Ecco quando toglieremo le mascherine al chiuso

Il sottosegretario alla Salute Costa commenta anche il provvedimento che abolisce l’obbligo dell’utilizzo del dispositivo di protezione facciale all'aperto a partire dal 28 giugno

Ecco quando toglieremo le mascherine al chiuso

L’obiettivo è quello, una volta raggiunta la cosiddetta immunità di gregge, di togliere le mascherine anche al chiuso, ovviamente in alcune situazioni, senza assembramento. Secondo il sottosegretario alla Salute Andrea Costa, ospite del programma Non Stop News, su radio Rtl 102.5, è un obiettivo che bisogna dare ai cittadini, poiché è in gioco la credibilità di quello che si sta facendo ed è un elemento che aiuta a consolidare il rapporto di fiducia tra cittadini e vaccini. “Stanno emergendo i cittadini più scettici verso i vaccini – afferma Costa – e dobbiamo quindi introdurre elementi che consentano di procedere alla vaccinazione e dare delle prospettive, momenti in cui certe libertà possono tornare e quindi togliere le mascherine al chiuso”.

Il sottosegretario alla Salute commenta anche il provvedimento che abolisce l’obbligo dell’utilizzo delle mascherine all'aperto a partire dal 28 giugno, definita “un’ottima notizia”. Prosegue, senza soste, il percorso avviato dal governo Draghi, con tutta l’Italia che sarà in zona bianca. Un italiano su quattro, ormai, ha completato il ciclo vaccinale e più della metà dei cittadini hanno ricevuto almeno una dose. “Togliere la mascherina all'aperto – continua Costa – era un passaggio necessario e non più rinviabile, visti anche i numeri giornalieri confortanti della campagna vaccinale e il quadro epidemiologico in miglioramento costante”. Questa scelta, presa in seguito delle indicazioni del Comitato tecnico scientifico (Cts), ha un significato simbolico molto forte per il Paese. “Segna – spiega il sottosegretario – uno degli ultimi passaggi significativi per il ritorno alla vita normale. È un segnale di fiducia per i nostri concittadini e anche per tutti coloro che quest'estate verranno a visitare l'Italia”.

Naturalmente il governo ci tiene a sottolineare che bisogna continuare a tenere alta la guardia e a utilizzare prudenza. In caso di assembramenti è importante continuare a indossare la mascherina. Ma ormai la strada verso il ritorno alla normalità è tracciata. “Ho appena avuto un colloquio con il ministro Speranza – dichiara Costa –. Questa settimana indicheremo una data in cui le discoteche potranno tornare a fare le loro attività, perché questo settore è, ad oggi, rimasto l'unico senza avere una prospettiva e credo sia dovere della politica dare una risposta. Entro i primi dieci giorni di luglio le discoteche potranno aprire e penso che il criterio del green pass possa esser applicato anche per questo tipo di attività".