L'abbraccio del Papa all'islam: "Ecco cosa accadrà all'Europa"

Da Abu Dhabi al multiculturalismo, le idee di Francesco cambiano la Chiesa. Ma preoccupano molto i conservatori

Sette anni di pontificato per cambiare i rapporti tra il cattolicesimo e le altre confessioni religiose. Papa Francesco, in questo primo settennato, ha inciso anche su questo aspetto. L'islam non è più un avversario. A guardar bene, per il cristianesimo contemporaneo non lo è mai stato. Almeno quello moderato. Ma ora sembra si stia procedendo verso una sorta di "alleanza" tra le gerarchie ecclesiastiche del Vaticano e quelle musulmane visto che Jorge Mario Bergoglio è per il dialogo interreligioso.

La frangia tradizionalista è contraria a qualunque appiattimento. In principio, sembrava che il centro delle rimostranze fosse la "protestantizzazione" della Chiesa cattolica, con la presunta commissione istituita per arrivare ad una Messa ecumenica (un rito che andasse bene a tutti i cristiani), con il resto delle diatribe dottrinali. Poi, nel tempo, anche lo sviluppo di relazioni tra la religione musulmana e quella cattolica è divenuta oggetto di malcontento da parte degli ambienti conservatori.

Il punto più alto della dialettica tra cristianesimo e religione musulmana è stato raggiunto con la dichiarazione di Abu Dhabi. Il "Documento sulla Fratellanza Umana per la pace mondiale e la convivenza comune" è stato criticato, come spesso accade in relazione al pontefice argentino, dai cattolici più conservatori. Era il febbraio del 2019. Il principale problema posto riguardava l'equiparazione gerarchica tra cattolicesimo ed islam: i tradizionalisti affermano che non può esserci parità. E che la "diversità delle religioni" non può aver avuto luogo per via della volontà divina. Una lettura certosina è stata fornita ai tempi dal vescovo Ahtanasius Schneider.

Il problema del "futuro dell'Occidente"

Sono due i temi del ministero di Francesco che si intersecano e offrono il fianco alle critiche della parte più conservatrice della Chiesa di Roma- L'immigrazione come uno strumento per una modifica profonda delle radici della società. E l'islam come nuova prospettiva cui guardare per l'Occidente. Un avvenire che i cattolici tradizionalisti - non è un mistero - vorrebbero evitare, per non dire scongiurare ad ogni costo. Una delle situazioni più indagate è quella francese, dove l'humus della civiltà sembra essere stato modificato dai tempi: le statistiche non fanno che raccontare una crescita dell'islam. Un fenomeno inverso, invece, riguarda il destino del cattolicesimo d'Oltralpe, con sempre meno battezzati. Quale sarà l'Europa del futuro? Se lo chiedono un po' tutti, compresi i critici del pontefice. I numeri, al momento, sono lì che ballano. Ma scandalizzarsi per la secolarizzazione, e magari per la conseguente ricerca di altre identità religiose da parte degli europei, significa spesso essere politicamente scorretti. Rappresenta un tabù, forse, sostenere che il Vecchio continente possa divenire a maggioranza islamica nel corso dei prossimi secoli.

Le cifre però sono lì anche per essere interpretabili. Lo stesso Schneider, in un'intervista rilasciata a IlGiornale.it, aveva anche espresso questa posizione sul tema della gestione dei fenomeni migratori: "Il fenomeno della cosiddetta 'immigrazione' rappresenta un piano orchestrato e preparata da lungo tempo da parte dei poteri internazionali per cambiare radicalmente l’identità cristiana e nazionale dei popoli europei. Questi poteri usano l’enorme potenziale morale della Chiesa e le loro strutture per conseguire più efficacemente il loro obiettivo anti-cristiano e anti-europeo. A tale scopo si abusa il vero concetto dell’umanesimo e persino il comandamento cristiano della carità". E l'identità, in questo caso religiosa, è anche il convitato di pietra delle vicissitudini attorno alle forme di dialogo da adottare con la religione musulmana. Tra i due fenomeni esiste un link, un collegamento. Il "fronte tradizionale" non ha dubbi.

La storica svolta di Abu Dhabi

Perché tra i tradizionalisti circolano tutti questi allarmismi per la dichiarazione congiunta di Abu Dhabi? Nel testo, che Francesco ha firmato con l'ima di Al-Azhar, c'è scritto anche quanto segue: " Il pluralismo e le diversità di religione, di colore, di sesso, di razza e di lingua sono una sapiente volontà divina, con la quale Dio ha creato gli esseri umani. Questa Sapienza divina è l’origine da cui deriva il diritto alla libertà di credo e alla libertà di essere diversi. Per questo si condanna il fatto di costringere la gente ad aderire a una certa religione o a una certa cultura, come pure di imporre uno stile di civiltà che gli altri non accettano". Ecco, quel "pluralismo delle religioni" rappresenta l'espressione che i cattolici tradizionalisti proprio non digeriscono. Al di là del comune appello contro il terrorismo, in quel documento c'è scritto, nero su bianco, che la diversità tra cristianesimo ed islam dipende da Dio. E certi emisferi cattolici eccepiscono quanto sedimentato nella dottrina, ossia che che il cristianesimo sia l'unica confessione religiosa strettamente dipendente dal volere dell'Alto.

C'è un cambio di rotta rispetto al pontificato precedente? Lo abbiamo domandato al professor Renato Cristin, che è ordinario di ermeneutica filosofica presso l'Università di Trieste: "Ratzinger - ha esordito il professore - è il Papa del discorso di Regensburg, di un confronto con l’islam fondato sull’affermazione dell’identità cristiana e occidentale; mentre Bergoglio è il Papa del discorso di Lampedusa, di un’apertura illimitata all’alterità e di un abbandono dell’identità. Nella distanza simbolica fra Regensburg a Lampedusa - ha continuato Cristin - si misura la differenza di atteggiamento verso l’islam: da un lato consapevolezza di sé e distanza, pur nel dialogo, rispetto al mondo islamico; dall’altro lato abdicazione alla propria identità e atteggiamento rinunciatario verso l’islam, che nella sua essenza è una religione totalitaria".

Il ruolo del multiculturalismo nel processo d'avvicinamento

Per multiculturalismo va intesa la tendenza alla ricerca di un altro pluralismo, quello delle culture. Una "società aperta" le dovrebbe recepire, sino a renderle compatibili. Anche qui: i tradizionalisti pensano che l'identità dei popoli, a questa maniera, sia destinata a svilirsi, per poi essere cancellata. Sempre Cristin ha idee piuttosto nette in merito.

E il pontefice della Chiesa cattolica, sostenendo la bontà del multiculturalismo, asseconderebbe un certo tipo di processo: "La teologia politica di Papa Bergoglio esprime un sincretismo spirituale e culturale sostanzialmente estraneo alla tradizione cattolica, come si vede per esempio dall’esortazione apostolica Querida Amazonia, che finisce per stemperare l’identità cristiana in concezioni indigeniste e panteistiche, estranee e per molti versi ostili alla tradizione cristiana", ha affermato il professore, per via dei quesiti che gli abbiamo sottoposto.

E con il macro-tema del multiculturalismo, che sarebbe sinonimo di accoglienza e pacificazione, come la mettiamo? "Nella medesima prospettiva, Bergoglio ha adottato l’ideologia multiculturalista, come logica conseguenza sul piano socioculturale di quell’intreccio sociopolitico fra cristianesimo e marxismo praticato dai teologi della liberazione e più in generale da tutti coloro che definiamo catto-comunisti. E’ un fatale errore scambiare il multiculturalismo per interculturalità, come lo è snaturare l’identità del cristianesimo per il miraggio di un dialogo con l’islam", ha chiosato il professore.

Ma un andazzo così avrà pure un'origine filosofico-culturale, o no? "Bergoglio - ha tuonato Cristin - non ha interesse, né spirituale né politico, per l’Europa e per la sua identità, e ha trasformato il giusto universalismo della Chiesa in un cosmopolitismo globalista in cui l’identità è un fardello di cui bisogna sbarazzarsi, per concretizzare la visione terzomondista e antioccidentale. Questa è la premessa culturale del suo avvicinamento all’islam, fondato su una fallacia e su una semplificazione". Un "avvicinamento" che passa anche per iniziative comuni.

L'impegno comune di Francesco e dell'imam di Al-Azhar

La domanda sul dove risieda questa "fallacia" viene naturale. E Cristin replica: "La fallacia: che la civiltà occidentale debba sciogliersi nell’indistinto multiculturale e multireligioso, e che la religione cristiana e quella musulmana possano collocarsi sullo stesso piano, mentre in realtà esse hanno così pochi punti di contatto che hanno bisogno di essere cercati razionalmente, più che spiritualmente. La semplificazione: Bergoglio - continua il professore - chiede giustamente reciprocità per quanto riguarda il culto cristiano nei paesi musulmani, ma ciò non è più sufficiente, perché la reciprocità deve oggi andare al di là della libertà di culto, ed esigere dagli islamici in Europa integrazione piena, osservanza totale delle regole sociali e rispetto formale delle nostre tradizioni. Questo è ciò che Bergoglio non fa e non vuole fare".

Il punto di vista di Cristin è chiaro. Ma il Papa non sembra avere intenzione di cambiare rotta. Anzi, gli abbracci nelle occasioni pubbliche tra Bergoglio e l'imam di Al-Azhar sembrano essere il preludio ad una serie di proposte che già sono state inoltrate agli organi competenti. La prima, la più importante, è stata rivolta all'Onu e punta a far sì che ogni 4 febbraio ricorra la "Giornata della Fratellanza Umana", sulla scia della dichiarazione di Abu Dhabi. E l'Onu, stando a quello che si è appreso sino ad ora, dovrebbe essere disposto al via libera.

I commenti saranno accettati:
  • dal lunedì al venerdì dalle ore 10:00 alle ore 20:00
  • sabato, domenica e festivi dalle ore 10:00 alle ore 18:00.
Non sono consentiti commenti che contengano termini violenti, discriminatori o che contravvengano alle elementari regole di netiquette.
Qui le norme di comportamento per esteso.
Commenti
Ritratto di giùalnord

giùalnord

Lun, 14/09/2020 - 10:12

Si spera che il rito cattolico non venga stravolto aggiungendo il ramadan.

Ritratto di Azo

Azo

Lun, 14/09/2020 - 10:15

MA PERCHÈ NON FA UNA TENDOPOLI IN PIAZZA AL VATICANO, E LASCIA GLI APPARTAMENTI DEI PRELATI AGLI ILLEGALI, DI POSTO NE TROVIAMO TANTO IN VATICANO???

Ritratto di mbferno

mbferno

Lun, 14/09/2020 - 10:20

Abolire tutte le religioni,annientano la psiche. Chi vuol credere lo faccia a casa sua,senza pupazzi in mezzo.

Giorgio Colomba

Lun, 14/09/2020 - 10:24

Il Card. Biffi ammoniva che "o l'Europa ridiventerà cristiana o diventerà musulmana". Con Bergoglio in sella, buona la seconda.

Ritratto di siredicorinto

siredicorinto

Lun, 14/09/2020 - 10:27

Io sono CRISTIANO e non accetto più questo rappresentante di un credo che si é rivolto contro se stesso. L'Islam é una religione vecchia e piena di sangue, cosi' come lo fu il cattolicesimo, ma almeno quest'ultimo ha avuto una sua evoluzione. L'Islam é ancora ancorato a dei precetti sanguinari, maschilisti, razzisti. Una religione intollerante come il komunismo. Noi siamo gli INFEDELI, cosi' ci vedono , senza nessuna possibilità di comprensione reciproca.E questo Papa che fa? Si sottomette. non sa che per l'Islam l'inganno a nostro danno é cosa suprema, degna di plauso da maometto?Non lo sa questo Papa,non mio, che lo stanno prendendo in giro e noi con lui?Ma chi ti vuole pampero. Tornatene a casetta tua.

Ritratto di micheleciaramella2

micheleciaramella2

Lun, 14/09/2020 - 10:28

Oramai Bergoglio ha tracciato il solco e niente più lo fermerà: La Chiesa Cattolica, sta abiurando a favore dell’Islam; la rivoluzione che il Papa odierno sta facendo, va in quella direzione. Per cercare di mettere un freno a tutto ciò, occorre che Il Collegio Cardinalizio si autoconvochi in un Conclave Straordinario e Urgente e dichiari la Decadenza di Bergoglio ed elegga un nuovo Pontefice. Cordialità.

Ritratto di gianniverde

gianniverde

Lun, 14/09/2020 - 10:29

Sta abbracciando chi lo annienterà.

Calmapiatta

Lun, 14/09/2020 - 10:32

Il problema è proprio qui...il Papa non sta cambiando proprio nulla. La Chiesa ha perso la sua spinta ideale e i sacerdoti vanno avanti in ordine sparso. Solo un plotoncino di irriducibili continua a fare il proprio "mestiere", altri sono liberi di assecondare le proprie inclinazioni. Chi si dà agli affari, chi vive la sua vita sessuale in libertà. Intanto il Papa sistema le tendine di una casa che sta bruciando.

mariobaffo

Lun, 14/09/2020 - 10:49

Lo scrivo con molta tristezza ma questo Papa sta trasformando la chiesa cattolica in qualcosa di molto diverso ,non mi stupirei se presto in Vaticano si destinasse uno spazio per una Moschea.

Ritratto di Trinky

Trinky

Lun, 14/09/2020 - 10:55

micheleciaramella2...........ci faccia caso: il collegio cardinalizio è formato dal 90% di cardinali della stessa razza di Bergoglio, infatti mica per niente se li è scelti lui, mentre il restante 10% è composto da cardinali o in pensione o sull'orlo della tomba.......

Ritratto di Iam2018

Iam2018

Lun, 14/09/2020 - 10:59

Credo che anche il mandato del papa dovrebbe essere a tempo come per le cariche politiche. Sette anni sono anche troppi e si possono fare troppi danni.

mimmo1960

Lun, 14/09/2020 - 11:20

215Gesù disse loro: "Andate in tutto il mondo e predicate il vangelo ad ogni creatura. 16Chi crederà e sarà battezzato sarà salvo, ma chi non crederà sarà condannato. Pensavo che la Chiesa avesse il compito e il dovere di salvare tutte le anime e guidare il popolo di Dio verso la verità, verso Dio. Sono confuso, ma!!

zena40

Lun, 14/09/2020 - 11:43

Francesco, fai attenzione che i mussulmani sono ancora fermi ai tempi delle crociate. Il Corano non dice che noi siamo gli infedeli, però lo dicono i loro muezzin. In più ci sono gli estremisti ed i fatti accaduti che ci fanno pensare che siano indietro nei tempi: Corriamo il rischio che San Pietro faccia la fine di Santa Sofia. Entrano sempre più migranti che sono mussulmani. Quindi ? Poniti la domanda.

idleproc

Lun, 14/09/2020 - 11:44

Perderanno sia la scommessa che hanno fatto sui giovani che sperano di aver lobotomizzato cogli aggeggi elettronici che quella sugli immigrati che come dicono gli scrittori di libri gialli, non anticipiamo. Perderanno anche quella che hanno messo in piedi col falso movimento di liberazione delle donne e "modelli" mediatici che pure non anticipiamo.

nopolcorrect

Lun, 14/09/2020 - 11:48

" una sorta di "alleanza" tra le gerarchie ecclesiastiche del Vaticano e quelle musulmane". Si aiutano a vicenda per garantirsi le cadreghe.

Ritratto di Leonida55

Leonida55

Lun, 14/09/2020 - 11:57

E' da anni che ha abbracciato l'Islam.

FrancescoTale

Lun, 14/09/2020 - 12:01

La estremizzazione dello spirito di comunione praticata da Bergoglio nell’abbracciare tutte le confessioni specialmente quelle che più delle altre si sono manifestate in aperto contrasto alla cultura occidentale come l’Islam è quantomeno naive e certamente pericolosa. Abbracciare l’Islam vuol dire tollerare quanto più ci risulta inaccettabile di quella cultura: oppressione della donna e dei figli, conversione imposta con la forza, estremismo strisciante. Con la sua azione Bergoglio si rende correo di quei comportamenti che la nostra cultura ha faticosamente imparato a definire reati emancipandosi dai dettami di un cattolicesimo troppo spesso oscurantista.

FrancescoTale

Lun, 14/09/2020 - 12:02

La Chiesa non è la proprietaria della cultura occidentale, che invece nasce dalla cultura dell’antica Grecia (Platone, Aristotele,...) e si sviluppa in millenni di faticoso contrasto al dogma cristiano (Keplero, Gallilei,…) la Chiesa non può e non deve quindi ergersi ad ambasciatrice dell’Occidente, non glielo permettiamo. La Chiesa è libera di fare le sue scelte ma noi come Occidentali siamo liberi di abbandonarla.

titina

Lun, 14/09/2020 - 12:13

Un'immigrazione senza muri significa che il Papa apre le porte del Vaticano a tutti?

Gilgamesh1000

Lun, 14/09/2020 - 12:14

Costui è anche più pericoloso di Beppe Grillo.

GUGLIELMO.DONATONE

Lun, 14/09/2020 - 12:21

mbferno - Pienamente d'accordo. Carlo Marx:"Le religioni sono l'oppio dei popoli". Come non dargli ragione?

Ritratto di stamicchia

stamicchia

Lun, 14/09/2020 - 12:22

I “conservatori” facciano ciò a cui il loro nome li invita, le “conserve” di pomodoro e melanzane: non negheranno che è lo Spirito Santo ad aver scelto Bergoglio come Papa, diversamente rinnegherebbero la dottrina dell’intervento dello Spirito Santo nella storia. Cristo, pur nel rispetto della tradizione, fu un rivoluzionario del suo tempo, non un conservatore.

newman

Lun, 14/09/2020 - 12:33

@titina Chiaro! E che la Basilica di San Pietro diventerá un edificio multifunzionale per le diverse religioni del mondo. Sul modello di Assisi di Giovanni Paolo II, tutte le religioni del mondo saranno invitate a celebrare i loro riti in Basilica. Bergoglio ha riservato per se l'"altare della confessione" da dove presiederá come incaricato dell'ONU la religione cosmopolita, composta dalle varie religioni del mondo. Soros gli fará da chierichetto.

idleproc

Lun, 14/09/2020 - 12:45

stamicchia. Non metto in dubbio che Cristo sia stato un rivoluzionario. Si è visto che fine gli hanno fatto fare i suoi. Non sai distinguere tra un reazionario, un conservatore e un rivoluzionario. Sei all'interno del primo caso.

Luigi Farinelli

Lun, 14/09/2020 - 12:49

Non sono i cattolici "più conservatori e tradizionalisti" (come spesso citato) che non approvano la deriva bergogliana ma semplicemente i cattolici (senza virgolettato) che sanno ancora agire e pensare in base alla propria convinzione conoscendo bene quali siao i prncipi fondanti della Chiesa di Gesù. Se Bergoglio vuole accelerare l'instaurazione della chiesa sincretista new age, di marca ONU cui tende la massoneria, fondi un'altra corrente eretica accanto al Luteransimo (che pure Bergoglio ha incredibilmente riabilitato) e all'Islam. Un conto sono i buoni rapporti interreligiosi fra le varie fedi, un conto il tentativo di contaminazione dei principi cristiani cattolici che, per quanto starnazzino i nipotini dell'Illuminismo e del suo orrido figlio legittimo (il Marxismo), hanno fondato la civiltà occidentale, adottata poi dal resto del mondo e messa oggi in crisi dal "progressismo" dei vertici cattolici, con tanto di "fumo di Satana" che si avverte sempre più sensibilmente.

Zorz.zorz

Lun, 14/09/2020 - 12:51

Buon di. Per un cristiano è indiscutibile credere in Dio e nel suo disegno.Lui sa il numero dei capelli ed il nome delle stelle... Chi siamo noi per decidere il giusto o addirittura il comportamento che dovrebbe avere il papa?. A me personalmente piaceva Ratzinger, ma ora Francesco è il papa. Negare il suo operato è negare il Disegno di Dio. Quanta arroganza ed ignoranza saluti

Ritratto di giùalnord

giùalnord

Lun, 14/09/2020 - 12:53

siredicorinto Lun, 14/09/2020 - 10:27 Quello descritto da lei è uno scenario inquietante e ciò mi provoca paura e sgomento. Io spero nell'attesa che un nuovo Papa metta ordine nella Chiesa Universale con Cristo Gesù come baricentro. Papa Bergoglio se ne faccia una ragione e se ne torni da dove è arrivato.

ST6

Lun, 14/09/2020 - 12:54

Articoli inutili: il Papa non si tocca. Meloni, Berlusconi, Toti e Salvini tutti daccordo senza manco un ma o un se, chini. Il Papa nun se tocca. Punto

Ritratto di mbferno

mbferno

Lun, 14/09/2020 - 12:56

@GuglielmoDonatone. Difatti,l'unica cosa sensata detta da un komunista.

giovanni951

Lun, 14/09/2020 - 13:07

preoccupante questo papa( messo li dai poteri forti) indipendentemente se sono idee sue o qualcuno gliele ha inculcate

Ritratto di giùalnord

giùalnord

Lun, 14/09/2020 - 13:11

ST6 Lun, 14/09/2020 - 12:54 Nel ciclo della vita la morte rincorre sempre la vita in modo perpetuo.A questo destino nulla può sfuggire!

agosvac

Lun, 14/09/2020 - 13:25

I veri saggi sanno benissimo che le religioni hanno tutte la stessa validità perché riflettono le tendenze dei popoli che le seguono. Ogni religione è il tentativo dell'uomo di definire qualcosa che in sé e per sé non è definibile dalla mente troppo piccola di un uomo: il concetto di DIO è troppo vasto ed immenso per potere essere capito, può soltanto essere intuito. Il Cattolicesimo non può essere progressista come, a maggior ragione, non lo può essere l'Islam. Ma tra Islam e Cattolicesimo c'è una differenza fondamentale che impedisce un accordo: il libero arbitrio che è solo del Cattolicesimo, nell'Islam c'è solo la "sottomissione".

NOWAY99

Lun, 14/09/2020 - 13:39

Il cristianesimo sta conoscendo il periodo più buio e cupo della sua storia con le chiese che bruciano dovunque, i cristiani uccisi e massacrati ad ogni latitudine e le cattedrali trasformate in moschee senza che una sola parola si levi a contrastare questi scempi. Questa resa all'Islam riflette anche quello che sta accadendo alla nostra società destrutturata e disintegrata con l'immissione forzata di immigrati che creeranno un clima perenne di conflitti e invivibilità in nome dell'utopia malata e irrealizzabile del multiculturalismo. Il futuro dell'Europa è la guerra con la differenza che non saranno conflitti interstatali ma devastanti guerre civili su base razziale-religiosa come quella che a breve vedremo in Usa il paese multiculturale per eccellenza.

Nauseato60

Lun, 14/09/2020 - 14:18

il Padre della Chiesa Cattolica invece di preoccuparsi della sua religione intende sottometterla all islam. E' un eretico e come tale andrebbe trattato

giolio

Lun, 14/09/2020 - 14:28

Chissä quante volte gli ha baciato i piedi . Per me e la persona che ha danneggiato la chiesa cristiana Spero sempre che ritorni al piü presto in Argentina

maryforever

Lun, 14/09/2020 - 14:34

NOWAY99,PURTROPPO,HAI PIENAMENTE RAGIONE.

Santippe

Lun, 14/09/2020 - 14:49

Il papa abbracci chi vuole.Il guaio è che l'Italia è abbastanza succube e debole per non finirci dentro stritolata.

giacarta

Lun, 14/09/2020 - 14:58

poi unificherà il velo delle monache nel colore verde-islamico, permetterà ai preti di avere una perpetua e tante concubine quante ne potrà mantenere sostituirà sacrestia con harem, doterà ogni campanile di altoparlante per l'omelia tre volte al giorno, eliminerà il vino della messa, eliminerà salame e prosciutto........sul segno della Croce sono aperte le discussioni

Popi46

Lun, 14/09/2020 - 14:58

Manco fosse una novità, lo abbiamo capito tutti che Ciccio Primero è un imam travestito

Ritratto di Jiusmel

Jiusmel

Lun, 14/09/2020 - 15:07

A me terrorizza l'Islam. Ancor di più mi terrorizza il fatto che l'Occidente, o meglio Europa lasciando perdere le Americhe, possa diventare in un futuro non lontano dominata dai mussulmani. La strada non è lunga, quanto a capitali i petrol/dollari già hanno buona parte di dominio economico in tutta europa ed il passo anche su quello politico non tarderà. Incomprensibile questa UE che ripudia la propria storia ma ancor più incomprensibile la deriva della chiesa cattolica (emblematico il servilismo cristiano col bacio delle scarpe di bergoglio qualche tempo fa). La Fallaci andrebbe rivalutata in tutto il suo pensiero...

giancristi

Lun, 14/09/2020 - 16:28

L'Islam è una religione intollerante, rimasta legata a precetti maschilisti e razzisti. Sono rimasti all'anno dell'Egira. Non capisco perché si debba arrivare all'abbraccio con una religione del genere. Ma da Bergoglio c'è da aspettarsi di tutto.

spiderbatbug

Lun, 14/09/2020 - 16:52

La "religione" maomettana, inventata seicento anni dopo l'inizio del Cristianesimo, è palesemente in contrasto logico con quest'ultimo. A differenza di altre religioni o spiritualità, fa affermazioni direttamente contrarie ai dogmi cristiani: nega non solo la divinità di Cristo, ma anche la crocefissione e considera la Trinità dei cristiani formata da Padre, Figlio e Madonna (il che è un errore fattuale dal punto di vista storico, indipendentemente da ciò che si voglia credere sul piano religioso). Per questo, al di là della carità verso chi la pratica, non può essere messa da un cristiano sullo stesso piano della propria, salvo che questo cristiano non arrivi a comprendere la semplice logica, o abbia altri interessi...

Ritratto di giùalnord

giùalnord

Lun, 14/09/2020 - 17:14

NOWAY99 Lun, 14/09/2020 - 13:39 Condivido appieno il post! Purtroppo questo processo si è innescato anni fa,ed è già avanti in altri Stati europei(vedi Francia ed Inghilterra),mentre in Italia siamo solo agli inizi. Questo sistema progressista,marcio alla base ,che tende ad azzerare le differenze ,anziché valorizzarle,porterà a scompigli nelle società occidentali costituite di proporzioni bibliche.Aspettiamo gli eventi,a meno che i popoli non si sveglino dalla letargia che passa attraverso l'etere incontrollato.

Ritratto di Fanfulla

Fanfulla

Lun, 14/09/2020 - 17:32

x GUGLIELMO.DONATONE, scusa, ma parli di marx e dell'oppio dei popoli, ma pare che ti scordi che il piu' grande oppio dei popoli fu e rimane il comunismo, figlio del tuo marx !!

zen39

Lun, 14/09/2020 - 17:36

Si capisce dove volevano arrivare facendo dimettere Ratzinger. Volevano arrivare proprio lì. Daltronde cosa ci si poteva aspettare dal mondo cristiano sempre più distratto e materialista. Volete mettere l'islam come è più affascinante con le vergini che l'aspettano in paradiso. Il mondo occidentale sta subendo un duplice attacco: l'economia dalla Cina con mire imperialiste nemmeno più tanto nascoste; il credo religioso iniziato in UE con il rifiuto di sancire le sue origini cristiane per confluire ina una sorta di sottomissione a quello islamico; l'immigrazione ad oltranza in cui la presenza islamica la fa da padrone.L'occidente sta andando verso l'ideale auspicato dalle stelle cadenti: la decrescita felice che si sta trasformando, grazie alla sua presenza, in disperazione economica,sociale e culturale. Cioè la situazione voluta da Cina e mondo islamico che prima o poi verrano alle mani per ripartirsi il bottino.

ilbelga

Lun, 14/09/2020 - 17:38

jiusmel: saremmo dominati dai musulmani, basta fare un giro in Francia, Belgio, Olanda, Svezia e aggiungo anche Germania e non ultima l'Italia. cito i paesi che conosco...

giangar

Lun, 14/09/2020 - 17:41

@Jiusmel 15:07 - Ancora con questa bufala del bacio delle scarpe? I rappresentanti politici del Sud Sudan, cui Francesco si chinò a baciare le scarpe, non erano musulmani. Il Papa ha solo baciato i piedi a due detenuti musulmani, insieme con altri detenuti, durante il rito della lavanda dei piedi il Venerdì Santo.

Capricorno29

Lun, 14/09/2020 - 17:56

Quando non avrà più gente in chiesa non si lamenti è quello che si merita

Giorgio5819

Lun, 14/09/2020 - 18:00

NOWAY99 - 13:39, ..purtroppo il suo commento é molto, molto centrato. Massima condivisione. Stima.

GUGLIELMO.DONATONE

Sab, 19/09/2020 - 11:21

"Fanfulla". Premesso che non ho mai accampato diritti di proprietà su Marx, sono comunque d'accordo sull'attribuire al comunismo tutte le colpe possibili e immaginabili. Lo pongo però meritatamente al secondo posto della classifica, subito dopo le religioni. Cordialmente.