Brescia, deciso il coprifuoco anti-movida

Decisa la chiusura di tutti gli esercizi pubblici e le attività artigianali alimentari. Coprifuoco nei giorni 23 e 24 maggio dalle 21.30 alle 5 del giorno successivo

Quello che nella giornata di venerdì era stato annunciato su Facebook dal sindaco di Brescia, Emilio Del Bono, è ormai diventato realtà. Il primo cittadino, tramite un’ordinanza, ha deciso per il coprifuoco. Dalle 21.30 di ieri, sabato 23 maggio, alle 5 del mattino, tutti gli esercizi pubblici e le attività alimentari saranno chiuse. Lo stesso accadrà per il giorno seguente di domenica 24. Già nella serata di venerdì vi era stata una chiusura proprio a causa delle troppe persone presenti nelle strade cittadine. Adesso la decisione di Del Bono di firmare un’ordinanza che riduce l'orario di apertura dei locali di una delle piazze maggiormente frequentate dalla movida: piazza Arnaldo.

Coprifuoco a Brescia contro gli assembramenti

"Preso atto che, nonostante gli specifici servizi di controllo da parte della Polizia Locale e delle altre forze dell'ordine, non è stato possibile far rispettare le norme sul distanziamento sociale e considerato che si sono verificate risse e liti, causate dall'abuso di sostanze alcoliche con serio pericolo per l'incolumità pubblica, la sicurezza urbana e la salute pubblica, come risulta dalla relazione della Polizia Locale", Del Bono ha preso la decisione di chiudere tutti i locali e le attività commerciali che restano aperte la sera, per evitare rischi.

Chiusura quindi di tutti i pubblici esercizi e attività artigianali alimentari, nei giorni 23 e 24 maggio dalle 21.30 alle 5 del giorno successivo. La prossima settimana poi, come riportato da Tgcom24, verrà convocato il Comitato Provinciale per l'Ordine e la Sicurezza pubblica, al fine di valutare i provvedimenti più consoni per gestire la situazione nel migliore dei modi. Coloro che non rispetteranno l’ordinanza in vigore verranno puniti ai sensi dell'art. 4 comma 1 del Decreto Legge 25 marzo 2020 n. 19, con sanzione amministrativa da 400 a 3mila euro e la chiusura dell'esercizio o dell'attività da 5 a 30 giorni. Del Bono ha spiegato che la decisione si è resa necessaria a fronte delle troppe persone presenti che hanno creato assembramenti nonostante la presenza delle forze dell’ordine. Il sindaco ha sottolineato che la prossima settimana “si definirà con gestori dei locali e con l’ausilio della Questura la gestione della Piazza e delle vie limitrofe durante la sera”.

Immagini "Gravi e inaccettabili"

Riccardo De Corato, assessore regionale alla Sicurezza e Polizia Locale della Lombardia ha definito le immagini riguardanti gli assembramenti e la movida a Milano, Brescia e altri Comuni della Lombardia: “Gravi e inaccettabili”. De Corato ha poi esortato tutti i sindaci della Regione a utilizzare gli strumenti che hanno a disposizione, partendo dagli agenti della Polizia locale, per punire chi non rispetta le regole. Infine ha rivolto un plauso al richiamo al rigore fatto dal governatore Fontana, una linea che deve valere per tutti, se non si vuole correre il rischio di pregiudicare gli sforzi fatti fino a questo momento.

Un problema, quello della movida, che non interessa infatti solo Brescia, una delle città maggiormente colpite dall’epidemia. Tante le città che si sono trovate a dover fronteggiare la questione. Basti ricordare quanto avvenuto in zona Navigli a Milano durante l’ora dell’aperitivo: folla di cittadini a bere e divertirsi per strada. Per cercare di limitare i danni era dovuto intervenire il sindaco Beppe Sala, dopo che molti residenti avevano denunciato il problema sui social e alle forze dell’ordine. Non meglio al Sud, dove nelle scorse ore la Regione Campania per volontà del Governatore De Luca ha firmato una nuova ordinanza con cui si esige la chiusura dei bar entro le ore 23. Anche Reggio Calabria ha annunciato provvedimenti in tal proposito.

I commenti saranno accettati:
  • dal lunedì al venerdì dalle ore 10:00 alle ore 20:00
  • sabato, domenica e festivi dalle ore 10:00 alle ore 18:00.
Non sono consentiti commenti che contengano termini violenti, discriminatori o che contravvengano alle elementari regole di netiquette.
Qui le norme di comportamento per esteso.
Commenti
Ritratto di giangol

giangol

Dom, 24/05/2020 - 10:31

Questi sono i nuovi giovani che la sinistra ha allevato e addestrato e coccola.zero rispetto per chiunque! perciò anche io non porto rispetto a loro

Ritratto di thunder

thunder

Dom, 24/05/2020 - 10:50

Ecco un altro sindaco skill,come si deve regolare la gente? se apri la gente esce, non e'che stando a casa si sono ridotti del 50% che pena questi incapaci.

Ritratto di .bonoiTaGlia.

.bonoiTaGlia.

Dom, 24/05/2020 - 10:52

un provvedimento da REGIME sFACIO COMUNISTA

Ritratto di Zagovian

Zagovian

Dom, 24/05/2020 - 10:55

...Un'indagine fatta dal Dr Bacco & C.,a Fine Febbraio,ha posto in evidenza che in particolare nel Bresciano,il 49% della popolazione verosimilmente era stata toccata dal "Covid 19",ed il 74% aveva sviluppato degli anticorpi.Vogliamo smetterla con questo terrorismo!Vogliamo puntare sul curare a CASA quelli che "eventualmente" si ammalano con le terapie che esistono,che esistevano,senza trasformare l'umanità in fragili AMEBE,che per gli anni a venire,in attesa del vaccino "salvifico",dovrà mortificare la sua NATURALE socialità,distruggere l'economia,e continuando ad usare mascherine,disinfettare tutto,inibire pericolosamente,il processo naturale di autodifesa.

edoardo11

Dom, 24/05/2020 - 11:10

Purtroppo molti continuano a non capire che siamo ancora sotto schiaffo.Le conseguenze saranno inevitabili.

jaguar

Dom, 24/05/2020 - 11:16

Evidentemente le colonne di camion militari piene di bare non ha insegnato nulla.

Junger

Dom, 24/05/2020 - 11:20

certi italiani possono passivamente rinunciare ad avere un reddito e un lavoro. Altri "italiani" non possono rinunciare allo struscio serale e alla frenesia alcolica del sabato sera neanche nell'epicentro dell' epidemia.

mcm3

Dom, 24/05/2020 - 11:22

Giàngol, ma che dici, fatti un giro nei locali di Milano e vedi se i ragazzi in giro sono tutti figli della sinistra, ragiona prima di dire qualcosa

buonaparte

Dom, 24/05/2020 - 11:24

la soluzione del problema è semplice - da oggi tutti liberi di fare quello che vogliono ma nessuno piu sarà curato dal corona virus- quindi ogni uno è responsabile di se stesso-sarà la persona a stare attento se vuole altrimenti se si dovesse ammalare non viene piu curata-le persone non si possono comportare come bambini viziati che prima fanno quello che vogliono poi si scagliano contro la mamma-stato che non li ha protetti e curati. mi vengono in mente quelli che gridavano contro le rsa perchè avevano vietato le visite ai famigliari ed ora accusano le rsa di non aver protetto dal contagio i congiunti. assurdo..

routier

Dom, 24/05/2020 - 11:37

Potenziare le difese del nostro organismo di cui tutti (chi più, chi meno) siamo dotati e condurre una vita sociale ispirata alla prudenza, non arricchisce le multinazionali del farmaco pertanto i media mainstream (a loro asserviti) ci bombardano quotidianamente di notizie riguardanti miracolosi vaccini e farmaci stranamente tutti reperibili a caro prezzo. CUI PRODEST? (a pensar male si fa peccato ma...). Non per niente la nostra era è stata definita quella dell' HOMO OECONOMICUS!

Ritratto di tomari

tomari

Dom, 24/05/2020 - 11:39

@mcm3- Tutti no, ma 80% SI!

ilrompiballe

Dom, 24/05/2020 - 11:54

Prima hanno trasformato una piazza in una "bottega del vino" o "centro di vita"chiudendola alla circolazione alla faccia degli abitanti dell'area, che dal venerdì alla domenica si devono sorbire "la movida" (il bordello).Adesso impongono il coprifuoco : schizofrenia pura.

Ritratto di scimmietta

scimmietta

Dom, 24/05/2020 - 12:05

X mcm3 11.22: spiacente, ma il "centro di milano" vota a sinistra, genitori radical-chic e figli compresi e sala è il loro degno sindaco.

Ritratto di scimmietta

scimmietta

Dom, 24/05/2020 - 12:08

X mcm3 11.22: Lo stesso discorso vale per Brescia....

pasquino38

Dom, 24/05/2020 - 12:43

Milano, Brescia... e Roma dove la mettiamo? Ieri notte, alle 0:30 circa, ho chiamato il 112 per segnalare numerosi assembramenti in zona Grottaperfetta, e mi hanno risposto che dovevo chiamare i Vigili Urbani; provo a chiamare i VV.UU. dell'VIII municipio, inutilmente, numero perennemente occupato; chiamo allora la Polizia di stato (113) vista la circolare di Gabrielli ai questori, Risposta? "Non è di ns. competenza, chiami la centrale operativa dei VV.UU." Ma allora la circolare di Gabrielli? Comunque chiamo la centrale operativa dei VV.UU.: risponditore automatico: "Attenda in linea, lei è l'utente n° 20(venti) in attesa"!!! Cari Signori delle varie Istituzioni, fareste meglio ad andarvene a casa!!!!

agosvac

Dom, 24/05/2020 - 12:46

E se poi questa affluenza di gente non porta a nuovi contagi??? I virologhi non mi sembra abbiano le idee troppo chiare su quel che succederà a breve. Se i contagi vanno diminuendo e le guarigioni vanno sempre più aumentando, sarebbe logico aspettarsi anche una diminuzione della carica infettiva del virus. Prima di fare la solita ordinanza per tenerci tutti a casa, bisognerebbe aspettare un po'.

Ritratto di Leonardo78

Leonardo78

Dom, 24/05/2020 - 13:35

Da Bresciano non posso che commentare con disgusto l'atteggiamento di alcuni concittadini. Anziché lamentarsi per gli attacchi della lega, il sindaco agisca con tempismo, "chi prevede è signore del giorno". Siamo la seconda città in italia per morti e permette una cosa del genere. A brescia il contagio si è impennato per non aver annullato la festa patronale a febbraio, altro enorme errore. Adesso dobbiamo assistere a questo. Tavolini piccoli, 4 persone per tavolo. Centinaia di persone in piedi. L'ordinanza attuale deve vietare le consumazioni per chi non è seduto. è uno schifo, tutti senza mascherina a fare le vasche avanti indietro. Gli agenti accertatori sono stati insultati e gli è stato sputato addosso. Si prendano provvedimenti meno blandi. Capisco che per la sinistra questa potrebbe essere la ghiotta occasione per uno spritz antirazzista come già per l'illuminato zingaretti, ma brescia è stanca di contare morti.

Malacappa

Dom, 24/05/2020 - 14:18

E cosa si aspettava dopo il sequestro,la gente ha voglia di salire di divertirsi tanto quello che deve succedere succedera' quindi meglio un giorno da leoni che cento da pecore SGARBI ha ragione

Malacappa

Dom, 24/05/2020 - 14:21

Zagovian 10.55 bravo hai spiegato a questi testoni antiitaliani quello che si deve fare dubito pero'che lo capiscano il piano e'un'altro

Una-mattina-mi-...

Dom, 24/05/2020 - 14:23

SE RAGIONASSI, PER ANALOGIA CON I BOIARDI, VEDENDO LE COSE DALLA PARTE OPPOSTA, AFFERMEREI CHE IL CONTAGIO DIMINUISCE, E CHE LA MALATTIA SPARISCE PER MERITO DEGLI ASSEMBRAMENTI: A QUANTO SI VEDE, PIU' CE NE SONO E PIU' LA SALUTE DI TUTTI MIGLIORA

walter viva

Dom, 24/05/2020 - 15:40

I ragazzi purtroppo si sono rimbambiti. Oltre a ingurgitare alcool fino a che non gli esce dalle orecchie, non hanno altre ambizioni.