Crisanti contro Zangrillo: "Fosse venuto a Vo’ a gennaio avrebbe detto che il virus clinicamente non esisteva"

Il virologo dell'università di Padova attacca la tesi sulla scomparsa del Coronavirus dal punto di vista clinico: "Questo virus ancora non lo comprendiamo bene"

Non si placa lo scontro tra virologi su una possibile seconda ondata del Coronavirus che si potrebbe abbattere sul nostro Paese in autunno. Da una parte c'è il professore Alberto Zangrillo che sostiene la scomparsa del Covid-19 dal punto di vista clinico; dall'altra molti colleghi invitano a tenere la guardia alta perché i pericoli non sono ancora finiti. Tra questi c'è Andrea Crisanti, che ha voluto replicare alle parole pronunciate dal direttore delle Unità di anestesia e rianimazione generale e cardio-toraco-vascolare dell'ospedale San Raffaele di Milano: "Se il professor Zangrillo fosse andato a Vo' nella prima settimana di gennaio e avesse visto le persone che magari erano positive al virus avrebbe detto che il virus clinicamente non esisteva. Poi si è visto quello che ha fatto".

Intervenuto in diretta ai microfoni di Agorà su Rai 3, il responsabile del cosiddetto modello Vo' ha ribadito che il virus in questione "ancora non lo comprendiamo bene", visto che ancora non è stata trovata una motivazione per cui le persone cominciano ad ammalarsi in modo grave dopo aver raggiunto una soglia critica. Per ragioni ancora sconosciute si diffonde senza creare malattia finché raggiunge una massa critica di persone che si infettano "e a quel punto esplode con tutta la sua violenza". Pertanto questi casi che si registrano "non vanno sottovalutati". "Penso che avremo sorprese dall'analisi sierologica di tutta Italia. Se il 23 febbraio a Vò era del 5% io penso che in alcune zone della Lombardia sarà arrivato sopra il 30%", ha aggiunto.

Lo scontro con Zangrillo

Sul ritorno del Coronavirus in Italia si è aperto un fronte tra gli esperti: secondo Zangrillo sarebbe come provare a prevedere che a Milano nevicherà il giorno di Sant'Ambrogio. E perciò non ha usato giri di parole per rispondere a tutti coloro che si dicono certi di una seconda ondata in autunno o a settembre. Le loro affermazioni, a suo giudizio, "non hanno senso dal punto di vista scientifico". Questo non vuol dire però che bisogna allentare l'attenzione sulla problematica: "Le misure di distanziamento, di lockdown, di prevenzione sono servite per portarci a questo punto e ora vanno mantenute".

A Vo' Euganeo il Covid-19 era presente già dalla prima-seconda settimana di gennaio: ne è convinto Crisanti, che è arrivato a questa certezza in seguito a una serie di studi condotta sulla popolazione del piccolo centro cittadino della provincia di Padova. Il direttore di Microbiologia e Virologia all'università di Padova ha fatto sapere che sono stati fatti di nuovo il tampone a tutta la popolazione, poi il test sierologico e ora si sta completando l'analisi genetica. Il test sierologico ha palesato la presenza di un numero rilevante di persone che al primo campionamento (del 24-25 febbraio) era negativo al tampone e stava bene "e queste persone hanno anticorpi, è emerso che circa il 5% della popolazione di Vò Euganeo ha anticorpi contro il virus".

I commenti saranno accettati:
  • dal lunedì al venerdì dalle ore 10:00 alle ore 20:00
  • sabato, domenica e festivi dalle ore 10:00 alle ore 18:00.
Non sono consentiti commenti che contengano termini violenti, discriminatori o che contravvengano alle elementari regole di netiquette.
Qui le norme di comportamento per esteso.
Commenti

Junger

Gio, 04/06/2020 - 12:37

Crisanti è l'unico che in Italia ha saputo applicare tutti i protocolli necessari: protezione degli ospedali con pronto soccorso separati, protezioni, tamponi di massa agli operatori sanitari. Ha fatto di più è riuscito a approvigionarsi dei reagenti e delle macchine per i test prima ancora che l'epidemia si spandesse. Con i tamponi a esito rapido ha applicato efficacemente la tecnica dei cerchi concentrici per isolare i contagiati. I risultati si sono visti e l'epidemia è stata contenuta. Altri medici hanno invece la smania di apparire nei talk show. Sono comportamenti censurabili anche dal punto di vista deontologico. Nessuno a oggi può predire matematicamente l'andamento delle epidemie. (teoria del chaos) I modelli sono del tutto inadeguati e producono numeri casuali.

Ritratto di filospinato

filospinato

Gio, 04/06/2020 - 12:38

il nuovo sport che sostituisce il calcio, la medicina è diventata un pallone ed i medici dei giocatori? tra poco si potrà giocare pure una schedina?

Dordolio

Gio, 04/06/2020 - 12:50

Non capisco queste liti fra scienziati...Crisanti dice - bontà sua - che di questo virus si sa poco: viva l'onestà. E' vero.. e allora? Zangrillo NON DICE AFFATTO che "la festa" è finita, dice che bisogna stare ancora attenti ma CLINICAMENTE (stando in corsia...) constata che il virus è scomparso relativamente alla sua azione mortifera: non vedo francamente la contrapposizione, entrambi sostengono tesi che non si escludono a vicenda. Si vorrebbe però che "la festa" continuasse con questo straordinario esperimento (riuscito) di ingegneria sociale. Nulla sarà più come prima. Certe forme di terrore - reale o amplificato che sia o comunque gestito bene - sono in grado di asservire una nazione intera.

fj

Gio, 04/06/2020 - 12:58

Per Crisanti se tornassimo tutti a casa per sempre senza più vedere nessuna, niente neanche uscite per la spesa,ci darebbe ottime garanzie di non prendere il virus. Grazie, ci arrivavo anch'io. Il buon senso invece è quello di Zangrillo che coniuga prudenza e possibilità di avere una vita sociale e poter lavorare.

agosvac

Gio, 04/06/2020 - 12:59

Crisanti si è già scontrato con Zaia perché voleva essere al centro dell'attenzione per quanto fatto in Veneto, Ora si scontra anche col Professor Zangrillo. E' evidente che Crisanti non è un medico, non è mai stato a contatto con i malati. Zangrillo è un medico che ha corso i suoi rischi e che ha salvato molte vite. C'è un'enorme differenza tra i due ruoli. Crisanti se ne sta in laboratorio sempre ammesso che ci vada, Zangrillo in corsia. Tra i due solo il professor Zangrillo può sapere l'evoluzione del virus, certamente non Crisanti che riconosce di non averne ancora capito niente.

ruggerobarretti

Gio, 04/06/2020 - 13:01

Mi spiace caro Prof. Crisanti ma il suo ragionamento non c'entra nulla con quello che sostiene Zangrillo. Mi dispiace ma dovrebbe confrontarsi anche con tutti i suoi illustri colleghi virologi/epidemiologi, che ormai quasi univocamente, sostengono cio' che Zangrillo ha avuto il coraggio di rendere pubblico. E secondo me ha fatto piu' che bene.

fabio_

Gio, 04/06/2020 - 13:02

L'esplosione che avviene dopo che il virus raggiunge una soglia critica di diffusione, potrebbe essere legato ai determinanti endogeni (ospite) e/o esogeni (ambiente) più che al determinante primario (virus). Per esempio: accumulo di anziani gravemente malati (corridoi ospedali e RSA). In questo caso la posizione di Zangrillo appare coerente.

Ritratto di giùalnord

giùalnord

Gio, 04/06/2020 - 13:08

Tutti i virologi hanno ragione...in parte! Non bisogna abbassare la guardia mantenendo le dovute precauzioni,e non bisogna demonizzare il virus profetizzando un'ecatombe. Il buon senso,oltre i dati statistici e scientifici,ad oggi,dicono che il virus ha perso la sua carica virale,le terapie si svuotano,non ci sono più i morti come a marzo e la seconda ondata tanto acclamata dai virologi da salotto non si è avverata a maggio come profetizzata da Burioni e Galli. Insomma,tanta confusione....

Sempreverde

Gio, 04/06/2020 - 13:30

Troppo stress professore, lei non deve dimostrare nulla più a nessuno. Un grande, continui così. Adesso siamo ai calci di rigore ci sono altri specializzati a buttarla dentro. Grazie prof che ci ha fatto recuperare un match impossibile. Adesso però tocca ai clinici.

Ritratto di sbuciafratte

sbuciafratte

Gio, 04/06/2020 - 13:43

Caro crisanti,quello che avete fatto voi luminarie,insieme appassionatamente con il governo e con i fake media,non lo ha fatto il virus.Distrutto un paese, dove i morti corona non sono niente rispetto ai morti indotti dalla povertà incombente e da una sanità che non ha curato le malattie extra. Informati crisanti quanti morti in più per infarto, cancro et altro, perché prima il corona poi gli altri. E ciò continuerà, zangrillo vuole dare speranza di un futuro prox.senza mascherina.

Ritratto di Zagovian

Zagovian

Gio, 04/06/2020 - 13:54

...Questo Crisanti "ciurla" nel manico,ed è consapevole di "ciurlare"!Ha parlato troppo!Gli si sono chiuse le orecchie!

Cambiamoatteggi...

Gio, 04/06/2020 - 14:00

Non condivido le opinioni di Junger né quelle di Crisanti, la storiella di Vo di quest'articolo è semplicemente insulsa. E' stato dimostrato che il virus circolasse in italia già da ottobre e quindi dove poteva contagiare lo ha fatto e, in alcuni posti per cause ignote, ha colpito più duramente. Si sarebbe dovuto isolare i casi ad ottobre e la quarantena che abbiamo passato probabilmente è stata quasi inutile, quello che ha fatto la differenza è stato fare le autopsie che hanno permesso affrontare il virus in un altro modo e questo spiega il calo e il quasi azzeramento dei decessi.

giovanni951

Gio, 04/06/2020 - 14:02

ma Zangrillo si riferisce ad oggi non a mesi fa. Lo si vuol capire o no?

Ritratto di vince50_19

vince50_19

Gio, 04/06/2020 - 14:13

Quanta invidia..

Ritratto di Zagovian

Zagovian

Gio, 04/06/2020 - 14:25

Cambiamoatteggi..14:00 concordo!

ruggerobarretti

Gio, 04/06/2020 - 15:04

Dordolio: concordo in tutto e per tutto.

giangar

Gio, 04/06/2020 - 15:04

Ma non capisco cosa abbia detto Zangrillo di così sconvolgente che ci stiamo discutendo da tre giorni. Ha detto che il virus non è mai esistito? No. Ha detto che il lockdown è stato inutile? No. Ha detto di abbandonare ogni prudenza? No . Ha detto che il virus non si ripresenterà più? No. E allora, di che parliamo?

cecco61

Gio, 04/06/2020 - 16:06

@ Dordolio: da incorniciare. Le due tesi non sono infatti in contrapposizione ma possono coesistere tranquillamente. A questo punto c'è da chiedersi se queste patetiche bagarre siano veramente frutto delle affermazioni dei due medici o montate ad arte (con pure domande a trabocchetto) dai giornalisti il cui unico scopo, da mesi, sembrerebbe quello di disinformare. Alla faccia della presunta informazione responsabile e seria (si veda lo spot che gira sui canali Mediaset).

madrud

Gio, 04/06/2020 - 16:20

Cosa c'entra se Zangrillo fosse venuto a gennaio avrebbe detto che non c'è nulla? O me fa dirlo, che ne sa Crisanti? Ora con dati clinici, non ipotesi del tipo se mia nonna avesse le ruote, il virus dal punto di vista gravità è zero e non esistono prove contrarie. Quando Crisanti proverà il contrario si faccia sentire.

buonaparte

Gio, 04/06/2020 - 16:31

crisanti lo stanno utilizzando quelli della stampa di sinistra agli ordini della sinistra italiana per attaccare tutto cio che è centrodestra zaia fontana e ecc. consiglio a crisanti di dare meno interviste perchè alla fine dopo averlo usato finiranno per scaricarlo non sempre la sinistra ripaga chi fa i suoi interessi con un bell'incarico prestigioso e super pagato dai contribuenti.

Raoul Pontalti

Gio, 04/06/2020 - 16:40

Se devo chiedere lumi sull'andamento di una malattia infettiva o parassitaria non mi rivolgo all'anestesista o all'ortopedico ospedalieri, posto che costoro mi possono riferire quel poco che hanno visto loro nel proprio ospedale e relativamente a forme richiedenti terapia rianimatoria o che danno osteomielite, artrite settica etc rispettivamente. Un microbiologo clinico, un infettivologo, un parassitologo, un igienista invece che seguono per mestiere la malattia nell'ambiente e nella popolazione (incidentalmente: in ospedale si ha a che fare con il malato, non con la malattia) possono invece, avendone visione completa circa l'eziologia, i focolai di insorgenza, l'epidemiologia, le diverse forme cliniche etc., ragguagliarmi in modo soddisfacente. Sul Coronavirus preferisco pertanto ascoltare le opinioni di un microbiologo clinico come Crisanti.

Jon

Gio, 04/06/2020 - 16:46

I DOLLARI di Bill Pharma rendono il Virus PERICOLOSISSIMO!! Non morira' MAI..!! TUTTI si prodigano per avvisarci, ogni giorno, minuto, secondo..COME SE LA NOSTRA SALUTE IMPORTASSE A QUALCUNO!! Infatti il Virus serve ad aumentare i suicidi(piu' di 100) a distruggere l'economia, il lavoro e le piccole aziende che hanno impiegato una vita per crescere, negare il futuro ai nostri figli..!! E CI SPAVENTA IL VIRUS?? NON IL FUTURO?? E CHI CI INCORAGGIA?? Solo Zangrillo...

hectorre

Gio, 04/06/2020 - 16:51

in questi mesi ho capito una cosa......non mi devo fidare dei presunti esperti!!...forse per invidia, per arroganza, per un minuto di notorietà, per ignoranza o poca esperienza, hanno detto tutto e il contrario di tutto!!!....senza avere la decenza di chiedere scusa o chiudere finalmente la bocca!!!!!

Jon

Gio, 04/06/2020 - 16:52

Quando l' ISIS ci comunichera', fra 2 anni, i decessi di influenza di quest'anno, capirempo la TRUFFA col FAKEVIRUS 19 .. Senza alcuna AUTOPSIA..come fanno a sapere DI COSA SONO MORRTI? E di quale dei 89 VIRUS CORONA SCOPERTI?? Ce lo dica Crisanti!!

cgf

Gio, 04/06/2020 - 17:00

veramente mi pare pretestuosa questa [fuori]uscita perché il Professor Zangrillo disse sempre Rimanete chiusi in casa ed era per il divieto di entrata ed uscita in Lombardia ed altre 11 provincie. Basta leggere i giornali di pochi mesi fa, mica il secolo scorso. Ora le cose sono cambiate, come si spiegano così pochi contagi, anche la Cina è tornata alla [quasi] normalità.

baio57

Gio, 04/06/2020 - 17:28

Una cosa è certa,Orwell c'aveva visto bene .

mzee3

Gio, 04/06/2020 - 17:34

Zangrillo farebbe bene a fare il suo lavoro….ma lui , ritengo, è stato spinto dalla politica ad avallare l'idea che ormai, dato che in sala di rianimazione non c'è più nessuno si debba aprire a tutto per "non morire di mancanza di lavoro". E' evidente che lui negherebbe...ma Zangrillo questo ha fatto passare contando sulla ignoranza del popolino arrabbiato. Zamgrillo è uno di quelli che gridano :armiamoci e partite..ma lui sta dietro la scrivania(sala operatoria) e gli altri vanno in piazza a fare casino.

Gianca59

Gio, 04/06/2020 - 17:59

Non vedo nessuna polemica: tra gennaio e maggio sono passati 5 mesi e può darsi che qualcosa sia cambiato e d' altra parte la stessa cosa di Zangrillo l'ha detta il dottor Rigoli, Veneto. Mi sembra una polemica inutile..

Ritratto di navajo

navajo

Gio, 04/06/2020 - 18:10

Ogni tanto riappaiono. Così è per Pontalti, che ci comunica che lui (contento lui) preferisce ascoltare Crisanti. Grazie di cuore per averci messo al corrente. Senza, questa notte non avremmo chiuso occhio. Ma chissà perché tutti i sinistri ce l'hanno con Zangrillo? Forse perché il governo sopravvive solo grazie all'emergenza?

Ritratto di Koerentia

Koerentia

Gio, 04/06/2020 - 18:10

Crisanti un falso umile ed io sto con Zangrillo che gli ammalati li ha curati e non usati come cavie.

Una-mattina-mi-...

Gio, 04/06/2020 - 18:15

MAGARI A VO' CI VA ADESSO ED EGUALMENTE NON LO TROVA, 'STO FUFFAVIRUS...

baio57

Gio, 04/06/2020 - 18:18

@ mzee3 Allora che facciamo, dobbiamo attenerci al Ministero della sanità che sconsigliava le autopsie ? Molto meglio fidarsi di quei medici "dissidenti" che agiscono in prima linea, che non hanno accettato la direttiva ed hanno scoperto che i morti non erano per polmonite ,ma per trombosi ,modificando così le terapie. Ora guarda caso ,contrordine del MdS ,si possono fare le autopsie ....un po' tardi sulla tabella di marcia.

Dordolio

Gio, 04/06/2020 - 18:35

Proprio così, cecco61... talune categorie sociali/professionali con l'evento Covid (chiamiamolo così...), hanno perso pure le mutande. E ora è niente...aspettiamo quando ci saranno da pagare tasse (ora rimandate) senza aver guadagnato nulla per tre mesi almeno. Altri invece hanno avuto benefici enormi: giornalisti e scienziati spesso semioscuri fino ad oggi. Riflettori, audience, comparsate.. c'è stato di tutto. Tutti eravamo lì a pendere dalle loro labbra. E non parliamo delle lagnose pubblicità commerciali che continuano a cavalcare la situazione in termini indecenti. All'inizio le avevo apprezzate ritenendole espressione di solida presenza etica. Ora capisco che sono solo orrendo e vile mercato, e SFRUTTANO quello che oggettivamente è un dramma.

giovanni235

Gio, 04/06/2020 - 18:37

Per favore Conte fanne una giusta.Subito un DCPM che multi di un milione di euro chiunque dei cosidetti "scienziati" parli in radio,TV e giornali.Credo siano talmente stupidi e boriosi da rimpinguarti le casse dello Stato!!!

sparviero51

Gio, 04/06/2020 - 18:48

“ ITAGLIANIIIIIIiiiiiiiiii “ !!!!!!!!!!!!!!!

Iacobellig

Gio, 04/06/2020 - 19:01

Crisanti non può essere che tu non sia capace di percepire ciò che percepiscono altri suoi colleghi? Mah!

Ritratto di anno56

anno56

Gio, 04/06/2020 - 19:03

Questo signore è anche professore universitario, quindi si occupa di formare i futuri medici, il che vuol dire che usciranno dalle università col paraocchi e con pregiudizi. Andiamo proprio bene

Epietro

Gio, 04/06/2020 - 19:05

Che fenomeni coloro che vogliono mettere in bocca ad altri parole che non sono mai state dette, peraltro in località ove non si è mai andati. Inoltre non è per nulla strano che il trentino Pontalti sia affascinato dagli enti e dal servizio pubblico, basta fare una gita a Trento centro per comprenderlo.

ilrompiballe

Gio, 04/06/2020 - 19:12

Crisi di astinenza da celebrità?