Fontana ora firma l'ordinanza: ecco la stretta sulla Lombardia

Alla luce dell'aumento dei casi, Attilio Fontana ha deciso di parlare ai cittadini per spiegare le proposte sul tavolo per nuove strette sul territorio

L'aumento dei contagi fa paura e anche la Lombardia inizia a prendere le contromisure del caso per arginare la diffusione del coronavirus. La regione amministrata da Attilio Fontana è quella che negli ultimi giorni ha registrato il maggior numero di contagi in Italia, anche a fronte del maggior numero di tamponi eseguiti. Il governatore della Lombardia ha, quindi, indetto una conferenza stampa per spiegare le nuove misure e i prossimi passi.

L'obiettivo è ridurre le persone sul trasporto pubblico locale”, ha dichiarato Attilio Fontana, spiegando così la stretta che si prevede in regione nei prossimi giorni. Tra le misure, il governatore ha sul tavolo una stretta sulle scuole: "C'è la proposta per la didattica a distanza parziale in accordo con i sindaci. Tutti, in maniera condivisa, ritengono che sia necessario chiedere che si proceda a una didattica a distanza parziale per le scuole superiori, con la possibilità di avere una alternanza scuola-didattica a casa e che si cerchi di organizzare una distribuzione dell'inizio delle attività scolastiche". Un'altra stretta arriverà per gli sport dilettantistici da contatto ma anche per il tempo libero. Attilio Fontana, infatti, durante la sua conferenza ha annunciato che potrebbero esserci "più proposte per una stretta sulla movida", come il divieto di consumo di bevande sul suolo pubblico e una rimodulazione degli orari e delle regole per bar e ristoranti. Verranno, invece, chiuse le sale gioco, sale scommesse e sale bingo. Attilio Fondata in serata ha firmato il decreto nel quale si stabilisce che, con validità dalle 00 di venerdì 17, e fino a venerdì 6 novembre, le attività di somministrazione di alimenti e bevande, sia su area pubblica che su area privata (fra cui bar, pub, ristoranti, gelaterie, pasticcerie, rosticcerie, pizzerie, chioschi), sono consentite sino alle ore 24.00. Tuttavia, dopo le ore 18.00, il consumo di alimenti e bevande è consentito esclusivamente ai tavoli. Queste misure non si applicano ai locali situati lungo le autostrade e nelle e negli aeroporti. Proprio per ridurre la diffusione del virus, nelle previsioni di Attilio Fontana c'è l'idea di aumentare la percentuale della quota smartworking ma senza allarmismi. "Sono meno preoccupato rispetto a marzo, i lombardi sono attenti a rispettare le misure", ha dichiarato il governatore, che in conferenza ha spiegato come non ci siano al momento dei grandi focolai accesi ma il coronavirus è diffuso in tutta la regione.

Nonostante questo, Attilio Fontana rassicura che non ci saranno misure draconiane e che quelle previste saranno per ora meno drammatiche rispetto a quelle introdotte a marzo. A incidere sulla sua decisione anche la coscienza sulvirus acquisita negli ultimi mesi, che permette ai medici di affrontare al meglio i pazienti e, quindi, di gestire in maniera più organica il flusso negli ospedali. "Bisogna far coincidere la lotta al virus con la tutela del lavoro: bisogna trovare la soluzione per tenere insieme questi due aspetti", ha spiegato il governatore a margine dell'incontro a Palazzo Lombardia. Deciso anche l'intervento del prefetto di Milano, Renato Saccone: "Da domani ci saranno più controlli sull'ordinanza, e saranno ancora più incisivi e massicci".

I commenti saranno accettati:
  • dal lunedì al venerdì dalle ore 10:00 alle ore 20:00
  • sabato, domenica e festivi dalle ore 10:00 alle ore 18:00.
Non sono consentiti commenti che contengano termini violenti, discriminatori o che contravvengano alle elementari regole di netiquette.
Qui le norme di comportamento per esteso.
Commenti
Ritratto di Leonida55

Leonida55

Sab, 17/10/2020 - 10:15

Trasporto pubblico e scuola sono l'origine di molti focolai.

moichiodi

Sab, 17/10/2020 - 10:20

Comunista comunista comunista! Fontana reprimere la democrazia per una bufala su una pandemia inventata da governo Conte e dai suoi accoliti tutti comunisti.

jaguar

Sab, 17/10/2020 - 10:53

moichiodi, diciamo che Conte in questi mesi di relativa calma non ha fatto nulla, eccetto cancellare i decreti Salvini e la comica dei banchi a rotelle.

Ritratto di giovinap

giovinap

Sab, 17/10/2020 - 11:03

... fontana, fai un atto di coraggio, copia e incolla le delibere di de luca e mettile in atto in lombardia; non hai altra scelta, non commettere lo stesso errore due volte!

Ritratto di giovinap

giovinap

Sab, 17/10/2020 - 11:06

... jaguar, invece fontana ha prodotto molti camici! ma almeno stai zitto, la colpa è sempre degli altri vero?!

honhil

Sab, 17/10/2020 - 11:24

Bene. C’è buonsenso. C’è senso di responsabilità. E c’è il sano coraggio di chi si fa carico delle sue incombenze e di conseguenza agisce per il bene della collettività. C’è tuttavia, in questo gioco a rimpiattino con la pandemia, l’imponderabile di sempre legato alla numerosissima presenza brada di extracomunitari che questo governo lascia libera di fare tutto ciò che passa loro per la testa oltre a farle portare regolarmente avanti i propri affari legati alla gestione della prostituzione e allo smercio di ogni tipo di stupefacente. Eppure di questa delinquenziale, variegata anomalia, di questo inceppo della salute pubblica, di questo nodo gordiano che non permette alle amministrazioni locali e, più in generale, allo stesso stato di essere padroni a casa propria, l’ipocrita stampa ideologicamente indirizzata non scrive una riga che è una riga. Anzi facendo sfoggio di massima spudoratezza puntella l’anomalo governo.

jaguar

Sab, 17/10/2020 - 11:47

giovinap, se tu sei soddisfatto del lavoro di Conte buon per te.

Gianca59

Sab, 17/10/2020 - 12:12

Vista la qualità del servizio sanitario messo in piedi in Lombardia per affrontare il covid meglio starsene in auto lockdown per evitare di venirne sfiorati. Ore e ore passate al telefono senza ottenere nulla. Pur essendo stato registrato nel sistema, il sito interrogato non risponde. Uno schifo.

Ritratto di giovinap

giovinap

Lun, 19/10/2020 - 10:43

jaguar, "non buttare il can per l'aia"! stai ai fatti, nella fattispecie i "fatti di fontana"