Legittima difesa dall'incapacità

contagi calano e la Lombardia si prepara a riaprire, il Veneto la segue, Piemonte, Friuli Venezia-Giulia e Sicilia pure.

I contagi calano e la Lombardia si prepara a riaprire, il Veneto la segue, Piemonte, Friuli Venezia-Giulia e Sicilia pure. Di fronte all'immobilismo del governo, paralizzato dall'incompetenza di Conte e da otto inconcludenti commissioni più o meno scientifiche in lotta tra loro, le Regioni del Nord e molte di quelle a guida centrodestra annunciano lo strappo. Incoscienza? Azzardo? Lo definirei realismo da una parte e legittima difesa dall'altra. Difesa dalla babele politica e dal caos scientifico. Da settimane ci dicono tutto e il contrario di tutto, e chi ha bisogno di certezze non può più aspettare i riti romani.

Parliamo comunque di riapertura a rischi calcolati, di regole chiare sulla sicurezza, non di un «liberi tutti» incondizionato. Che la Lombardia e il Nord non si facciano impantanare nella palude romana e prendendosi tutta la responsabilità politica del caso si mettano di fatto alla guida del Paese indicando a tutti la strada, non può che essere una buona notizia, confortata ieri anche dall'elezione a nuovo capo di Confindustria di Carlo Bonomi, presidente uscente di Assolombarda.

Il Nord ha tutto il diritto di andare per la sua strada per più di una ragione. La prima è che ha affrontato da solo questa devastante emergenza, riuscendo a gestirla né meglio né peggio dei grandi Paesi occidentali ben più efficienti e strutturati dell'Italia (in quanto ai morti nelle case di cura vi consiglio di leggere oggi l'articolo su ciò che è accaduto in Francia, Belgio e Spagna). La seconda ragione è che il Nord si è attrezzato per affrontare un eventuale ritorno non lo si può escludere di aggressività del virus costruendo, per esempio, in sole due settimane e con fondi privati, il più grande centro di terapia intensiva d'Europa (l'ospedale in Fiera a Milano, grazie anche al contributo di voi lettori). La terza è che le imprese del Nord, già provate, si devono confrontare con quelle di Paesi che hanno già deciso di riaprire (vedi Germania): rimanere chiusi solo un giorno più di loro significherebbe uscire dal mercato per anni, in quanto le commesse delle aziende italiane sarebbero facile preda di concorrenti di ogni dove (cinesi in primis).

Riaprire prima di avere messo la situazione sotto controllo sarebbe stata una follia; riaprire dopo tutti per paura e incapacità sarebbe un suicidio. Il rischio zero non esisterà per anni, col virus dovremo convivere modificando vita e lavoro. Non senza vita né lavoro.

I commenti saranno accettati:
  • dal lunedì al venerdì dalle ore 10:00 alle ore 20:00
  • sabato, domenica e festivi dalle ore 10:00 alle ore 18:00.
Non sono consentiti commenti che contengano termini violenti, discriminatori o che contravvengano alle elementari regole di netiquette.
Qui le norme di comportamento per esteso.
Commenti

Cheyenne

Ven, 17/04/2020 - 17:09

Caro Direttore, pur essendo siciliano e andando contro i miei interessi, non c'è dubbio che se il Nord fosse realmente autonomo l'Italia sarebbe molto pià ricca ed efficiente.

Ritratto di dlux

dlux

Ven, 17/04/2020 - 17:26

Sarò sincero: l'iniziativa di "riaprire" non mi convince più di tanto. E non per posizione ideologica favorevole o contraria a chicchessia, ma per semplice logica. Nessuno sa spiegare cosa ci aspetta. Le commissioni inconcludenti (l'ha detto Lei) non sanno dire niente di più di ciò che già si sa: il profluvio di proclami non fa altro che aumentare iperbolicamente la confusione. Ancora oggi, dopo due mesi di allarme sanitario, non sanno dirci se le mascherine servono o non servono. Ancora oggi, dopo quasi tre mesi dai primi casi conosciuti in Cina, non si sa che cosa avvenga in quel paese, se il virus è regredito, è stato sconfitto oppure nascosto dietro una cortina fumogena alzata ad hoc dal regime. Ancora oggi non sappiamo quale mente illuminata abbia deciso di mandare nelle Residenze per Anziani i malati tanto per sfoltire le corsie degli ospedali, innescando focolai dall'esito scontatissimo. In questa situazione c'è veramente qualcuno che "riapre" a cuor leggero?

adal46

Ven, 17/04/2020 - 17:32

Giusto. Speriamo che molti Avvocati si interessino a fare chiarezza sulle MOLTE ombre di queste strazianti settimane.

Nick2

Ven, 17/04/2020 - 17:42

Fontana e Zaia sono in balia degli imprenditori. Ma attenzione, LE MASCHERINE! Le aziende, prima di ripartire devono averne una scorta: 2 al giorno (omologate) per ogni operaio. Le grosse aziende non ripartono subito perché ne sono sprovviste. Nel metalmeccanico (che conosco) molte piccole e piccolissime imprese (quello che hanno il 70-80% del personale straniero), nemmeno si sono fermate e delle mascherine se ne strafregano. Lavorano ancora come negli anni 80. C'è poco da stare allegri, in Lombardia abbiamo ancora 200-300 morti al giorno, una eventuale recrudescenza del virus ci bloccherebbe fino a dicembre e sarebbe la FINE. Altro che ospedale della fiera!

marinaio

Ven, 17/04/2020 - 18:00

Nick2 e Dlux, Ragazzi, se volete commentare, fatelo con massimo 10 righe, altrimenti non vi legge nessuno. Questo vale per tutti. Non è una polemica. Grazie.

Ritratto di scimmietta

scimmietta

Ven, 17/04/2020 - 18:03

X Nick2 17.42: premesso che le mascherine era compito del governo (Arcuri commissario) doverle procurare, ma le stiamo ancora aspettando, il resto è semplice, le industrie se non sono dotate dei mezzi di protezione non possono ripartire. Semplice no? Ma in certe zucche è difficile far entrare anche un minimo di sale.

Ritratto di mortimermouse

mortimermouse

Ven, 17/04/2020 - 18:08

sallusti scrive bene! dobbiamo difenderci dalla incapacità, che è totalmente ascrivibile alla mentalità e comportamento del M5S e del PD! :-) non se ne vedeva nessuno cosi incapace con i nostri, in tutto il mondo!!!

Ritratto di 02121940

02121940

Ven, 17/04/2020 - 18:19

Giusto quanto scrive Sallusti, come al solito. Nella recente vicenda del “coronavirus” abbiamo visto molta incapacità a livello centrale, con tante chiacchiere da parte del Presidente del Consiglio, ma con una efficacia più sicura a livello locale, nelle Regioni ed anche in singole città.

Ritratto di mauriziogiuntoli

mauriziogiuntoli

Ven, 17/04/2020 - 18:19

Dubito che i buoni intendimenti servano. Siamo stati i primi ad entrare nella crisi ed ultimi ad uscirne. Altrove le cose non vanno così: chiusure limitate, contabilità sanitaria più accorta ma economia ancora viva. Da noi in via di estinzione. Tra qualche decennio, quando temo non saremo più neanche una nazione, non vorrei pensassero che sarebbe stato meglio lasciare che la virulenza avesse fatto il suo ed i cittadini pure. Vista la totalità delle morti: per virus ma molte di più per danni sociali connessi alla cura.

Nick2

Ven, 17/04/2020 - 18:23

Marinaio, 8 righe! Forse, sballottato dal mare forza 9, vedi doppio...

Nicola48ino

Ven, 17/04/2020 - 18:36

Direttore eg. Come Cheyenne io sono abruzzese e se il nord non riparte alla mia pensione succede come la Grecia.

giovanni951

Ven, 17/04/2020 - 18:37

la Sicilia, come quasi tutto il sud, nn ha avuto - per fortuna loro - ciò che abbiamo subito noi quindi, forse, avrebbe potuto tenere tutto aperto. Con qualche limitazione ed obbligo come per le mascherine.

giovanni951

Ven, 17/04/2020 - 18:38

complimenti a Cheyenne (17.09)per l'onestà intellettuale.Non è da tutti. Purtroppo.

Nicola48ino

Ven, 17/04/2020 - 19:09

Eg Direttore una sola domanda. A cosa serve Co o Calao egli altri seguaci,? Arcuri? Che sono poltrone meritevoli o solo poltrone?.

highlander01

Ven, 17/04/2020 - 19:09

Caro Cheyenne, visto che sei così convinto di quello che dici, proviamo ad evitare di pagare a Roma 54 Mld. di Euro all'anno, questo è il valore degli emolumenti che la Regione Lombardia versa allo Stato.Secondo Te se il Nord fosse Autonomo e non versasse nessun emolumento cosa succederebbe al resto d'Italia?

Nick2

Ven, 17/04/2020 - 19:37

Le regioni reclamano massima autonomia in campo sanitario, ma non sono state in grado di procurare mascherine persino ai loro medici e personale sanitario ed accusano il governo! Finiscila di cercare di contraddirmi a tutti i costi!

mcm3

Sab, 18/04/2020 - 10:37

Il titolo giusto per desrivere il Governatore della Lombardia, se come lei dice il Nord ha diritto di andare per la sua strada, lo stesso diritto lo ha De Luca a dire che chiude la Campania, lu ha almeno la capacita' di decidere e prendersi responsabilita', sarebbe troppo facile non fare niente e successivamente scaricare le colpe se dopo l'apretura della Lombardia ci fosse un aumento dei contagi,

mzee3

Sab, 18/04/2020 - 10:40

Ha rgionissima direttore .lei è uno che dice sempre la verità!(…)Da settimane ci dicono tutto e il contrario di tutto(…)In occasione dei primi contagi, in Italia, da Covid 19, Matteo Salvini, non aveva dubbi: "Bisogna chiudere tutto". Alle domande dei giornalisti sulle misure da adottare per scongiurare l'inizio dell'emergenza, il leader leghista il 21 febbraio :Il leader leghista il 27 febbraio, a soli 6 giorni di distanza dalle sue prime dichiarazioni sull'emergenza Covid-19, sembra entrare in confusione e cambia rotta.10 marzo: "Fermare tutto" Nuova retromarcia di Salvini. "Fermiamo tutto per i giorni necessari;26 marzo: "Riaprire tutto? Ho sbagliato";4 aprile: "Riaprire le chiese per Pasqua";14 aprile: "Chi può riapra il prima possibile";16 aprile: "Riaprire la Lombardia

Treg

Sab, 18/04/2020 - 10:45

La vogliamo smettere di dire che al Sud c'è meno virus grazie alle misure del governo? A Napoli, città con la più alta densità abitativa d'Europa e con gente tutt'ora brulicante per le strade dei quartieri popolari si contano poco più di 50 morti CON il virus su una popolazione di un milione di anime. Dovrebbe esserci una strage con morti per terra, no? Riaprire subito anche il Sud! E che De Luca faccia lo sceriffo per cause migliori.

Emilia65

Sab, 18/04/2020 - 11:12

Caro Direttore, sono d'accordissimo con Lei soprattutto sull'incapacità di Conte, che mi sembra totalmente nel pallone, da sostituire subito per il bene del Paese. E poi, con vena appena più polemica, anche sul punto in cui dice che ci sono paesi occidentali ben più efficienti e strutturati dell'Italia. Leggo dappertutto che noi siamo i migliori al mondo a fare qualunque cosa, che una nazione come la nostra non esiste, ecc.: non è vero. In alcune cose sì (il cibo) in altre no, come si è visto benissimo in questa emergenza. Dobbiamo darci da fare per migliorare e rimanere al passo, altro che pavoneggiarsi di essere sempre i migliori.

Ritratto di Flex

Flex

Sab, 18/04/2020 - 11:13

Ogniuno dovrebbe gradare alle proprie responsabilità, il governo si è dimostrato altamente incapace ma anche i governatori delle Regioni non sono stati da meno la Lombardia per prima, scaricano su tecnici come se questi li avesse nominati lo "Spirito Santo". La Lega se non impare in fretta a distinguere le "chiacchiere dai fatti" avrà brutte sorprese.

Kamen

Sab, 18/04/2020 - 11:27

Nick2: quando chiude il suo commento con "altro che ospedale alla fiera" lei manifesta la sua totale spudoratezza di sinistro disinformatore.

ex d.c.

Sab, 18/04/2020 - 11:37

Non possiamo aspettarci niente Se questo Governo. Abbiamo un PD strutturato nave PCI quindi dedito all'immobilismo ed un'arma da Brancaleone che ha più del 30%

Ritratto di 02121940

02121940

Sab, 18/04/2020 - 12:51

“Di fronte all'immobilismo del governo, paralizzato dall'incompetenza di Conte …”. Così scrive il Direttore Sallusti e gli Italiani seri, non ottenebrati dalla sinistra, sono tutti d’accordo con Lui. Unica consolazione è che Alessandro Sallusti non è l’unico che dice e scrive queste cose, mentre anzi il numero di quelli che così ragionano è in evidente crescenza, fortunatamente.

Giorgio1952

Sab, 18/04/2020 - 13:01

«Oggi con l’inaugurazione dello pseudo “ospedale” in fiera mi sento triste», ha commentato il 6 aprile il cardiologo Giuseppe Bruschi, Dirigente Medico I livello dell’ospedale Niguarda. «L’idea di realizzare una terapia intensiva in fiera non sta ne in cielo ne in terra…La Lombardia non aveva certo bisogno di dimostrarsi superiore alla Cina costruendo un “Ospedale” in fiera… bastava vedere quanto fatto da tutti i dipendenti degli Ospedali Lombardi che in questi 40 giorni hanno “creato” oltre 600 posti di rianimazione dal nulla, con il loro costante lavoro e sostanzialmente senza risorse…».

Raffaello13

Sab, 18/04/2020 - 13:17

A tutti questi discorsi MANCA una notizia Fondamentale! E cioè che i Medici stanno dicendo, secondo l'Esperienza Clinica maturata, che la CAUSA prima di Morte riscontrata, NON è la Polmonite! Ma una Serie di Micro Trombi che vanno ad otturare i Vasi Sanguigni dei Polmoni; la differenza è che è INUTILE tenere sotto Ossigeno se non si permette a questo di arrivare al Sangue bloccato dai trombi. Il rimedio è a portata di mano, nelle PRIME Fasi della Malattia, con l'uso di Anti Infiammatori e l'Eparina a basso peso molecolare. Con farmaci da Pochi Euro si sarebbero salvati da Morte migliaia di Persone! Ma appena si è diffusa in Rete questa notizia, l'Apparato dei Sapienti ha mandato i NAS a SEQUESTRARE tutti i Farmaci Salva Vita, per paura che qualcuno si Auto Medicasse!

Raffaello13

Sab, 18/04/2020 - 13:23

Diffondiamo la Notizia che circola già in Rete: i Bravi Medici hanno già trovato una Cura efficace a base di Anti Infiammatori ed anti Coagulanti (Eparina) che se somministrati all'INIZIO, quando sorge la Febbre, IMPEDISCE i Danni Trombotici che sono i veri Responsabili del Blocco Polmonare. Il Direttivo degli "esperti" ha fatto sequestrare dalle Farmacie, rendendoli INTROVABILI, questi Farmaci Salva Vita, per cui i Sintomatici lasciati a casa SENZA FARMACI, si sono aggravati fino a finire in Rianimazione, senza salvezza! Lobby del Potere centrale!

Ritratto di mauriziogiuntoli

mauriziogiuntoli

Sab, 18/04/2020 - 13:30

Alcune jene da tastiera incolpano Regione Lombardia di non aver fornito medici ed ospedali di mascherine. Non dicono che Conte aveva garantito la nostra ferrea preparazione, né la esclusiva competenza della Protezione Civile che lamentava di averle richieste a milioni ma non ottenute. E tanto meno l'art.117/q della Carta. Ignorano che la Regione, con il Politecnico, ne aveva approntate ben 900.000 subito bloccate dai burocrati capitolini perché "arrossavano la pelle". Le medesime jene ironizzano sulla costruzione dell'ospedale della Fiera in tempi rapidissimi: una vera jattura per i patetici adoratori della mutua nostrana.

Ritratto di mauriziogiuntoli

mauriziogiuntoli

Sab, 18/04/2020 - 13:33

Nick2# Al netto delle sue opinioni (rispettabilissime) contrabbandate per fatti, resta la sua patetica ironia sull'ospedale/Fiera. Non fa ridere. Suggerisce però molto di lei: elettore di Toninelli e DM, lettore di Travaglio, diffamatore tendenziale, adoratore della mutua e parassita incallito considerato il disprezzo per un ospedale nato dal laboriosità e creatività altrui. Fatti inconcepibili per quelli come lei.

Ritratto di scimmietta

scimmietta

Sab, 18/04/2020 - 13:41

X Nick2: le regioni non reclamano nessuna autonomia in campo sanitario, gli è stata affibbiata da una sciagurata riforma varata dei tuoi amici della sinistra. Comunque il Governo cui la costituzione assegna la cura e la profilassi in tema di sanità di tutto il popolo italiano, poteva benissimo evocare a se almeno il coordinamento della profilassi e cura contro la pandemia .... se ne è guardato per bene dal farlo, ha solo evocato a se, tramite il commissario Arcuri, l'acquisto dei dispositivi di protezione individuale ..... un bel businnes, non trovi? Tra l'altro le mascherine et affini ancora non si vedono, ma i soldi ..... vedi Zingaretti nel Lazio.

Ritratto di venanziolupo

venanziolupo

Sab, 18/04/2020 - 13:44

Nick2 se Conte e il suo commissario Arcuri si sono presi l'onere con decreto di provvedere le mascherine per tutta l'Italia e le mascherine in certe zone non le hanno ancora viste e se nel pieno dell'emergenza Medici e Infermieri ne erano sprovvisti con chi dobbiamo prendercela ?

morello

Sab, 18/04/2020 - 14:25

Dr Sallusti la prego , alcune sue affermazioni sono davvero lontane dalla realtà . Già la premessa : "in lombardia i contagi calano " , si il numero dei contagiati giornalieri sta calando ( ieri comunque 1041 ) ma il numero dei positivi continua ad aumentare e non parliamo dei decessi sempre elevatissimi . Al Nord solo il Veneto in questo si distingue . Diciamolo chiaramente per la Lombardia la riapertura non ha senso, è un grande azzardo.L'economia ne risente ? Certo , ma quali presupposti organizzativi ci sono e quanta credibilità possono avere le buone intenzioni di chi governa la regione per riaprire? Quanto al"l più grande centro di terapia intensiva d'Europa ",per favore,lo dice uno che nel suo piccolo ha contribuito, si tratta di una C....a pazzesca . Ad oggi non un solo paziente in terapia I. e dopo un mese solo 53 posti disponibili ( oggi 157 su 200 )di cui solo una decina occupati. Meglio, molto meglio quello degli alpini . meno tempo ,meno costi e subito utile

Libero 38

Sab, 18/04/2020 - 14:30

Egr. Direttore sembra che in italia si voglia scherzare con il fuoco,anzi con la peste coronavirus.Malgrado le migliaia di morti l'incompetente ex avvocato difensore dei ladri di galline giuseppi e la sua accozzaglia governo e con il signor Si di mattarella avrebbero intenzione di riaprire alcuni ritrovi senza rendersi conto che sarebbe come buttare benzina sul fuoco.

gedeone@libero.it

Sab, 18/04/2020 - 15:30

Senza la Lombardia il reddito di cittadinanza ve lo sognate...

Ritratto di dlux

dlux

Sab, 18/04/2020 - 16:05

Il campo di battaglia è diventata la Lombardia. Che tristezza! Che miseria ed ignobiltà! Nessuno, a parte il sottoscritto, che abbia evidenziato la gravissima lacuna che fa da sfondo a tutto questo: manca un parere univoco da parte della scienza o, meglio, da coloro che dovrebbero dare voce alla scienza. E mi riferisco a ISS ed OMS. I quali avrebbero dovuto dare disposizioni chiare fin dall'inizio ed invece balbettano cose senza senso, confuse e contraddittorie. Il politico non è un microbiologo, virologo, scienziato ed è ovvio che ad essi si affidi nel momento del bisogno...

Savoiardo

Sab, 18/04/2020 - 16:12

Elezioni per un nuovo 18 aprile 1948 e cosi' cacciare i radicalchic i gobalisti i politicamentecorretti i #metoo ecc servi dei novelli Savi di Sion.Mattarella batti un colpo.

Ritratto di mauriziogiuntoli

mauriziogiuntoli

Sab, 18/04/2020 - 16:24

morello# Che c'è? Le fa paura tornare a lavorare? Comodo dare i numeri a vanvera seduto in poltrona. Vuole essere mantenuto a vita? Non è possibile. A lavoro!

lucianissimo

Sab, 18/04/2020 - 17:43

UNA SOLA PAROLA DI FRONTE ALL'INCAPACITA' dei governanti e delle 15 (diconsi quindici) "task force" messe in campo per mascherare la pochezza cerebrale dei nocchieri: AUTONOMIA, AUTONOMIA, AUTONOMIA. E SE NON STA BENE A ROMA, SI DIMENTICHINO I 54 MILIARDI DI EURO CHE LA LOMBARDIA REGALA AGLI INETTI OGNI ANNO.