Coppia di italiani "vende" il figlio a clandestino per fargli ottenere il permesso di soggiorno

La scoperta della procura di Monza: i due avevano acconsentito che l'extracomunitario riconoscesse il figlio come proprio dietro pagamento di una somma di denaro

La procura di Monza sta indagando su quello che sembra essere un traffico osceno: un figlio neonato "venduto" in cambio di soldi per consentire a un immigrato clandestino di accaparrarsi un permesso di soggiorno altrimenti impossibile da ottenere.

E' questo il quadro che sta emergendo dagli sviluppi dell'operazione "Velarium", portata avanti dal commissariato del capoluogo brianzolo fra il settembre 2015 e il maggio 2017 e ora conclusa con l'esecuzione di ben 27 misure cautelari.

Dalle indagini, racconta il Giorno, è emerso che nel 2013 una coppia italiana di Vimercate, nella Brianza sud-orientale, avrebbe ceduto il proprio figlio neonato ad un albanese pregiudicato e clandestino sul territorio italiano (ne era infatti già stato espulso ed era impossibilitato ad ottener eun permesso di soggiorno in via ordinaria, ndr) dietro il pagamento di una somma di denaro. Lo straniero avrebbe riconosciuto il bimbo ottenendo immediatamente il permesso di soggiorno in quanto padre di un cittadino italiano. Inoltre la coppia, alla ricerca di denaro, avrebbe acconsentito ad intestarsi fittiziamente alcuni veicoli utilizzati in realtà dall'extracomunitario.

Nei giorni scorsi all'albanese e ai due genitori naturali del bimbo è stato recapitato un avviso di garanzia con le ipotesi di reato di alterazione di stato e di favoreggiamento dell'immigrazione clandestina. Inoltre l'ufficio immigrazione di Monza ha già avviato le pratiche per revocare il permesso di soggiorno concesso all'albanese.

I commenti saranno accettati:
  • dal lunedì al venerdì dalle ore 10:00 alle ore 20:00
  • sabato, domenica e festivi dalle ore 10:00 alle ore 18:00.
Non sono consentiti commenti che contengano termini violenti, discriminatori o che contravvengano alle elementari regole di netiquette.
Qui le norme di comportamento per esteso.
Commenti
Ritratto di Terenzio-Plauto

Terenzio-Plauto

Gio, 22/03/2018 - 12:35

Accidenti ! Che atto di amore gratuito ! Variante dell' utero in affitto .

Ritratto di gzorzi

gzorzi

Gio, 22/03/2018 - 13:09

I genitori naturali sono: Calogero Locascio e Maria Giuseppina Addolorata Carnio.

mariod6

Gio, 22/03/2018 - 13:15

Le pratiche di espulsione vanno fatte anche per i due italiani. In attesa che l'iter burocratico si sviluppi nei prossimi 25 anni, cacciateli fuori dal paese immediatamente e che se ne vadano tutti in Albania, figlio compreso e auto al seguito.

Massimom

Gio, 22/03/2018 - 13:18

Grandi! Solo in Italia possono succedere queste cose. Ora si mobiliti il soccorso rosso per la povera risorsa pregiudicata.

Una-mattina-mi-...

Gio, 22/03/2018 - 14:17

ARRICCHIMENTO PAPALE DELLA CULTURA, GRAZIE AI DONI DI DIO

Ritratto di 98NARE

98NARE

Gio, 22/03/2018 - 14:19

per punizione mandate la coppia al SUD per 15 anni.....

Ritratto di ottimoabbondante

ottimoabbondante

Gio, 22/03/2018 - 14:40

Naturalmente dei genitori cosí miserabili ed accattoni non meritano avere e crescere figli. Devono toglierli dalle loro grinfie.

Ritratto di ottimoabbondante

ottimoabbondante

Gio, 22/03/2018 - 14:43

@gzorzi. Sorbole, locascio calogero e addolorata carnio, tipicamente della val Brembana. Espellerei dal nord pure i due terroitaliani, indegni genitori.

Ritratto di mbferno

mbferno

Gio, 22/03/2018 - 15:51

@gzorzi......molto probabilmente è cosi. Amen.

Ritratto di Menono Incariola

Menono Incariola

Gio, 22/03/2018 - 17:00

dato che la cosa ha a che fare con la cittadinanza, che la pena sia la perdita della cittadinanza italiana per TUTTI E QUATTRO, tanto per non sbagliare e creare precedenti.

Happy1937

Gio, 22/03/2018 - 17:23

In galera a vita i Genitori, accompagnato a calci nel sedere in Albania il clandestino, e dato in adozione a persone serie il povero bambino.

Ritratto di do-ut-des

do-ut-des

Gio, 22/03/2018 - 18:30

@gzorzi, D.M lei, M.S. lui, non corrispondono con i nomi citati da te.