La famiglia Renzi getti la mascherina

Le crisi di astinenza, si sa, danno alla testa. Matteo Renzi non ce la fa più a non apparire tutte le sere nei tg, a sparigliare i giochi politici nei talk show serali (salvo poi rimangiarsi tutto la mattina dopo in Parlamento).

Le crisi di astinenza, si sa, danno alla testa. Matteo Renzi non ce la fa più a non apparire tutte le sere nei tg, a sparigliare i giochi politici nei talk show serali (salvo poi rimangiarsi tutto la mattina dopo in Parlamento). Così ieri ha trovato spazio sul quotidiano Avvenire per lanciare la sua ideona: «Basta, riapriamo tutto. Fabbriche, scuole, uffici, negozi e chiese devono tornare a marciare da subito, altro che prolungare i divieti oltre il 4 aprile».

La sua non è una speranza, è una ricetta politico-economica che, se fosse ancora premier, evidentemente applicherebbe. Anche io sarei felice se per incanto non domani ma oggi tutto potesse tornare nella normalità o giù di lì. Ma, avendo un fratello medico nella trincea (lui la paragona a un lazzaretto) del Policlinico di Milano che ogni sera al telefono mi relaziona di cose mai viste e mi invita alla massima prudenza, avendo tanti amici alle prese con parenti più di là che di qua che non sanno più a che santo votarsi, sentendo ogni giorno al telefono la paura e la frustrazione dei generali e dei colonnelli (amministratori, medici, infermieri) dell'esercito dei soccorritori, leggendo le analisi degli scienziati che convergono sul fatto che i portatori asintomatici del virus potrebbero essere una infinità, ecco, alla luce di tutto questo penso che l'ipotesi di riaprire l'Italia oggi non solo sia impraticabile, ma sia un'autentica cazzata che solo un politico incosciente in crisi di astinenza poteva sparare.

Se proprio Renzi è convinto di quello che dice, gli propongo di fare lui da cavia e di farla fare a sua moglie, ai suoi anziani genitori, ai suoi giovani figli. Chieda un salvacondotto rispetto alle restrizioni e oggi si butti, lui e la sua famiglia, nella mischia. Ma non nelle colline del Chianti, lo vogliamo vedere girare in metrò e bus nelle città, farsi selfie e stringere mani per le strade e nelle fabbriche, giocare a carte nei bar e farsi una partitella a calcetto con compagni altrettanto volontari.

Dopo due settimane, o meglio due mesi, ci risentiamo. Spero sinceramente per lui e per i suoi cari che tutto sia andato bene. Perché fare i fenomeni con i polmoni degli altri, egregio senatore Renzi, non è una bella cosa. La politica è prima di tutto esempio.

I commenti saranno accettati:
  • dal lunedì al venerdì dalle ore 10:00 alle ore 20:00
  • sabato, domenica e festivi dalle ore 10:00 alle ore 18:00.
Non sono consentiti commenti che contengano termini violenti, discriminatori o che contravvengano alle elementari regole di netiquette.
Qui le norme di comportamento per esteso.
Commenti

Giorgio1952

Dom, 29/03/2020 - 17:14

Sallusti ha ragione ma credo valga anche per l'altro Matteo.

alexbazzocchi

Dom, 29/03/2020 - 17:20

Gentilissimo Direttore, La stimo molto, sono lettore di antica data de Il Giornale e oltre a leggere sempre i Suoi acuti e incisivi editoriali La seguo ogni volta che dibatte in tv. Questa volta però dissento in parte da quanto scrive nell'editoriale odierno, bloccare sine die gran parte della vita economica e sociale di un paese può produrre nel tempo effetti molto più devastanti di quelli cagionati dal virus. Non si potrebbe proteggere le persone più esposte agli effetti esiziali della malattia e studiare al contempo soluzioni per scongiurare la dissoluzione delle capacità produttive dell'Italia? UN cordiale saluto e complimenti a Lei e a tutti i Suoi validissimi collaboratori Alessandro Bazzocchi

gpascucci

Dom, 29/03/2020 - 17:28

Mi dispiace, ma io sto con Renzi, personaggio che, peraltro, mi ripugna. La libertà individuale non può essere compressa oltre i limiti che abbiamo ampiamente superato, si spendano soldi, che comunque spenderemo avendo distrutto l'economia, per uno screening di massa: i malati e i positivi stanno a casa, gli altri hanno il diritto e il dovere di lavorare e di mandare avanti l'Italia, adottando le minime precauzioni per evitare il contagio. E non si faccia ironia su chi non è allineato al pensiero unico del tutti a casa. Io, purtroppo, sono in smart working, ma ho chiesto al mio datore di lavoro di essere il primo ad essere richiamato in ufficio quando il Soviet Supremo che ci governa lo permetterà, fosse per me, andrei anche domani.

Ritratto di Gio47

Gio47

Dom, 29/03/2020 - 17:29

bel messaggio, e con Renzi anche altri che non hanno dato peso alla pericolosità dell'epidemia. anche chi continua a fare entrare "migranti" in Italia con il rischio che ci troveremo altri focolai.

Popi46

Dom, 29/03/2020 - 17:31

Non è che la stessa crisi non affligge la classe politica italiana nella suo complesso? Mica per niente, ma mi sembra che al di là delle chiacchiere,di sostanza ce ne sia pochina

gedeone@libero.it

Dom, 29/03/2020 - 17:37

Scusi bazzocchi, quando mai il Direttore ha affermato che si deve chiudere tutto sine die?

Darth

Dom, 29/03/2020 - 17:50

"Fare i fenomeni con i polmoni degli altri non è una bella cosa" Neanche fare i fenomeni con le imprese degli altri è tanto bello. Anche perché, alla fine della fiera, già nel medio periodo la salute dei polmoni (e dei cuori, e delle ossa, e di ogni altro organo...) degli altri dipenderà dalla salute, o prima ancora dalla vita, di quelle imprese: senza quelle che creano ricchezza, la salute - come tante altre cose - diventa un optional. I dati, in termini di costi umani, di una crisi economica sono disponibili a chiunque voglia leggerli, non c'è neppur bisogno del rapporto giornaliero del fratello medico.

Xplr

Lun, 30/03/2020 - 10:25

Mascherina o no, propaganda o meno, Renzi ha posto un problema fondamentale. L'economia non può fermarsi, pena aumento disoccupazione, povertà e declino sociale. L'economia è parte fondamentale della vita sociale, eccezion fatta dei 5s e della loro stupida etica, che per fortuna molti non condividono. E' altresì sbagliato pensare che la risposta INFANTILE e ottusa di chiudere a casa tutti sia una soluzione, vabbè temporanea, ma che si protragga per mesi no, è da irresponsabili. Se proprio si deve fare temporaneamente, vanno stanziate in esatta CONTEMPORANEITA' risorse immediate per l'ECONOMIA e risorse di prevenzione per potenziare la SANITA'. Esempio sono gli stati uniti dove TRUMP ha stanziato in questo modo ben 6,2 trilioni di dollari il 28/03/2020. Chiudere la gente a casa è come tagliare la testa a chi soffre di mal di testa. Non è la soluzione. Prima risorse all'economia , poi risorse alla sanità, e dare mezzi di sicurezza a tutti.

EchiroloR.

Lun, 30/03/2020 - 10:26

69/5000 Renzi è solo il portavoce di una famiglia bancaria di basso rango.

Aquilee1077

Lun, 30/03/2020 - 10:34

Da molti anni con la mia banca seguo la regola: quello che mi dicono di fare, faccio il contrario. Lo stesso vale per ciò che dice il chiacchierone, e gli italiani l'hanno capito ormai da un gran pezzo.

Ritratto di dlux

dlux

Lun, 30/03/2020 - 10:55

Direttore, una scontatissima battuta è "armiamoci e partite". E Renzi è campione in questo. Forse non l'ha già adottata? Col decreto salvabanche non fece la stessa cosa? Chi ci rimise furono i risparmiatori. Così come ora sarebbe la cittadinanza a rimetterci, non i soldi, la pelle. Che gliene frega a lui?

alexbazzocchi

Lun, 30/03/2020 - 11:02

Gentile Gedeone, nel pezzo semplicemente non si affronta l'argomento ripresa graduale delle attività produttive nella loro totalità, il mio commento era finalizzato a sottolineare tale aspetto, che appunto non viene trattato, il che equivale di fatto a ipotizzare, o quanto meno a non escludere, uno stop di durata indefinita cordialmente Alessandro

giuseppetarantino61

Lun, 30/03/2020 - 11:54

Come spesso accade Direttore sono perfettamente in linea con il suo pensiero. Purtroppo questo paese sconta l'effetto di avere un livello,con per fortuna alcune eccezioni,assai basso di persone dotate di competenze e rigore nel proprio pensiero. Auguriamoci il meglio. Cordialmente Giuseppe Tarantino

gianf54

Lun, 30/03/2020 - 12:27

Appena si abbassa la guardia...siamo tutti appestati. Questo non vuol dire che si debba continuare con gli arresti domiciliari fino a...??????D'altra parte, noi italiani siamo indisciplinati per natura: se ci si concede un minimo, ci prendiamo tutto. E in questo caso, non sei solo tu che vieni contagiato, ma contagi pure me !! Dunque, il sig. renzi parli meno e stia più buonino....

shamouk

Lun, 30/03/2020 - 12:36

Caro Sallusti, lei dovrebbe ricordarsi che dirige un giornale a tradizione liberale e con lettori che credono più nella capacità e nella responsabilità individuale che nelle cialtronerie dello Stato (per questo ci basterebbe che tenesse i delinquenti in galera e per il resto ci arrangiamo). Renzi non ha detto una fesseria. Capisco che per i giornali “chi attraversa la strada senza essere imballato non fa notizia” ma usare termini come guerre, tragedie per un virus che fa morti con età avanzata e patologie pregresse mi sembra eccessivo, ogni anno muoiono 1m di persone di malaria ma passano inosservate. Qui avete bloccato il mondo. Roba da millenials.

Gianca59

Lun, 30/03/2020 - 13:00

Gentile direttore, secondo me è l' ora di non essere d' accordo con questa linea e di cominciare a pensare a come venirne fuori, non domani, ma magari qualche prova tecnica a partire da metà della prossima settimana. Come fare ? Abbiamo il fior fiore delle teste pensanti a Roma, che cominciano a ideare una strategia per una riapertura progressiva delle nostre aziende.

Ritratto di Koerentia

Koerentia

Lun, 30/03/2020 - 13:06

Certo Direttore, Renzi dovrebbe predicare con l'esempio e magari portarsi a spasso anche Conte. Ne gioverebbe l'Italia.

Lotus49

Lun, 30/03/2020 - 13:21

La domanda chiave è questa: è vero che il blocco totale delle persone riduce i contagi? È vero che elimina i picchi di ricoveri? Oppure il virus cammina lo stesso e il blocco serve a poco o nulla? Se fosse vero che i positivi, asintomatici ma contagiosi, in realtà, sono milioni, allora tanto vale riaprire.

Ritratto di dlux

dlux

Lun, 30/03/2020 - 13:48

Ha notato, Direttore, come fanno presto i negazionisti a rialzare la cresta? Non solo tra i politici, con a capo Renzi, ma anche tra i commentatori tra un punto interrogativo ed un altro si butta là l'idea che dopotutto era meglio l'immunità di gregge di Johnsoniana memoria. Dov'è scritto che gli stolti devono necessariamente venir fuori come le lumache dopo un acquazzone?

Ritratto di adl

adl

Lun, 30/03/2020 - 15:30

Direttore non istighi al reato, di questi tempi gettare una mascherina, può significare 4 anni di reclusione sulle nevi himalayane.

IronHandIronHead

Lun, 30/03/2020 - 16:07

Caro Direttore, il Giornale era di Indro Montanelli. Non avrebbe mai difeso le posizioni becere di questo governo di cadreghisti e di quel fifone del presidente della Lombardia. Senza Libertà non c'è Economia, senza Economia non c'è Salute. Per cui prima apriamo, meglio è. Pensa forse che il Virus si fermi perché stiamo a casa? Ne è davvero sicuro? Fino a quando non si arriva all'immunità di gregge, il Virus chiamerà il suo conto. E il conto sarà sempre lo stesso. Lei è giornalista e immagino faccia fatica a capire il concetto di integrale....Ha ragione Renzi!

ilrompiballe

Lun, 30/03/2020 - 16:35

Caro Direttore, vorrei ricordarle che in tempo di guerra si lavorava e si andava a scuola sotto le bombe. Nel primo dopoguerra, con le epidemie di tifo, idem. Altrettanto si fece ai tempi dell'asiatica (1957/60) con 30 mila morti. Non ho simpatia per Renzi, ma credo che questa volta abbia detto una verità sgradevole, perchè alla fine, quando avremo esaurito le magre riserve, a lavorare si dovrà tornare. Sperando che nel frattempo non siano morte le aziende.

Cheyenne

Lun, 30/03/2020 - 16:59

Purtroppo anche se non ho mai votato pd avevo fiducia in renzi. Dopo un mese ho capito di che brutta pasta era fatto