Cronache

Gli spari mentre era in bicicletta: chi è la donna uccisa a Chivasso

Giallo nel Torinese dove una donna è stata ritrovata morta, uccisa probabilmente da almeno un colpo di pistola alla testa. Accanto al cadavere sono stati rinvenuti tre bossoli. La donna viveva da sola

Gli spari mentre era in bicicletta: chi è la donna uccisa a Chivasso

Giallo nel Torinese dove una donna è stata ritrovata morta, uccisa probabilmente da almeno un colpo di pistola. Accanto al cadavere sono stati infatti rinvenuti tre bossoli. La donna viveva da sola con i suoi animali, cani e gatti. La vittima sarebbe stata uccisa nel pomeriggio dello scorso mercoledì, 12 ottobre, giorno del suo compleanno, a Pratroregio di Chivasso, comune in provincia di Torino.

Dove è stato rinvenuto il cadavere

Giuseppina Arena - questo il suo nome - sarebbe stata raggiunta da tre colpi d'arma da fuoco mentre procedeva, a bordo della sua bicicletta, vicino al cavalcavia dell'alta velocità Milano-Torino, sotto il ponte della ferrovia storica Torino-Milano in stradale Torino in frazione Pratoregio di Chivasso. Secondo quanto reso noto, verso le 18 è stato un passante ad accorgersi del corpo che si trovava in una stradina in mezzo a una zona boschiva.

L’uomo, come riferito da alcune edizioni online di giornali locali, ha poi immediatamente allertato i carabinieri. In un primo momento si era pensato che la donna fosse stata colta da un malore mentre stava pedalando, ma durante i primi accertamenti effettuati da parte dei carabinieri della compagnia di Chivasso sono stati rinvenuti tre bossoli vicino al cadavere e alla bici da passeggio Graziella. Almeno uno di questi proiettili avrebbe centrato la donna alla testa: più precisamente allo zigomo destro.

La vittima viveva da sola con i suoi animali

Nella tarda serata, verso le 23, sono giunti sul luogo del ritrovamento anche i vigili del fuoco per illuminare la zona con i riflettori. Sul posto anche il nucleo investigativo del comando provinciale di Torino, oltre alla squadra scientifica per i rilievi che andranno probabilmente avanti ancora ore. Gli investigatori vogliono essere sicuri di riuscire a scorgere qualsiasi minimo indizio che possa condurre a un eventuale assassino. Le indagini sono coordinate dal pubblico ministero Alessandro Gallo della procura di Ivrea, anche lui sul luogo.

La vittima, Giuseppina Arena, viveva da sola con i suoi animali, alcuni cani e gatti, al piano terra di un complesso popolare di Chivasso. Sembra fosse solita girare per il centro della città in sella alla sua bicicletta. Qualche volta andava a visitare il fratello, che vive a Montanaro, poco lontano. La 52enne abitava proprio a Chivasso, in un alloggio di via Togliatti: una strada che porta all'uscita del paese, verso Castelrosso, distante almeno sei chilometri dal luogo in cui è stato ritrovato il cadavere, all'estrema periferia.

Commenti