"L'influenza è ormai passata. Ora la febbre è solo da virus"

L’esperto dell’Iss sottolinea che in Lombardia quasi tutti i tamponi negativi all'influenza risultano al contrario positivi al coronavirus

Le misure per il contenimento dell’epidemia di coronavirus sta producendo anche un altro effetto: il calo dei casi di influenza. Una buona notizia se si tiene conto che, in alcuni casi, persone anziane o con altre patologie sono costrette ad andare in ospedale.

Dal bollettino di sorveglianza epidemiologica Influnet, a cura dell'Istituto Superiore di Sanità, emerge che gli italiani colpiti dal virus stagionale ad oggi sono 7,2 milioni. Nel periodo compreso tra il 9 e il 15 marzo sono stati segnalati 264.000 contagi, a fronte dei 345.000 della settimana precedente.

Ma bisogna fare attenzione. Perché in queste settimane, il nostro Paese sta affrontando l’emergenza sanitaria legata al coronavirus. Antonino Bella, il padre del sistema Influnet sopra citato e uno dei membri della task force nazionale sul Covid-19, in una intervista al Corriere della Sera fa sapere che In Lombardia quasi tutti i tamponi negativi all'influenza risultano al contrario positivi al coronavirus.

Però, sottolinea l’esperto, non si può dire che questo discorso valga anche per i 200mila soggetti che presentano sintomi simil-influenzali nel resto d'Italia. "Le curve dell'influenza possono essere senza dubbio strumenti utili anche per monitorare la diffusione del coronavirus, per gli ormai noti malati sommersi. Cioè pazienti con sintomi di una sindrome simil-influenzale ma non sottoposti al tampone, impossibile da fare su tutta la popolazione".

Bella racconta che ai laboratori dell'Università Statale di Milano arrivano i tamponi laringo-faringei che i medici di famiglia della Lombardia eseguono a campione per vigilare sulla diffusione della normale influenza. Nel 90% dei casi l’esito è negativo, cioè i pazienti non hanno l'influenza stagionale. Ma, dichiara l’esperto, "da qualche settimana viene fatta, però, anche l'analisi incrociata sulla possibile presenza del Covid-19. Qui gli esami risultano positivi". Non bisogna generalizzare. “Gli ultimi dati di Influnet dicono che l'influenza è in calo. Ma ci sono regioni come Lombardia, Marche e Piemonte che vedono un'incidenza ancora superiore al 5 per mille. In particolare la Lombardia è al 6,71 per mille, le Marche al 5,46 e il Piemonte al 5,40".

Le percentuali, spiega l’esperto, indicano quanti abitanti su mille, nelle rispettive Regioni, hanno sintomi da sindrome simil-influenzale. "In un momento in cui nella maggior parte delle Regioni i casi influenzali sono in diminuzione, l'alta circolazione di virus in altre può segnalare in modo evidente la presenza di coronavirus. Ciò vale a maggior ragione per la Lombardia, ma non solo".

Bella puntualizza che le Regioni dove si registrano più casi di coronavirussulla base dei tamponi effettuati sono quasi sempre le stesse in cui Influnet rileva anche percentuali anomale di casi d' influenza."Ciò significa, con ogni probabilità, che non si tratta più di sindromi influenzali ma di casi di coronavirus che non vengono rilevati dai test", ha ammesso l’esperto che ribadisce l’importanza di Individuare i pazienti affetti da Covid-19. "Saperlo è importante per, come sta facendo oggi la Lombardia, tenere i pazienti che sono a casa sotto stretto monitoraggio dei medici di famiglia. Solo così, ha concluso Bella, si può prevenire la diffusione dell’epidemia ed evitare il peggio.

I commenti saranno accettati:
  • dal lunedì al venerdì dalle ore 10:00 alle ore 20:00
  • sabato, domenica e festivi dalle ore 10:00 alle ore 18:00.
Non sono consentiti commenti che contengano termini violenti, discriminatori o che contravvengano alle elementari regole di netiquette.
Qui le norme di comportamento per esteso.
Commenti
Ritratto di anticalcio

anticalcio

Gio, 26/03/2020 - 10:09

e come no...al nord le temperature sono scese ad 7-8 gradi..quindi lo sbalzo puo' facilmente provocare uno stato febbrile.non siamo catastrofisti

Albius50

Gio, 26/03/2020 - 10:17

L'influenza potrebbe essere passata ma i RAFFREDDORI possono anche esserci, e qualche linea di febbre è logico che possa esserci.

jaguar

Gio, 26/03/2020 - 10:53

Notizie false, al Nord dopo una settimana a 20 e più gradi ora abbiamo le temperature vicino allo zero, secondo voi nessuno si ammalerà di influenza.

amicomuffo

Gio, 26/03/2020 - 10:57

a Cagliari stamattina 01 grado...la temperatura è crollata di botto! Vogliamo vedere quante persone finiranno a letto per forme influenzali?

DIAPASON

Gio, 26/03/2020 - 11:04

lasciate ogni speranza o voi che entrate

Ritratto di Mario96

Mario96

Gio, 26/03/2020 - 11:12

Ci sono in Italia ogni anno mezzo milione di decessi, sarà interessante vedere quanti ce ne saranno quest'anno.... potremmo ritrovarci a sorprenderci se i morti covid hanno solo anticipato i tempi e le altre morti dovessero diminuire (morti sul lavoro incidenti stradale). Salvo che non dovessero aumentare i suicidi economici che però l'ISTAT non rileva più come categoria distinta da qualche anno.

Ritratto di Mario96

Mario96

Gio, 26/03/2020 - 11:12

Negli anni ottanta il corriere della sera titolò in prima pagina "un milione di italiani a letto con l'influenza". L'Italia non si bloccò nonostante i molti morti tra i "vecchi" ed i "deboli"....... sembrava una cosa naturale. Gli anziani con patologie pregresse morivano tutti in breve tempo per l'assenza di terapie intensive che si riteneva inopportuno "dedicare" a chi si pensava comunque destinato a morire, ora per fortuna la mortalità dei più deboli è comunque inferiore al 25%, cioè 3 su 4 guariscono. Forse avremo 20mila o 30mila morti di covid.... l'epicentro (Ministero della Sanità) ne dichiara annualmente tra 5mila e 8mila ogni anno per l'influenza "normale" con 6milioni di contagiati.

Ritratto di Menono Incariola

Menono Incariola

Gio, 26/03/2020 - 12:08

@Mario96: "per fortuna la mortalità dei più deboli è comunque inferiore al 25%, cioè 3 su 4 guariscono". Non e' cosi', purtroppo. Gli ultimi dati nazionali danno 74.386 positivi, 9362 guariti, 7503 deceduti. Quindi, facendo il rapporto tra i guariti ed i morti, abbiamo 1,25 guariti per ogni morto. Cioe' il 55,5% contro il 44,5%, poco piu' che buttare una moneta in aria.

ilguastafeste

Gio, 26/03/2020 - 12:52

La classica "ricaduta" dell'influenza è possibile. Sull'appennino pavese, 500 metri, sta nevicando.

Una-mattina-mi-...

Gio, 26/03/2020 - 13:08

L'influenza quest'anno COINCIDE con il coronavirue: ecco perchè faremo I CONTI alla fine, e chi ha sbagliato dovrà andare in galera per i danni secolari prodotti alla Patria.

buonaparte

Ven, 27/03/2020 - 13:22

anticalcio hai ragione..le temperature cosi basse di questi giorni hanno portato diversi malanni di stagione.. e succederà anche nei prossimi giorni . tenete alte le difese e non fatevi prendere dallo stress e paure perchè abbassando le difese il virus se entra in contatto con voi vince e vi ammalate..l'abbassamento delle temperature ed un raffreddamento forte puo portare la febbre e abbassare le difese e se si entra in contatto con il virus ci si puo ammalare e non essere semplici positivi asintomatici. molti di noi hanno sicuramente il virus in corpo ma il nostro fisico sta vincendo la battaglia perchè forte.non abbassiamo le difese