Libertà vigilata no

Il premier è furioso, i governatori anche e i sindaci pure: troppa gente in giro a zonzo, troppi assembramenti. Avanti così, dicono "e si torna alla chiusura" minacciando pure un inasprimento delle multe per chi viene colto in flagranza

Il premier è furioso, i governatori anche e i sindaci pure: troppa gente in giro a zonzo, troppi assembramenti. Avanti così, dicono «e si torna alla chiusura» minacciando pure un inasprimento delle multe per chi viene colto in flagranza. Già, tutto giusto in linea teorica ma un conto sono gli assembramenti organizzati in spregio a norme e buon senso, altro è se una somma di comportamenti corretti porta a una situazione di possibile rischio e quindi perseguibile in punta di legge. Voglio dire: se io esco, da solo o in compagnia, equipaggiato e distanziato, e girando l'angolo mi ritrovo affiancato ad altre persone che facciamo? Tiriamo a sorte chi deve fare retromarcia, iniziamo a questionare su chi è uscito prima di casa?

O si chiude o si apre, sapendo i rischi che si corrono. Pensare di trasformare l'utopia in norma applicabile è tempo perso, soprattutto se parliamo di grandi numeri e di spazi liberi. Volere legiferare sulla sana incoscienza dei bambini, sugli ormoni degli adolescenti, sulla necessità relazionale dei giovani o sulle libertà personali degli adulti è una battaglia illiberale, ma soprattutto contro i mulini a vento, simile al tentativo (ovviamente fallito) di voler riaprire il calcio con le regole degli scacchi. La questione non è se è giusto o sbagliato, è semplicemente impossibile, quindi tanto vale farsene una ragione e smetterla di minacciare ogni giorno tutto e tutti con toni che vanno dal paternalista al dittatoriale.

A me il virus fa paura, non sono certo che «andrà tutto bene» e per questo sono convinto che ognuno debba continuare a fare la sua parte. Ma più del virus temo lo stato di polizia permanente, le irruzioni nei ristoranti dove mi rifiuterò di lasciare i miei documenti, gli spioni in spiaggia o il vicino di casa delatore per una spaghettata sul terrazzo.

Siamo stati convinti sostenitori della necessità di chiudere tutto e non abbiamo deciso noi di riaprire, chi lo ha fatto spero abbia fatto tutti i ragionamenti del caso. Se la reclusione aveva un senso, la libertà vigilata proprio non ci piace. Anche perché non ci sembra che il vigile Conte e chi per lui visto come si è comportato in questi mesi - abbia i requisiti professionali per venire a farci ogni giorno la morale. Si concentri sul suo, che noi proveremo a fare altrettanto sul nostro senza dover essere ogni giorno minacciati e ricattati.

I commenti saranno accettati:
  • dal lunedì al venerdì dalle ore 10:00 alle ore 20:00
  • sabato, domenica e festivi dalle ore 10:00 alle ore 18:00.
Non sono consentiti commenti che contengano termini violenti, discriminatori o che contravvengano alle elementari regole di netiquette.
Qui le norme di comportamento per esteso.
Commenti
Ritratto di mortimermouse

mortimermouse

Gio, 21/05/2020 - 17:16

perfetto! esattamente quello che conte deve leggere! e finiamola con conte che comanda e impone cose impossibili! non a caso, la sua popolarità non è compatibile con quello degli articoli di giornali (ma dove sta il 60% di gradimento di conte?) ! anzi, è talmente antipatico che non troverà piu del 10 % di gradimento in italia! e allora finiamola! meglio che arrivi subito le elezioni!!!

Schweizer

Gio, 21/05/2020 - 17:30

Ineccepibile-einwandfrei. Come gli italiani hanno potuto sopportare la privazioni delle libertà individuali della persona? ascoltato qualche press conference Conte o Arcuri, da non credere che in uno stato democratico occidentale l'autorità possa rivolgersi con quei toni ai cittadini

Ritratto di dlux

dlux

Gio, 21/05/2020 - 17:49

Condivido, Direttore. Però mi consenta di continuare il Suo discorso. Anche a me fa paura il virus e lo stato di polizia entrambi figli di un'altra paura: l'ignoranza. Il fatto di sapere poco di questo virus, il fatto di non sapere com'è nato, quando e come si è diffuso e come affrontarlo. I massimi organi appositamente istituiti hanno fallito il loro compito sia a livello mondiale che nazionale, ergo, ogni volta che usciamo di casa non sappiamo se vi si torna in salute oppure no...

fisis

Gio, 21/05/2020 - 17:56

Vedo che ci sta svegliando e si incomincia a perceperire l'aria di dittatura e cancellazione delle libertà che questo governo ha perpetrato e minaccia ancora ai nostri danni.

Ritratto di Koerentia

Koerentia

Gio, 21/05/2020 - 19:07

Direttore, le immagini di Conte che saluta calorosamente il Papa ormai 83enne durante il lockdown non hanno fatto sensazione o meglio non si sono fatti commenti a tal proposito. Non crede che oltre alla vigilanza fisica ci sia anche quella di stampa come non mai. Siete davvero liberi di pubblicare?

fisis

Gio, 21/05/2020 - 19:15

Vedo che ci si sta svegliando e si incomincia a percepire l'aria di dittatura e cancellazione delle libertà che questo governo ha perpetrato e minaccia ancora ai nostri danni.

Ritratto di mauriziogiuntoli

mauriziogiuntoli

Ven, 22/05/2020 - 10:13

Siamo stati tramortiti da una botta di statalismo fascio comunista. La salute non c'entra visto che del virus non sa niente nessuno. Magari un giorno si scoprirà che ci siamo mascherati per niente, che migliaia di imprese sono andate in rovina a causa di scienziati pazzi : oggi fan chiudere tutto ed un tempo sostenevano che la terra fosse piatta. Tutti han paura del virus, io per primo. E del cancro no? Della miseria nera? Della disoccupazione? Dei camion in autostrada? Il rischio zero è utopia. E non è un caso se non si erano mai visti governo e parlamento invasi da tanti inetti. Per di più regolarmente eletti. Non si arrestano 60 mln di persone! Si sarebbero dovuti tutti i soldini negli ospedali. E gli altri tutti a lavoro! C'è chi l'ha fatto e non gli è andata peggio che a noi.

Sabino GALLO

Ven, 22/05/2020 - 11:40

“Questi scontri politici”saranno lunghi! Ignorato, finora, un problema importante,che riassumiamo: La “Climatologia” , con la moderna tecnologia, dovrebbe permettere di studiare anche la variabilità del clima di breve durata (20 – 30 anni) “ attribuita” ai soli fenomeni delle attività umane , a differenza del passato ! Tale possibilità è stata riconosciuta dalla Istituzione IPCC dell’ ONU, ma non ancora condivisa da tutti gli “esperti”. In particolare, il dubbio persiste sull’aumento di temperatura media della Terra finora valutata di 0,74 +/- 0,18 °C, ritenuta solo “antropica” e causata dai Paesi più avanzati dell’ Emisfero Boreale. L’IPCC raggruppa 200 Paesi (grandi e piccoli), messi a “confronti politico-economici” annuali di nome COP(Conferenze delle Parti), con il compito di (seconda parte qui di seguito) :

Sabino GALLO

Ven, 22/05/2020 - 11:46

2a parte: 1) monitorare, con continuità, il “Riscaldamento Climatico” globale; attribuito alle emissioni di “CO2” delle attività “antropiche” dei paesi succitati ; 2) proporre soluzioni per mantenere costanti quelle “già valutate” o non farle aumentarle oltre 1,5-1,5 - 2°C ! Tali soluzioni sarebbero affidate ai “Paesi ricchi ed avanzati delle COP”, escludendo i Paesi poveri! I Convegni realizzati dal 1995 al 2019 sono già 25. Il 26mo rinviato al 2021. L’accordo fra i Paesi appare, da sempre,molto difficile ed i risultati finora ottenuti sono quasi nulli ! Ma il COVID-19, che ha causato in pochi mesi tragedie umane ed economiche, permette anche di analizzare meglio il “Cambiamento climatico” di natura “antropica” e, probabilmente, razionalizzare le soluzioni per eliminarlo o contenerlo! Alcune considerazioni aggiuntive potranno essere riassunte nel seguito.

Ritratto di abraxasso

abraxasso

Ven, 22/05/2020 - 11:54

Visto che i giovani amano tanto stare assieme, perché non se ne approfitta per riaprire le scuole? Tra l'altro credo che i nostri governanti otterrebbero di più se invece di minacciare una multa o una chiusura, minacciassero un ritorno a scuola!

ilguastafeste

Ven, 22/05/2020 - 11:58

Non è una minaccia, è un dato di fatto ed è solo un'avvertimento. Se dovessero aumentare i casi e nascere un nuovo focolaio si dovrà per forza chiudere almeno quella zona. Se lei continua a giustificare bambini e adolescenti, sollevando dalle responsabilità i genitori per i primi e il senso civico per i secondi. Scrive che ognuno debba fare la sua parte e cita gli ormoni, fa ridere i sassi direttore.

mzee3

Ven, 22/05/2020 - 12:22

Se l'italiano fosse persona consapevole e ordinata, non ci sarebbe necessità di obblighi ed imposizioni...ed invece il menefreghismo, l'arroganza e l'ignoranza è sempre stata alla base del desiderio e necessità di avere l'uomo forte al potere, tranne poi lamentarsene. Ci si è sempre chiesto come mai gli asiatici portassero le mascherine … ora l'italiano medio forse l'ha capito...tranne la solita becera minoranza che obbliga la mano dura per tutti.

Nardino37

Ven, 22/05/2020 - 13:13

Ci sono diverse espressioni per commentare le sue asserzioni: saltare di palo in frasca o volere la botte piena e la moglie ubriaca. Paventa una dittatura e,contemporaneamente, con il ridimensionamento delle restrizioni, una recrudescenza del virus, visto lo sconsiderato ed incosciente comportamento dei nostri concittadini, da Nord a Sud. Forse la sua botte si va svuotando?

Ritratto di mauriziogiuntoli

mauriziogiuntoli

Ven, 22/05/2020 - 13:26

La scienza ha capito che i governi han bisogno di terrore e l'ha sfornato prontamente. Come ha sempre fatto. Prossimamente andrà in scena il terrore del "cambiamento climatico", di natura antropica naturalmente. Trattasi di gigantesca fesseria priva di ogni riscontro scientifico e ... di buon senso. Ma gli ometti han bisogno di sentirsi persone per bene e son bell'e pronti. "Fate di noi quel che volete!". Io no.

Ritratto di dlux

dlux

Ven, 22/05/2020 - 13:32

Ricorda, Direttore, quante volte abbiamo fatto appello al "buon senso" degli italiani? E ricorda quante volte (tutte) io ho detto che non mi fido? Questa è una di quelle volte. E' matematicamente dimostrato che non appena concedi un dito c'è il furbetto (quasi tutti) che si prende tutta la mano. Il discorso sulla limitazione delle libertà è strumentale e non soddisfa appieno. Tutti ci dobbiamo sentire impegnati a supplire ad una mancanza grave di determinazione da parte del governo e finché non avremo superato questa fase critica è inutile e dannoso far finta di essere liberi.

ilrompiballe

Ven, 22/05/2020 - 17:15

Siamo un popolo di sopravviventi. Anche se ci sarà concesso (grazie)di trasferirci da una regione all'altra, ci porteremo addosso l'incubo del virus che ci è stato sapientemente instillato mediante stampa, televisione, internet. smartphone, conferenze stampa e via dicendo. Da notare che pur essendo sani, ci viene sapientemente iniettato il sospetto di essere comunque malati, mediante il concetto di "asintomatico". Con che faccia potrei presentarmi , da lombardo,agli amici calabresi: quella dell'untore?