Briatore parla ai giovani: "Vi vedo assembrati senza mascherine, così il Paese rischia"

Flavio Briatore ora è in prima linea per chiedere massima attenzione delle norme anti-contagio per evitare il tracollo dell'Italia con un altro lockdown

La situazione nel Paese è di massimo allarme, i contagi sono in risalita e all'orizzonte si sta profilando lo spettro di nuove chiusure. Il prossimo dpcm di Giuseppe Conte è atteso nei prossimi giorni e i militari sono già in presidio nei centri delle città per controllare il corretto utilizzo delle mascherine e il distanziamento. Nonostante questo, dalle città italiane continuano ad arrivare immagini di assembramenti incontrollati e di movida, uno scenario che non sembra quello di un Paese che ha subito un lockdown lungo due mesi a causa della pandemia. A lanciare l'allarme dai suoi profili social ora è anche Flavio Briatore, che nei mesi scorsi difendeva a spada tratta i giovani e il divertimento ma che oggi, alla luce di quanto sta accadendo, si sente in dovere di fare un monito per richiedere maggiore attenzione.

"Voi ragazzi sapete quanto vi abbia sempre difeso, condannando che si cercassero nei giovani gli untori da dover condannare. Oggi la situazione è delicatissima e il rischio di nuove chiusure è reale e sapete cosa potrebbe significare. La morte irreversibile di un Paese che NON PUÒ PERMETTERSELO!!!", esordisce Flavio Briatore nel post condiviso su Instagram, nel quale ha inserito il collage di tre diverse situazioni di assembramento in città differenti. Nei mesi scorsi, l'imprenditore ha difeso con vigore gli operatori della notte, i titolari delle discoteche e i giovani che in quelle discoteche hanno cercato lo svago dopo i terribili mesi del lockdown. Ora, però, la situazione è radicalmente cambiata ed è necessaria la massima attenzione da parte di tutti per evitare che l'Italia ritorni nell'incubo dell'emergenza sanitaria. Un altro lockdown metterebbe definitivamente al tappeto l'economia del Paese, farebbe danni irreparabili al tessuto economico e sociale italiano.

In questa nuova fase, Flavio Briatore si rivolge ai giovani e ai meno giovani come se fosse un padre premuroso che si raccomanda con i suoi figli: "Continuo a vedere immagini di assembramenti fuori dai locali che nulla hanno a che fare con l’idea di svago o goliardia, ma solo grande irresponsabilità ed incoscienza. Ora più che mai dobbiamo evitare che blocchino il Paese e con questi atteggiamenti non facciamo altro che accellerare che tutto ciò avvenga. Vi vedo senza mascherine, appiccicati come formiche".

Quello di Flavio Briatore è un monito forte, che non ammette repliche e che, soprattutto, si basa sulla consapevolezza di un imminente catastrofe se non si cambia rapidamente rotta e non si assumono comportamenti adeguati. L'Italia cammina sull'orlo di un precipizio nel quale non si può permettere di precipitare per la seconda volta. "Non fate CAZZATE perché il rischio che stiamo correndo è devastante per tutti, voi compresi. Confido in una vostra presa di coscienza e senso di responsabilità perché così finiamo tutti nel baratro", ha concluso Briatore.

Voi ragazzi sapete quanto vi abbia sempre difeso, condannando che si cercassero nei giovani gli untori da dover condannare. Oggi la situazione è delicatissima e il rischio di nuove chiusure e’ reale e sapete cosa potrebbe significare. La morte irreversibile di un Paese che NON PUÒ PERMETTERSELO!!! Continuo a vedere immagini di assembramenti fuori dai locali che nulla hanno a che fare con l’idea di svago o goliardia, ma solo grande irresponsabilità ed incoscienza. Ora più che mai dobbiamo evitare che blocchino il Paese e con questi atteggiamenti non facciamo altro che accellerare che tutto ciò avvenga. Vi vedo senza mascherine, appiccicati come formiche. NON VA BENE! Non fate CAZZATE perché il rischio che stiamo correndo è devastante per tutti, voi compresi. Confido in una vostra presa di coscienza e senso di responsabilità perché così finiamo tutti nel baratro. #FlavioBriatore #covid_19 #lockdown #giovani #locali #assembramenti #distanziamentosociale #coviditalia #palazzochigi #governo #responsabilità

Un post condiviso da Flavio Briatore (@briatoreflavio) in data:

I commenti saranno accettati:
  • dal lunedì al venerdì dalle ore 10:00 alle ore 20:00
  • sabato, domenica e festivi dalle ore 10:00 alle ore 18:00.
Non sono consentiti commenti che contengano termini violenti, discriminatori o che contravvengano alle elementari regole di netiquette.
Qui le norme di comportamento per esteso.
Commenti
Ritratto di Zagovian

Zagovian

Dom, 11/10/2020 - 14:49

....Briatore,vada anche lei in Svizzera,o se vuole guardi questa WEBCAM..."WEBCAM LUGANO PIAZZA DELLA RIFORMA"....la mascherina la portano SOLO,quelli che si vogliono "proteggere",quelli che hanno della patologie un pò a rischio...TUTTI gli atri girano senza mascherina,stanno seduti ai tavoli dei bar,si incontrano,parlano,i bambini giocano....LA VITA NON SI E'FERMATA,l'Economia non si è fermata,ed hanno avuto 240 morti/milione abitanti(Italia 590/milione,con tutto il casino dei "lockdown",con tutto il TERRORISMO mediatico...Briatore,non ci si metta anche lei nello spargere PAURA INUTILE!!!!

Ritratto di Fabious76

Fabious76

Dom, 11/10/2020 - 14:55

Questa volta apprezzo le dichiarazioni di Briatore. Apprezzo anche il fatto che, tra le righe, ammette di aver sbagliato a difendere sempre i giovani. Tutti hanno il diritto di poter andare nei ristoranti, di poter trascorrere una serata in compagnia di amici in qualche locale, non solo i giovani! Chi, come me, ha una malattia cronica ritenute a rischio in caso di contagio da covid, ha diritto di poter uscire in tranquillità e sicurezza. Qualcuno ha scritto che chi ha paura o ha qualche patologia deve rinchiudersi in casa e lasciare che i giovani si divertano. No! I giovani devono imparare a rispettare le regole e soprattutto devono imparare a rispettare gli altri. Devono imparare che il divertimento è giusto, ma il rispetto per le persone conta di più! Io porto sempre la mascherina non solo per me ma anche e soprattutto per chi mi sta vicino. Questo si chiama rispetto!

bernardo47

Dom, 11/10/2020 - 15:37

Ribaltone......però in estate vuole le discoteche per cuccare la grana e in inverno vuole lo schopping per ricuccare la grana! La sua e ‘ solo in questione di grana.....

BEPPONE50

Dom, 11/10/2020 - 15:56

Si e' ravveduto come MAIIIIIIIIIIIIIIII queste estate faceva comodo avere i giovani nelle sue discoteche un signore che ha perso molto oramai PARLA PARLA

cgf

Dom, 11/10/2020 - 16:02

@Zagovian Perché non guarda Time Square NYC hanno tutti la mascherina. Che ragionamenti fa? non è già cresciuto? Lugano non è Italia, vada a vivere in Svizzera [se la prendono!]

Leo6776

Dom, 11/10/2020 - 16:13

Fabious76. Briatore è preoccupato che nuovi lockdown portino alla morte del Paese. Quello che persone come lei non si rendono conto è che siamo tutti sulla stessa barca. Se già prima del lockdown l'Italia non riusciva a far quadrare i conti, come ci riuscirà ora o dopo un'ulteriore lockdown? Al momento avremo i soldi del Recovery Fund, ma quanto dureranno? Poi patrimoniali su patrimoniali ma alla fine si arriverà al punto che lo Stato non riuscirà a pagare più ne le pensioni ne gli stipendi? E dopo? Scommetto che lei ha buoni soldini in Banca. Bè, se alle Banche non arrivano più i soldi dei vari mutui visto che questi non ricevono più stipendi, la Banca va in crisi di liquidità e chiude. Poi? Che farà dopo? Si ricordi sempre di una cosa: fra due mali è sempre meglio andare per il minore

Ritratto di Zagovian

Zagovian

Dom, 11/10/2020 - 16:31

@cgf 16:02...tutti quelli dei Paesi TERRORIZZATI portano la mascherina...Il Governo Svizzero non ha TERRORIZZATO nessuno(come quello Svedese) e questi sono i risultati!Ho vissuto per 25 anni all'estero,...non mi dispiacerebbe certo,andare a vivere in Svizzera...

Divoll

Dom, 11/10/2020 - 16:43

E te pareva? Briatore e' anche lui un tassello del Potere, prima lo capiamo che siamo circondati, meglio e'.

Nes

Dom, 11/10/2020 - 16:45

Prima regola dei secoli passati in presenza di carestie o delle più terribili pestilenze era quella di assicurare al popolo il suo benessere lavorativo e soprattutto alimentare, se si fermano queste attività non fermeranno il virus perché la popolazione sopperirà nella povertà acquisita, se é questo che vogliono sono sulla retta via.

sarascemo

Dom, 11/10/2020 - 17:56

Se proprio dovete assembrarvi andate al Billionaire e versategli mille euro per una gazzosa. L'evidenza gli ha fatto cambiare idea nel giro di una settimana.

cgf

Lun, 12/10/2020 - 10:17

@Zagovian a Taiwan Da DICEMBRE hanno avuto 527 casi in totale con 488 ricoverati e 7 decessi IN TOTALE e ZERO GIORNI di lock down e scuole chiuse. Come? distanziamento e mascherina. Ma lei ci vive in Svizzera, ha mai provato a farlo? In ogni caso in Svizzera il numero di nuovi contagi è inferiore a 1500/die ed è già stato dichiarato da Martin Ackermann, loro hanno un accademico e non un politico a capo della task force, che se il numero delle persone infette aumentasse, TORNEREBBE l'obbligo della mascherina anche all'esterno, ma pare che gli sFiZeri non siano come gli italiani, eviti di fare paragoni tra l'acqua e la roccia.

Ritratto di Fabious76

Fabious76

Lun, 12/10/2020 - 13:13

Leo6776 Dom, 11/10/2020 - 16:13. Ha ragione... Siamo tutti sulla stessa barca! Allora cosa costa rispettare le regole e tenersi una benedetta mascherina ed evitare di radunarsi come una mandria di pecore fuori e dentro i locali? Siamo in un periodo difficile sia per le famiglie che per le imprese! Secondo lei non è importante cercare di evitare nuovi blocchi di interi settori, per non parlare delle chiusure di comuni o regioni intere? Secondo lei è più importante lavorare e portare i soldi a casa seguendo delle banali regole, o fregarsene di tutto e ritrovarsi a dover aspettare di nuovo la cassa integrazione?

cgf

Lun, 12/10/2020 - 18:14

Errata corrige: A Taiwan i casi sono +2 da oggi. Uno di una donna che era residente in Francia per studio da Gennaio e rientrata una settimana fa. In quarantena è risultata positiva al controllo di oggi 12/10. Il caso 529 è una donna d'affari, sempre taiwanese, rientrata da Dubai il 30 settembre, due giorni fa ha cominciato a perdere l'olfatto ed è risultata positiva. Avrebbe dovuto finire la quarantena al più tardi giovedì.