Coronavirus, il Papa concede l'indulgenza a malati e dottori

Papa Francesco ha concesso l'indulgenza plenaria ai malati di Covid-19. Vale anche per medici e famiglie. Misure straordinarie pure per la confessione

La Chiesa cattolica, dinanzi ad una pandemia, può disporre sulle eccezioni. Papa Francesco lo sa bene. Infatti, nella giornata di ieri, sono emersi due documenti, che in una fase storica priva di "prove" di queste dimensioni non avrebbero avuto motivo di esistere.

Jorge Mario Bergoglio ha concesso l'indulgenza straordinaria alle persone malate, ai professionisti che combattono per debellare il Covid-19 all'interno dei reparti ospedalieri ed alle famiglie di coloro che sono stati contagiati. Ma non è tutto. L'ex arcivescovo di Buenos Aires è anche intervenuto sul sacramento della confessione. I testi, come sempre accade in circostanze di questo tipo, sono stati decretati dalla Penitenzieria Apostolica, ma la volontà del Santo Padre è stata decisiva.

Come ripercorso sul sito della Conferenza episcopale italiana, i decreti definiscono il coronavirus alla stregua di "un morbo invisibile e insidioso che ormai da tempo è entrato prepotentemente a far parte della vita di tutti". Poi vengono specificate le condizioni necessarie per poter ricevere l'indulgenza. Gli insiemi di persone cui questo provvedimento della Santa Sede è riservato sono quelli già citati. Bisogna però unirsi "spiritualmente attraverso i mezzi di comunicazione alla celebrazione della Santa Messa, alla recita del Santo Rosario, alla pia pratica della Via Crucis o ad altre forme di devozione...".

Dunque vengono esposte delle alternative, che sono comunque valide: recitare "il Credo, il Padre Nostro e una pia invocazione alla Beata Vergine Maria, offrendo questa prova in spirito di fede in Dio e di carità verso i fratelli, con la volontà di adempiere le solite condizioni (confessione sacramentale, comunione eucaristica e preghiera secondo le intenzioni del Santo Padre), non appena sarà loro possibile". Una qualche forma di impegno spirituale, insomma, è richiesta. Ma la straordinarietà del quadro pandemico è stato recepito dal vertice assoluto della Chiesa cattolica. L'ipotesi, del resto, era già stata ventilata. Come premesso, però, un'altra misura atipica decisa in queste ore interessa il sacramento della confessione.

Nel corso della mattinata di oggi, Papa Francesco ha domandato ai fedeli di confessarsi a Dio con "anima nuda", evitando "giustificazioni" e "sicurezze", così come riportato dall'Adnkronos. E questo anche perché, in relazione alla introduzioni di "assoluzioni collettive", alcuni fedeli potranno confessarsi a Dio attraverso modalità che altrimenti non sarebbero state previsto. Spicca, tra tutte, quella "richiesta sincera di perdono", che vale solo per coloro che potrebbero trovarsi "nella dolorosa impossibilità di ricevere l’assoluzione sacramentale".

Papa Francesco ha quindi deciso di soddisfare i bisogni spirituali delle persone costrette ad avere a che fare con la situazione emergenziale, mettendo in campo ogni azione prevista dalla dottrina cristiano-cattolica.

I commenti saranno accettati:
  • dal lunedì al venerdì dalle ore 10:00 alle ore 20:00
  • sabato, domenica e festivi dalle ore 10:00 alle ore 18:00.
Non sono consentiti commenti che contengano termini violenti, discriminatori o che contravvengano alle elementari regole di netiquette.
Qui le norme di comportamento per esteso.
Commenti

agosvac

Sab, 21/03/2020 - 12:46

Si occupi, piuttosto, di fare tenere i porti italiani ben chiusi!!!

ziobeppe1951

Sab, 21/03/2020 - 12:47

Se fossi un credente, mi rivolgerei nelle preghiere a Giovanni Paolo II...Ha sconfitto il komunismo....potrebbe funzionare

Ritratto di mbferno

mbferno

Sab, 21/03/2020 - 13:22

Non hanno bisogno di indulgenza,ma di mascherine,gel disinfettanti e,magari,qualche collega in più per ridurre il carico lavorativo. Questo Papa,a furia di dispensare il nulla,sta distruggendo tutto.

Redfrank

Sab, 21/03/2020 - 13:55

ma l'indulgenza non costa nulla..........

Giorgio5819

Sab, 21/03/2020 - 13:58

Ma che la faccia finita una volta per tutte..! Essere inutile e pernicioso.

Holmert

Sab, 21/03/2020 - 14:00

Chio sta al fronte se ne frega delle indulgenze. Mandasse soldi per comperare il necessario ,altro che indulgenze. Cosa crede che siamo ancora al medioevo?

maurizio50

Sab, 21/03/2020 - 14:05

Io invece a Don Bergoglio , causa tutti i guai che ha procurato all'Italia non darei nessunissima indulgenza!!!!

Ritratto di filospinato

filospinato

Sab, 21/03/2020 - 14:13

ai cinesi ha inviato alcune centinaia di migliaia di mascherine agli italiani quello che gli rimaneva ossia l'indulgenza

Ritratto di mbferno

mbferno

Sab, 21/03/2020 - 14:21

@Giorgio5819....ha proprio ragione,inutile che più inutile non si può.

Ritratto di primulanonrossa

primulanonrossa

Sab, 21/03/2020 - 14:47

^(*@*)^ il papa dispensa indulgenze qua e là ma così facendo , a parte le passeggiate riesce a fare solo pochi danni, meno male (si fa per dire) che il CAROGNAVIRUS è capitato ora e tutti noi ( come a tornare indietro nel tempo) non viviamo nel 1630 !! in quel periodo INFAUSTO martoriato dalla peste, ben descritta nei PROMESSI MANZI DI ALESSANDRO SPOSONI, allora sì che il papa e tutto il pretismo riuscirono a fare gravi danni facendo e organizzando OCEANICHE PROCESSIONI (a quel tempo dove il pretismo COMANDAVA SU TUTTO ERI OBBLIGATO AD ANDARCI GUAI A SGARRARE) ora al confronto un semplice dispensare ed una passeggiata, in barba alle regole, è solo un peccato veniale.

Ritratto di bandog

bandog

Sab, 21/03/2020 - 14:56

..azzz e lo fa senza richiesta di..quibus..pur di tenere lontani i fedeli ed il virus..uuaaahhhuuuahhhuahahhh

Ritratto di aresfin

aresfin

Sab, 21/03/2020 - 14:57

Povero papocchio, il solito banale e patetico discorso. Non ha una visione, non è minimamente collegato alla realtà , vive da miliardario e fa finta di sostenere i poveri....... proprio come il governo del nostro Paese.

giangar

Sab, 21/03/2020 - 15:08

@mbferno - Ammiro la sua costanza e puntualità, senz'altro degne di miglior causa, non appena appare un articolo che parla del Papa, di Vescovi e di Chiesa, nel pubblicare commenti velenosi per dirci che la Chiesa è inutile, che deve sparire ecc. Ma, mi dica, la Chiesa è davvero il pericolo più grande che lei vede nell'attuale situazione? Non ha altri nemici contro cui indirizzare i suoi strali?

Ritratto di primulanonrossa

primulanonrossa

Sab, 21/03/2020 - 15:09

^(*@*)^ Per farla breve quanto scritto sopra era per dire che da quando AL PRETISMO È STATA MESSA LA MUSERUOLA NON RIESCE PIÙ, NONOSTANTE IL SUO MASSIMO IMPEGNO LIMITATO APPUNTO DALLA MUSERUOLA, A FARE , COME AI VECCHI TEMPI, DANNI INCALCOLABILI.

ESILIATO

Sab, 21/03/2020 - 15:16

Ad estreme situazioni estreme reazioni....mandiamo a casa questa "macchietta" distrutrice di 2000 anni di cristianesimo e rimettiamo il vero papa al suo posto.

Ritratto di mbferno

mbferno

Sab, 21/03/2020 - 15:23

@Giangar...se lei,come sostiene,seguisse con "costanza" i miei post,SAPREBBE,che i miei strali non sono diretti solo al Papa o alla Chiesa,ma anche verso posizioni politiche diverse dalle mie ,comportamenti UMANI diversi dalle mie convinzioni,e via discorrendo. Si chiama DEMOCRAZIA,ognuno può esprimere liberamente le sue opinioni,come del resto fa pure lei. È contento,adesso che le ho risposto?

carlo196

Sab, 21/03/2020 - 15:47

Ma è mai possibile che ogni volta che il Santo Padre dice o fa qualcosa subito una massa, quella si superata dalla storia, di anticlericali senza arte né parte gli versi addosso colpe o accuse prive di una ragionevole logica? E' 2000 anni che la Chiesa viene perseguitata non solo con le parole ma, nonostante tutto, è ancora in piedi mentre chi l'ha combattuta probabilmente starà scontando la sua pena all'inferno.

giangar

Sab, 21/03/2020 - 17:00

@mbferno - Beh, se lei ritiene che definire la Chiesa "un carrozzone che va chiuso" come fa in un altro suo post, senza peraltro spiegare chi e con quali metodi dovrebbe chiuderlo, sia espressione di democrazia, faccia un po' lei. A me sembra una frase tratta pari pari dal programma degli Stati atei e comunisti che, come sa, ci hanno provato più volte a chiuderlo ed i risultati senz'altro li conosce. La saluto

krgferr

Sab, 21/03/2020 - 17:01

@carlo 196-15:47---Lei ha ragione riguardo ai duemila anni di persecuzione nei confronti della Chiesa ma qualcuno potrebbe obiettare che la cosa non dimostra affatto la santità della stessa: infatti è molto più tempo che l'umanità sta cercando di liberarsi delle malattie e della guerra non certo perché queste siano così meravigliose. Inoltre in quanto a persecuzioni le Chiese (non solo la Cattolica beninteso) ha fatto del suo meglio nel massacrare gente: così a caso la guerra dei trent'anni la dice qualcosa? Saluti. Piero

giangar

Sab, 21/03/2020 - 17:50

@krgferr - Veda, la santità della Chiesa non consiste nel non commettere errori o nel non averne commessi anche di gravissimi, veri e propri crimini. Ma è sopravvissuta anche ai suoi errori, perchè, nei momenti più bui, il Signore ha suscitato in essa dei santi, magari figure non istituzionali, che l'hanno tenuta in piedi. La santità della Chiesa non sta nell'infallibilità degli uomini che la rappresentano, ma nella santità dello Spirito che la sostiene.