Dj Fabo arrivato in Svizzera per l'eutanasia: "Potrebbe cambiare idea"

Fabiano Antoniani non ha più voglia di aspettare. L'Associazione Luca Coscioni ha accettato la sua richiesta di andare a morire oltralpe

Dj Fabo arrivato in Svizzera per l'eutanasia: "Potrebbe cambiare idea"

Dopo l'ennessimo rinvio dell'entrata in aula della legge sul biotestamento, il cui inizio dei lavori alla Camera era atteso prima a fine gennaio, poi il 20 febbraio, poi il 27, e ora è stato spostato ulteriormente ai primi di marzo, Dj Fabo si arrende e va a morire all'estero. Filomena Antoniani, dell'Associazione Luca Coscioni, riferisce a Repubblica.it che il 39enne è già arrivato in una clinica svizzera e "si sta sottoponendo alle visite mediche previste dai protocolli. Tuttavia potrebbe ancora cambiare idea".

È il tesoriere dell'Associazione Luca Coscioni ad aver annunciato di aver accettato la richiesta di Fabiano Antoniani di recarsi oltralpe per porre fine alla sua agonia: "Fabo mi ha chiesto di accompagnarlo in Svizzera. Ho detto di sì", così Marco Cappato annuncia su Facebook la decisione. Il 39enne, cieco e tetraplegico a causa di un incidente automolistico avvenuto nel 2014, mette fine a quella che lui stesso ha definito una "non vita". Abituato a girare il mondo con la sua musica, Fabo è costretto a letto, impossibilitato a muoversi e ad alimentarsi. Sono diversi gli appelli che l'ex Dj ha inviato alle istituzioni e in particolare al presidente della repubblica, Sergio Matterella, chiedendo di intercedere sul tema della legge sul biotestamento. Appelli rimasti inascoltati. Fabiano è perciò obbligato a recarsi in Svizzera dove un pool tra medici e psicologi valuterà il suo caso e deciderà se sottoporlo all'eutanasia. Ci vorranno comunque alcuni giorni per capire se la richiesta verrà accettata o meno. Molto probabilmente la sua fidanzata non potrà accompagnarlo perché per la legge italiana si tratterebbe di istigazione al suicidio.

Su Facebook sono centinaia i messaggi di solidarietà a Dj Fabo. "Buon viaggio Fabo.... Finalmente sarai libero", scrive Annarita. E ancora Francesca: "Buon viaggio Fabo! E onore a te Marco, alla fidanzata di Fabo e a tutte le persone che lo hanno supportato in questa dolorosa scelta! Siamo accanto a voi in questa battaglia!".

Commenti