Cagliari, sorpreso a bivaccare in piazza: maliano attacca agenti

Lo straniero, già sottoposto ad obbligo di presentazione alla polizia giudiziaria a causa dei precedenti per spaccio, resistenza e violenza a P.U., non ha gradito i rimproveri dei poliziotti: si trova ora in attesa di giudizio direttissimo

Sorpresi a bivaccare in pieno centro a Cagliari nonostante i divieti e le restrizioni imposte dal governo per tentare di contrastare la diffusione del Coronavirus, si sono scagliati contro gli agenti della polizia di Stato che avevano avuto l'ardire di rimproverarli, prendendo a calci la vettura di servizio da loro utilizzata.

Protagonisti in negativo della vicenda alcuni stranieri, da tempo divenuti abituali frequentatori di piazza del Carmine, sorpresi durante la serata dello scorso giovedì 19 marzo dagli uomini della Squadra amministrativa della questura di Cagliari. Questi ultimi, dopo aver effettuato delle verifiche di routine nei confronti di alcui esercizi commerciali siti nella vicina viale Trieste, sempre nell'ambito di una serie di operazioni finalizzate a garantire la salute pubblica, hanno notato un assembramento di giovani extracomunitari nei pressi delle panchine del piazzale.

I poliziotti hanno quindi deciso di fermarsi per tentare di fare allontanare i trasgressori e, dopo essersi qualificati, si sono occupati di invitare il gruppo a rispettare quantomeno le distanze di sicurezza previste dal decreto anti Coronavirus. Come riferito dalla stampa locale, la maggior parte di essi ha recepito il richiamo e si è adattata di conseguenza, mentre due africani, uno dei quali in possesso di una bicicletta, hanno deciso invece di allontanarsi da piazza del Carmine.

Dopo aver raggiunto l'incrocio tra via Roma e via Sassari, entrambi si sono diretti con decisione verso gli uomini in divisa, gridando in loro direzione ogni tipo di minaccia ed insulto e quindi colpendo con dei forti calci una delle auto di servizio ferme ai lati della piazza. Dopo il gesto di sfida, i due stranieri se la sono data a gambe. È andata meglio a quello dei due con la bicicletta il quale, dopo esser montato sulla sella, ha pedalato a tutta velocità per le vie del centro di Cagliari riuscendo a far perdere le proprie tracce.

Il compare del fuggitivo invece, risultato poi un maliano di 21 anni pluripregiudicato, è stato in breve rintracciato anche grazie al prezioso contributo di una pattuglia della squadra volanti giunta sul posto in supporto dei colleghi della Sezione amministrativa ed alla collaborazione degli uomini del XIII Reparto mobile Sardegna che si trovavano impegnati in un'operazione di controllo nella vicina piazza Matteotti.

L'africano, che ha opposto una strenua resistenza durante le concitate fasi di arresto, è finito negli uffici della questura di Cagliari. Si tratta di Mamadou Kamissoko, personaggio con una lunga lista di precedenti per spaccio di droga, oltre che per resistenza e violenza a P.U., per i quali era già sottoposto ad obbligo di presentazione presso la polizia giudiziaria. Trovato con della marijuana addosso, l'uomo è finito dietro le sbarre di una cella di sicurezza in attesa di giudizio direttissimo.

I commenti saranno accettati:
  • dal lunedì al venerdì dalle ore 10:00 alle ore 20:00
  • sabato, domenica e festivi dalle ore 10:00 alle ore 18:00.
Non sono consentiti commenti che contengano termini violenti, discriminatori o che contravvengano alle elementari regole di netiquette.
Qui le norme di comportamento per esteso.
Commenti

Giorgio5819

Sab, 21/03/2020 - 14:48

"già sottoposto ad obbligo di presentazione alla polizia giudiziaria a causa dei precedenti per spaccio, resistenza e violenza a P.U."... LAMORGESE ?! PRONTO ? C'E' NESSUNO ?....LA FACCIAMO CIRCOLARE ANCORA UN PO' QUESTA FECCIA ?????