Churchill con pochette. Possibile che in questa tragedia non si trovino 50 persone competenti senza bisogno di poltrone che possano guidare il paese?

Ritratto di mortimermouse

mortimermouse

Ven, 08/05/2020 - 19:15

la teoria del big bang si applica perfettamente all'universo. quello di sinistra :-)

Ritratto di scimmietta

scimmietta

Ven, 08/05/2020 - 19:21

X mavalala 18.04: .... bonafede ha fatto leggi molto "comode", comode per un giustizialismo che ammazza l'Italia intera e intanto i mafiosi escono dal 41bis e vanno a casa grazie al provvidenziale coronavrus e a strumentali rivolte nelle carceri create ad hoc. In merito alla squallida vicenda tra il ministro e di matteo (campioni entrambi del giustizialismo grillino)..... guerra tra bande? Chiedere lumi a travaglio.

Ritratto di scimmietta

scimmietta

Ven, 08/05/2020 - 19:25

X Chanel 18.54: il novello churcill non ha solo la pochette,

Ritratto di scimmietta

scimmietta

Ven, 08/05/2020 - 19:31

X Chanel 18.54: il nostro caro leader, novello Churchill, no solo ha pochette, ma ha anche, bene in vista, una bandierina dell'Italia stampigliata sulla cravatta .... capirai, che patriota

Tommaso_ve

Sab, 09/05/2020 - 10:17

Travaglio ha ragione! Di Mattero magistrato? «si tratta solo di un equivoco» Buonafede ministro? «si tratta solo di un equivoco» Travaglio, Padellaro giornalisti? «si tratta solo di un equivoco»

Ritratto di miladicodro

miladicodro

Sab, 09/05/2020 - 11:39

Purtroppo siamo un paese di persone ben installate con il deretano su un bancomat a cassa continua,pertanto se ne guardano bene di interrompere la catena di San Paganino fregandosene del Paese,delle leggi e dei poveri cristi,maggioranza incazzata ma silenziosa poiché teme la giustizia giacobina,basti vedere il caso Salvini. Il colmo di avere un Presidente a garante del Sacro libro togliattiano affetto da mutismo e di fatto connivente di questo sfacelo.Non ci resta che piangere e sperare che si annientino tra di loro.

Giorgio Colomba

Sab, 09/05/2020 - 12:19

Lo spettacolo più grande sarebbe stato Bonafede&Co "durante" il Big Bang...

glasnost

Sab, 09/05/2020 - 12:32

Sarei lieto di sentire cosa ha da dire, su questo fatto, un antimafia doc come il Sig. Saviano. Un uomo molto incline a pontificare su tutto, ora stranamente muto.

brunicione

Sab, 09/05/2020 - 15:03

Con questa classe di politici, giudici, ministri e giornalisti, l'Italia sta dando la vera immagine di se stessa, di un paese in mano ai peggiori

Ritratto di miladicodro

miladicodro

Sab, 09/05/2020 - 15:45

Oommaso_ve,grande, colpiti e affondati.