Ilaria Capua: "Ho rischiato pure l'ergastolo. Sono fuggita per la vergogna"

Ha rischiato l’ergastolo e per la vergogna ha lasciato l’Italia. Era stata accusata di traffico illecito di virus

Oggi per Ilaria Capua è un anniversario importante e ha voluto ricordarlo con un post su Twitter: "Oggi è il 5 luglio 2020. Sono passati quattro anni dal mio proscioglimento dall'accusa di procurata epidemia ed altri 11 reati penali". La direttrice dell'One Health Center alla University of Florida, ha poi aggiunto: "Per questo ho rischiato l'ergastolo. Per vergogna ed umiliazione ho lasciato l'Italia. Si erano sbagliati però. Non era vero". La virologa scrive dagli Stati Uniti, meta che ha scelto per scappare dal suo Paese, a causa della vergogna e dell’umiliazione che l’aveva assalita. Una scelta certo difficile ma comprensibile. Un modo per lasciarsi tutto alle spalle e cercare di cambiare vita.

Una delle scienziate più importanti

La Capua, 54 anni, in Italia era una delle scienziate più importanti, tanto da meritarsi il titolo di “mente rivoluzionaria”. Era stata la prima a isolare il virus H5N1 e nel 2006 aveva reso pubblica la sequenza genica dell’aviaria. Aveva lavorato a Parma per venti anni, preparandosi alla pandemia e studiando, aveva cercato di portare un approccio interdisciplinare allo studio del rapporto fra virus e ospite, alla Torre della Ricerca della Città della Speranza. Non venne poi fatto nulla e la virologa pensò per la prima volta di lasciare il suo Paese. Poi però, nel 2013 arrivò il premier Mario Monti che le chiese di entrare nella sua squadra di governo. E lei accettò, senza mai abbandonare i temi che ben conosceva: Ebola, influenza, virus, antibiotico.

L'accusa e l'assoluzione

Nel 2014 l’accusa improvvisa, un fulmine a ciel sereno, e l’indagine della procura di Roma. La Capua, insieme ad altri scienziati, viene accusata di essere una trafficante di virus e di arricchirsi grazie ad accordi con aziende farmaceutiche per produrre vaccini per la malattia della lingua blu e l’aviaria. Non molla e si batte per far emergere la verità ed essere scagionata. Intanto, decide di abbandonare il Parlamento e l’Italia per accettare una cattedra in America. Finalmente il 5 luglio del 2016 l’inchiesta viene chiusa. Il giudice decide il non luogo a procedere e la Capua, insieme ad altri dodici indagati viene pienamente prosciolta dall’accusa. Una lunga odissea giuridica che l’aveva ferita a vita.

Con il coronavirus la paura era ritornata, tanto che aveva confessato: “I dati vanno condivisi e la trasparenza è fondamentale, ci mancherebbe. Ma io non parlo di rivincite. Anzi, sono spaventata dal fatto che tutta questa grande visibilità non mi si rivolga contro. Magari diranno che il coronavirus l’ho creato io. Per questo sto in guardia. Sono una guerriera, ma non mi illudo e aspetto la prossima sberla”. Oggi comunque è l’anniversario del giorno che le ha ridato la vita. Una data da ricordare: 5 luglio 2016.

I commenti saranno accettati:
  • dal lunedì al venerdì dalle ore 10:00 alle ore 20:00
  • sabato, domenica e festivi dalle ore 10:00 alle ore 18:00.
Non sono consentiti commenti che contengano termini violenti, discriminatori o che contravvengano alle elementari regole di netiquette.
Qui le norme di comportamento per esteso.
Commenti

rawlivic

Lun, 06/07/2020 - 11:11

ma pure questa taccia che si e' contraddetta cosi tante volte...

bernardo47

Lun, 06/07/2020 - 11:41

Brava e competente,cme il prof.galli......e altri naturalmente....

fravez

Mar, 28/07/2020 - 18:22

Non discuto la competenza professionale di Ilaria Capua: come virologa è sicuramente molto brava. Tuttavia, è ora che la smetta di atteggiarsi a vittima di una vicenda che si è conclusa a suo favore 4 anni fa, senza neanche che la Capua andasse a processo: se esiste una denuncia o un sospetto che un reato sia stato commesso, è giusto che la magistratura indaghi. Poi possiamo discutere sul fatto che le indagini debbano essere rapide e che i giornali e l'opinione pubblica non debbano condannare chi è oggetto di indagini prima che quella persona sia stata processata e condannata da un tribunale, ma questo è un altro discorso.