La maggioranza degli incoerenti

A starli a sentire non si capisce nulla. Né perché è successo questo patatrac né che cosa succederà da domani in poi

A starli a sentire non si capisce nulla. Né perché è successo questo patatrac né che cosa succederà da domani in poi. Ieri sera ero in un dibattito tv, ospite di Massimo Giletti, con Matteo Renzi che ha detto una serie di cose di buon senso. Ma la mia domanda è: parliamo dello stesso Matteo Renzi, oggi alla guida di un partito del due per cento, che nel 2017, allora segretario del Pd, durante una puntata di Porta a Porta a proposito di Alfano, azionista del governo Gentiloni, disse: «Ha fatto il ministro di tutto e non riesce a prendere il 5 per cento del voto degli italiani. È evidente che non possiamo fermare tutto per dare un potere di ricatto ai partitini. Non è accettabile che nel 2017 ci siano ancora piccoli partitini che mettono i veti all'azione di governo». Il Renzi di oggi e quello di tre anni fa non possono stare insieme. E ancora di più non può stare insieme il Renzi di oggi con quello che nel dicembre del 2016 alla vigilia del referendum costituzionale da lui perso disse: «Con un gesto di coraggio ma anche di dignità se perdo il referendum non solo mi dimetto ma smetto di fare politica».

La coerenza, in politica, non è carente solo in Matteo Renzi. Sentite che cosa diceva il segretario del Pd Nicola Zingaretti il 3 febbraio del 2019: «Io ve lo dico davanti a tutti e lo dirò per sempre, io mi sono pure stancato di dirlo e lo trovo umiliante doverlo dire: io non farò mai nessuna alleanza con i Cinque Stelle, li ho sconfitti due volte e non governerò mai con loro».

E che dire di Luigi Di Maio: «Io con il Pd, partito di Bibbiano - disse sempre nel 2019 poco prima di fare il governo con Zingaretti - non voglio averci nulla a che fare, con il partito che in Emilia Romagna toglieva alle famiglie bambini con l'elettroshock per venderseli io non voglio avere nulla a che fare». E nello stesso periodo il suo socio Alessandro Di Battista giurava a proposito di un governo Cinque Stelle-Pd: «Ho risposto a questa domanda un milione di volte. Per essere ancora più chiari il giorno in cui, ma non succederà mai, il Movimento Cinque Stelle dovesse allearsi con i partiti responsabili della distruzione dell'Italia io quel giorno lascerei il movimento».

Ci si può fidare di gente che cambia idea in base alle convenienze?

Questa legislatura è nata sull'imbroglio e sull'imbroglio, purtroppo, arriverà alla sua fine.

I commenti saranno accettati:
  • dal lunedì al venerdì dalle ore 10:00 alle ore 20:00
  • sabato, domenica e festivi dalle ore 10:00 alle ore 18:00.
Non sono consentiti commenti che contengano termini violenti, discriminatori o che contravvengano alle elementari regole di netiquette.
Qui le norme di comportamento per esteso.
Commenti
Ritratto di dlux

dlux

Lun, 18/01/2021 - 17:25

Caro Direttore, perché è successo il patatrac non si saprà mai: ognuno darà la sua versione. Quindi è inutile che le dica la mia, anche se la reputo la più vicina alla realtà. Vorrei invece parlare del "bomba". Ieri sera Lei l'ha avuto a poca distanza (seppur "a distanza") ed ha potuto verificare l'ego smisurato del soggetto. Lui ha fatto, lui ha detto, lui qui, lui là...non ha parlato delle promesse non mantenute, dei danni fatti all'Italia pur di sembrare uno statista agli occhi lubrichi dell'UE (i danni economici fatti ai risparmiatori italiani col bail-in), "se perdo al referendum me ne vado", perfino le finalità della costituzione di questo governo nato grazie (!) a lui...tutto ciò non è venuto fuori. Stia tranquillo, chi nasce tondo non muore quadrato. Quindi aspettiamo e vediamo quale altra piroetta ci riserva...

kallen1

Lun, 18/01/2021 - 17:40

Già caro Direttore, ma il fatto è che molti italiani queste affermazioni le dimenticano e continuano a votarli quindi di chi è la colpa? Degli opportunisti o di chi li vota?

Ritratto di mortimermouse

mortimermouse

Lun, 18/01/2021 - 17:55

sallusti dice una cosa vera, ma non c'è soltanto l'incoerenza di questo governo! c'è anche l'incoerenza dei BABBEI COMUNISTI GRULLI, che ragliano ANCORA, alla luna, e ciò NONOSTANTE, il fallimento completo della LORO ideologia comunista e socialista!!!

Ritratto di cipriana

cipriana

Lun, 18/01/2021 - 18:19

E’ la conferma che a questi signori l’unica cosa che interessa è incassare il più possibile alla faccia di tutti gli Italiani che perdono il lavoro e ai giovani disoccupati che non lo trovano e finiranno con il crepare di fame sotto un ponte mentre i deputati incasseranno in un quinquennio tanto da poter vivere tranquillamente per anni e i cosiddetti “clandestini” accolti , alloggiati, vestiti sfamati, a cui si troveranno i più disparati motivi per regolarizzarli. E’ proprio vero che le disgrazie non arrivano mai da sole, dopo un Governo di incapaci a governare ma capacissimo ad invcassare, ci mancava solo il covid.

Ritratto di Cali85

Cali85

Lun, 18/01/2021 - 18:52

Quello che succederà, davanti ai nostri occhi, non lo so ma so perfettamente quale sarà il risultato finale: "Tutto come prima"!! (Antonio Razzi ha fatto una perfetta sintesi: "Ma quelli, con 15.000 euro al mese, si sono comprati la casa e,adesso,il mutuo, devono pagare....)!!!

kytra1936

Lun, 18/01/2021 - 19:05

Non sono d'accordo, ma solo per il titolo: Sarebbe meglio LA MAGGIORANZA DEGLI IMBROGLIONI

Ritratto di Leonida55

Leonida55

Lun, 18/01/2021 - 19:17

Vedrem odocve ci porterann oquesti imbroglioni. Certo che al prossimo screzio fra di loro, li obbligheremo ad andare al voto. Teatri ignobili come questo non li vogliamo più vedere. Ha ragione la Meloni a dire quant osostengo io da oltre un anno, ossia cosa sarebbe successo se fosse stato il cdx a mosrtare quest ospettacolo indegno?

Ritratto di mauriziogiuntoli

mauriziogiuntoli

Lun, 18/01/2021 - 19:20

Sono sfortunati.

ex d.c.

Lun, 18/01/2021 - 19:48

Ricordiamo che anche Salvini non è il massimo della coerenza. Comunista da ragazzi poi rappresentante della DX nonbdusdegna di allearsi con il M5S il cui programma non ha niente che non sia di SN

Ritratto di 02121940

02121940

Lun, 18/01/2021 - 19:48

Matteo Renzi ha un parlare molto sciolto, da fiorentino toscano, abile nel dire, ma poco abile nel convincere. La sua storia lo dimostra.