"Con una mano mi tappava la bocca, con l'altra mi riempiva di pugni". Così lo straniero ha provato a stuprarla

La giovane si è fatta forza anche per le altre donne che hanno vissuto la stessa terribile esperienza ed ha voluto raccontare l'incubo vissuto quella notte: "Mai avrei pensato che mi potesse accadere una cosa del genere"

È ancora comprensibilmente sotto choc la giovane donna aggredita giovedì notte a Firenze da un uomo dal volto coperto che, dopo averla assalita alle spalle, ha tentato di violentarla, strappandole i vestiti e riempiendola di botte al minimo accenno di resistenza.

Mentre gli inquirenti sono impegnati nelle ricerche del responsabile, la 30enne ha deciso di rilasciare qualche dichiarazione al quotidiano La Nazione, che riporta oggi la sua drammatica storia.

Durante la notte fra giovedì 9 e venerdì 10 gennaio, la giovane stava facendo ritorno a casa, quando è iniziato il suo incubo. “Ho 32 anni, e da tanto tempo ormai lavoro in un locale nella zona di Santa Croce, nel cuore del centro storico. Stavo rientrando a casa ed ero quasi in piazza dei Giudici, a due passi dalla Galleria degli Uffizi, erano da poco passate le due di notte. Quante volte ho percorso quella strada, quante volte ho attraversato quella piazza”, comincia il suo racconto la donna, ancora molto scossa.“Ho spesso avuto paura, ma ho sempre pensato che non mi sarebbe mai potuto accadere nulla di male. Poi, l’altra sera, un uomo col viso coperto da un cappuccio mi ha prima spinta contro un muro, poi mi ha tappato la bocca abbassandomi in pochi istanti i pantaloni”.

Le intenzioni del pericoloso individuo sono state chiare sin da subito. Appena la giovane ha tentato di opporre resistenza, l'uomo ha risposto con estrema violenza, tempestandola di pugni e premendo forte la mano sulla sua bocca per farla tacere. “Mi ha palpeggiata e ha cercato di violentarmi: ci sarebbe riuscito se non fosse stato per quattro ragazzi che stavano uscendo da una discoteca e che hanno sentito le mie urla. Subito dopo sono arrivati i carabinieri. È stato terribile, mai avrei pensato che mi potesse accadere una cosa del genere”, dichiara la vittima, che mai si sarebbe aspettata di subire una simile violenza nella sua Firenze.

Il ricordo di quegli attimi orribili è vivido nella sua mente:“Lui continuava a urlare: 'Stai zitta, stai zitta'. Io cercavo di divincolarmi ma lui con una mano mi tappava la bocca, con l’altra mi riempiva di pugni sugli occhi, sulla bocca, sulle guance. Dappertutto, non so neppure raccontare, spiegare bene che cosa si prova, quale tipo di dolore. A un certo punto mi ha colpita così forte che sono caduta a terra, ho sbattuto la testa e lui è riuscito ad abbassarmi i pantaloni. Io continuavo a divincolarmi ma avevo la sua mano sempre sulla bocca e non potevo chiedere aiuto. È stato un incubo. Poi con tutta la forza che avevo in me sono riuscita a mordergli un dito: lui allora, forse per il dolore, ha sollevato la mano e io ho urlato sperando che qualcuno mi sentisse”.

La vicenda avrebbe potuto concludersi in maniera assai peggiore, se il gruppo di giovani non fosse accorso, insieme ai carabinieri. “Sentivo che mi cercavano ma non riuscivano a vedermi. Sono riuscita di nuovo a urlare aiuto e mi hanno trovata. Quell’uomo, invece, è scappato”, spiega la 30enne.

Nessuna traccia del pericoloso soggetto, attualmente ancora a piede libero. Nessuna informazione su di lui, la stessa vittima dichiara di non essere riuscita a vederlo bene in faccia. “Non riuscivo a vederlo in faccia, il suo volto era completamente coperto”, ha riferito al quotidiano. Secondo alcune fonti, si tratterebbe di uno straniero, ma tutto è ancora da verificare.

Dopo la violenta aggressione, la vittima ha trascorso due notti all'ospedale di Santa Maria Nuova, dove è stata ricoverata. Da ora in poi dovrà imparare a convivere con il ricordo della brutale violenza subita. “Non sono riuscita a dormire né credo che ci riuscirò per molto tempo, ho sempre la sua immagine incollata addosso. Ed è inutile dire che ho paura e che sarà difficile tornare alla normalità, al lavoro, alla vita di sempre. È assurdo che accadano cose del genere, e purtroppo so di non essere l’unica”, dice con amarezza. “Non si può più fare finta di nulla. Ho deciso di raccontare questa storia perché qualcuno faccia qualcosa. Lo faccio per me e per tutte le altre che si vergognano, che soffrono in silenzio, che si portano da sole un peso che anche io, adesso, ho sopra le spalle e dentro il cuore. E so che forse lo avrò per sempre" afferma, concludendo così la sua intervista.

Sul caso è intervenuto anche il capogruppo di Fratelli d'Italia a Palazzo Vecchio Alessandro Draghi. "Sarà arrestato l'aggressore? In piazza ci sono 5 telecamere su importanti sedi e palazzi: caserma dei carabinieri degli Uffizi, Museo delle Scienze e la Camera di Commercio appena ristrutturata. Serviranno a scoprire il delinquente che si è permesso di fare un crimine così efferato", si augura.

"Inoltre ho notato come sempre che l'illuminazione della piazza è molto bassa per non parlare dei vicoli circostanti; chiederemo come opposizione di aumentate potenza e punti luce e di riattivare le lanterne affisse sulla Camera di Commercio, dove da poco si sono conclusi i lavori di restauro", conclude Draghi.

I commenti saranno accettati:
  • dal lunedì al venerdì dalle ore 10:00 alle ore 20:00
  • sabato, domenica e festivi dalle ore 10:00 alle ore 18:00.
Non sono consentiti commenti che contengano termini violenti, discriminatori o che contravvengano alle elementari regole di netiquette.
Qui le norme di comportamento per esteso.
Commenti

ginobernard

Dom, 12/01/2020 - 15:13

I loro comportamenti diventano sempre più i nostri Sarà barbarie Donne bambini vecchi come i marocchini nella seconda guerra mondiale

kayak65

Dom, 12/01/2020 - 15:50

Argentino pro migranti attendo la tua risposta

maurizio50

Dom, 12/01/2020 - 16:19

Ma a Firenze son tutti felici & compagni. Il PD ha stravinto anche le ultime elezioni comunali. Vuol dire che ai Fiorentini la città "pericolosa" piace ....da morire!!!1

Divoll

Dom, 12/01/2020 - 16:46

Com'e' possibile che "mai si sarebbe aspettata" un'aggressione del genere? Mica vive su Marte. Tutte le donne dovrebbero portare in tasca o in borsa lo spray al peperoncino.

vottorio

Dom, 12/01/2020 - 17:29

Quando vengono identificati questi individui, contestualmente alla giusta carcerazione, vanno sottoposti alla 2castrazione chimica".

Malacappa

Dom, 12/01/2020 - 17:46

No Divoli quello che devono portare in borsa e'una beretta cal.9 efficace e definitiva

aldoroma

Dom, 12/01/2020 - 18:02

Risorse... Le famose risorse che vuole la sinistra I buonisti e.... Company

Ritratto di RoseLyn

RoseLyn

Dom, 12/01/2020 - 18:07

Chissà se si è trattato di uno di quei poveri giovani esausti che arrivano sulle nostre coste.Chissà se lo prenderanno e se ci diranno l'identità di questo energumeno.

STREGHETTA

Dom, 12/01/2020 - 18:16

" Siamo una colonia " - Bisogna rendersi conto che ormai il nostro paese non ci appartiene più, non è più ascrivibile a quelli civili, perché la barbarie ci invade. Forse che alle due di notte una donna andrebbe in strada da sola nei paesi arabi o africani? Non credo proprio, si accorgerebbe immediatamente che non è il caso. Bene, hanno già fatto del nostro paese, teoricamente europeo e occidentale, una colonia dove il sottosviluppo culturale la fa da padrone. Questi p+rci fanno assolutamente i loro comodi, protetti dagli esponenti della sinistra in tutti i campi. Se la prendono, menando, persino con la polizia( fra l'intima gioia compagna ), figurarsi se non vogliono cercare di brutalizzare le donne, per loro, islamici, inferiori e puri oggetti. Ringraziamo, E NON FINIAMO DI RINGRAZIARE, i loro por+i padrini, gli squallidi e idioti sinistri. Sperando che la polizia un giorno lasci aggredire e brutalizzare loro.

pushlooop

Dom, 12/01/2020 - 18:16

Firenze come una periferia del Cairo. Grazie ai giudici comunisti che interpretano la legge a favore di ladri,clandestini e spacciatori

er_sola

Dom, 12/01/2020 - 18:17

Ringraziate chi li considera risorse... che accada anche a loro che, forse, non aspettano altro!

Anonimo51

Dom, 12/01/2020 - 18:46

Anche se lo trovassero domani, il giorno dopo sarebbe di nuovo libero, per bontà' di qualche toga sinistroide che applicherebbe tutte le attenuanti possibili, in primis la mancanza di flagranza. di qui il premio di lasciarlo libero di continuare a delinquere. Evviva la giustizia italiana.

Palladino

Dom, 12/01/2020 - 19:10

ma questi fiorentini non vedono come è ridotta la loro città. Eppure votano e rivotano sempre più massicciamente a sinistra.Contenti loro.

Reip

Dom, 12/01/2020 - 19:11

Tra un po’ gli italiani avranno tanti figli e nipotini africani....

Algenor

Dom, 12/01/2020 - 19:22

Non sarebbe ora di portare a trentanni la pena minima per violenza carnale e almeno ventanni per la tentata violenza?

Ritratto di Leonida55

Leonida55

Dom, 12/01/2020 - 19:34

Ringraziate la sinistra. E continuano a farne arrivare tanti.

Yossi0

Dom, 12/01/2020 - 20:19

cosa succede a firenze sindaco PD ? il suo collega di palermo tale orlando cascio sostiene che la sua città diventata migliore grazie agli immigrati ... posso permettermi di suggerirle umilmente di andare a palermo a fare un corso di formazione ?

Antibuonisti

Dom, 12/01/2020 - 20:38

Sara' meglio che vi abituiate perché' i vostri idoli del PD e' questo che vogliono.

bernardone

Dom, 12/01/2020 - 20:54

Si sa cosa c'è da fare ma occorre lavorare perché politicamente ciò sia possibile, ora è il contrario, ovvero la possibilità di delinquere e di far del male per chiunque lo voglia!

Una-mattina-mi-...

Dom, 12/01/2020 - 21:10

GRAZIE AL PAPA, ALL'ANPI ED AI COMUNISTI TUTTI!

Ritratto di saggezza

saggezza

Dom, 12/01/2020 - 22:41

Riuscire ad identificarlo ed arrestarlo e poi metterlo subito in libertà? fa differenza? credo di no. Piuttosto le donne devono prendere tutte le precauzioni: armarsi di coltello, pistola o frequentare corsi di arti marziali. Sull'attuale giustizia e sui compari di governo non si può fare affidamento

Ritratto di iNick

iNick

Lun, 13/01/2020 - 03:39

Abito a 20 metri da Piazza Santa Croce. CHE SCHIFO.