La nave-quarantena "esplode" La furia dei migranti a bordo

Sulla Moby Zazà è tempo di proteste: 14 tunisini hanno manifestato per scendere dalla nave. Da stasera l'imbarcazione sarà al completo e, in vista dei prossimi sbarchi, non ci sarà spazio per nessuno

I migranti non vogliono stare sulla nave quarantena, protestano e vengono “accontentati”. È quanto successo ieri a Porto Empedocle, nell’agrigentino, all’interno della Moby Zazà, la nave entrata in funzione la scorsa settimana per ospitare i migranti che arrivano a Lampedusa e nelle coste della provincia di Agrigento attraverso gli sbarchi autonomi. Nella giornata di giovedì, mentre la nave si trovava nella banchina per effettuare i rifornimenti, 14 tunisini hanno iniziato a protestare con lo scopo di poter abbandonare l’imbarcazione. La situazione ha rischiato di degenerare ed è stato quindi deciso di far scendere i “ribelli” sulla terraferma per trasferirli in un secondo momento in un centro di accoglienza. Nella tarda serata, dopo essere stati foto segnalati dalla polizia, i 14 migranti sono stati accompagnati nel centro ex Villa Sikania di Siculiana.

Non c’è pace per la nave quarantena che, a pochi giorni dalla sua apertura ai migranti, ha già registrato episodi di una certa gravità. Prima della protesta di ieri infatti, mercoledì scorso un giovane tunisino si è lanciato dalla nave. Il suo corpo privo di vita è stato ritrovato alcune ore dopo da un elicottero della capitaneria di Palermo. Quanto accaduto ha suscitato molto scalpore, in primis nel mondo della politica. Ma non sono mancate le polemiche nemmeno da parte delle Ong che operano sul Mediterraneo. Ad esempio la Sea Watch ha parlato di “prigione galleggiante” per i migranti.

Come si ricorderà la nave quarantena è stata più volte chiesta dal sindaco di Lampedusa, di Pozzallo e di Porto Empedocle, unitamente ad altri sindaci dell’agrigentino, già dallo scorso 8 aprile. Tutto questo per fare fronte ai numerosi arrivi autonomi di migranti provenienti dal Mediterraneo. Gli extracomunitari approdati negli ultimi due mesi nelle coste agrigentine sono stati così tanti da rendere difficile la loro accoglienza in un periodo di emergenza sanitaria. Appunto per questo motivo la nave per la quarantena è stata richiesta a gran voce con diversi appelli.

La nave adesso c’è e, mettendo da parte i problemi che si sono verificati in questa prima settimana, adesso ci sono altri problemi che hanno a che fare con la sua capienza. La Moby Zazà fino a govedì ospitava 120 migranti, da ieri sera invece è al completo. Già perché sono saliti a bordo i 137 extracomunitari arrivati mercoledì a Lampedusa. Se la matematica non è un opinione gli ospiti, da questa sera, saranno poco più delle cabine a loro disposizione, circa 250. Se nelle prossime ore dovessero arrivare altri migranti cosa dovremmo aspettarci? La nave sembra proprio non essere sufficiente.

A queste considerazioni, occorre aggiungere poi anche la beffa derivante dai costi della nave: così come sottolineato nei giorni scorsi su IlGiornale, la Moby Zazà potrebbe arrivare a costare almeno 900.000 Euro al mese ai contribuenti. Una media di 4.000 Euro al mese per ognuno dei 250 migranti che al suo interno l’unità navale può ospitare. Sono queste cifre che si leggono dal bando che ha portato all’assegnazione del servizio di quarantena per i migranti alla nave del gruppo Onorato. I costi non hanno mancato di generare polemiche di natura politica.

La Lega ad esempio, ha tuonato molto forte sia contro le importanti cifre relative al bando che contro l’opportunità di affidare il servizio ad una nave del gruppo Onorato. Quest’ultimo, sempre secondo alcuni parlamentari leghisti, avrebbe un contenzioso con il Ministero dei Trasporti e per tal motivo non avrebbe dovuto partecipare al bando. Ai nostri microfoni il vice capogruppo della Lega alla Camera, Alessandro Pagano, nei giorni scorsi ha parlato di poca trasparenza da parte del governo e di inopportunità dell’arrivo della nave in Sicilia: “Non parliamo di un gommone di terza mano, ma – ha sottolineato Pagano – di una nave dotata di ristorante self-service, pizzeria, gelateria, admiral. Tutto questo mentre famiglie e imprese italiane sono in ginocchio per la gravissima crisi economica causata dalla pandemia da Covid-19”.

Tuttavia, a fronte dei costi elevati della nave e del servizio relativo al rispetto della quarantena per i migranti, la Moby Zazà come visto al momento non sembra poter assolvere alla propria funzione. E l’avanzare della bella stagione, non promette nulla di buono: in Sicilia si spera nel ritorno dei turisti dal Nord, ma i fatti degli ultimi giorni e le vicende della nave della quarantena hanno alimentato invece la paura che, al contrario, l’isola possa rimanere invischiata dai flussi migratori da Sud. Anche perché dall’altra sponda del Mediterraneo nelle ultime settimane non sono arrivate notizie confortanti. Dalla Libia e dalla Tunisia in centinaia sarebbero pronti a partire, per gli scafisti la “Fase 2” è iniziata già da un pezzo.

La guerra in Libia, in particolare, potrebbe fungere da vero e proprio detonatore del fenomeno migratorio nella prossima bella stagione. Il conflitto, come spiegato in questi giorni su InsideOver, è giunta in una fase cruciale che ha visto i miliziani fedeli al premier Al Sarraj avanzare lungo la costa ad ovest di Tripoli. Molte delle località recentemente riprese dai gruppi filo governativi, negli anni passati sono state usate spesso come base da scafisti e trafficanti. A Sabratha come a Sorman, cittadine riprese dai miliziani filo Al Sarraj nello scorso mese di aprile, diversi gruppi implicati nel traffico di esseri umani sarebbero pronti a far riprendere il macabro business legato ai viaggi della speranza. Tra questi, a spiccare è il clan degli Al Dabbashi, il cui esponente principale, ossia Ibrahim Al Dabbashi, è tornato nella “sua” Sabratha dopo tre anni di esilio. Sarebbe stato proprio lui, a partire soprattutto dal 2014, a mettere in piedi una delle più potenti organizzazioni criminali impegnata nel fenomeno migratorio.

Cattive notizie arrivano anche dalla Tunisia, dove oramai da mesi si assiste ad una vera e propria alleanza tra i gruppi criminali locali e quelli libici. In particolare, questi ultimi mandano sempre più spesso centinaia di migranti verso la confinante Tunisia, dalle cui coste è molto più semplice raggiungere Lampedusa. Non è un caso che a bordo degli ultimi gommoni giunti in Sicilia, partiti quasi sempre dalla Tunisia, sempre più raramente si nota la presenza di tunisini e, al contrario, è possibile riscontrare quella di migranti provenienti dal Sahel e transitati dalla Libia. Tra segnali negativi dal nord Africa e risposte insufficienti da Roma, la Sicilia e l’Italia rischiano dunque di dover fare i conti, tra non molto, con una delle estati più difficili sul fronte migratorio. La vicenda della nave della Moby Zazà al momento costituisce l’esempio più palese dell’attuale situazione.

I commenti saranno accettati:
  • dal lunedì al venerdì dalle ore 10:00 alle ore 20:00
  • sabato, domenica e festivi dalle ore 10:00 alle ore 18:00.
Non sono consentiti commenti che contengano termini violenti, discriminatori o che contravvengano alle elementari regole di netiquette.
Qui le norme di comportamento per esteso.
Commenti

jekill

Sab, 23/05/2020 - 10:10

la furia dei migranti?????? la furia dei CLANDESTINI!!!! CLANDESTINI!!! quando lo scriverete correttamente? e comunque li si porti in africa, li si sbarchi e fine problema

florio

Sab, 23/05/2020 - 10:21

Non mi risulta che in Tunisia ci sia una guerra, con i folli sinistri riprendono gli sbarchi dei CLANDESTINI, e si sono premurati di cancellare il decreto Salvini, neanche il Covid li ferma. Gli italiani ringraziano!

cgf

Sab, 23/05/2020 - 10:22

fatti scendere a Tunisi?

Ritratto di Zagovian

Zagovian

Sab, 23/05/2020 - 10:25

jekill 10:10...concordo!Continuano a chiamarli "migranti"!Sono "INVASORI-ACCOLTI"!...."accolti" dagli "italiani",che ancora oggi,quelli intervistati ogni settimana,da questa o quell'agenzia,insistono nel sostenere questo "esecutivo",..con un 40% di "Italiani" che addirittura non si sbilanciano,...e se non si sbilanciano,significa che seguono l'onda che va per la maggiore...cioè quella attuale...

Ritratto di Galahad12

Galahad12

Sab, 23/05/2020 - 10:27

I poveri clandestini tunisini hanno ragione... Appena fuggiti dalla guerra devastante che sappiamo tutti si svolge in Tunisia, messi subito su una nave da cui non si può scappare mischiandosi alla popolazione del Paese che illegalmente li ha accolti. Sulla nave non si possono effettuare traffici di alcun tipo, quindi come sopravvivere?

steluc

Sab, 23/05/2020 - 10:27

L ‘unica cosa che ripartirà saranno gli sbarchi. L’unico rilancio, le casse delle onlus e cooperative varie.Continuate a votare questa sx , mi raccomando.

Emilia65

Sab, 23/05/2020 - 10:31

Ahahaha qua si ride per non piangere. Ma sono già sulla nave, che parta con rotta Tunisi immediatamente!

Ritratto di Zagovian

Zagovian

Sab, 23/05/2020 - 10:38

@florio 10:21....Certo"Quelli che intervistati ogni settimana,da questa o quell'agenzia,insistono nel sostenere questo "esecutivo",..con un 40% di "Italiani" che addirittura non si sbilanciano,...e se non si sbilanciano,significa che seguono l'onda che va per la maggiore...cioè quella attuale....Avanti Tutta con l'"INVASIONE-ACCOLTA"!

Ritratto di giangol

giangol

Sab, 23/05/2020 - 10:45

le zecche rosse mi sanno dire quale guerra sta affliggendo la Tunisia in questo preciso momento????

Sceitan

Sab, 23/05/2020 - 10:52

Dopo snervanti e sanguinose battaglie contro il lavoro, i clandestini si meritano un lungo riposo nelle retrovie Italiche, a spese degli imbecilli italioti che abbaiano alla luna. Quando i succitati saranno alla fame si faranno assumere dai nuovi padroni che, riposati, cominceranno a intraprendere in Italia, con smercio al minuto, in tangenziali, piazze e vicoli.

Ritratto di Zagovian

Zagovian

Sab, 23/05/2020 - 10:59

giangol 10:45....vedrà che dopo la raccolta dei pomidoro,tutti questi Tunisini,come tutti gli altri "INVASORI-ACCOLTI"(per la raccolta dei pomidoro appunto),torneranno TUTTI a loro spese,nei paesi di origine.....

27Adriano

Sab, 23/05/2020 - 11:00

Già che sono sulla nave, riportate i clandestini, dico clandestini in quanto è l'esatta definizione, in Africa. Ma il governo è senza spina dorsale, come i molluschi!!!

florio

Sab, 23/05/2020 - 11:00

@Zagovian -10:38, siamo un popolo strano, il 40% non vota perchè non gliene frega nulla, cura il proprio orticello e finché nessuno va a rovinarglielo, avanti con il qualunquismo, menefreghismo. l'ltri 30% sono sinistri convinti, imbevuti di ideologia, e qualsiasi porcheria faccia il governo purchè tinto di rosso va sempre bene, credo che neanche se gli prosciugassero il conto corrente, cambierebbero idea. Il restante 30% vota CDX, con una differenza rispetto ai sinistri, che gli elettori di CDX sanno distinguere se un politico fa bene o male e si comporta di conseguenza. C'est la différence!

magnum357

Sab, 23/05/2020 - 11:06

Un governo di storditi abbiamo, con la nave li spedite indietro !!!!!!!!!!!!!!!!!!

venco

Sab, 23/05/2020 - 11:12

Scendere si, ma in Tunisia.

buonaparte

Sab, 23/05/2020 - 11:15

QUESTA NAVE è UNA DELLE TANTE VERGOGNE DELLA SINISTRA E DI QUESTO GOVERNO-- CHE LA NAVE FACCIA ROTTA SULLA TUNISIA E RIPORTI IMMEDIATAMENTE IN AFRICA QUESTA GENTE. LA TUNISIA è POSTO SICURO E QUI ACCETTANO QUESTI DELINQUENTI E FURBETTI CHE FACCIANO L'ASILO POLITICO PER QUALE MOTIVO? PERCHè VOGLIONO ESSERE MANTENUTI DA NOI? ABBIAMO GIà I NOSTRI DISOCCUPATI DA MANTENERE E SFAMARE . BASTA CON QUESTA VERGOGNA-

Ritratto di Smax

Smax

Sab, 23/05/2020 - 11:24

Ora subito trasferimento negli albergi a 5 stelle vuoti nei centri città, regolarizzione e reddito di nullafacenza. Non ci sono i soldi? Patrimoniale e prelievo nei cc. Sono arrivati i padroni al di sopra delle leggi.

dafisio

Sab, 23/05/2020 - 11:38

Questo governo non aveva dichiarato l'Italia porto non sicuro? Ora trova il ridicolo escamotage di far soggiornare i clandestini su nave per non dare l'impressione che questi sbarcheranno in Italia; al contrario, hanno il coraggio di affermare che verranno redistribuiti in Europa, mentre non ne hanno neppure avanzato richiesta, anche perché, con l'emergenza epidemica, è sospesa la redistribuzione dei clandestini tra i paesi europei.

Calmapiatta

Sab, 23/05/2020 - 11:42

Nave? Quindi naviga...Ebbene che salpi per la Corsica, la Spagna o la civilissima costa francese....Vi domando ancora, perchè la migrazione DEVE essere solo un problema italiano?

Nicola48ino

Sab, 23/05/2020 - 11:45

Compagni neanche un po' di amor proprio un po d'onore un po' d'amore x non dico cittadini dico territorio ITALIA. Li vedete pall'opera tutti i giorni, non vogliono integrarsi, lavorare, rispettare le leggi. L'unica legge che conoscono è in maggioranza delinquere, meno faticoso e più remunerativo. Compagni pidiotigrullini il prosciutto che avete sugli occhi mangiatevelo e ripristiniamo l'Italia lpa nazione più invidiata al mondo rottamata e maceriata da una banda di poltronari incapaci.

mimmo1960

Sab, 23/05/2020 - 11:47

I migranti non vogliono stare sulla nave quarantena, protestano e vengono “accontentati” - I commercianti protestano e non vengono accontentati, ma!!!

Ritratto di giùalnord

giùalnord

Sab, 23/05/2020 - 11:49

Una vergogna sulle vergogne,900.000 mila€ per sostenere i diversamente italiani è troppo! Se non scendiamo in piazza quelli al governo rovineranno tante famiglie rimaste sul lastrico grazie alle chiusure delle attività private e non.

killkoms

Sab, 23/05/2020 - 12:12

Basta farla partire verso la tunisia e poi possono scendere!

carlo dinelli

Sab, 23/05/2020 - 12:20

Non avete più voglia di stare in quarantena? Andate pure dalla Lamorgese e Bellanova che vi aspettano a braccia aperte in casa loro

jaguar

Sab, 23/05/2020 - 12:22

Hanno ragione, che li mandino in qualche hotel a 5 stelle con location adeguate. È strano che il PD non abbia considerato questa opzione.

carlo dinelli

Sab, 23/05/2020 - 12:23

Concordo con Florio!!!

agosvac

Sab, 23/05/2020 - 12:39

Il problema è che questi fasulli non si sarebbero dovuti mettere in una nave che costa agli italiani 4000 euro al mese, si sarebbero dovuti espellere dal Paese e rimandati nei luoghi di origine. Purtroppo l'attuale Ministro degli Interni di queste cose non ne capisce un emerito cacchio! Nella nostra situazione di grave emergenza sia sanitaria ma ancor di più economica, finanziaria e politica, i fasulli sono troppo costosi e troppo delinquenti per poterli gestire. Nessuno dovrebbe sbarcare in Italia. Chi ne ha dato l'autorizzazione dovrebbe essere indagato per tradimento nei confronti dello Stato italiano.

Malacappa

Sab, 23/05/2020 - 12:52

I 14 tunisini che vogliono scendere lo faranno in tunisia e gli altri in libia capito

martinsvensk

Sab, 23/05/2020 - 12:54

Mi si dica un solo motivo per cui l'Italia in crisi acuta per i motivi che sappiamo, ma anche per quelli per così dire "storici" debba accogliere migliaia di tunisini che si arrabbiano pure se non li si riceve con tutti gli onori. Pazzesco! Ma chissá, i pietosi sinistri che infestano questo Forum e la società tutta, troveranno sicuramente una spiegazione, magari quella degli emigranti italiani a New York o Buenos Aires, sempre buona e utile in questi casi.

Savoiardo

Sab, 23/05/2020 - 13:10

Rimandateli in Africa, babbei.

lisanna

Sab, 23/05/2020 - 13:11

TRADUZIONE: basta prostare urlare e si viene accontentati. e vai con gli sbarchi,tanto prima o poi ci prenderanno tutti, intanto navi da crociera cibo alloggio gratis lo scalpore per il clandestino che si e' buttato dalla nave non e'stato uguale al suicidio di imprenditori per il fallimento delle aziende. qui siamo in una crisi nerissima,con centinaia di migliaia senza lavoro, ma i migranti possono tutto, compreso non venire controllati in ogni spostamento

mimmo1960

Sab, 23/05/2020 - 13:33

Noi in Tunisia ci andiamo con i mezzi trasporto legali, invece tunisini arrivano nel nostro paese sbarcando illegalmente,forse anche senza documenti, ma!!

maxfan74

Sab, 23/05/2020 - 14:08

Solo in Italia non si regolamenta l'immigrazione...fanno pena questi partiti di incapaci buonisti che abitano nei centri storici di Milano e Roma e o sono ciechi o fanno finta di non vedere...

Chuwa

Sab, 23/05/2020 - 14:29

Sono già a bordo, basta fare rotta verso l’Africa e sbarcarli tutti

Ritratto di Leonida55

Leonida55

Sab, 23/05/2020 - 15:11

@Chuwa - esatto.

Robdx

Sab, 23/05/2020 - 15:18

4000 euro a cranio ci costano questi galeotti,come é rapido ed efficace il governo Conte nel trovare le adeguate coperture finanziarie,peccato non faccia lo stesso per gli italiani che sono ancora in attesa della cassa integrazione del mese di marzo

claudioarmc

Sab, 23/05/2020 - 15:25

Fallimento totale di Conte e Lamorgese

sbrigati

Sab, 23/05/2020 - 15:56

Nessun commento dai soliti strenui difensori dei clandestini?

gianf54

Sab, 23/05/2020 - 15:57

E dopo essere stati portati a Siculiana con pullman GT, questi CLANDESTINI arrivati in albergo, sono scappati, intrufolandosi anche in proprietà private.....! Quì, se non si vede il santo, non si crede al miracolo.....

Nauseato60

Sab, 23/05/2020 - 15:58

ma come, si viola il diritto di libera circolazione? Questo è sequestro di persona da parte di Conte, Lamorgese e il ministro (ma chi è?) delle infrastrutture... E quelli alla Boldrini e Del Rio e Fratojanni non salgono a bordo per chiederne la liberazione?Solo Salvini a processo?

ESILIATO

Sab, 23/05/2020 - 16:49

Basta....mandiamo la nave in tunisia dopo aver fatto imbarcare l'esercito per la protezione dei marittimi

aldoroma

Sab, 23/05/2020 - 16:54

In Tunisia non c'è nessuna guerra... Quindi?

Giorgio5819

Sab, 23/05/2020 - 17:19

Questa nave rappresenta l'inqualificabile VERGOGNA di questo governo. CLANDESTINI accolti e messi in quarantena a spese degli ITALIANI, gente arrivata illegalmente in Italia grazie al progetto di degrado di questi comunisti al governo e ADESSO HANNO ANCHE IL CORAGGIO DI LAMENTARSI !! Non so se sono più squallidi loro o chi li ha fatti salire su quella nave. VERGOGNA GOVERNATIVA, I CLANDESTINI NON DEVONO POTER SBARCARE IN ITALIA.

Giorgio Rubiu

Sab, 23/05/2020 - 17:20

Naturalmente sono stati "accontentati"! Un altro esperimento, riuscito, per dimostrare la debolezza del nostro governo. Io li avrei accontentanti mettendoli a terra...ma in Tunisia. Cosa impedisce, adesso, agli altri di protestare ed aspettarsi di venire "accontentati"? Noi stiamo chiusi in casa per due mesi e loro non vogliono fare quindici giorni di quarantena! Noi sia multati se non stiamo alle regole e loro vengono "accontentati"! Questa è la dimostrazione che questo debole governo è, comunque, in favore dell'invasione.

CARLOBERGAMO50

Sab, 23/05/2020 - 17:31

E NOI PAGHIAMO, FORSE A QUESTA GENTE NON PIACE UN TRAGHETTO DEGLI DIS.ONORATO MA PRETENDONO UNA COSTA MAGNIFICA PER UNA CROCIERA NEL MARE NOSTRUM DI 90 GIORNI.

SemprePiùBasito

Sab, 23/05/2020 - 17:46

Ho l'impressione che la questione CLANDESTINI la risolveremo nel momento che questo Governo e tutta la sinistra li porteremo con i barconi in Africa lasciandoceli.

igiulp

Sab, 23/05/2020 - 17:46

I procuratori non sono dotati di mascherine? Su dài. Una bella mascherina non si deve negare a qualche volonteroso procuratore che (bontà sua) vorrà salire a bordo per accertarsi sullo stato di salute fisica e soprattutto morale dei nuovi arrivati. E' già successo in passato.........