Caserta, trovato il cadavere di una donna nel fiume Garigliano: indagano i carabinieri

Il corpo senza vita è stato scoperto da un uomo di passaggio, che ha avvisato i militari. Sul posto sono arrivati i sommozzatori dei vigili del fuoco

Il fiume Garigliano, dove è stato trovato il cadavere della donna

Il cadavere di una donna è stato ritrovato, incastrato tra gli arbusti, sulla sponda del fiume Garigliano, nel territorio di Sessa Aurunca, in provincia di Caserta, ai confini con la regione Lazio. Si tratterebbe, dai primi rilievi, di una giovane tra i 30 e i 40 anni, italiana o dell’Europa dell’est. Le forze dell’ordine non avendo trovato i documenti di riconoscimento impiegheranno un po’ di tempo prima di scoprire le generalità della donna.

Il corpo senza vita è stato scoperto da un uomo di passaggio, che ha avvisato i carabinieri. Sul posto sono arrivati i sommozzatori dei vigili del fuoco di Caserta e i militari della compagnia di Sessa Aurunca, oltre allo staff sanitario del 118. Il cadavere è stato trasportato all’istituto di medicina legale del capoluogo di provincia.

Il magistrato della Procura di Santa Maria Capua Vetere ha disposto l’autopsia. Ad un primo esame esterno non sarebbero evidenti segni di morte violenta, ma il tempo di permanenza in acqua potrebbe avere alterato lo stato dei tessuti rendendo necessario un esame più approfondito. Gli inquirenti indagano per capire i motivi del decesso, si dovrà valutare se si tratta di suicidio o di omicidio.

Segui già la pagina di Napoli de ilGiornale.it?

I commenti saranno accettati:
  • dal lunedì al venerdì dalle ore 10:00 alle ore 20:00
  • sabato, domenica e festivi dalle ore 10:00 alle ore 18:00.
Non sono consentiti commenti che contengano termini violenti, discriminatori o che contravvengano alle elementari regole di netiquette.
Qui le norme di comportamento per esteso.