Vicino fa la chiamata: "C'è festa". Halloween finisce davvero male

Nessuno dei partecipanti alla festa di Halloween era censito nell'anagrafe dei contagiati Covid. Tutti i presenti sono stati denunciati in stato di libertà

C’è chi di rinunciare a festeggiare Halloween proprio non ne ha voluto sapere tanto che ha organizzato una festa privata in casa. Ma in questo tempo segnato dall’emergenza sanitaria il divertimento in maschera che coinvolge numerose persone è vietato. E così i partecipanti al party ora dovranno rispondere davanti alla legge della loro voglia di trasgressione.

Venti, infatti, sono state le persone denunciate per aver preso parte ad una festa di Halloween organizzata la scorsa notte in una casa di via Niccolini a Milano. Ma qualcosa non è andato secondo i piani degli organizzatori. Intorno all’una i carabinieri del Nucleo Radiomobile del Gruppo di Milano hanno bussato alla porta dell’abitazione sospetta.

Probabilmente i militari sono intervenuti a seguito di una segnalazione compiuta da un vicino. Secondo le prime informazioni l'abitazione, dislocata su due piani e comprensiva di piscina e di una sala cinema, risultava essere stata affittata per 2500 euro dai promotori della festa privata che avevano organizzato ingressi a pagamento e la somministrazione di bevande alcoliche. Dentro casa, gli uomini dell’Arma hanno trovato 20 persone riunite per la festa, che avevano preso in affitto l'appartamento. L'appartamento era completamente a soqquadro, con bottiglie di alcolici ovunque e tanti giovani, di età compresa tra i 18 e i 20 anni, senza mascherine. Tutti i presenti sono stati denunciati in stato di libertà per "inosservanza delle norme sul contenimento della pandemia" di coronvirus.

Ai soggetti, che non sono censiti nell'anagrafe dei contagiati Covid, sono state prese le generalità. Alcuni giovani in chiaro stato di alterazione psicofisica dovuto all’alcol sono stati soccorsi dal personale del 118 allertato dagli stessi carabinieri che volevano verificare sul posto il loro stato di salute. Dopo aver restituito le chiavi dell'appartamento a un fiduciario della società proprietaria, sono stati mandati a casa con una sanzione amministrativa.

I commenti saranno accettati:
  • dal lunedì al venerdì dalle ore 10:00 alle ore 20:00
  • sabato, domenica e festivi dalle ore 10:00 alle ore 18:00.
Non sono consentiti commenti che contengano termini violenti, discriminatori o che contravvengano alle elementari regole di netiquette.
Qui le norme di comportamento per esteso.
Commenti

silvano45

Dom, 01/11/2020 - 14:25

Stato di polizia tra i peggiori del mondo e stalinista.A quando per i vari Franceschini Speranzan Boccia e compagni istaureranno con un dcpm i campi di lavoro per chi non si allinea al sinistroide pensiero ?Come mai si controllano i cittadini e non i jadisti che scappano dai campi di accoglienza?

Darth

Dom, 01/11/2020 - 14:29

Il sogno bagnato di tutti i nostalgici della DDR.

manfred33

Dom, 01/11/2020 - 15:05

Scherzetto più che dolcetto. Mi piace !

obbiettivo

Dom, 01/11/2020 - 15:28

Benvenuti a Cuba, il paradiso dei delatori

Ritratto di highlander01

highlander01

Dom, 01/11/2020 - 15:37

Fantastico! Al confronto la Corea del Nord è un paradiso! Ma chi è quell'"incompetente scribacchino" che ha sguinzagliato una pattuglia a seguito di una simile idiozia,.. forse gli stessi che non fanno nulla per la Stazione Centrale contro lo spaccio di sostanze stupefacenti e se ne guarda bene dal far intervenire la Polizia e la Narcotici? Sono gli stessi personaggi che per obbedire a Ministri indegni ed incompetenti come la Lamorgese lasciano fare a immigrati clandestini e a mafia Nigeriana i loro porci comodi alla faccia di cittadini che pagano le tasse e rispettano la legge? Siamo veramente alla frutta cerchiamo di ricordarcelo quando riusciremo ad andare a votare..forse

Dordolio

Dom, 01/11/2020 - 15:42

Spero almeno che - rispettando lo spirito della ricorrenza - gli agenti siano intervenuti travestiti da VOPOS.

cir

Dom, 01/11/2020 - 16:03

ma lettori..come fate a credere al queste fandonie ??

malfiero

Dom, 01/11/2020 - 16:45

Che schifo uno stato che ti invita a fare la spia, peggio della Russia di Stalin.

manson

Dom, 01/11/2020 - 16:51

Andrebbero messi subito in quarantena. Questi ragazzi dopo i danni della movida estiva ancora ne vogliono fare altri? Rinchiusi loro invece degli anziani!

agosvac

Dom, 01/11/2020 - 16:56

Se era a pagamento non mi sembra fosse una festa "privata". Comunque, a meno che i carabinieri non avessero un mandato regolare, se fossi stato l'organizzatore non li avrei fatto entrare.

cabass

Dom, 01/11/2020 - 17:49

Provo massimo disprezzo per quel vicino. Legalmente non ha fatto nulla di male, è vero, anzi! Ma legalmente non facevano nulla di male nemmeno quelli che durante la guerra denunciavano gli ebrei ai tedeschi.

polonio210

Dom, 01/11/2020 - 17:57

Mai aprire la porta di casa se le forze dell'ordine non hanno un ordine firmato da un magistrato.Non esiste nei vari DPCM una disposizione perentoria indicante un numero massimo di persone ospitate,il reato commesso e le pene pecuniarie o penali,in merito alle presenze in una casa privata,ma solo una raccomandazione vibrante e le vibranti raccomandazioni non sono leggi dello stato.Denunciare per violazione di domicilio ed attentato alla Costituzione della Repubblica le forze dell'ordine,che penetrassero in casa con la forza o con l'inganno,prive di autorizzazione da parte della magistratura.Siamo ancora cittadini di una Repubblica fondata su una Costituzione o viviamo sotto il tallone di una dittatura?

Ritratto di highlander01

highlander01

Dom, 01/11/2020 - 17:58

CIR carissimo,! Visto che per Te siamo Tutti creduloni e sprovveduti, raccontaci Tu come è andata veramente visto che sei convinto di saperne più di Tutti... Se invece non sai nulla, stai tranquillo ed evita di dire spropositi!

Ritratto di mbferno

mbferno

Lun, 02/11/2020 - 10:13

Ma come? Una festa di Halloween senza la maschera di zucca o strega in testa? Avrebbe spaventato il virus Covid. Multa e denuncia? Ben gli sta.......:-)

baio57

Lun, 02/11/2020 - 10:42

@ manson Ancora con la movida estiva, ma svegliati che è ora.

cir

Lun, 02/11/2020 - 10:49

highlander01 Dom, 01/11/2020 - 17:58 : abitazione su due PIANI con piscina e sala cinematografica.....2500 euro di affitto per una notte...ingressi a pagamento..,,come allo stadio ? x 20 persone ? avevano il mandato di perquisizione o e' sufficiente " quello del delatore" ? non ti basta per essere dubbioso?

Dordolio

Lun, 02/11/2020 - 10:58

Rido quando leggo i commenti e le intemerate di chi “Non faccio entrare nessuno! Voglio vedere il mandato!”. Tu apri e stai buono, altrimenti ti affibbiano una serie di reati dalla resistenza in poi. Intanto ti chiedono legittimamente chi sei, e che i presenti si identifichino. E del caso fermano tutti “per accertamenti” (motivazione vaga che funziona sempre). Ricordo personale (politico). Negli anni 70 con altri militanti MSI ci eravamo spostati in un’altra città con un pullman per seguire un comizio di Almirante. Venimmo fermati dalla Polstrada. Che ci trattenne PER ORE in mezzo alla strada fino alla fine del comizio. Reati? Nessuno. Si voleva che in campagna elettorale il comizio figurasse poco affollato. Motivazione ufficiale del tutto? ACCERTAMENTI.... Alla faccia di leggi, costituzione e quant’altro...

cir

Lun, 02/11/2020 - 11:08

Dordolio Lun, 02/11/2020 - 10:58 : no , in casa privata senza mandato nessuno entra..

ruggerobarretti

Lun, 02/11/2020 - 11:20

Dordolio: scusa ma parli pero' di cose diverse. In questi casi vi e' l'accertamento di una possibile infrazione che comporta solo ed esclusivamente una sanzione amministrativa e l'accertamento non puo' essere in nessun caso espletato all'interno di una privata abitazione. In questo caso specifico la questione e' un po diversa trattandosi non di residenza ma di un luogo concesso in uso a terzi per cui alla fin fine l'accertamento ci puo' anche stare. Non capisco casomai quale limitazione del dpcm sarebbe stata violata: se viene considerato alla stregua di un evento privato mi sembra che il limite sia di 30 persone. Comunque sia mi risulta che privati cittadini segnalino alle FF.OO situazioni ben piu' gravi e mi sembra di capire, anzi per vari casi ho avuto il riscontro diretto, che non vi e' tutta questa solerzia nell'intervenire.

Dordolio

Lun, 02/11/2020 - 11:42

Aggiungo per ruggerobarretti: immagino che - volendo - abbiano caricato i partecipanti alla festa di accuse ridicole ma pesanti che potrebbero comportare reati contro la pubblica salute ecc... Destinate a cadere sicuramente, ma intanto “il fascicolo” viene aperto... l’avvocato te lo devi trovare (e PAGARE...) e poi aspettare... Se poi bontà loro ti comunicheranno l’archiviazione. Da noi FUNZIONA COSI’. In Paesi più civili, NO.

Dordolio

Lun, 02/11/2020 - 11:47

Per cir... non so da te, ma qui la polizia nelle abitazioni private entra quando vuole. Vicini che segnalano schiamazzi... Liti familiari... La polizia non si limita a suonare il campanello, entra e basta. Sul semplice sospetto di potenziali e possibili evoluzioni della situazione (botte alla moglie, giovani strafatti di alcol o droga, pusher pedinato che si ha paura che getti “la roba” nel WC facendo sparire tutto...)

cir

Lun, 02/11/2020 - 12:06

Dordolio Lun, 02/11/2020 - 11:47 . solo casi particolarissimi in cui emerge un serio pericolo immediato..ma val di piu' per i vigili dl fuoco.

Dordolio

Lun, 02/11/2020 - 12:08

Per concludere: mi pare che la legge consideri l’auto alla stregua dell’abitazione privata. E come fanno allora ai posti di blocco a sbaraccarla per trovare armi o droga? La questione mi aveva intrigato e anni fa chiesi lumi ad un ufficiale della Polstrada. Che mi rispose: “per vedere che cosa c’è a colpo d’occhio nel bagagliaio di solito basta chiedere di vedere se c’è il triangolo, che di solito si tiene lì...” Io personalmente una volta venni fermato dalla Finanza che mi chiese di aprire completamente l’auto. Sospetto che se avessi risposto di no avrei avuto diciamo qualche grana....

ruggerobarretti

Lun, 02/11/2020 - 12:09

Dordolio: ho appena letto una appendice sempre sul Giornale. Ora il quadro della situazione e' piu' chiaro: dal punto di vista penale e' stata contestata l'inoservanza di una disposizione amministrativa, che e' cosa meramente formale ed alla quale 99 su 100 nessuno da seguito. Dal punto di vista amministrativo la sanzione e' relativa all'inosservanza del dpcm per il non uso della mascherina (e mi sembra una interpretazione) e del "coprifuoco" introdotto, sembra, da ordinanza locale. Non voglio essere petulante, pero' i casi che esponi a cir, sono altra cosa rispetto all'accertamento di certe infrazioni. Te lo dico perche' ci sbatto il grugno da piu' di trenta anni, che poi la gente comune non sappia e/o si faccia spaventare dalla "divisa" e' un altro paio di maniche, ma la LEGGE (non dpcm) parla chiaro (Art. 13 L. 689/81).

Dordolio

Lun, 02/11/2020 - 13:25

Comprendo, ruggerobarretti.... ma il succo è appunto nella tua “chiusa”. Con una buona conoscenza della legge ci si può opporre validamente ad ogni genere di abuso poliziesco. Ma la cosa presenta comunque dei rischi, sempre. E se poi in un eventuale crescendo arrivi ai ferri corti e anche in sede di giudizio avessi ragione, ci hai rimesso sicuramente in denari e in serenità.