L'osceno scaricabarile contro le regioni del Nord

Ma quale "solidarietà nazionale" invocata dal presidente della Repubblica e millantata dal premier Conte che ieri, alle strette, ha detto «sì» a una cabina di regia dell'emergenza con le opposizioni.

Ma quale «solidarietà nazionale» invocata dal presidente della Repubblica e millantata dal premier Conte che ieri, alle strette, ha detto «sì» a una cabina di regia dell'emergenza con le opposizioni. Non solo, a oggi, la maggioranza giallo-rossa non ha alcuna intenzione di ascoltare il centrodestra ma ha avviato una operazione di sciacallaggio nei confronti dei governatori del Nord, scaricando colpe e responsabilità di ritardi e inefficienze su Fontana e Zaia, presidenti di Lombardia e Veneto.

Sarebbe facile ricordare che il 27 gennaio il premier Conte, ospite di Lilli Gruber, disse: «Siamo prontissimi, abbiamo adottato tutti i protocolli di prevenzione possibili e immaginabili», salvo poi scoprire pochi giorni dopo che non avevamo né respiratori né mascherine; sarebbe semplice ricordare al Pd che il suo sindaco di punta Giorgio Gori, primo cittadino di Bergamo, ancora l'11 febbraio portò la giunta a mangiare in un ristorante cinese «perché bisogna evitare i pregiudizi»; sarebbe ovvio ricordare che mentre Conte e la sinistra brancolavano nel buio i governatori del Nord già imploravano isolamento, restrizioni e lanciavano allarmi sulla mancanza di mezzi adeguati; sarebbe ovvio ricordare al Pd e ai Cinquestelle che lo scarso utilizzo dei tamponi per scovare i positivi è stato deciso dall'Istituto superiore di sanità che risponde al governo, non alle regioni.

Con l'avvicinarsi di decisioni impopolari (altro che chiusura solo fino al 4 aprile) e di scadenze drammatiche (servono altri soldi, ma le casse sono vuote), i partiti di maggioranza cercano di passare il cerino nelle mani dell'opposizione, aprendo una tardiva «cabina di regia» e mettendo in croce i suoi governatori, il che ben ci fa capire in che mani siamo.

Di questo passo ci si va sicuramente a schiantare, occorre un cambio di linea, di visione, di competenza, uscire dalla rissa politica che si sta accedendo. E c'è una sola persona che potrebbe prendere in mano il cerino con buone probabilità di non scottarsi lui e di evitare che l'incendio si propaghi: si chiama Mario Draghi. In molti lo evocano, lui ha aperto uno spiraglio con un illuminante articolo sul Financial Times (che oggi ripubblichiamo). Escludo che sgomiti per prendere in mano il Paese, ma non escluderei che - se chiamato - possa accettare, a determinate condizioni, di provare a salvarlo. O almeno lo spero. Non è l'ora dei dilettanti.

I commenti saranno accettati:
  • dal lunedì al venerdì dalle ore 10:00 alle ore 20:00
  • sabato, domenica e festivi dalle ore 10:00 alle ore 18:00.
Non sono consentiti commenti che contengano termini violenti, discriminatori o che contravvengano alle elementari regole di netiquette.
Qui le norme di comportamento per esteso.
Commenti

Zecca

Ven, 27/03/2020 - 17:31

P.s. Vedo che Salvini e Draghi, in tema di Europa, hanno la stessa visione

necken

Ven, 27/03/2020 - 17:40

Draghi è una persona competente ed autorevole che con il QE ha salvato l'Italia dal baratro del'insolvenza

trasparente

Ven, 27/03/2020 - 17:45

Draghi è la persona che vuole la UE...

Ritratto di Agrippina

Agrippina

Ven, 27/03/2020 - 18:32

Va commissariata la Lombardia, e va fatto al più presto.Purtroppo per i lombardi quella giunta ha dimostrato di non essere all'altezza del problema che adesso diventa ogni giorno più drammatico mentre nel resto del paese la situazione al momento regge.Il resto mi sembra solo fuffa da propaganda politica che qui non ha mai smesso nemmeno per un secondo.

Ritratto di faman

faman

Ven, 27/03/2020 - 18:34

visto che i meloniani non vogliono Draghi, chi metterebbero al posto di Conte? La Meloni? Con tutta la sua buona volontà non mi sembra all'altezza.

ilrompiballe

Ven, 27/03/2020 - 18:50

Non ne usciremo se i partiti di governo e opposizione continueranno a gestire la situazione come se niente fosse, rinfacciandosi a vicenda colpe e responsabilità che in realtà appartengono a tutti, da chi ha tagliato le spese a chi non è andato nelle piazze a denunciare lo sfascio. Al punto in cui siamo, si nomini un Draghi Presidente del Consiglio, lasciando a lui la scelta dei collaboratori, e i partiti ne assicurino la possibilità di operare. Tertium non datur. Diversamente a luglio saremo ancora qui a contare i morti, seduti sul divano di casa e senza un euro in tasca. A situazioni eccezionali occorrono rimedi eccezionali, ma soprattutto uomini all'altezza.

Ritratto di venividi

venividi

Ven, 27/03/2020 - 18:53

Ma ce dice trasparente, 17:45 Dove ha sentito o letto che l'UE vuole Draghi? Dove? Non so come la sua tastiera accetta ancora di scrivere le sue boiate

ilrompiballe

Ven, 27/03/2020 - 19:34

Agrippina, cominci con l'informarsi sulla densità di abitanti della Lombardia. Passi poi ad informarsi sul numero e il volume di attività economiche e spostamenti della popolazione lavorativa. Consideri infine i tagli cui sono stati costretti gli amministratori lombardi nelle strutture sanitarie a causa delle politiche nazionali. Forse capirà qualcosa in più. Se c'è qualcosa da commissariare è la politica nazionale, ammesso che questa disgraziata nazione abbia ancora una politica. Non riescono nemmeno ad emettere un modulo!

Gem

Ven, 27/03/2020 - 20:07

Certo, certo...quando tutto andava bene, il merito era degli illuminati governatori nordici del centro destra. Appena il sistema sanitario Lombardo, imperniato sul business delle cliniche private,sottoposto ad uno stress test importante, ha fatto crack, le colpe vengono scaricate sullo Stato. Un umile consiglio direttore: faccia uno sforzo immane, almeno in tale tragica contingenza, per apparire, non dico terzo, ma almeno un giornalista che ha conservato un minimo della propria dignità personale. Ci sarà sempre tempo per rivendicare l’infallibilità dei Lombardi e dei Veneti, ora è il tempo del rispetto per le vittime e per fornire un informazione quanto meno distorta possibile. Salute a Lei

Ritratto di scimmietta

scimmietta

Sab, 28/03/2020 - 10:19

X Agrippina: ...agrippina, penso la madre di Nerone fatta uccidere dal suo stesso figlio, perché sprecare energie per commissariare la Lombardia distogliendo validi amministratori, penso ad Orlando, a De Magistris o Emiliano che potrebbero fare al caso tuo, ma che, ovviamente, non potrebbero seguire al meglio le amministrazioni già a loro assegnate? perché non proponi direttamente una bella "secessione", via dall'Italia, così da liberare energie sane e capaci che potrebbero rilanciare tutto il sud verso futuri di crescita e benessere radiosi, oggi impediti dal peso frenante della Lombardia? Forza, uno scatto di dignità.

gianf54

Sab, 28/03/2020 - 10:21

Magari ci fosse Draghi...

killkoms

Sab, 28/03/2020 - 10:22

@agrippina,draghi ha salvato l'€ non l'Italia!

EchiroloR.

Sab, 28/03/2020 - 10:30

Ma cosa può fare Mario Draghi? È un mago, forse ...

Ritratto di mortimermouse

mortimermouse

Sab, 28/03/2020 - 10:37

c'è da pensare, quando le regioni colpite sono, guarda caso, le uniche due regioni italiane che trainano tutta l'economia italiana, e sono in mano alla destra: c'è abbastanza per pensare male sulla sinistra....

Giorgio1952

Sab, 28/03/2020 - 10:46

Direttore sarebbe facile ricordare "Il coronavirus è poco più di una normale influenza" (Fontana 25 febbraio), oppure "chiudiamo tutto" del 21 febbraio e "riapriamo tutto" del 27 febbraio di Salvini, il buon Zaia che non voleva "zone rosse" in Veneto. Certo che con l'emergenza in corso ci si può andare a schiantare, ma ci troviamo di fronte ad una situazione che nessuno ha previsto, le altre nazioni dopo aver visto quello che è successo in Italia si sono preparate, vedi Francia, Spagna o Regno Unito? Vogliamo parlare di Boris Jonshon? La soluzione di Draghi premier l’ho invocata più volte nei miei commenti su questa testata, non è certo l’ora dei dilettanti ma neppure dei “professionisti della politica”, quelli invisi al suo editore il quale disse che gli facevano schifo, quali Salvini e Meloni in politica da oltre 20 anni.

Ritratto di scimmietta

scimmietta

Sab, 28/03/2020 - 11:00

X Gem: un'altro professore della scienza dei fichi secchi. Dove hai visto che il sistema sanitario lombardo ha fatto crack? Avrei voluto vedere i sistemi regionali del sud di fronte ad un'emergenza come quella lombarda, che fine avrebbero fatto? e speriamo che il virus non colpisca quelle regioni come ha fatto al nord, questo lo dico per rispetto di tutti gli abitanti di quelle regioni, perché canti e balli sui balconi non supporteranno certamente quei sistemi sanitari allo sfascio, in mano ai soliti "mammasantissima", e per giunta super commissariati. Speriamo nella buona sorte.

Ritratto di Trinky

Trinky

Sab, 28/03/2020 - 11:07

Agrippina....alla Lombardia basta che le stiano lontani il governo e i suoi rappresentanti! Ci sta il sindaco di Milano che sta già organizzando i festeggiamenti per il dopovirus, invitati Zingaretti & Kompagni di partito...... P.S. Stiamo ancora aspettando che il vostro governo ci mandi le mascherine promesse, quelle che dicono abbia fatto arrivare ma che, misteriosamente, sono finite altrove!

killkoms

Sab, 28/03/2020 - 11:11

@giorgio1952,le preoccupazioni di zaia e Fontana,erano prettamente economiche,visto il dover operare in un contesto economico, la ue,che non ti da ne aiuti ne sconti! Che dovremmo dire di chi il discorso l'ha solo ideologizzato? sa-lah "Milano non chiude"!zin/ga/retti "aperitivo ai navigli "!go/ri "tutti al ristorante ci/ne/se"!

Epietro

Sab, 28/03/2020 - 11:38

Io la penso esattamente come Agrippina. Anzi dirò di più: Si potrebbero unire la Lombardia ed il Veneto (oltre 15 milioni di abitanti) in una unica regione e farla governare da una testina fine come quella di Agrippina.

zagor1963

Sab, 28/03/2020 - 12:11

è classico della sinistra scaricare sempre la colpa sugli altri chi doveva muoversi x tempo con le chiusure , chi doveva procurare le mascherine e quant'altro , chi doveva attivare ospedali lasciati andare nel degrado, chi doveva vigilare con l'ausilio dei servizi segreti x muoversi in tempo ? l'unione valdostana

Ritratto di marystip

marystip

Sab, 28/03/2020 - 12:31

In linea di massima non mi piace che comandi chi non prende neanche un voto (sono 10 anni ormai che si va avanti così; Conte non l'ha votato NESSUNO) ma visto il carisma e il peso di Draghi in Europa meglio lui che quel saputo di Conte e quegli incapaci, ignoranti pezzenti di 5 stelle.

Ritratto di Leonida55

Leonida55

Sab, 28/03/2020 - 12:46

Direttore è sempre stato così, accusano sempe gli altri delle loro negligenze. S il governo va male, danno sempre colpa all'opposizione. E dire che comandano loro, in ogni reparto, in ogni ufficio pubblico, in ogni settore.

Mr Blonde

Sab, 28/03/2020 - 13:11

non ci sono le regioni del nord, ci sono piemonte ed emilia che hanno reagito bene, il veneto da esempio per il mondo intero e c'è la lombardia dove qualcosa non ha e non sta funzionando. Gli incapaci lo sono sia se sono rossi o neri, smettetela con questa campagna elettorale è un altro flagello quotidiano; fontana è un incapace, lo dicono i numeri, lo strillano i morti

Kamen

Sab, 28/03/2020 - 13:43

Il governo meridionale,approfittando di questo momento di debolezza della Lombardia e del Veneto,sta adottando misure economiche scialacquatrici ad esclusivo vantaggio delle regioni sudiste ed escludendo qualsiasi tipo di aiuto alle regioni nordiste (a parte le 200.000 mascherine inutilizzabili) Il godimento di mister entusiasm for de future è palpabile.

Ritratto di scimmietta

scimmietta

Sab, 28/03/2020 - 14:11

Aiutiamo chi non fa nulla ed uccidiamo chi produce reddito ..., ma alla lunga chi pagherà? Chiedetelo a terrapiattisti e novax, ve lo spiegheranno loro dopo aver fatto quattro risate sentendo le linee programmatiche di grillo.

Ritratto di scimmietta

scimmietta

Sab, 28/03/2020 - 14:57

Abbiamo una forte e ricca economia meridionale basata sulla furbizia, il sotterfugio e il lavoro nero e no tax .... i nodi stanno venendo al pettine, speriamo di trarne le dovute considerazioni atte ad un cambiamento epocale anche di mentalità.

killkoms

Sab, 28/03/2020 - 15:19

@noblonde,lo sa quanto è grande la Lombardia è quanta gente si muove per lavoro ogni giorno?

Nick2

Sab, 28/03/2020 - 15:49

Praticamente, in Lombardia e Veneto quando tutto va bene, la sanità è fieramente di competenza delle Regioni, quando ci sono problemi è di competenza del Governo Centrale. La solita visione della realtà a targhe alterne a voi tanto cara. Il Governo italiano, il 31 gennaio ha dichiarato lo stato di emergenza sanitaria causa il coronavirus. I dirigenti delle regioni già lo sapevano da settimane. Le regioni (mi corregga se sbaglio) hanno come competenza l’acquisto del materiale sanitario necessario. Non parlo solo di quelle leghiste (non sono becero come voi), ma anche di Emilia Romagna e Toscana nemmeno hanno ordinato le mascherine! Hanno sulla coscienza decine di medici di base, medici ospedalieri ed infermieri mandati allo sbaraglio senza le necessarie protezioni. Esattamente come nel TERZO MONDO.

Mr Blonde

Sab, 28/03/2020 - 15:58

killkoms ha idea di quant'è grande la renania o le stessa emilia o l'agglomerato londinese? non spiega tutto, affatto, i ritardi e le inefficienze sono state evidenti, ovviamente aggravate da quelle centrali

Ritratto di LANZI MAURIZIO BENITO

LANZI MAURIZIO ...

Sab, 28/03/2020 - 16:22

abbiamo un governo di sudisti che odiano il nord e i governatori del nord.

albyblack

Sab, 28/03/2020 - 16:53

@ agrippina: aggiungo a quanto scrive 'il rompiballe' ieri sera, che oltre alla densità, i numeri dicono che in Lombardia vivono 10milioni di persone. Ovverosia 1 italiano su 6. Inoltre va ricordato che il 19 febbraio non andava assolutamente giocata la partita a San Siro, Milano. Fra i 45mila presenti, di cui 42mila tifosi\simpatizzanti atalantini, è molto probabile qualcuno fosse positivo. Figurarsi in un ambiente come uno stadio, con tutti ravvicinati dove tutti incrociano tutti. Per poi rientrare in famiglia, nei luoghi di lavoro, etc. Oltre ai motivi già elencati, sono assai convinto che quella sera di febbraio abbia rappresentato il perchè del numero abnorme di contagiati rispetto non solo al resto del Paese, ma anche all'interno della stessa Lombardia. Nelle province di Como, Varese, Mantova, Sondrio, i numeri non sono così impressionanti come nell'area bergamasca e dintorni (Brescia, Crema, etc)

killkoms

Dom, 29/03/2020 - 11:05

@noblonde,ne parli come se quei paesi avessero già risolto il problema ma la loro fortuna (molto relativa) è che il morbo da loro è arrivato dopo e quindi hanno potuto beneficiare delle nostre tristi esperienze!ha visto l'impennata del morbo nell'area di new York?eppure gli Usa non sono l'Italia (e la ue)!