Cronache

Rincari per libri e diari: per famiglie arriva la stangata

I prezzi del corredo scolastico sono in aumento, con punte fino al +3% rispetto al 2018, per una spesa totale che in media raggiungerà circa 1.000 euro

Rincari per libri e diari: per famiglie arriva la stangata

Manca ancora un mese all'inizio dell'anno scolastico. Tra gli studenti c'è chi ha già concluso i compiti estivi, chi rimanda tutto all'ultimo e chi in vacanza ha dimenticato il suono della campanella.

Ma sugli scaffali degli ipermercati e nei negozi sono già comparsi libri, astucci, diari, quaderni e blocchi da disegno. Una notizia che crea il panico negli studenti e anche nei genitori. Sì perché, come spiega AdnKronos, i prezzi del corredo scolastico sono in aumento, con punte fino al +3% rispetto al 2018, per una spesa totale che in media raggiungerà circa 1.000 euro.

I dati sono emersi dal monitoraggio effettuato dall'Osservatorio nazionale di Federconsumatori sui costi del materiale scolastico. Il calcolo è stato effettuato prendendo in considerazione le classi delle scuole medie inferiori, dei licei e degli istituti tecnici.

Nella classifica degli aumenti, il primo posto spetta agli astucci legati ai personaggi dei cartoni animati ed ai diari di marca. Complessivamente la spesa per il corredo scolastico, ammonterà a circa 533,00 euro.

Particolarmente gravosi sono poi i libri di testo. Dopo la lieve flessione dei costi registrata negli ultimi due anni, le spese tornano a crescere, mettendo a dura prova i bilanci delle famiglie: nel 2019 mediamente per i libri e due dizionari si spenderanno 470,55 euro per ogni ragazzo, il +3% rispetto allo scorso anno. In molti cercano un po' di respiro con i libri usati: acquistando testi di seconda mano si risparmia oltre il 33%.

"Le conseguenze della povertà e del disagio sociale non devono compromettere in alcun modo il diritto allo studio, per questo è fondamentale predisporre sostegni mirati per tutelare i ragazzi e garantire loro un futuro", ha affermato Emilio Viafora, presidente di Federconsumatori. Gli importi infatti risultano proibitivi per molte famiglie e tali da far evidenziare la necessità di "potenziare le agevolazioni per l'acquisto dei testi scolastici destinate alle famiglie meno abbienti. In questo quadro è opportuno che il Ministero dell'Istruzione provveda ad avviare controlli rigidi sui tetti di spesa previsti per i libri, per evitare che vengano superati e ad intraprendere interventi mirati ad incentivare l'editoria elettronica".

Commenti