Ecco che cosa c'è davvero dietro alla "storia" delle scarpe di Lidl

L'Italia dell'alta moda è impazzita per le scarpe Lidl da 12.99, ma da dove nasce il fenomeno che sembra aver contagiato giovani e giovanissimi?

La collezione in edizione limitata dell'abbigliamento marchiato Lidl ha distratto per qualche ora gli italiani dal problema del coronavirus. Da domenica, e per tutta la giornata di lunedì, i social network sono stati invasi da immagini di scarpe, calze, t-shirt e ciabatte brandizzate dal noto marchio di supermercati low cost. In Italia lunedì mattina è scattata la corsa all'acquisto: prima dell'apertura c'era già la coda fuori dai punti vendita in tutta Italia e in poche ore tutti gli scaffali e le ceste sono state vuotate. Si sono visti carrelli colmi di scarpe e di calzini in spugna, come se si trattasse di una svendita dei grandi brand del lusso e non sneakers da meno di 13 euro. Da dove nasce il fenomeno Lidl?

Dai social, come spesso accade in quest'era digitale. Va specificato subito che quella Lidl è una linea in edizione limitata, quindi particolarmente ambita dai collezionisti. A questo si aggiunge il fatto che i prodotti Lidl sono stati promossi da alcuni degli influencer più in vista del Paese, come Fedez. Il marito di Chiara Ferragni ha indossato le calzature con i peculiari colori ancora prima che venissero distribuite in Italia. Il cantante ha realizzato foto e video sfoggiando quelle scarpe e ha fatto crescere nel nostro Paese la febbre per possederle, anche solo come feticcio. Oltre a lui sono stati altri i volti nomi che si sono prestati alla promozione, non solo in Italia ma in tutta Europa. Quello che può essere ormai definito come "fenomeno Lidl", infatti, non nasce nel nostro Paese, che per altro è stato uno degli ultimi a distribuire la collezione. Belgio, Finlandia, Francia, Germania hanno anticipato l'Italia e anche lì si è assistito a scene simili a quelle dei punti vendita in Italia.

Basta unire gli elementi per capire come sia potuto esplodere il "fenomeno Lidl". Basta mettere in un calderone il fascino dei prodotti in edizione limitata disponibili per un tempo limitato, la promozione degli influencer "giusti", la percezione che si tratti di un qualcosa di esclusivo e quindi solo per pochi, il fascino di un qualcosa di bizzarro come linea di abbigliamento di un discount ed ecco la ricetta del successo. Così si spiega il reselling, che in fondo è alla base delle code nei punti vendita Lidl. C'è chi ha tempo e voglia di trascorrere le ore in fila per acquistare gli oggetti in tiratura limitata che poi può rivendere online, a un prezzo talvolta centuplicato, e c'è chi è disposto a spendere cifre folli per avere quei prodotti. È su quella nicchia di collezionisti pronti a fare carte false pur di implementare il loro tesoretto di feticci, che si basa il fenomeno. Ecco perché su eBay si trovano le scarpe Lidl in vendita a oltre 2mila euro, quando il loro prezzo (e valore) è di appena 12.99 euro. È la speculazione, bellezza. Un fenomeno che il Codacons si dice pronto a bloccare tramite un esposto alla Procura della Repubblica di Roma, alla Polizia Postale e all'Antitrust.

I commenti saranno accettati:
  • dal lunedì al venerdì dalle ore 10:00 alle ore 20:00
  • sabato, domenica e festivi dalle ore 10:00 alle ore 18:00.
Non sono consentiti commenti che contengano termini violenti, discriminatori o che contravvengano alle elementari regole di netiquette.
Qui le norme di comportamento per esteso.
Commenti
Ritratto di Bob184

Bob184

Mer, 18/11/2020 - 13:21

Perché bloccare ? Ê immorale, certo, ma la libertà di acquisto, a qualsiasi condizione, non obbliga l'acquirente. Non è un genere di prima necessità, quindi ...

arkkan

Mer, 18/11/2020 - 13:24

E' evidente che la demenza giovanile è molto piu' grave della demenza senile.

killkoms

Mer, 18/11/2020 - 13:25

Mode!

Ritratto di venividi

venividi

Mer, 18/11/2020 - 13:37

Perché il Codacons non si fa i fatti suoi? Perché bloccare? Cosa gliene importa se qualcuno va a spendere ben 13 euro per comperarsi un paio di scarpe ? Questa mentalità del voler tutto controllare regolare fa schifo, nausea, ma che vadano a

Ritratto di FiliCudi

FiliCudi

Mer, 18/11/2020 - 13:46

esposto laa procura, ma per favour... Acquistale dall'ebay tedesco o francese o inglese, costano attualmente sui 15 €

Ritratto di Gianfranco Robert Porelli

Gianfranco Robe...

Mer, 18/11/2020 - 14:16

Anche Bergoglio pare che ne voglia un paio.

arieccomi

Mer, 18/11/2020 - 14:28

Se Fedez domani mattina esce col perizoma della moglie tra i denti e lo usa come filo interdentale, vedremo milioni di italiani col perizoma tra i denti. Ma che fine ha fatto, non l’intelligenza ma il buongusto.

Ritratto di bandog

bandog

Mer, 18/11/2020 - 14:41

codacons???? ed i prezzi di frutta , verdura e generi alimentari aumentati da marzo ad oggi???ed i carburanti??? ma annate a....

d'annunzianof

Mer, 18/11/2020 - 17:27

I fessi, quelli che una volta strapagavano gli orologgetti swatch

Ritratto di mbferno

mbferno

Mer, 18/11/2020 - 17:32

Tutto posso pensare,ma comprare le scarpe Lidl perché le ha indossate Fedez proprio non si può sentire.

crisalba

Mer, 18/11/2020 - 18:22

ognuno faccia ciò che vuole, ma queste scarpe sono proprio brutte , persino per andare nell'orto .

aldoroma

Gio, 19/11/2020 - 13:25

Pura follia....

Ritratto di bandog

bandog

Gio, 19/11/2020 - 13:26

fino adesso ho scherzato mahhh,,,dove min avete visto code ed assembramenti lunedì???? nel lidl in provincia di Torino,dove vado a prendere le solite brioches appena sfornate,alle 8,30 non c'erano più di 10 persone!!!basta dire fesserie!!!

fabioerre64

Gio, 19/11/2020 - 14:40

Un paio di scarpe decenti non può costare 13 euro a meno che non siano assemblate da bambini di 8 anni pagati 10 centesimi l'ora.

lucas2

Gio, 19/11/2020 - 17:44

Il Codacons ah ah ah , basta fa già ridere così.