Giulianova, ritrovato il corpo del 14enne disperso in mare

L'amico era riuscito a tornare a riva. Di Mohamed invece si erano perse le tracce. Dopo giorni di ricerche, il suo corpo è stato trovato nei pressi del fanale rosso del porto

È stato trovato questa mattina il corpo senza vita di Mohamed, il 14enne disperso in mare a Giulianova (Teramo) da lunedì scorso. A rintracciarlo nei pressi del fanale rosso del porto è stato un diportista della zona.

Il ragazzino, di origini marocchine, si era allontanato a bordo di un materassino e da quel momento di lui non si è più saputo nulla. L'amico che era con lui, non vedendolo tornare a riva, aveva dato subito l'allarme.

Le ricerche sono proseguite giorno e notte, con l'aiuto anche di un elicottero. Il punto in cui è stato individuato il cadavere era già stato battuto diverse volte dai soccorritori. Si può presupporre, quindi, che il corpo fosse rimasto incastrato e poi sia riemerso con la corrente.

Il mare lunedì era molto mosso e il giovane non sapeva nuotare. Il 14enne viveva da qualche anno con la madre a Teramo, dove frequentava la scuola media Zippilli.

Il cadavere dell'adolescente è stato recuperato dalla motovedetta della guardia costiera e portato in banchina. Ora è a disposizione della magistratura che deve valutare se restituire la salma alla famiglia o fare l'autopsia.

I commenti saranno accettati:
  • dal lunedì al venerdì dalle ore 10:00 alle ore 20:00
  • sabato, domenica e festivi dalle ore 10:00 alle ore 18:00.
Non sono consentiti commenti che contengano termini violenti, discriminatori o che contravvengano alle elementari regole di netiquette.
Qui le norme di comportamento per esteso.