"Ladri nel mirino, ma non se l'è sentita di sparare". Così il militare ha rischiato la morte

Il carabiniere investito nel Bolognese aveva i malviventi nel mirino. Ma ha preferito non sparare. Il timore per indagini e processi

La buona notizia è che Alessandro M. sta bene. L’appuntato scelto "qualifica speciale" in forze al nucleo radiomobile di Imola, investito lunedì scorso da una banda di ladri in fuga, è fuori pericolo. Quella cattiva è che, ad oggi, le forze dell’ordine non sono riuscite ancora a mettere le mani sui malviventi accusati di tentato omicidio. Ci sono però alcune novità. E riguardano soprattutto la dinamica degli eventi. Il carabiniere, infatti, aveva il bandito nel mirino mentre si avvicinava per investirlo. Ma ha deciso di non sparare, rischiando di morire pur di non premere il grilletto.

Torniamo alle 3.30-3.45 di lunedì notte. La centrale operativa riceve la telefonata da parte di alcuni cittadini allarmati da un tentato furto in una tabaccheria a Fusignano, in provincia di Ravenna. I carabinieri si mettono sulle loro tracce e vengono allertate anche le compagnie dei Comuni limitrofi. All’altezza di Mordano, nel Bolognese, una pattuglia istituisce un posto di blocco piazzando l’auto in mezzo alla strada. Secondo alcune ricostruzioni Alessandro era "appostato" in attesa deI passaggio dell'auto incrominata. Quando vedono la gazzella, i malviventi si fermano, quasi a volersi arrendere. Due di loro scendono e scappano a piedi per i campi. Gli altri invece restano a bordo. “L’autista ha fatto retromarcia, poi ha puntato l’equipaggio - riferisce al Giornale.it una fonte ben informata dell’Arma - Uno dei carabinieri era a destra, l’altro a sinistra”. Chi ha parlato con Alessandro afferma che la ricostruzione dei fatti è forse più grave di quanto sia trapelato fino ad oggi. I ladri infatti hanno “mirato” il carabiniere, col chiaro intento di colpirlo. “Volevano andargli addosso, per stenderlo. Ci sarebbe stato lo spazio per scappare senza colpirlo, invece lo hanno proprio puntato”.

Il motivo è semplice: l’autista della Alfa 159 (poi ritrovata in fiamme a Bologna) stava cercando di guadagnare tempo. “Sapevano che in quel modo i carabinieri avrebbero interrotto la ricerca per soccorrere il collega”, continua la fonte. Per fortuna Alessandro è riuscito a schivare in parte il colpo, evitando di essere investito in pieno. “Aveva grosse ferite alla testa che ho subito tamponato per non fargli perdere troppo sangue - ha raccontato al Carlino la donna che l'ha soccorso per prima- È rimasto cosciente tutto il tempo, ma aveva un grande dolore anche alla spalla che abbiamo deciso di immobilizzargli. È stato fortunato, perché sbalzato dall’impatto ha rischiato anche di finire contro un muretto”.

Cioè che ancora non era emerso, invece, è che quando il malvivente ha diretto l’Alfa verso il militare, Alessandro aveva la pistola in mano e aveva i banditi "nella via di mira”. Avrebbe potuto sparare, riferisce la fonte, ma “non se l’è sentita”. Sono frazioni di secondo in cui ogni operatore delle forze di polizia pensa tra sé e sé: 'Se mi viene addosso, allora reagisco'. Invece poi si sommano decine di variabili e premere il grilletto risulta molto più facile a dirsi che a farsi. Alessandro li aveva nel mirino, ma non ha aperto il fuoco. E se lo avesse fatto? “Sarebbe stata la solita storia - riferisce la fonte - Alla fine in un nanosecondo si può passare dalla parte del torto, si comincia a parlare di carabinieri cattivi e di eccesso nell'uso della forza". Magari poi arrivano i magistrati, partono le indagini e il militare si ritrova da vittima a carnefice. Meglio allora non premere il grilletto. E rischiare le penne.

I commenti saranno accettati:
  • dal lunedì al venerdì dalle ore 10:00 alle ore 20:00
  • sabato, domenica e festivi dalle ore 10:00 alle ore 18:00.
Non sono consentiti commenti che contengano termini violenti, discriminatori o che contravvengano alle elementari regole di netiquette.
Qui le norme di comportamento per esteso.
Commenti

ValdoValdese

Ven, 03/07/2020 - 16:39

Ma sarà probabilmente incriminato lo stesso perché anche l'essersi lasciato investire può configurarsi come un eccesso di difesa da parte sua, cioè il magistrato l'accuserà di averlo fatto ad arte per mettere nei guai i poveri banditi...

Ritratto di navajo

navajo

Ven, 03/07/2020 - 16:44

Ora un bel commento di Nahum.

dredd

Ven, 03/07/2020 - 16:56

Mi aspetto pagliacci inginocchiati per i delinquenti

Ritratto di tomari

tomari

Ven, 03/07/2020 - 16:59

Di questo dobbiamo ringraziare la "magistratura Italiana"!

Giorgio5819

Ven, 03/07/2020 - 17:11

Devono cambiare le regole d'ingaggio per le forze dell'ordine, e , soprattutto, il governo.

Ritratto di anticalcio

anticalcio

Ven, 03/07/2020 - 17:14

anche se riusciranno a mettere la mani su questi delinquenti che li faranno? una tiratina d'orecchie,e mettendo le dita aV:non lo fare piu'!! il tuttto in stile perbernista,garantista delle sx.

Nes

Ven, 03/07/2020 - 17:15

Questa é l'attuale emergenza nazionale, il rischio di non potersi difendere per paura di essere inquisito, fenomeno che accade quotidianamente alle nostre forze di polizia, situazione tanto chiara ai nostri politici e ai vertici dei loro superiori che viene sistematicamente elusa. I criminali conoscono bene le leggi italiane che salvaguardano il reo e inquisiscono chi deve produrre sicurezza.

fisis

Ven, 03/07/2020 - 17:19

Il terrore dei poliziotti nei confronti delle toghe rosse comuniste che sgovernano la giustizia italiana arriva fino al punto che essi preferiscono mettere in pericolo la propria vita pur di non subire processi e imputazioni!

Ritratto di Lupry

Lupry

Ven, 03/07/2020 - 17:22

Comunistiiiiiiiii ......???!!

Raffaello13

Ven, 03/07/2020 - 17:29

E' un segno della decadenza dello stato, quando la magistratura e la politica preferisce essere magnanimi con i delinquenti ed inflessibile con-..tro le forze di Polizia, si rischia meno..

Ritratto di rapax

rapax

Ven, 03/07/2020 - 17:38

Allora non era in vero pericolo! Statene certi, quando si ha un bqrlume di freddezza tale da pensare di non valere la candela sparare per difendere la propria vita.

cecco61

Ven, 03/07/2020 - 17:45

Se avesse sparato ora sarebbe inquisito per aver tentato di uccidere una valida risorsa (augurandoci che non fosse rom altrimenti sarebbe pure stato accusato di razzismo). Se agisci prima di fare una brutta fine, vedi il caso di Jesolo, finisci in galera. Per la sinistra l'unica soluzione è lasciarsi derubare, picchiare e pure ammazzare visto che ai delinquenti trovano sempre ogni possibile giustificazione qualunque cosa facciano.

Ritratto di The_sailorman

The_sailorman

Ven, 03/07/2020 - 17:49

Il dilemma da sbrogliare nel tempo di qualche microsecondo: sparo, vado in galera e la mia famiglia sul lastrico oppure mi faccio ammazzare. Deduzione:comunque sia, la vendita di migliaia di pistole di ordinanza resta sempre un affare gigantesco...

paladin

Ven, 03/07/2020 - 17:54

Ho un fratello che era poliziotto. Si lamentava che spesso non potevano intervenire per lo stesso motivo di cui temeva il carabiniere ferito e-o perché una volta arrestati li vedevano i giorni seguenti di nuovo nelle strade. Come si può operare in quelle condizioni ? Dimenticavo, la maggior parte delle volte i delinquenti erano... indovinate un po' !

rennyargento

Ven, 03/07/2020 - 17:58

Ricordo che se i nostri parlamentari non fanno le leggi la magistratura applica i regolamenti in essere , hanno paura , non se la sentono se no in italia succede una strage , siamo pieni di gentaglia nullafacente che vivono purtroppo di espedienti e spesso si scagliano su cittadini inermi

oracolodidelfo

Ven, 03/07/2020 - 18:11

rapax 17,38 - quando si ha una freddezza tale da scrivere certi commenti...

Ritratto di Galahad12

Galahad12

Ven, 03/07/2020 - 18:11

La paura della persecuzione giudiziaria e del linciaggio buonista del Pensiero Unico porta a rischiare di farsi anche uccidere

Caiofabius

Ven, 03/07/2020 - 18:12

Veramente sarebbe ora di finirla con questo buonismo, Al militare i miei migliori auguri di velocissima guarigione, per fortuna e velocità di reazione non è andata peggio!!! Comunque non può continuare così!!!

zen39

Ven, 03/07/2020 - 18:14

Mi domando quale prestigio ancora ci resta per mantenere le nostre truppe all'estero. Servono qui perchè tra delinquenza comune,mafie nostre e straniere e migranti senza controllo che girano nel paese la situazione diventerà esplosiva. I "comunisti" sono efficienti solo quando si tratta di punire le imprese. Nel caso specifico sono contenti perchè il militare non ha sparato o perchè i delinquenti sono fuggiti ? Ecco la loro forza: riescono ad intimorire talmente le forze dell'ordine con le loro leggi del cavolo che la polizia quasi è contenta di farsi sparare piuttosto che farsi processare. C'è da chiedersi come è arrivato questo paese ancora oggi ad essere succubo della mentalità ipocrita della sinistra più estremista che odia tanto le sue forze dell'ordine.

honhil

Ven, 03/07/2020 - 18:15

La magistratura di fatto ha disarmato le forze dell’ordine. Anzi le ha rese non operative.

steacanessa

Ven, 03/07/2020 - 18:18

Grazie itaglia! Siamo alla follia completa, delinquenti intoccabili per colpa dei magistrati.

ST6

Ven, 03/07/2020 - 18:24

zen39: "Mi domando quale prestigio ancora ci resta per mantenere le nostre truppe all'estero." Non c'entra nulla di niente. I militari fanno i militari e non è loro conpito agire quotidianamente come forze dell'ordine. Basta con ste scemenze

SemprePiùBasito

Ven, 03/07/2020 - 18:24

Mi rammarico tantissimo che un Carabiniere si sia sentito in tale condizione e quindi passare al peggio ma lo capisco benissimo con questi sinistri se avesse sparato sicuramente sarebbe stato accusato per omicidio. Questo è il Governo di oggi se spari anche se forza dell'ordine hai torto e devi subire quello che fanno i ladri. W l'Italia che ci governa !!!!!

euge_m

Ven, 03/07/2020 - 18:28

quando ho fatto il miltare mi hanno insegnato che se sei di guardia e arriva qualcuno gli dici di fermarsi e identificarsi, se non si ferma, tu devi sparare (alle gambe): se non spari chi va nei guai sei tu.... ... se fossero queste le regole ci si penserebbe due volte a forzare un blocco..

Ritratto di hernando45

hernando45

Ven, 03/07/2020 - 18:31

Meno male che non li hanno trovati. Perche senno per questo povero ragazzo ,il vederli di nuovo a spasso dopo pochi giorni, sarebbe un'UMILIAZIONE troppo forte da sopportare!!! AMEN.

ziobeppe1951

Ven, 03/07/2020 - 18:34

navajo...un bel commento di nahum?..aspetta e spera ..è una sua risorsa

jaguar

Ven, 03/07/2020 - 18:44

Come dar torto al carabiniere, se avesse sparato gli sarebbero piombati addosso magistrati e sinistrume vario.

krgferr

Ven, 03/07/2020 - 18:53

Visto l'andazzo e le cronache di questi tempi si può anche capire che per un padre di famiglia possa essere preferibile finire sotto l'auto di un criminale piuttosto che sotto le attenzioni dei cerimonieri palamariani e dei relativi soci. Saluti. Piero

Giorgio Colomba

Ven, 03/07/2020 - 18:56

In questo paese di Pulcinella - senza offesa per la nobile maschera - il carabiniere aveva solo due opzioni: sparare e finire al gabbio o farsi ammazzare. Ha scelto la seconda e gli è pure andata di lusso... Urge cambiare radicalmente le regole d'ingaggio delle FF.OO. e riformare il mondo delle toghe, da tempo gravemente adulterato, e non solo dalle vicende Palamara e Franco.

audace

Ven, 03/07/2020 - 19:05

A questo punto disarmiamo le forze dell'ordine. Cosa tengono a fare le pistole? A cosa servono? Politici e magistrati vogliono spiegare cosa farne?

Lucmar

Ven, 03/07/2020 - 19:06

Rispetto a quello che sta succedendo, BLM, antifa, carabinieri che si fanno spaccare la faccia senza reagire, che non snparano neppure quando ci sarebbe bisogno... rispetto a tutto questo, quello di Kafka, a paragone, è un mondo governato dalla ferrea logica di Aristotele...

Ritratto di PeccatoOriginale

PeccatoOriginale

Ven, 03/07/2020 - 19:26

"Il timore per indagini e processi"...? BALLE! BALLE! BALLE! Scommetto che questo NON lo ha riferito lui. Propaganda del menga del Giornale Salvinizzato. Ha preferito provare a scansarsi e salvarsi, anziche' sparare e farsi prendere in pieno. Che pena...

er_sola

Ven, 03/07/2020 - 19:43

Hanno paura delle conseguenze di questa giustizia ridicola che protegge i delinquenti.

killkoms

Ven, 03/07/2020 - 19:47

È mai possibile che in Italia un membro delle ff.oo. debba scegliere tra il processo e il funerale?

oracolodidelfo

Dom, 05/07/2020 - 10:53

PeccatoOriginale 19,26 - raramente ho letto un commento di tal bassezza.