Polemica a Verona: il teatro romano sarà una pista di pattinaggio

L'evento sul ghiaccio si terrà al Teatro romano di Verona alla fine di settembre: "Dovranno essere adottate tutte le cautele possibili affinché le installazioni sceniche non danneggino le strutture monumentali"

Polemica a Verona: il teatro romano sarà una pista di pattinaggio

È polemica a Verona per l'installazione di una pista di pattinaggio sul ghiaccio all'interno del Teatro Romano.

L'evento si terrà a fine settembre al posto di un'altra manifestazione. E qui scoppia il caso. Per lo stesso giorno il Comune aveva concesso quello spazio al Tocatì, un festival dei giochi da strada che avrebbe coinvolto trecentomila persone in tre giorni. La serata doveva intotolarsi Azzardopatia: "un happening contro un non-gioco che umilia, rovina, uccide". Insomma tre giorni di eventi contro il gioco d'azzardo.

L'evento si terrà lo stesso ma la giunta Tosi ha deciso di trasferirlo alla Sala della Gran Guardia per lasciare il teatro romano alle esibizioni sul ghiaccio.

Il 7 aprile scorso, il comune aveva detto no: "non essendo l'iniziativa compatibile con gli eventi già autorizzati", cioè con la serata pubblica del Tocatì. Il 14 giugno la decisione cambia: il teatro sarà dato alla ditta Antolini Luigi & C Spa con il benestare della Soprintendenza. Il parere positivo arriva il primo settembre ma con un avvertimento: "Dovranno essere adottate tutte le cautele possibili affinché le installazioni sceniche non danneggino le strutture monumentali".

Commenti