'Ndrangheta, 13 fermatiLe mani della cosca sulla Salerno-Reggio Calabria

I fermati avrebbero imposto il pagamento di una tangente pari al 3% del valore dell'appalto alle imprese impegnate nei lavori di ammodernamento dell'autostrada

Le mani della 'Ndrangheta sulla Salerno-Reggio Calabria. Dodici presunti appartenenti alla cosca "Nasone-Gaietti", attiva nel territorio del comune di Scilla, sono stati fermati dai carabinieri.

Sono accusati a vario titolo di associazione di tipo mafioso ed estorsione aggravata dall'aver favorito un sodalizio mafioso. Le investigazioni hanno documentato l'infiltrazione della 'ndrangheta negli appalti per la realizzazione del sesto macrolotto dell'Autostrada A3 Salerno-Reggio Calabria.

Secondo l'accusa mossa dalla Dda di Reggio Calabria, le persone fermate avrebbero imposto il pagamento di una tangente pari al 3% del valore dell'appalto alle imprese impegnate nei lavori di ammodernamento dell'autostrada. Per farlo, avrebbero messo in atto una serie di danneggiamenti ai danni delle stesse aziende.

Le indagini sono cominciate lo scorso anno, dopo l'arresto di Giuseppe Fulco, 41 anni, ritenuto legato alla cosca, bloccato in flagranza di reato per estorsione. L'uomo, secondo l'accusa, aveva chiesto ad un imprenditore che stava effettuando, per conto dell'Anas, i lavori di consolidamento dei costoni rocciosi sulla statale 18 tra il centro abitato di Scilla e la frazione Favazzina il pagamento di una mazzetta di seimila euro, pari a circa il 3% del valore dell'appalto.

I commenti saranno accettati:
  • dal lunedì al venerdì dalle ore 10:00 alle ore 20:00
  • sabato, domenica e festivi dalle ore 10:00 alle ore 18:00.
Non sono consentiti commenti che contengano termini violenti, discriminatori o che contravvengano alle elementari regole di netiquette.
Qui le norme di comportamento per esteso.
Commenti

egenna

Mer, 30/05/2012 - 11:26

Oiboh!! Ma pensa te, chi l'avrebbe mai pensato.Saluti

piemunteis 70

Mer, 30/05/2012 - 13:41

parlapa' .... la scoperta del secolo,ma chi mai lo poteva immaginare!!!

manta64

Mer, 30/05/2012 - 13:52

Incredibile, impensabile e inimmaginabile. Saluti

noncepacetragliulivi

Mer, 30/05/2012 - 15:17

Ma poi dopo 60 anni sta Salerno Reggio Calabria l' hanno finita'?

Ritratto di ilsaturato

ilsaturato

Mer, 30/05/2012 - 17:20

Ma dai! "Infiltrazioni", "estorsioni", "tangenti" nella Salerno-ReggioCalabria? Un'opera tanto bella e completata alla velocità della luce, secondo voi può nascondere tali "brutte cose"?...La verità è che da decenni si sarebbero dovute applicare duramente solo due opzioni. La prima: cancellazione di qualsiasi opera-appalto al primo accenno di intromissioni mafiose o "bustarelle politiche" (tagliando così "i viveri" a criminalità e politici corrotti). La seconda: tutte le opere più importanti presidiate dai militari (con i comandanti a rotazione mensile) ed ammissione agli appalti solo di imprese non della regione dove si trova l'opera. Lo so, penserete che con la prima soluzione il Sud non avrebbe avuto nemmeno una strada, una ferrovia, ecc... ma forse, la gente avrebbe trovato il coraggio della disperazione per ribellarsi a mafia e corruzione. Nel secondo caso, sarebbe costata molto meno così, invece della "non-fatta-buco-senza-fondo" attuale Salerno-ReggioCalabria.

Ritratto di miladicodro

miladicodro

Mer, 30/05/2012 - 18:41

Portarli tutti a Reggio Emilia,incatenarli a palla al piede e farli spalare i detriti del terremoto,così per tutti coloro condannati per pizzi e merletti.Altro che aumentare le accise della benzina!