La folle corsa per le scarpe di Lidl Cosa è successo al supermercato

Le scarpe Lidl sono il nuovo feticcio degli italiani, disposti a fare lunghe code e a rompere gli schemi degli assembramenti per acquistarle e mandarle sold out in poche ore in tutta Italia

La folle corsa per le scarpe di Lidl Cosa è successo al supermercato

Se un giorno, nemmeno troppo lontano, qualcuno ci avesse detto che sarebbe scattata la corsa per accaparrarsi l'ultimo paio di scarpe Lidl, non ci avremmo creduto. Ma l'Italia del 2020 è anche questo. Lunedì 16 novembre negli scaffali della nota catena di supermercati low-cost è arrivata la linea di abbigliamento a marchio proprio e in tantissimi si sono riversati nei punti vendita sparsi sul territorio per acquistare magliette, calzini e ciabatte, oltre alle ormai iconiche scarpe nei colori peculiari del brand.

Da nord a sud, ieri prima dell'apertura dei negozi Lidl c'era la fila fuori. Scene simili a quelle viste a febbraio a marzo, fortunatamente con uno scopo diverso. Ad attendere con impazienza il dischiudersi delle porte scorrevoli erano per lo più giovani e giovanissimi, per i quali i prodotti della linea di abbigliamento del discount sono diventati un oggetto di culto, un must have di cui vantarsi con gli amici. Non si sa perché e non si sa come, ma le scarpe Lidl si sono trasformate in un oggetto da collezione, così come tutti gli altri prodotti della linea di abbigliamento. Il motivo? Ignoto. Questa estate la linea di abbigliamento della catena era stata proposta sugli scaffali di altri supermercati europei, tra i quali la Francia e il Belgio, e anche qui si è assistito a una vera febbre Lidl per la corsa all'acquisto. Scoperta l'esistenza della linea di abbigliamento, soprattutto delle scarpe, in Italia è cresciuta l'attesa per il loro arrivo, complice anche la diffusione data alla stessa da alcuni profili social molto seguiti, come TrashItaliano, che hanno fatto da cassa di risonanza per il grande pubblico italiano.

Già dalla mattinata di ieri, sui social circolavano le immagini dei clienti in coda che, appena aperte le porte del supermercato, si sono fiondati all'interno per diventare orgogliosi proprietari di un paio di sneakers gialle, blu e rosse marchiate Lidl dal costo di 12 euro. Dentro i punti vendita sono stati immancabili gli assembramenti davanti alle ceste che ospitavano i prodotti Lidl, come se uscire con in mano uno dei feticci della catena di supermercati fosse più importante di qualunque altra cosa. Ma tra i tanti giovani e giovanissimi che hanno preso d'assalto le corsie del Lidl c'erano anche molte mamme, pronte a sacrificarsi per i loro pargoli, che le hanno mandate in missione per acquistare le scarpe o, in alternativa, qualunque altro prodotto di abbigliamento della catena. Alle 13 i supermercati erano già vuoti, in tutti i punti vendita del Paese (660) qualunque prodotto a marchio Lidl era già sold-out. Inutile anche aspettare il rifornimento: la linea di abbigliamento è a tiratura limitata e non si sa se e quando ci saranno nuovi rifornimenti.

Vista la corsa all'acquisto di scarpe, magliette e calzini, ora il Paese sarà invaso da ragazzi che indossano tutti gli stessi capi? Molto probabilmente no.

Tantissimi di quelli che erano in coda davanti ai supermercati hanno dichiarato di aver acquistato nel punto vendita per poi rivendere tutto su eBay e speculare sul costo. Questa estate c'è chi è riuscito a vedere un paio di sneakers a 2.700 euro. Contenti loro.

Commenti
Disclaimer
I commenti saranno accettati:
  • dal lunedì al venerdì dalle ore 10:00 alle ore 20:00
  • sabato, domenica e festivi dalle ore 10:00 alle ore 18:00.
ilGiornale.it Logo Ricarica