Rinnova la carta d'identità, ma le stampano la "data di decesso"

È successo a una donna della provincia di Salerno, che ora dovrà richiedere un nuovo documento

Un dettaglio del documento d'identità / La città di Salerno
Un dettaglio del documento d'identità / La città di Salerno

Al rinnovo della carta d'identità, non è un mistero, sul retro viene stampata la nuova data di scadenza del documento, a dieci anni di distanza dal momento in cui è stata apposta. Un'operazione che difficilmente potrebbe andare storta, salvo casi rari e disguidi piuttosto ironici.

Ne è un esempio quanto successo a Teggiano, in provincia di Salerno, dove una donna, al posto della normale "data di scadenza" del documento d'identità si è vista stampare un'improbabile "data decesso" il 18 maggio del 2024.

Una previsione poco piacevole, ma che la donna ha tutto sommato preso con filosofia. "Non so se ridere o piangere", ha scritto su Facebook, dopo aver pensato a una sua ignoranza e che "decesso" fosse un nuovo, strano, sinonimo burocratico per "scadenza".

Con un pizzico d'ironia, Lucia ha pensato a un Paese "che guarda e prevede il futuro al punto tale che ti fanno anche sapere la data della tua morte". Ora le toccherà tornare all'anagrafe comunale e richiedere un documento con i tutti i dettagli esatti. La speranza? Poter risparmiare almeno i 17 euro che ha già pagato per il rinnovo.

Commenti