Marcello Dell'Utri, scatta la prescrizione

I giudici hanno disposto il "non doversi procedere" per Marcello Dell'Utri nel processo sulla cosiddetta P3: i reati sono prescritti

Scattaa la prescrizione per Marcello dell'Utri, a processo per la cosiddetta P3: i giudici della seconda sezione penale hanno disposto il "non doversi procedere" perché i reati sono estinti.

L'ex parlamentare di Forza Italia, per il quale la procura ha chiesto oggi, in sede di requisitoria, l'assoluzione dal reato associativo e la prescrizione dal resto (alcuni episodi di corruzione), era accusato in origine di essere uno dei partecipi di "un'associazione per delinquere caratterizzata dalla segretezza degli scopi" che, agendo in violazione della Legge Anselmi del 1982, puntava da un lato a condizionare il funzionamento degli organi costituzionali dello Stato, degli enti amministrativi e locali e dall'altro a procurarsi finanziamenti con il coinvolgimento di imprenditori terzi a investire nel settore delle fonti di produzione dell'energia rinnovabile (eolico 'in primis').

A causa del suo periodo di latitanza in Libano, la posizione di Dell'Utri era stata stralciata dal procedimento principale conclusosi nel marzo del 2018 davanti ai giudici della nona sezione penale del tribunale.

Commenti
Ritratto di scipione scalcagnato

scipione scalcagnato

Mar, 14/05/2019 - 13:41

La prescrizione non dovrebbe mai aver luogo per presunti reati di corruzione.

gianni59

Mar, 14/05/2019 - 13:42

un altro miracolato....

SPADINO

Mar, 14/05/2019 - 14:44

ma cosa dite ? questo è stato massacrato solo perché è amico di Berlusconi. non lo avete ancora capito?

ugsirio

Mar, 14/05/2019 - 15:22

Non avevano in mano nulla così possono continuare a farlo passare per delinquente.

BACECO

Mar, 14/05/2019 - 16:10

PERCHE' NON PROVATE A PROCESSARE IL GRUPPO BILDEBERG CHE IN QUANTO A SEGRETEZZA NON E' SECONDO A NESSUNO

carlottacharlie

Mar, 14/05/2019 - 17:00

Ma per favore! Quale corruzione? Tutto per arrivare a Berlusconi e mettere la mordacchia a FI. Alla fine non potevano tornare indietro e mostrare quel che sono: Bestie. Accade in tanti processi dove l'innocente è in galera perchè loro dopo aver speso milioni non possono dire: abbiamo sbagliato. Bestie.

Ritratto di Pettir45

Pettir45

Mar, 14/05/2019 - 18:04

Ringraziando Dio oggi possiamo riabbracciare un'altro sopravvissuto vittima e ostaggio, per anni, di perfidi macellai della giustizia. Auguri Marcello!