Marocchino arrestato per furto su treno: è la quarta volta in 2 anni

Un 39enne marocchino è stato arrestato dai carabinieri lungo i binari della stazione Milano Certosa mentre fuggiva dopo aver rapinato un viaggiatore. Il nordafricano in passato era già stato arrestato 4 volte per lo stesso tipo di reato

Un cittadino marocchino di 39 anni è stato arrestato per la quarta volta in due anni sempre per lo stesso tipo di reato: rapina ai passeggeri dei treni.

L’ultimo colpo del nordafricano si è verificato lunedì sera intorno alle 23:30 sul treno Pioltello- Novara quando ha provato un furto ai danni di un ragazzo 23enne originario di El Salvador. Ma questa volta, grazie soprattutto alla pronta e coraggiosa reazione della vittima, il ladro è stato subito fermato dai carabinieri ed arrestato.

Il centroamericano, come di consuetudine, si trovava sul treno per tornare a casa dopo un duro giorno di lavoro in centro a Milano, dove è impiegato in una ditta di pulizie. Durante il viaggio, probabilmente per la stanchezza, il ragazzo si è rilassato sul sedile del convoglio fino ad addormentarsi.

Ma quel meritato riposo è stato interrotto improvvisamente da un brusco colpo causato dallo strappo violento della collana che portava al collo. Quando ha riaperto gli occhi, il 23enne si è accorto che era appena stato rapinato; nonostante il disorientamento, il ragazzo è riuscito a vedere un uomo che scappava con il suo gioiello d'oro e, così, senza pensarci troppo si è messo all'inseguimento del malvivente attirando l'attenzione degli altri passeggeri che hanno allertato le forze dell'ordine. Non senza difficoltà ha raggiunto il sospetto ma quando quest’ultimo ha mostrato una bottiglia di vetro rotta per minacciarlo, il giovane ha preferito desistere.

Sembrava ormai tutto perduto ed invece, grazie all’intervento dei carabinieri del Nucleo Radiomobile e della pattuglia mobile di zona della Compagnia Milano Porta Magenta, la fuga del criminale non è durata a lungo. I militari, infatti, sono riusciti ad identificare l’uomo ed a bloccarlo mentre, sceso dal treno, cercava di scappare lungo i binari all'altezza della stazione Milano Certosa. Nell’inseguimento, per fortuna, nessuno si è ferito e la circolazione ferroviaria non ha subito alcun rallentamento.

Il responsabile, un marocchino di 39 anni già arrestato 4 volte per lo stesso reato, è stato portato via in manette.

I commenti saranno accettati:
  • dal lunedì al venerdì dalle ore 10:00 alle ore 20:00
  • sabato, domenica e festivi dalle ore 10:00 alle ore 18:00.
Non sono consentiti commenti che contengano termini violenti, discriminatori o che contravvengano alle elementari regole di netiquette.
Qui le norme di comportamento per esteso.
Commenti

xxclaude

Mer, 22/08/2018 - 10:43

Alla quinta rapina vincerà un premio

Ritratto di mbferno

mbferno

Mer, 22/08/2018 - 10:50

Esistono corrieri in grado di garantire consegne urgenti di merci e "pacchi" in Marocco in 24 h.....

DRAGONI

Mer, 22/08/2018 - 10:53

ALLA FINE GLI DARANNO UNA MEDAGLIA PER LA SUA CAPARBIETA' PROFESSIONALE.

frabelli1

Mer, 22/08/2018 - 11:16

Tutto bene, domani il Po rosso di turno lo rimette in libertà.

Ritratto di Rudolph65

Rudolph65

Mer, 22/08/2018 - 11:20

Senza parole....

Viktor1

Mer, 22/08/2018 - 11:28

Questi nord-afr...in tutta Europa sono il 80 percento della popolazione carcerale. Grazie la sinistra !

F.C.G.

Mer, 22/08/2018 - 11:34

Ennesimo episodio di lassismo nei confronti di malavitosi stranieri. Oltre a non essere in galera, questo delinquente, non era stato neache rimpatriato in Marocco. Ma è stato lasciato libero di colpire di nuovo. Vergogna!

6077

Mer, 22/08/2018 - 11:37

quattro occasioni sprecate per toglierselo dai piedi. invece no, aspettate che ammazzi qualcuno.

giusto1910

Mer, 22/08/2018 - 11:45

Se qualcuno ha il coraggio di ignorare questa emergenza sociale generata da una parte degli immigrati (quasi tutti islamici) é un ixxxxxxxe o un connivente.

CidCampeador

Mer, 22/08/2018 - 12:02

in arabia alla seconda ti tagliano le mani

sgarbistefano

Mer, 22/08/2018 - 13:31

E' ora di mandare in galera i Magistrati che lo hanno rimesso in libertà per ben quattro volte!

giusto1910

Mer, 22/08/2018 - 13:56

Una parte dei nordafricani residenti in Europa, o clandestini, sono delinquenti incalliti che devono essere rispediti al loro Paese d'origine con le buone o con le cattive. Se non fosse possibile bisogna convocare l'ambasciatore marocchino tunisino e algerino al Ministero degli Interni e concordare la prassi per eseguire immediatamente l'operazione di allontanamento dal territorio nazionale. Non é più possibile leggere tutti i santi giorni dell'anno: "marocchino aggredisce"..."tunisino ruba"..."algerino spaccia"... e rimanere inermi di fronte a questa catastrofe sociale. Anche perché i marocchini, tunisini, algerini in regola, che seguono le leggi dello Stato Italiano ci vanno di mezzo e pagano le conseguenze di questo lassismo legislativo pericolosissimo.

Malacappa

Mer, 22/08/2018 - 13:59

UN'ALTRO MAROCCHINO

Renee59

Mer, 22/08/2018 - 14:21

Espulsione no??

Ritratto di aorlansky60

aorlansky60

Mer, 22/08/2018 - 14:43

Italia paese ideale per chi vuole delinquere, considerata l'infinita comprensione dell'ordinamento giuridico verso i malviventi. Di questo bisogna sempre ricordarsi, ringraziando calorosamente la corrente di pensiero di una parte del popolo italiano che vuole esattamente questo.

stefi84

Mer, 22/08/2018 - 15:01

Siamo alla quarta rapina, quante ne deve fare per essere espulso? Qualcuno è convinto che costui ci pagherà le pensioni?

giovanni951

Mer, 22/08/2018 - 15:23

ci sará la quinta, poi la sesta ecc ecc. W l’Italia e W la magistratura.

Martinico

Mer, 22/08/2018 - 15:32

La cosa drammatica e che se lo hanno preso per la quarta volta in 2 anni, immaginatevi quanti furti che, le è andata bene, abbia commesso in questo lasso di periodo. Poveri noi, poi magari qualcuno le da una botta in testa dentro il proprio negozio o dentro casa e deve svenarsi per pagare le spese legali.

zadina

Mer, 22/08/2018 - 16:02

Quel Marocchino non fugge dalla guerra ma ha trovato il modo di vivere senza lavorare, non dovrebe essere condannato per la quinta volta ma essere espulso immediatamente a spese del suo paese e scontare la condanna ricevuta in Italia nel suo paese