Ladri piazzano un ordigno in tabaccheria: l'esplosione uccide uno di loro

Non si conosce ancora l'identità della vittima, gli inquirenti fanno però sapere che si tratta quasi certamente di una persona di età compresa fra i 25 e i 30 anni. Il complice si è dato alla fuga facendo perdere le proprie tracce nel catanese

Ladri piazzano un ordigno in tabaccheria: l'esplosione uccide uno di loro

Ladri in azione all’alba di oggi a Catania. Un tentativo di portare via quanto fosse presente all’interno di un tabacchino, ma tutto è andato male. Un fuoriprogramma ha tolto la vita ad uno dei due complici. Cerchiamo di capire cos’è successo nell’ambito di una prima ricostruzione fatta dai carabinieri del comando provinciale del Capoluogo etneo che stanno lavorando per appurare l’esatta dinamica di quanto accaduto la notte appena trascorsa.

La tragedia si sarebbe verificata intorno alle quattro nel quartiere Librino. Gli abitanti della via Castagnola si sono svegliati con il boato causato dall’esplosione di un ordigno. Quest’ultimo è esploso davanti una tabaccheria ferendo mortalmente una persona. Si tratta di uno dei due ladri che avevano messo in atto il programma di compiere un furto in piena notte, approfittando di un orario in cui nel quartiere non ci sono persone in giro.

Sulla base di una prima ricostruzione degli investigatori, i due si sarebbero recati sul posto con il volto travisato da passamontagna. Hanno quindi posizionato la bomba vicino la macchinetta automatica della rivendita dei tabacchi con l’obiettivo di sottrarre la merce presente e, ovviamente, anche i soldi. Qualcosa non è andato però secondo i piani. L’ordigno è esploso colpendo mortalmente uno di loro. L’altro ladro, vedendosi ormai in una situazione compromessa, si è dato velocemente alla fuga lasciando sul posto il corpo privo di vita del complice.

Immediato l’allarme lanciato dalle persone residenti lungo la via al numero unico d’emergenza. Sul posto si sono precipitati subito i soccorsi del 118, il reparto operativo della sezione investigazione scientifica e i carabinieri della stazione Fontanarossa. Purtroppo per l’uomo trovato a terra è stato solamente possibile costatarne il decesso. Le macchine parcheggiate lungo l’area interessata sono state ritrovate tutte danneggiate dal violento colpo esplosivo. A lavoro gli investigatori per raccogliere tutti gli elementi che possano adesso permettere di ricostruire l’esatta dinamica della vicenda. La cosa più importante da scoprire innanzitutto è chi sia l’uomo rimasto ferito mortalmente al suolo.

Non è ancora nota infatti la sua identità. Dalle fattezze fisiche, sembrerebbe comunque una giovane persona, di età compresa tra i 25 e i 30 anni. Gli inquirenti non si sbilanciano ma, a quanto pare, la vittima, non sarebbe stata una persona avvezza a maneggiare gli ordigni. Si parla di un “ladro improvvisato” con riferimento all’utilizzo di questo tipo di strumenti. Eseguiti nel frattempo anche i rilievi e, nelle prossime ore, come da prassi, verranno analizzate le immagini delle telecamere di videosorveglianza presenti sul luogo della tragedia.