Le fosse comuniste dell'orrore: qui la gente spariva nel nulla

Nelle foibe non finirono sono gli italiani, ma anche migliaia di dissidenti. Come spieghiamo in questo articolo

Come noto, negli ultimi anni la Memoria della tragedia della Foibe è sotto attacco da un numero crescente della sinistra giustificazionista o revisionista, nel solco inaugurato più di venti anni fa dalle note Alessandra Kersevan e Claudia Cernigoi. La differenza è che se queste ultime avevano un pubblico ristretto a poche centinaia di visitatori sui loro siti web e ben scarsi lettori dei loro pamphlet autoprodotti e qualche decina di spettatori alle loro conferenze presso la sinistra radicale, ora le loro tematiche si stanno facendo strada verso parti sempre più rilevanti del grande pubblico, sino ad approdare alle porte dell’editoria di massa e della politica nazionale.

A questi attacchi la risposta organica culturale e politica è ancora lungi dal vedersi, limitata tra le poche altre alle documentate pubblicazioni edite dal mensile Storia in Rete (n°123-124, n° 136, n° 161, n° 173 e lo Speciale n° 8 Dalle Foibe all’Esodo. Radici, storia, vittime, responsabili e complici di una tragedia italiana) e alla interessante iniziativa del fumetto Foiba rossa. Norma Cossetto, storia di un’italiana di FerroGallico (Milano 2018), la quale però, pur indovinata nella scelta del media per l’uso divulgativo rivolto ai giovani, non rappresenta appunto una risposta storiografica, mentre mancano del tutto sia un'opera attendibile e nel contempo divulgativa di risposta a questi attacchi, sia un’opera scientifica sulle Foibe impostata sull’analisi scientifica-documentale di questi avvenimenti.

Nel 2004, infatti, il centrodestra ha raggiunto l’obiettivo di porre finalmente in luce la tragedia delle foibe e dell’esodo e dell’istituzionalizzarne la memoria con il Giorno del Ricordo ha sostanzialmente pensato che la “missione fosse compiuta”, mentre è evidente che uno spazio una volta occupato deve essere continuamente presidiato, pena la sua riconquista dall’avversario. Vale per le scienze militari, vale per la politica, vale per la storiografia su temi contestati politicamente.

Inoltre, un altro tra i diversi limiti di questa impostazione è stato il quasi totale disinteresse verso gli avvenimenti e le ricerche oltre il confine su quelle che chiameremo “le altre foibe”, ossia le conseguenze della strategia di repressione del dissenso interno da parte di Josif Tito delle stesse popolazioni slovene, croate e serbe. Pur con alti e bassi derivanti dalle convenienze politiche contingenti, in Slovenia e Croazia dal 1990-1991 in poi sono stati fatti da autorità e ricercatori storici degli sforzi ben maggiori rispetto alle controparti italiane per ricostruire e trasmettere la memoria delle atrocità titine, arrivando a cristallizzare tramite scavi, analisi forensi (vedi Pavel Jamnik, “Inclusion of Archaeology in Criminal Investigations – Slovenia”, in Forensic Archaeology: a Global Perspective, Hoboken 2015) e studi (come la raccolta di saggi Slovenjia 1941, 1948, 1952. Tudi mi smo umrli za domovino edita dalla “Associazione per la sistemazione dei sepolcri tenuti nascosti”, Lubiana 2000, tr. it. Slovenia 1941-1948-1952 - Anche noi siamo morti per la patria. I sepolcri tenuti nascosti e le loro vittime, Milano 2005, la quale, pur disomogenea nella qualità dei contenuti, rappresenta un’opera di grande importanza storico-documentale) le evidenti e inconfutabili prove dei massacri di massa titini. A dimostrazione che non erano esclusivamente i veri o presunti "crimini nazifascisti" ad alimentare questi eccidi, ma bensì il cinico e lucido progetto totalitario, espansionistico e repressivo di Tito, maturato sin dai suoi esordi politici negli anni '20, pianificato lucidamente e eseguito dal suo rodato braccio armato, ossia la polizia politica dell'Ozna (William Klinger, Ozna. Il terrore del popolo. Storia della polizia politica di Tito, Trieste 2015). Tra l’altro, bisogna ricordare come questo progetto totalitario non dipese come pretendono giustificazionisti e negazionisti da una “risposta” alle vere o presunte precedenti violenze degli occupanti italiani dal Ventennio al 1945, poiché a essere perseguitati e talvolta liquidati furono anche gli stessi comunisti slavi e italiani, quando in disaccordo con la linea politica di Tito.

Per quanto riguarda la sola Slovenia, sono stati identificati oltre 600 siti in tutta la nazione, mentre resti umani sono stati per ora trovati in ventisette. Le esecuzioni di massa effettuate dai titini sul territorio sloveno prima della fine della guerra riguardarono principalmente soldati tedeschi e italiani catturati in azione e collaborazionisti, per poi dopo il 1945 interessare anche – e soprattutto – nemici “etnici” come gli italiani, e sloveni, croati e serbi vittime delle purghe politiche o consierati “nemici del popolo”, per un totale stimato di circa 100.000 vittime.

Una di queste “altre foibe” è il pozzo minerario di Huda Jama, dove i partigiani di Tito giustiziarono 2.500 persone tra veri e presunti “collaborazionisti” e civili. Negli anni scorsi sono stati riesumati i resti di 778 persone, e le fotografie scattate all’interno del pozzo sono una agghiacciante testimonianza visiva dell’eccidio.

Oltre a Huda Jama e a Kočevski rog, dove furono liquidati con un colpo alla nuca 2.000 domobranci sloveni, 3.000 serbi, 2.500 croati e 1.000 montenegrini, c’è il sito di Tezno, vicino a Maribor, una delle “foibe” più grandi della Slovenia. Qui, nel 1999, furono ritrovati i resti di 1.179 persone. Nel 2007 i sondaggi che furono effettuati dimostrarono che l’intera cavità lunga 930 metri è piena di cadaveri. Le prime stime fatte dagli esperti parlano di circa 15.000 vittime gettate del buco (Mauro Manzin, Lubiana “dimentica” le vittime dei titini, “Il Piccolo”, 4 marzo 2015).

Una “topografia dell’orrore” che merita di essere studiata e approfondita anche in Italia, sia per il rispetto comune dovuto a queste vittime al di là della loro nazionalità, sia per le lezioni da apprendere per uno studio scientifico delle persecuzioni titine verso gli italiani e per rispondere efficacemente agli “utili idioti” giustificazionisti filo titini nostrani.

I commenti saranno accettati:
  • dal lunedì al venerdì dalle ore 10:00 alle ore 20:00
  • sabato, domenica e festivi dalle ore 10:00 alle ore 18:00.
Non sono consentiti commenti che contengano termini violenti, discriminatori o che contravvengano alle elementari regole di netiquette.
Qui le norme di comportamento per esteso.
Commenti
Ritratto di Flex

Flex

Lun, 15/02/2021 - 12:13

Per oltre settant'anni la storia, la politica e i media hanno sottaciuto, minimizzato e a volte negato l'orrore del comunismo nascondendosi dietro gli errori del nazifascismo ma questo non li assolve dalle loro responsabilità che vanno rese pubbliche.

Enne58

Lun, 15/02/2021 - 12:39

La vergogna comunista che per 75 anni ha taciuto e fatto sparire dai libri di testo i loro misfatti, pensando di cavarsela. Ricordiamoci bene che che che le dittature comuniste hanno anche loro un buon numero di morti sulla coscienza. Purtroppo però mentre le dittature di destra destra non esistono più da parecchio tempo quella comunista continua ad imperversare ancora oggi

Ritratto di ANGELO POLI

ANGELO POLI

Lun, 15/02/2021 - 12:42

Flex, condivido completamente quanto hai scritto.

Ritratto di asimon

asimon

Lun, 15/02/2021 - 13:03

e nonostante tutto quello che emerge sulle foibe i "democratici" kompagni non solo vogliono tenere tutto nascosto ma pretendono che non ne parli più nessuno

Ritratto di Smax

Smax

Lun, 15/02/2021 - 13:33

Infamia dei media allineati e corrotti dal pensiero unico. Settant'anni a parlare di libertà e diritti civili intanto hanno taciuto un macello paragonabile a un genocidio. imbarazzante dire che il comunismo ha fatto più morti del nazismo. E continuano a negare seduti su una montagna di scheletri.

Malacappa

Lun, 15/02/2021 - 13:35

Noooo non ci credo i comunisti non fanno ste cose

maurizio-macold

Lun, 15/02/2021 - 13:47

Purtroppo questo giornale si e' fossilizzato sull'orrore delle foibe, dimenticando VOLUTAMENTE che in Italia furono istituiti circa 35 lager, dei quali i piu' grandi furono quelli di Fossoli, Bolzano, la Risiera di San Sabba, Borgo San Dalmazzo (Cuneo) e Fenestrelle. Sarebbe ora che fossero ricordati tutti i martiri del fascismo, del nazismo e del comunismo ricordandone anche le dimensioni numeriche e le cause (vedi leggi razziali del 1938).

Ritratto di alfredido2

alfredido2

Lun, 15/02/2021 - 13:48

Il Comunismo si è reso colpevole di eccidi di natura simile a quella dei nazisti. Da Stalin alle foibe,agli eccidi di Cambogia e Birmania etc.Si è sempre espresso come organizzazione politica dittatoriale. Dovrebbe essere ,sulla base dei fatti, messo al bando ,in Europa,come il partito nazista.

maurizio-macold

Lun, 15/02/2021 - 14:24

@ ALFREDIDO2 (13:48). Fra i partiti da mettere al bando lei si e' dimenticato di citare il partito fascista.

Ritratto di siredicorinto

siredicorinto

Lun, 15/02/2021 - 14:27

Fino agli anni settanta son stati trov

fabioerre64

Lun, 15/02/2021 - 14:28

@maurizio-macold, c'é un piccolo particolare, da sempre i martiri di nazismo e fascismo sono ricordati eccome, quelli del comunismo no, stanno venendo fuori solamente da pochi anni e questo è assolutamente vergognoso. Avrai studiato storia a scuola, hai mai avuto il piacere di leggere qualcosa, anche solo 3 righe sulle foibe? Io e tutta la mia generazione non abbiamo avuto il piacere, come non abbiamo avuto il piacere di conoscere i fatti di cronaca nera avvenuti a guerra ampiamente finita ad esempio nel triangolo rosso o triangolo della morte dell'Emilia... segue

fabioerre64

Lun, 15/02/2021 - 14:29

...io sono cresciuto con la convinzione che i nazisti e i fascisti erano dei criminali della peggior specie e i partigiani degli eroi e dei santi (anche se mia nonna, assolutamente democristiana, qualcosa mi aveva già raccontato), invece da un pò di tempo ho scoperto che i primi restano criminali della peggior specie ed i secondi, relativamente ai partigiani comunisti, idem. Ma un paese che ha dato una delle massime onoreficenze della repubblica a Tito, efferato criminale e assassino di italiani (oltre che del suo stesso popolo), che paese è? Io da italiano mi vergogno.

Ritratto di siredicorinto

siredicorinto

Lun, 15/02/2021 - 14:32

fino ai primi anni 70 sono stati trovati depositi di armi dell partito armato, cosi'era chiamato, ricordo bene.komunisti innamorati della URSS prima e di Mao dopo.Poi di POL POT e di KOMEHINI, tutti sporchi di sangue innocente versato in nome dell'internazionale socialista o di credo sanguinari. Maledetti, la storia vi ha condannato ma voi continuate ancora. Purtroppo la madre degli stupidi, utili stupidi , é sempre in cinta .

Ritratto di Rudolph65

Rudolph65

Lun, 15/02/2021 - 14:36

maurizio-macold Lun, 15/02/2021 - 13:47 - macold,dimenticavo,si le leggi razziali nel 1938,nella mia città,e quindi? le leggi razziali sonop state nominate in tutti gli anni,dal 1938 al 2021. Le foibe invece sono state tenute nascoste per più di 70 anni dai comunisti.Qui da noi a Trieste,lo sapevamo da sempre,perchè veniva raccontato dai "veci" che all'epoca erano giovani,e personalmente le ho visitate,in Italia,Slovenia e Croazia. Per cui,vada a chiedere spiegazioni in Siberia o nelle cave di piombo sparse nella ex Unione Sovietica

Ritratto di Rudolph65

Rudolph65

Lun, 15/02/2021 - 14:39

maurizio-macold Lun, 15/02/2021 - 14:24 - proprio perchè lei deve essere un asino,il partito Fascista è finito il 25 Luglio 1943,con il Gran Consiglio del Fascismo.Con l'arresto di Mussolini,che avrebbe portato alla guerra civile.

Ritratto di alfredido2

alfredido2

Lun, 15/02/2021 - 14:47

Macold : certo anche il partito fascista (pensavo si capisse). L'obbiettivo deve essere salvare la Democrazia .

Santorredisantarosa

Lun, 15/02/2021 - 14:58

LA CLOACA ITALICA CHE GLI DEDICA PIAZZE E VIE, SOLO UNA NAZIONE DECADENTE, SENZA DIGNITA', SENZA ONORE, SENZA CORAGGIO, INCAPACE DI RAGIONARE E DI REAGIRE. «AHI SERVA ITALIA, DI DOLORE OSTELLO, NAVE SANZA NOCCHIERE IN GRAN TEMPESTA, NON DONNA DI PROVINCIA, MA BORDELLO!»

27Adriano

Lun, 15/02/2021 - 15:00

Il partito comunista, il PD e napolitano, cosa dicono sugli eccidi dei komunisti??

Calmapiatta

Lun, 15/02/2021 - 15:09

Ma voi vi rendete conto che nelle scuole italiane la storia del '900 è appena accennata? Cosa volete che i giovani sappiano di ciò che è accaduto nel nostro paese quasi 100 anni fà? L'ignoranza del primo '900 è strumentale, perchè se tutti sapessero avessero conoscenza dei fatti la sx non avrebbe nessuna presa sulla sua base ideologizzata.

Ritratto di Leonida55

Leonida55

Lun, 15/02/2021 - 15:31

Sto leggendo il libro. Eppure alcuni testardi di sinistra negano sempre. Da tutti loro mai sentita una parola di compianto. Limitati si diventa, non si nasce.

Nick2

Lun, 15/02/2021 - 15:53

E' giusto commemorare la tragedia delle foibe e nasconderla o sottovalutarla è stata un grave errore delle sinistre. Ma bisogna ricordare che le foibe sono state una vergognosa reazione all'altrettanto vergognosa pulizia etnica fascista in Jugoslavia. Fossimo corretti dovremmo commemorare nello stesso giorno i morti innocenti italiani e slavi. Altra vergogna: questo giornale online non ha pubblicvato un solo articolo nel Giorno della Memoria!

Ritratto di Nahum

Nahum

Lun, 15/02/2021 - 16:01

Carramba che sorpresa, era noto da secoli che le forze comuniste fecero in Jugoslavia un repulisti ben più esteso di quello toccato alle genti italiane dell'Istria. Cercate: Bleiburg o Kočevski rog ... si parla di 60.000 persone uccise in pochi giorni, leggete anche dei campi di prigionia jugoslavi. Fu repressione feroce contro tutti gli elementi contrari al regime o chi si opponeva alle mire espansionistiche titine ma non fu una prerogativa italiana come cercano di farci credere.

nopolcorrect

Lun, 15/02/2021 - 16:09

Non dimentichiamo l'eccidio di Porzus per opera di partigiani italiani comunisti e del fatto che Palmiro Togliatti, capo dei comunisti, voleva che parte del nostro territorio nazionale passasse alla Jugoslavia!

maurizio-macold

Lun, 15/02/2021 - 16:27

Signor Rudolph65 (14:39), si possono scambiare opinioni senza lanciare offese. E poi il suo post e' incomprensibile: forse l'asino non sono io.

Ritratto di Candidoecurioso

Candidoecurioso

Lun, 15/02/2021 - 16:51

Vedrete che fra un po' il sinistrume si inventerà termini come "diversamente fascisti" pur di non ammettere che quelli che hanno ripulito Istria e Dalmazia dalla presenza italiana erano proprio comunisti, come comunisti erano quelli che in Veneto chiamavano "Spartigiani" perché arrivavano sempre dopo e solo per spartirsi il bottino...

Santorredisantarosa

Lun, 15/02/2021 - 16:56

MACOLD IL PARTITO FASCISTA? MA E' STATA BANDITO CON LEGGE 20 GIUGNO 1952, N. 645 CD LEGGE SCELBA (IL GRANDE MINISTRO SCELBA IO AGGIUNGO E SOTTOLINEO). COME VEDE MACOLD GIA' ESISTE, NON SO SE LEI ERA GIA' NATO, QUESTA LEGGE E ALTRE SUCCESSIVE HANNO PERMESSO LA CONDANNA DI PERSONE. SPERO CHE VEDREMO UNA LEGGE COME LA LEGGE SCELBA QUANDO VERRANNO CONDANNATI I COMUNISTI. SI INFORMI E FACCIA IL PARAGONE TRA IL COMUNISMO E IL NAZISMO E VEDRA' CHE VI E' SOLO LA DIFFERENZA TRA I SIMBOLI FALCE E MARTELO E SVASTICA, COLORE ROSSO E L'ALTRO NERO, SALUTO COL PUGNO O BRACCIO TESO I NAZI, IL PASSO MILITARE NELLE PARATE E' UGUALE, GULAG IL BAFFONE, CAMPI DI CONCENTRAMENTO IL BAFFETTO, MASSACRI UGUALI. STUDI COSI' SI RENDERA' CONTO DI SMETTERLA DI INGINOCCHIARSI A TITO E ALTRI.

Ritratto di Nahum

Nahum

Lun, 15/02/2021 - 17:03

Candidoecurioso il tuo ragionamento contrasta con i fatti dell’Istrua, napolcorrect, porzus fu un eccidio tra italiani in Italia, non è nel tema dell’articolo.

Ritratto di lurabo

lurabo

Lun, 15/02/2021 - 17:07

si ma loro sono bravi

Ritratto di navajo

navajo

Lun, 15/02/2021 - 17:51

Nahun. Porzus, ci sta tutto. Dimostra che per i comunisti non c'era necessità, per assassinarti, che tu fossi fascista, bastava che tu non fossi comunista, se pur partigiano. E qui si aggiungono anche le corbellerie di Nick2. Ma quale reazione. Non c'era nemmeno un fascista, né un italiano, durante le guerre jugoslave del dopo Tito. Eppure di episodi di pulizia etnica, di stragi, di violenze, di fosse comuni ce ne sono state a centinaia. La putrida ideologia marxista annebbia.

fabioerre64

Lun, 15/02/2021 - 17:53

@Nick2 e @Nahum, continuate a giustificare le stragi perpetrate da Tito ed i comunisti parlando di vendetta a seguito di quello che i fascisti avevano fatto nella ex Jugoslavia, innanzitutto se ti vuoi vendicare di una violenza subita ti vendichi solo ed esclusivamente con chi ti ha fatto violenza, non getti in un buco bambini di 2 anni vivi, figli di persone che non avevano nulla a che fare con il fascismo, secondariamente un conto è quello che si fa durante una guerra, dove ci sono delle regole scritte, un conto è quello che si fa a guerra finita.

mozzafiato

Lun, 15/02/2021 - 17:54

NAHUM eccoti di nuovo ad istruire i fasisti qui circa la verità sugli eccidi dei komunisi jugoslavi. Ma commetti un gravissimo errore matematico kompagno ! I morti ammazzati dai komunisti di tito (in kombutta con l'armata rossa di stalin) non furono 60.000 come affermano i testi no global cui attingi tu, MA FURONO LA BELLEZZA DI 2.000.000 in tutti i paesi danubiani occupati e nella stessa Germania (li però solo dai sovietici). I macellai slavi e russi, si accanirono contro le minoranze etniche tedesche in quelle regioni, macellanadone in kombutta fra di loro ben due milioni! segue

mozzafiato

Lun, 15/02/2021 - 18:04

NAHUM vista la tua tragicomica preparazione sull'argomento "stragi dei titini" mi vedo costretto a citare ANCORA UNA VOLTA, che ANDREA CARANCINI, ha tradotto sull'argomento una marea di testi, convegni, testimonianze, ricerche universitarie e soprattutto FORNITO LA NECESSARIA DOCUMENTAZIONE, per rivelare quella verità (2.000.000 di morti ammazzati) che ancora il mainstream della disinformazione, si ostina a tenere sepolta. La chicca mancante qui,è che il tuo eroe tito, nell'immediato dopoguerra RIDUSSE IN SCHIAVITU' CENTINAIA DI MIGLIAIA DI POVERI DISGRAZIATI DELLE MENZIONATE MINORANZE ETNICHE E LI IMPIEGO' COME MANODOPERA "PER LA RICOSTRUZIONE DELLA GRANDE JUGOSLAVIA". Ovviamente decine di migliaia di qui poveretti, morirono di stenti e di malattie... ma almeno creparono, per una buona causa vero kompagno !

maurizio-macold

Lun, 15/02/2021 - 18:13

Signor Santorredisantarosa (16:56), chi non la pensa come lei non e' necessariamente un comunista che si inginocchia davanti "a tito ed altri", come scrive lei. Ed in tutta sincerita' penso di aver poco, o meglio nulla, da imparare da lei, visto il qualunquismo e l'arroganza che la caratterizzano. E se invece fosse lei a studiare un pochino ?

florio

Lun, 15/02/2021 - 18:15

fabioerre64-17:53 perfettamente d'accordo, farlo capire gli ideolocizzati del pensiero unico è un impresa titanica. Dimenticano inoltre tutte le vili uccisioni fatte finita la guerra, dai tanto conclamati partigiani (vili assasini) che andavano per le case a trucidare famiglie intere ree di avere qualche parente fascista, o semplicemente per pura vendetta o rancori personali. Ne hanno combinate di porcherie, basterebbe leggere il libro di Pansa "Il Sangue de Vinti" per capire le tante oscenità perpetrate e sempre nascoste dagli illustri compagni!

Ritratto di Nahum

Nahum

Lun, 15/02/2021 - 18:38

mozzafiato 2 milioni sono tanti, dammi qualche riferimento serio e comprovato, non solo la solita propaganda nera..

Santorredisantarosa

Lun, 15/02/2021 - 18:44

MACOLD NON HO NESSUNA VOGLIA DI INSEGNARLE. HO STUDIATO LA STORIA, PUR NON FREQUENTANDO IL LICEO CLASSICO, ERO TRA I PRIMI A SCUOLA IN STORIA. LE SUGGERISCO DI LEGGERE, GUARDARE, OSSERVARE, RICORDARE LE FOTO E I FILMATI DI BAMBINI, O CIO' CHE RESTA DEI BAMBINI, AMMAZZATI DAL SANGUINARIO DITTATORE COMUNISTA TITO. E'LEI CHE DEVE PREMURARSI NEL SAPERE CIO' CHE E' ACCADUTO. LEI NON E' OBBLIGATO A IMPARARE DAL SOTTOSCRITTO, MA LE SUGGERISCO DI INFORMARSI. ATTENDIBILITA', VERIDICITA' E STORICITA' SONO I 3 CARDINI DELLA STORIA. NON NECESSARIAMENTE COMUNISTA? MI PARE CHE LEI NON DICE LA VERITA'. IO ARROGANTE? NON E' VERO SCRIVO CIO' CHE E' VERO ED INATTACCABILE. QUALUNQUISTA? CERCHI DI NON IMITARE I SINISTRI DI BASSI FONDI DI INTELLIGENZA, AL MASSIMO SONO ITALIANO NATO E CRESCIUTO E PATRIOTA. AL CONTRARIO DI MOLTI ORA COMUNISTI PRIMA ERANO FASCISTI AL MIDOLLO, LA MIA FAMIGLIA E NONNI MAI!

mozzafiato

Lun, 15/02/2021 - 18:56

MAHUM certo che misurarmi con un no global infarcito di dogmi komunisti come te, è impresa ardua persino per me. TI HO GIA' INDICATO COME E DOVE CONSULTARE PER LEGERE DI QUEI NUMERI ! AL TUO KOMPAGNO FUGGITIVO LORENZOVAN, HO FATTO ALL'UOPO UN LUNGO ELENCO DI QUELLA DOCUMENTAZIONE RELATIVA AI 2 MILIONI DI MORTI AMMAZZATI D TITINI E SOVIETICI FRA LE MINORANZE ETNICHE TEDESCHE DANUBIANE. Ora ovviamente visto il bolscevico campagnolo che sei, SI RIPETE QUELLO CHE E' ACCADUTO CON PANSA: Chi rivela la verità o è un bugiardo o un traditore (PANSA era di socialista e DE FELICE addirittura era comunista). Sta solo a te apprendere la verità attingendo alle dovute fonti (ANDREA ACARANCINI: TRADUZIONI, NELLA FATTISPECIE, OLTRE CHE I TESTI ELENCATI AL KOMPAGNO LORENZOVAN GG. ORSONO). Vatti a nascondere invece di reiterare stupidaggini qui.

Ritratto di primulanonrossa

primulanonrossa

Lun, 15/02/2021 - 18:56

##### ^(*@*)^ ECCO CI RISIAMO CON LE SOLITE CALUNNIE PROVOCATORIE SPARSE DALLE SOLITE FORZE PLUTOCRATICO FASCISTE, FESCISTI FESCISTI !! SIETE SICURI CHE SIANO STATI I GLORIOSI PARTIGIANI DI tito A FARE QUESTO E NON I FASCISTI SOLO PER POI POTERE INCOLPARE I GLORIOSI PARTIGIANI DI tito COL VILE INTENTO DI TIRARE IN BALLO ANCHE I NOSTRI. I COMPAGNI QUESTE COSE NON LE FANNO LO VOLETE CAPIRE SI O NO!!?? I 150.000.000 DI MORTI CHE GLI HANNO ACCOLLATO SON TUTTE BALLE, RIPETO BALLE , qualcuno vero c’è stato , in minima parte però, ma MORTO È UNA PAROLA GROSSA, POSSIAMO TRANQUILLAMENTE AFFERMARE CHE QUEI POCHI SONO SOLAMENTE PASSATI A MIGLIOR BITA.

d'annunzianof

Lun, 15/02/2021 - 18:58

LA STORIA LA POTETE FALSIFICARE MA NON LA POTETE CAMBIARE E IL TEMPO E` GALANTUOMO! E la giustizia come insegna il processo alla segretaria del lager di 95anni alla fine arrivera` E ARRIVERA` ANCHE PER I MACELLI DELLE FOIBE!

mozzafiato

Lun, 15/02/2021 - 19:03

NAHUM mi sento umiliato A DOVER DARE LUMI AD UN ALIENO DI SOVIETICO KOME TE ! HO GIA' FATTO UN DETTAGLIATO ELENCO DI TESTI, AUTORI, CONVEGNI, DOCUMENTI E STUDI UNIVERSITARI AL TUO TRAGICOMICO KOMPAGNO LORENZOVAN E POSSO DIRTI, PERCHE' ELENCARTI DI NUOVO TUTTO, MI SEMBRA TEMPO SPRECATO, CHE DEVI CERCARE ANDREA CARANCINI : LE SUE TRADUZIONI SULL'ARGOMENTO : LI TROVERAI TUTTO CIO' CHE TI OCCORRE: FORSE DOVRAI IMPARARE IL TEDESCO PER LEGGERE LA COLOSSALE BIBLOGRAFIA IN TEDESCO SULL'ARGOMENTO, MA IO NON POSSO CERTO TRADURTI NIENTE. A proposito kompagno: sei tragicomico: LA VERITA' PER VOIALTRI BOLSCEVICHI E' SEMPRE E COMUNQUE "PROPAGANDA FASISTA". Tu mi fai scompisciare dalle risate poveretto !

mozzafiato

Lun, 15/02/2021 - 19:07

NAHUN. errata corrige: ANDREA CARANCINI devi cercare

mozzafiato

Lun, 15/02/2021 - 19:12

AMICI ! leggete i commenti dei sovietici qui: ESSI VIVONO ! E CE LO CERTIFICANO PURE PER ISCRITTO CON TANTO DI TIMBRO NOTARILE E FIRMA !

Ritratto di primulanonrossa

primulanonrossa

Lun, 15/02/2021 - 19:20

^(*@*)^ Sai come mi sembra qua Maurizio maCHEcald , no c’è fred e ummedo , mi fa pensare a quelli che si piazzano dietro ad un giornalista quando viene ripreso per un servizio e c’è spesso quello con la biro, quello cicciottello che vogliono farsi riprendere ad ogni costo , Cercano VISIBILITÀ come Maurizio maCHEcald qua. AH AH AH AH IH UH UH UH IH IH IH IH IH

Ritratto di Nahum

Nahum

Lun, 15/02/2021 - 19:37

Nei sudeti almeno 30,000 tedeschi morirono durante la espulsione forzata ... dati simili in Polonia e altrove nell’est... il repulisti etnico in Europa fu molto forte e non fu solo questione di comunisti perché anche i francesi e i belgi furono piuttosto duri ... ma che volete dopo 6 anni di guerra e una serie di abusi e di violenze dei neri che cosa ci si poteva aspettare

Ritratto di do-ut-des

do-ut-des

Lun, 15/02/2021 - 19:52

A questo punto o si riabilita il fascismo nella Costituzione oppure si ripudia anche il Comunismo. Fate voi. E mai più sovvenzioni ai partigiani. Anche loro si sono macchiati di sangue su persone innocenti, da quello che conosco dal libro di Pansa.

Ritratto di Nahum

Nahum

Mar, 16/02/2021 - 11:14

do-ut-des ti piacerebbe, se tu fai una strage e non sei punito questo non vuol dire riabilitare chi é stato punito per un'altra strage...

Ritratto di bonoitalianoma

bonoitalianoma

Gio, 18/02/2021 - 19:32

Per il popolo della Jugoslavia, un mosaico multiculturale che sarebbe utile conoscere per capire cos'è la "mente umana", il Maresciallo Tito veniva identificato come "il vecchio" tant'è che morto lui i suoi "figliocci", da come si sono comportati in Bosnia negli anni '90, si sono dati allo sfogo dei loro capricci.

Ritratto di bonoitalianoma

bonoitalianoma

Gio, 18/02/2021 - 19:47

Sono passati 70 anni e intere generazioni da quei fatti che la verità storica condannerà ma non riusciamo a vedere gli stessi episodi che si perpetuano ai giorni nostri ... Siria, Nigeria e Sahel, Yemen, Etiopia e dintorni ... ah, se non ci fossero queste "baruffe ciosotte" che noia questo mondo!!!

SemprePiùBasito

Ven, 19/02/2021 - 17:44

I titini in quegli anni si comportarono peggio dei nazisti nei campi di concentramento. Bastava solo far trapelare qualche pensiero anti regime ed il giorno dopo si spariva.