L'assassino di Sesto: "Non mi hanno salutato e così li ho ammazzati"

Contro il giovane Barna ha sparato sei o sette colpi di pistola, un solo colpo fatale contro il padre del ragazzo

"Domenica mattina li ho salutati e hanno fatto finta di non vedermi. Non ci ho più visto, ho preso la pistola e li ho ammazzati". Questa è la motivazione dell'omicidio di Salvatore e Simone Andronico, padre e figlio uccisi domenica mattina a Sesto Fiorentino dal loro vicino di casa Fabrizio Barna.

"Questa cosa mi ha irritato, anche perché avevano sbagliato a fare tutti i lavori, come la caldaia e la fossa biologica", ha dichiarato il disoccupato 53enne ai carabinieri, aggiungendo che non ricorda cosa sia accaduto dopo l'omicidio.

Quella, per Barna, è stata la goccia che ha fatto traboccare il vaso. Le discussioni andavano avanti da tempo. Salvatore e Simone erano impegnati con dei lavori di ristrutturazione nella loro abitazione e i rumori provocati erano mal sopportati dal vicino di casa. A settembre per risolvere la questione, il 31enne Simone, dopo essere stato dai vigili urbani, si era rivolto allo sportello per la mediazione sociale del centro civico 4 di Sesto Fiorentino, riporta il Corriere.

L'ufficio aveva inviato a Barna una lettera per informarlo e invitarlo a contattare gli addetti per fissare un incontro, ma il 53enne non ha mai risposto.

Contro il giovane Barna ha sparato sei o sette colpi di pistola, un solo colpo fatale contro il padre del ragazzo. Adesso gli inquirenti stanno conducendo delle indagini per verificare la regolarità del porto d'armi posseduto da Berna. L'uomo, nel maggio del 2012, aveva regolarmente denunciato il possesso di una pistola Beretta 98 semiautomatica per uso sportivo, ma la Procura ha chiesto di appurare se l'arma usata sia stata quella effettivamente denunciata.

L'autopsia sui corpi delle due vittime è prevista nella giornata di mercoledì.

Ieri il Comune di Sesto ha dichiarato il lutto cittadino.

I commenti saranno accettati:
  • dal lunedì al venerdì dalle ore 10:00 alle ore 20:00
  • sabato, domenica e festivi dalle ore 10:00 alle ore 18:00.
Non sono consentiti commenti che contengano termini violenti, discriminatori o che contravvengano alle elementari regole di netiquette.
Qui le norme di comportamento per esteso.
Commenti

venco

Mar, 23/10/2018 - 17:43

E qui ci vuole la pena di morte, è il minimo che gli si puo dare.

Ritratto di mbferno

mbferno

Mar, 23/10/2018 - 18:33

Ci vorrebbe la pena di morte per delitti così stupidi:con una postilla,nella fattispecie:ossia che il boia, prima di dare luogo all'esecuzione,lo....salutasse (magari sarcasticamente).

Ritratto di Gio47

Gio47

Mar, 23/10/2018 - 18:50

Troverà un giudice che gli daràa ragione.

Ritratto di pravda99

pravda99

Mar, 23/10/2018 - 22:07

Risorse italiane. Armate. Legittima difesa ovviamente. Grazie Salvini, mandante politico per conto dell'industria delle armi: questo e` solo l'inizio, una volta entrata in vigore la legge i conti torneranno ancora meglio.