Nobel della matematica: a vincere (dopo 44 anni) è l’italiano Alessio Figalli

Ad aggiudicarsi la prestigiosa medaglia Fields è il 34enne romano, professore al Politecnico di Zurigo

Dopo 44 anni, un italiano torna a vincere il Nobel per la matematica. Il suo nome è Alessio Figalli ed è, appunto, un matematico romano di 34 anni, professore ordinario al Politecnico ETH di Zurigo, in Svizzera.

L'annuncio è stato dato in occasione dell'apertura del Congresso Internazionale dei Matematici, in corso in questi giorni in Bresile, a Rio de Janeiro.

Figalli si è così aggiudicato la prestigiosa medaglia Fields "per i suoi contributi al trasporto ottimale, alla teoria delle equazioni derivate parziali e alla probabilità" così come si legge nelle motivazioni del comitato. La medaglia Fields è il più importante riconoscimento per i matematici e, a differenza del Nobel, viene assegnato ogni quattro anni ad altrettanti quattro matematici che non abbiano già superato i 40 anni di età.

È il secondo italiano a vincere l'ambito riconoscimento in 82 anni dalla sua istituzione: infatti, sono passati 44 anni quando la Medaglia Fields fu stata assegnata all'eccellenza tricolore di Enrico Bombieri.

Commenti

steacanessa

Mer, 01/08/2018 - 14:59

Ma guarda un po’, per poter sviluppare le sue potenzialità è andato in Svizzera. Se fosse rimasto in Italia adesso sarebbe il tirapiedi di un barone giunto alla cattedra con gli artifizi (come la soluzione di taluni integrali)

Adespota

Mer, 01/08/2018 - 15:32

Congratulazioni a questa eccellenza . Solo recandosi in altri Paesi ha potuto mostrare il suo merito e valore, ottenendo una cattedra da docente ordinario a soli 27 anni. Qui, purtroppo, molto probabilmente sarebbe ancora in coda a leccare qualche docente anziano e a penare per qualche borsa di studio, con incerte prospettive per il suo futuro.

Ritratto di Ludovicus

Ludovicus

Mer, 01/08/2018 - 15:47

GRANDE!

Ritratto di bonoitalianoma

bonoitalianoma

Mer, 01/08/2018 - 15:54

E te credo per far funzionare alla perfezione il bilancio delle banche svizzere ci vuole un perfetto "cervello elettronico" e per giunta un italiano doc ... questa si che è l'eccellenza dell'esportazione.

0rl4nd0

Mer, 01/08/2018 - 15:56

Complimenti Professore ! I nostri cervelli sono sempre tra i migliori al mondo! Purtroppo se ne vanno sempre all'estero... chissà perché?

Ritratto di scepen

scepen

Mer, 01/08/2018 - 15:59

Grande, complimenti !!

Antonio Chichierchia

Mer, 01/08/2018 - 16:00

In Svizzera 2+2 fa quattro. Per le nostre cattedre universitarie Figalli interessava solo perchè il suo nome iniziava bene, ma le sue ricerche non erano affatto importanti.

Antonio Chichierchia

Mer, 01/08/2018 - 16:01

In Svizzera 2+2 fa quattro. Per le nostre cattedre universitarie Figalli interessava solo perché il suo nome iniziava bene, ma le sue ricerche non erano affatto importanti.

Ritratto di dlux

dlux

Mer, 01/08/2018 - 16:13

In Italia, purtroppo, non vige la meritocrazia. Si comincia fin da piccoli, quando, se uno eccelle, gli si tarpano subito le ali perché non metta in difficoltà gli altri che stentano, Si continua dopo, quando, magari con una bella laurea con lode, si è costretti a prostituirsi per ottenere un posticino di aiuto assistente in qualche dipartimento e, magari, scrivere qualche cosa di valore ma che sarà pubblicato con il nome del capo dipartimento. Però, se hai partecipato alla Leopolda...

Ritratto di Zvallid

Zvallid

Mer, 01/08/2018 - 16:41

Se vota PD potrà fare la domanda per diventare senatore a vita

MudPitt

Mer, 01/08/2018 - 16:44

Vedo i soliti commenti disfattisti e disinformati. FIgalli lo conosco, di fama, da anni (e lo ho anche incontrato meno di un anno fa). Se avesse voluto (e chiaramente se ora volesse) tornare in Italia, ci sarebbero il tappeto rosso e i petali di rosa. I soldi, quelli, meno; certamente rispetto a Zurigo. Non e' una questione di meritocrazia (il suo merito sarebbe subito riconosciuto).

dedalokal

Mer, 01/08/2018 - 16:44

I nostri migliori giovani di talento se ne vanno all'estero per essere valorizzati e apprezzati. Ecco un un premio Nobel autentico, ma è dovuto andare in Svizzera. Qui in Italia, grazie alla folle politica dei sinistri, lasciamo andare via i nostri giovani talenti migliori, ed importiamo decine di miglia di aitanti immigrati africani il cui scopo è essere mantenuti e fare la bella vita senza fare un bel niente da mattina a sera...

VittorioMar

Mer, 01/08/2018 - 16:47

..il CLASSICO CERVELLO ITALIANO FUGGITO ALL'ESTERO !!...il Premio è tutto suo ...BRAVO !!

Ritratto di miladicodro

miladicodro

Mer, 01/08/2018 - 17:24

Complimenti vivissimi al baldo Giovane e guarda caso è presso un'università straniera dove si riconoscono i meriti e non le raccomandazioni. Ce la menano continuamente che siamo diventati un paese di vecchi,ma ai giovani,quelli rimasti, é chiusa qualsiasi prerogativa,i posti sono occupati dai figli dei figli di carrieristi e allora la valvola di sfogo è l'estero e quelli rimasti non fanno figli ,campano sulla pensione di noi vecchi sperando che le frotte di immigrati si decidano a darsi da fare per mantenerla.Un bravo di cuore e complimenti .

gianfran41

Mer, 01/08/2018 - 18:01

Questo scienziato si che è una vera risorsa!

pc64

Mer, 01/08/2018 - 18:28

Molti commenti sono poco informati, o meglio per niente informati. Figalli avrebbe sfondato anche in Italia. Per un matematico (anche se un matematico applicato, ai confini con la fisica matematica) in Italia non ci sono grandissimi problemi di fondi di ricerca. Il problema è lo stipendio: in Italia prenderebbe circa 3300 Euro al mese, in Svizzera guadagna oltre il triplo. Amen.

pc64

Mer, 01/08/2018 - 18:30

X MudPitt. Ha perfettamente ragione: la differenza di stioendio è abissale.

Ritratto di Arduino2009

Anonimo (non verificato)

carpa1

Mer, 01/08/2018 - 21:41

. Le ONG sono ora impegnate a cercare come utilizzare questa novità per escogitare un "tele trasporto" dall'Africa direttamente in Italia per: 1)economizzare sui costi, 2)bypassare l'interdizione dai porti italiani. In questo modo ogni singola risorsa, risparmiando sul viaggio, potrà versare migliaia di eurini alla società Bo & Bo per pagarci le pensioni.

Antonio Chichierchia

Mer, 01/08/2018 - 22:17

@Muddpit: mio nipote è professore ordinario di matematica a Digione. In Italia è arrivato sempre primo degli esclusi ai concorsi.In Francia hanno pensato bene di accaparrarselo. Più che petali rossi direi petalini (ovvero calzini ) rossi.

Adespota

Mer, 01/08/2018 - 23:52

@Muddpit e pc 64. Puo' anche essere che qualcuno dei commentatori non appartenga al sistema universitario, ma cio' non toglie che i dati che si possono evincere dal Miur sono che nel 2016, in Italia i professori ordinari avevano un'eta' media di anni 59 e di questi solo sette avevano un'eta' di anni 40 e uno la strabiliante eta' di anni 38. Nel 2017 su 12.975 ordinari solo 20 avevano un'eta inferiore ai 40 anni. Di certo a 27 anni in Italia nessuno sarebbe mai diventato ordinario di cattedra! E' evidente che ora, ma solo ora, con il titolo in tasca Visigalli potrebbe essere ben accolto in Patria. Comunque se avete dati diversi da quelli tratti dal Sole 24 ore e dal sito del Miur saremo tutti contenti di essere smentiti per la nostra disinformazione e per essere cosi' disfattisti.

Ritratto di wilegio

wilegio

Mer, 01/08/2018 - 23:54

Sì... peccato che il Nobel per la matematica non esista!

nunavut

Gio, 02/08/2018 - 01:08

" MudPitt 16:44 Una cosa é riconoscere un diamante grezzo e un'altra apprezzarlo dopo lavorazione.

Duka

Gio, 02/08/2018 - 07:46

Ogni tanto si scrive della fuga dei cervelli VERI : ecco questa è una delle tante dimostrazioni concrete

pollicino46

Gio, 02/08/2018 - 07:52

PC64..18:28..la presenza di questi geni come docenti negli atenei svizzeri fa capire anche il perchè il Politecnico Federale Svizzero di Zurigo è fra i migliori al mondo. Con un corpo docenti cosi anche gli studenti avranno il meglio del meglio nell'istruzione. Da noi esiste veramente la meritocrazia in questo campo e nessuna distinzione viene fatta sulla loro provenienza o nazionalità...

pollicino46

Gio, 02/08/2018 - 08:07

PC64..18:28...ti garantisco che un Professore con la Cattedra al Politecnico Federale di Zurigo o in qualsiasi altro ateneo svizzero prende uno stipendio ben superiore a quanto da te riferito. Diciamo che si avvicina ben piu alle 200'000.00 cucuzze annue...ma sono soldi ben spesi e investiti se è per dare un'istruzione di eccellenza agli studenti...non ti pare?