I protocolli Covid a scuola sono un flop: "Il tampone solo per qualche colpo di tosse"

Riparte la scuola ed emergono i primi problemi: il racconto dell'attrice Claudia Zanella e di sua figlia, sottoposta a tampone per un po' di tosse

Alcune scuole hanno già iniziato l'anno scolastico anche se la maggior parte riaprirà i cancelli lunedì. Sono però numerosi i bambini e i ragazzi che si sono già scontrati con i protocolli anti-Covid, che in pochi giorni hanno già dimostrato la loro completa inadeguatezza. A raccontare la sua esperienza personale è l'attrice Claudia Zanella, uno dei volti televisivi e cinematografici più popolari del nostro Paese. Ha una figlia, Penelope, che nei giorni scorsi ha ripreso la scuola e suo malgrado può raccontare l'esperienza diretta con i protocolli messi in atto per tutelare la salute con la riapertura dell'anno scolastico.

"Ciao a tutti! Ieri Penelope ha avuto la tosse a scuola e per il protocollo anti Covid, è stata prima isolata e poi è tornata a casa. La scuola, per tornare non ha richiesto un tampone, ma solo un certificato che dicesse che Penelope sta bene", scrive Claudia Zanella. Ovviamente, in un momento di così alta attenzione e pericolo, l'attrice non ha trovato un medico pediatra che si prendesse la responsabilità di certificare la buona salute della bambina, senza prima avere un riscontro dal tampone. "Quindi ieri pomeriggio siamo andate al pronto soccorso del Bambin Gesù per fare il tampone. I medici sono stati bravissimi e dolci. Ma il punto è un altro. Oggi ci hanno detto che il tampone di Penelope è negativo", continua Clauda Zanella rivelando tutte le sue preoccupazioni, condivise da tante mamme, per questi protocolli.

"Ha preso solo freddo al mare. Spero che troveranno presto una soluzione, perché non si può sottoporre al tampone una bimba senza febbre solo con qualche colpo di tosse. Personalmente credo che le strade siano due: o faranno a tutti i bimbi a scuola il tampone (magari quello con la saliva), almeno siamo tutti tranquilli, oppure ci vogliono più sintomi per far scattare l’allarme", dice giustamente Claudia Zanella. Nel suo post, l'attrice ha messo nero su bianco tutti quelli che sono i dubbi e le incertezze dei genitori per la ripartenza della scuola, che sembra ancora avvolta da una nube di incertezza e di dubbi.

È giusto che le scuole riprendano e che i ragazzi tornino sui banchi, visti anche gli ingenti investimenti per comprare quelli con le rotelle, ma servono procedure più sostenibili per le famiglie nel pieno rispetto delle indicazioni sanitarie: "A ogni starnuto noi saltiamo un giorno di lavoro per andare a fare il tampone ai nostri figli? Passiamo una giornata al pronto soccorso con il rischio di prenderci il virus davvero? E a novembre e a dicembre cosa succederà? Sarà un anno molto complicato".

Ciao a tutti! Ieri Penelope ha avuto la tosse a scuola e per il protocollo anti Covid, e’ stata prima isolata e poi e’ tornata a casa. La scuola, per tornare non ha richiesto un tampone, ma solo un certificato che dicesse che Penelope sta bene. Il problema però è’ che NESSUN Pediatra si prende la responsabilità di dire che un bimbo sta bene senza tampone. Quindi ieri pomeriggio siamo andate al pronto soccorso del Bambin Gesu’ per fare il tampone. I medici sono stati bravissimi e dolci. Ma il punto è’ un altro. Oggi ci hanno detto che il tampone di Penelope e’ negativo. Ha preso solo freddo al mare. Spero che troveranno presto una soluzione, perché non si può sottoporre al tampone una bimba senza febbre solo con qualche colpo di tosse. Personalmente credo che le strade siano due: o faranno a tutti i bimbi a scuola il tampone ( magari quello con la saliva), almeno siamo tutti tranquilli, oppure ci vogliono più sintomi per far scattare l’allarme. Altrimenti Cosa accadrà? A ogni starnuto noi saltiamo un giorno di lavoro per andare a fare il tampone ai nostri figli? Passiamo una giornata al pronto soccorso con il rischio di prenderci il virus davvero? E a novembre e a dicembre cosa succederà’ ? Sarà un anno molto complicato. #tampone #ospedalebambinogesu #ospedalebambinogesù #grazieospedalebambingesú #tamponenegativo #tamponecoronavirus #scuola #rientroascuola #scuolaecoronavirus #annomoltocomplicato

Un post condiviso da Claudia Zanella (@claudiazanellaofficial) in data:

I commenti saranno accettati:
  • dal lunedì al venerdì dalle ore 10:00 alle ore 20:00
  • sabato, domenica e festivi dalle ore 10:00 alle ore 18:00.
Non sono consentiti commenti che contengano termini violenti, discriminatori o che contravvengano alle elementari regole di netiquette.
Qui le norme di comportamento per esteso.
Commenti
Ritratto di Zagovian

Zagovian

Dom, 13/09/2020 - 17:18

...con il clima di TERRORE sparso in quantità industriale,la scuola d'ora in pi sarà un INCUBO,la distruzione della socialità,fonte di ansia,psicosi varie,panico, disagi a non finire per figli e genitori...un INCUBO,dove l'aspetto formativo-pedagogico,sarà un OPTIONAL!!Danni irreparabili!...E per proteggere chi?...La "comunità"?...Ma andate a...