Così la Raggi attaccava Marino. E ora affonda nello stesso modo

Sul profilo Facebook della Raggi la foto dei componenti della prima giunta di Ignazio Marino poi dimessi. Ma in soli tre mesi anche lei ha perso molti collboratori

Verrebbe da dire che chi di spada colpisce, di spada perisce. Il Movimento Cinque Stelle sta scontando sulla sua pelle anni di "Vaffa Day" contro tutti gli amministratori pubblici, accusati di ogni nefandezza, umiliati pubblicamente, messi sotto torchio al grido "legalità". Ora quell'urlo s'è inceppato in gola dei vari Di Maio, Di Battista, Grillo e Raggi. La trasparenza non è più un dogma. Peccato.

Le difficoltà degli altri partiti sono diventate le difficoltà del Movimento. Le liti interne, le lotte intestine, i poteri forti, eccetera, i vertici delle municipalizzate, eccetera, i rifiuti, le scuole, i bus, le buche e le dimissioni. Anzi. Soprattutto le dimissioni. In soli tre mesi di governo della Capitale le nomine della Raggi fanno acqua da tutte le parti. In ordine si sono dimessi l'assessore al Bilancio Marcello Minnea e buona parte dei vertici delle municipalizzate di peso: Alessandro Solidoro (Amministratore unico AMA, rifiuti), Armando Brandolese (amministratore unico ATAC, trasporti) e il direttore generale di ATAC Marco Rettigheri. Non basta. Il sindaco in gonna ha deciso anche di togliere la fiducia alla capo di Gabinetto, Carla Rainieri.

Il grillismo ha scoperto i dolori di pancia e li sta subendo dal primo all'ultimo. Le scaramucce tra i dimissionari di Minnea e il duo raffaele Marra-Salvatore Romeo (fedelissimi della Raggi) sono ormai sulla bocca di tutti. La Ranieri è stata esautorata per lo stesso motivo. Gli altri avevano difficoltà a gestire i rapporti tra politica e vertici delle partecipate. Senza contare che per il ruolo di Capo di Gabinetto sono già sfumati tre nomi (Frongia, Morgante e Ranieri), un record visti i pochi giorni di amministrazione capitolina che possono vantare i 5Stelle.

La foto della Raggi contro Marino

Intendiamoci: è tutto normale, normalissimo. Può succedere a tutti, tranne che al Movimento. Nei momenti più bui della gestione di Ignazio Marino, infatti, aveva girato più volte il coltello nella piaga delle dimissioni subite dalla giunta del "Marziano". Tanto che spulciando nel profilo Facebook della Raggi si trova una foto pubblicata il 16 luglio 2015 (guarda caso, un anno prima dello scoppio del "caso Muraro") in cui il sindaco si fa beffe della precedente amministrazione PD. Nell'immagine si vede la prima giunta Marino disposta di fronte al Campidoglio, con delle X sopra i volti degli assessori e collaboratori che s'erano nel tempo dimessi. Erano i giorni dell'addio del vicesindaco Luigi Nieri.

Allora Virginia Raggi gongolava e già pregustava il successo alle elezioni. Ora potrebbe chiedere ad un fotografo di copiare il "Marziano" e scattarsi la stessa istantanea. E poi iniziare a mettere le sue crocette. "Oggi Rainieri se ne va, domani chissà".

I commenti saranno accettati:
  • dal lunedì al venerdì dalle ore 10:00 alle ore 20:00
  • sabato, domenica e festivi dalle ore 10:00 alle ore 18:00.
Non sono consentiti commenti che contengano termini violenti, discriminatori o che contravvengano alle elementari regole di netiquette.
Qui le norme di comportamento per esteso.
Commenti
Ritratto di karmine56

karmine56

Mar, 06/09/2016 - 12:05

Perché si comportano così? Se non sono persone pulite, perché vanno nel M5S, ci sono tanti partiti e partitini tutti magna,magna. Anche M5S stà facendo una brutta fine, è tutto pilotato?

Ritratto di Turzo

Turzo

Mar, 06/09/2016 - 12:14

Da 5 stelle a 5 stalle

maxxx666

Mar, 06/09/2016 - 12:33

Ma di che stai parlando?

Ritratto di Leonida55

Leonida55

Mar, 06/09/2016 - 14:13

Attaccare marino era dovuto, dopo i misfatti. poi che l'abbia fatto uno limpido o no, andava comunque fatto per ristabilire un pò di legalità, peraltro subito disattesa.

Ritratto di Ausonio

Ausonio

Mar, 06/09/2016 - 14:22

C'è poco da gioire. Non mi piace M5S ma devo ammettere che stanno facendo fuori qusta Raggi perché evidentemente non appartiene alla MAFIA di Roma. Roma oggi è peggio di Palermo.

linoalo1

Mar, 06/09/2016 - 15:32

Si,è vero!!Però,Marino,essendo un SINISTRATO,non veniva attaccato dai SINISTRATI del suo Partito!!Mi sembra evidente che,ai SINISTRATI,roda non essere più Padroni di ROMA e che facciano il possibile e,tra poco,anche l'inpossibile,per riprendersi ROMA!!!!La Raggi,ormai,è condannata!!!Ed i Romani,nel 2017,dovranno scegliersi un altro Sindaco!!!!