Un'altra emergenza in Italia: 'Stiamo finendo i disinfettanti"

A breve non sarà più possibile disinfettare ospedali, ambulanze, mezzi pubblici e scuole. La Lega: "Il governo e l'Europa devono intervenire al più presto"

Non bastavano l’emergenza coronavirus e quella della mancanza di farmaci in corsia. Adesso a mancare sono anche i disinfettanti e l’alcool. E se negli scaffali dei supermercati questi prodotti sono praticamente introvabili già da qualche giorno, il problema adesso si fa sentire anche a livello globale. Tra poco sarà molto difficile, se non impossibile, disinfettare ospedali, ambulanze, scuole, mezzi pubblici e strade. Il rischio è anche quello di un rincaro dei prezzi esorbitante delle materie prime ormai difficili da reperire, che creerebbe molte difficoltà alle aziende produttrici di detergenti e disinfettanti nel poter lavorare.

L'appello al governo e all'Europa

Il presidente della Commissione Attività produttive di Regione Lombardia, Gianmarco Senna, ha quindi rivolto un appello al governo e all’Europarlamento affinché intervengano al più presto per cercare di contenere l’emergenza. “Dobbiamo dare sostegno alle aziende che stanno affrontando un periodo di superlavoro e si trovano nella difficoltà di reperire le materie prime. Chiediamo che l'Europarlamento agisca velocemente e senza indugi in relazione alle procedure di lavorazione e approvvigionamento, evitando così il sovrapprezzo delle scorte. La Commissione sblocchi il divieto di importare alcool vista l'emergenza italiana senza precedenti. Gli europarlamentari italiani tutti si facciano portavoce di questa necessità" ha spiegato Senna.

Il rischio di aumento dei costi

Anche Silvia Scurati, capogruppo Lega in Commissione Attività produttive, si è fatta portavoce di tutte quelle aziende che operano in ambito chimico, presenti soprattutto nella zona dell’hinterland milanese. Queste imprese producono molti prodotti, come detergenti, disinfettanti a base di alcool, molto richiesti e necessari in questo preciso momento. Nel quale è indispensabile riuscire a igienizzare e disinfettare le superfici il più possibile per cercare di contenere la diffusione del contagio da coronavirus.

Scurati ha inoltre aggiunto che è “giusta la preoccupazione legata alle scorte di alcool in Lombardia così come è corretta la conseguente richiesta in primis al governo attraverso deroghe e modifiche specifiche, e anche all'Europa, di rivedere le procedure e la regolamentazione legata al suo utilizzo. Se vogliamo anche su questo fronte dare una risposta alle aziende di questo settore, che spesso in piena emergenza forniscono in modo gratuito anche alle amministrazioni comunali intere scorte di disinfettante, dobbiamo evitare il meccanismo per il quale le scorte eccessivamente limitate diano origine ad un vergognoso aumento dei costi e dei prezzi o, peggio ancora, alla mancata produzione di quantità sufficiente di disinfettante”.

I commenti saranno accettati:
  • dal lunedì al venerdì dalle ore 10:00 alle ore 20:00
  • sabato, domenica e festivi dalle ore 10:00 alle ore 18:00.
Non sono consentiti commenti che contengano termini violenti, discriminatori o che contravvengano alle elementari regole di netiquette.
Qui le norme di comportamento per esteso.
Commenti

Jon

Ven, 20/03/2020 - 11:37

E QUANDO MAI LI DISINFETTANO ???! Sul sito della Sanita' si scopre che gli Addetti sanitarii e Medici CONTAGIATI, sono piu' di 3000..!! ANDATE A LEGGERLO SU epicentro.:!!

Ritratto di onefirsttwo

onefirsttwo

Ven, 20/03/2020 - 11:38

Onefirsttwo(alias Tutankhamon da Hokkaido(JAPAN)) : Hi !!! STOP Disinfettanti ? STOP Al Supermercato !!! STOP E ricordate : Una volta c'era Dracula , oggi c'è Giuseppi , il Cuonta mxxxxxate !!! STOP Yeeeeeeeeeeeeeeeeeeeeeeeeeeaaaaaaaaaaaaaaaaaaaaaaaaaahhhhhhhhhh

mareblu30

Ven, 20/03/2020 - 11:45

E.....noi saremmo stati uno dei paesi PIU' INDUSTRIALIZZATI DEL MONDO!!!!! PIU' LADRI DEL MONDO FORSE!. OGGI, NON ABBIAMO PIU' NEPPURE GLI OCCHI PER PIANGERE!!!!!!ITALIA I POLITICI VERGOGNA!!! ANCHE CON IL CORONA VIRUS CE LA STATA METTENDO TUTTA CON l'AVALLO DELLA TV DI STATO E MEZZI D'INFORMAZIONE.

Ritratto di Flex

Flex

Ven, 20/03/2020 - 11:46

Con gli speculatori dovremmo fare i conti a tempo debito. Annotiamo e ricordiamoci di aziendi, industrie e commercianti che speculano sfruttando l'emergenza sanitaria. Ci sono aziende che vendono mascherine a 10 euro il cui valore in tempi normale non supererebbe l'euro.

Giorgio5819

Ven, 20/03/2020 - 11:47

Una sola domanda: abbiamo qualcuno che connette ALLA PROTEZIONE CIVILE O SOLO COMMERCIALISTI ??::::::::::::: Qualcuno che abbia una apertura mentale che lo proietti oltre le 12 ore ?

Mborsa

Ven, 20/03/2020 - 11:49

A furia di predicare il "just in time" da qualsiasi parte del mondo, basta meno di un mese per mandare in emergenza alcuni approvvigionamenti dovuti alla epidemia. Speriamo che tra qualche giorno non vengano fuori problemi per i generi alimentari! Piuttosto che rilanciare questi allarmi senza verifica, non sarebbe meglio chiedere conto al commissario di governo ad hoc?

Ritratto di Koerentia

Koerentia

Ven, 20/03/2020 - 11:51

Speriamo chiudano in fretta tutti i negozi e vietino le uscite a tutti. E' l'unico modo per uscirne, in caso contrario si protarra' questa agonia all'infinito con una miriade di nuovi problemi che non si riusciranno piu' a risolvere. Statevene tutti a casa anche quelli con il cagnolino.

Ritratto di PATARLACCA

PATARLACCA

Ven, 20/03/2020 - 11:52

Ma basta con sta europa! Cos'é l'europa? Citofonate a xi jinping per le emergenze i reclami ed i rimborsi!

maxxena

Ven, 20/03/2020 - 11:54

c'è qualcosa che non abbiamo finito o intelligentemente mai comprato in quantità adeguata? Complimenti a chi doveva occuparsi delle forniture dei presidi medici.A far solo tagli sono capaci anche i macachi ammaestrati, Per organizzare con lungimiranza la logistica di uno Stato ci vogliono persone capaci e non raccomandate. Passi che non ci siano mascherine per i cittadini (troppa grazia, meglio dire che non servono),ma che la protezione civile (o ente preposto) non tenga nel cassetto un piano per fronteggiare le emergenze riservato a forze dell'ordine,sanità ,poste,farmacie, logistica alimentare ecc ecc, è veramente sconsolante.

Antenna54

Ven, 20/03/2020 - 11:59

Giorgio5819 - Ven, 20/03/2020 - 11:47 Esatto, alla protezione civile abbiamo solo commercialisti e quel che è peggio non sanno manco fare i conti! Meglio di così ...

DRAGONI

Ven, 20/03/2020 - 12:04

COME FAREMO A DISINFETTARE ANCHE LE NAVI, DELLE ONG E/O DELLA GUARDIA COSTIERA, CHE TRASPORTANO I NAUFRAGHI VOLONTARI PRIOVENIENTI DALL'AFRICA.

Ritratto di bandog

bandog

Ven, 20/03/2020 - 12:05

MA SE LO SGOVERNO GRULLO PIDIOTA, A DISTANZA DI SETTIMANE NON è RIUSCITO A FARE AVERE LE MASCHERINE A TUTTI QUELLI A CONTATTO CON PERSONE E CLIENTI,VOLETE CHE RIESCA A TROVARE DISINFETTANTI ED ALCOOL??

maurizio-macold

Ven, 20/03/2020 - 12:15

Bisogna riconoscere che prima di questa emergenza la nostra protezione civile e' stata presa come esempio in tutto il mondo. Trovo naturale che di fronte ad una pandemia emergano dei problemi, penso che nessuno potesse pensare qualche mese fa di approvvigionarsi di milioni di mascherine e disinfettanti per milioni di persone. Quindi trovo ingiuste le polemiche sulla protezione civile che invece dobbiamo sostenere in tutti i modi, anche con post che ne lodano l'impegno.

Mr Blonde

Ven, 20/03/2020 - 12:24

gli approvigionamenti degli ospedali sono a carico e cura delle regioni; se mai avessi voluto ecco un'altra conferma del fatto che la sanità deve tornare allo stato centrale, dall'istituzione delle regioni si sono sprecati tanti di quei miliardi che ci facevamo 10 manovre fiscali, per non parlare dei parlamentari portaborse ecc ecc.

Cheyenne

Ven, 20/03/2020 - 12:34

Cofermo il mio post di 2 ore e 24 minuti fa: GOVERNO DI INCAPACI E CIALTRONI

killkoms

Ven, 20/03/2020 - 12:39

dalla ue non ci si può aspettare niente!le uniche soluzioni sarebbero precettare aziende nazionali per la produzione,oltre al solito stabilimento chimico-farmaceutico militare di Firenze.

Ritratto di siredicorinto

siredicorinto

Ven, 20/03/2020 - 12:40

Altro esempio di CRIMINATITA' dei govverni di sinistra. Le aziende produuttici hannno chiuso in Italia per colpa della pressione fiscale. Ora siamo nella mxxxa ed é solo colpa loro.Cari elettori sinistrosi, spero che subiate in prima persona la vostra cieca stupida ideologia e le sue conseguenze. Il virus no fa differenze, come ai tempi dei comuni " denuclearizzati" la bbomba tomic non sa leggere i cartelli comnali sinistrosi.

Ritratto di eaglerider

eaglerider

Ven, 20/03/2020 - 12:44

Questi sono anche i risultati della limitazione di produzione dell'alcool. Ma c'è sempre la candeggina, o no? Ma che produciamo noi in Italia? viene tutto dall'estero? Governi di m... che a forza di tassare hanno fatto scappare le nostre aziende. E adesso ce la pigliamo ...

audace

Ven, 20/03/2020 - 12:50

Anche l'Italia sta finendo … pari emergenza!

cabass

Ven, 20/03/2020 - 12:52

Giorgio5819 e Antenna54: mi piacerebbe sapere qual è il valido contributo che date voi alla società...

ilguastafeste

Ven, 20/03/2020 - 14:37

Andrebbe bene anche l'etanolo, che è presente nei vini e liquori di NOSTRA produzione. Probabilmente molte aziende vinicole ce l'hanno, e comunque è possibile crearlo in laboratorio.