Corona denunciato per evasione

Durante il tragitto (autorizzato) da Milano a Roma, Fabrizio Corona ha fatto una deviazione per la Liguria, dove è stato fermato in un locale

Corona denunciato per evasione

Potrebbero esserci nuovi problemi all'orizzonte per Fabrizio Corona. L'ex re dei paparazzi ha partecipato all'ultima puntata di Non è l'arena, che da questa stagione presidia il mercoledì sera di La7. Corona ha regolarmente ottenuto l'autorizzazione per recarsi da Milano a Roma, dove si registra il programma condotto da Massimo Giletti, ma prima di raggiungere la Capitale ha effettuato una deviazione verso Genova. Qui è stato riconosciuto dagli uomini della guardia di finanza.

Fabrizio Corona pare si trovasse lì insieme ad alcuni amici e nel momento in cui le forze dell'ordine gli si sono avvicinate per chiedere i documenti li ha mostrati senza esitazione. Seguendo la procedura, la guardia di finanza ha posto Corona in stato di fermo giudiziario. Il pubblico ministero di turno, Arianna Ciavattini, pare abbia richiesto l'arresto in carcere per l'ex re dei paparazzi. Tuttavia, il pm ha ricevuto il parere contrario del giudice e Fabrizio Corona è stato denunciato a piede libero per evasione.

Dopo essere stato ospite di Massimo Giletti, e aver litigato col giornalista Luca Telese, Fabrizio Corona ha fatto ritorno nella sua abitazione nel centro di Milano ma quanto accaduto a Genova potrebbe avere delle ripercussioni per lui. Infatti, i giudici del tribunale di Sorveglianza di Milano potrebbero nuovamente applicare la misura cautelare in carcere per Fabrizio Corona. L'ex marito di Nina Moric a Massimo Giletti ha raccontato i suoi ultimi 7 mesi di vita, dal giorno in cui, proprio il tribunale di Sorveglianza di Milano, decise di sospendergli i domiciliari.

A causa di una reazione molto forte e autolesionista, Corona fu prima trasportato nel reparto di Psichiatria dell'ospedale Niguarda di Milano e poi fu tradotto nel carcere di Monza. Iniziò uno sciopero della fame e della sete come protesta per quella decisione e proseguì nel compiere atti autolesionisti. Il provvedimento di sospensione dei domiciliari venne poi revocato e dopo circa un mese Fabrizio Corona tornò a casa. Lo scorso 29 settembre, la corte di Cassazione ha annullato il provvedimento sospensivo del tribunale di Milano, in parte con rinvio (per un aspetto relativo a un difetto di motivazione) e in parte senza.

"Fabrizio Corona non voleva scappare. È stato un errore: ha interpretato male il permesso che gli era stato concesso", ha detto l'avvocato Ivano Chiesa a Fanpage. Il legale ha poi proseguito: "Fabrizio è uscito tre ore prima da casa. Stava andando a fare delle visite prima di andare a Roma e partecipare al programma tv di Massimo Giletti. Ha chiesto scusa, è stato un errore. Ha sbagliato, ma non c'era l'intenzione di scappare"

Commenti