Roma, assenteista frodava l'Inps

Un autista del Bambin Gesù, in permesso per accudire il padre, aveva un secondo lavoro

Autista del Bambin Gesù truffa l’ospedale e l’Inps. Un uomo di 55 anni di Civitavecchia si assentava dal lavoro per accudire il padre malato ma in realtà usava il tempo per cercare un altro impiego. L’uomo, dopo essere stato rinviato a giudizio, è ora indagato e accusato dal pm Mario Pesci con l’accusa di frode nei confronti dell’ente previdenziale, reato risalente al 2011.

L’imputato si sarebbe avvalso dei diritti previsti dalla legge 151 del 2001 che consente ai parenti di un disabile o di un malato di prendere un periodi di aspettativa continuando a percepire la retribuzione. Il permesso è durato 185 giorni lavorativi, terminato il quale l’uomo avrebbe dovuto comunicare all’Inps "il venir meno dei requisiti di legge per il quale tale beneficio era stato concesso", si legge nel capo di imputazione formulato dalla procura. Cosa che, in realtà, non ha fatto e dal primo giorno di agosto del 2011 fino all’ultimo giorno del gennaio 2012 non si sarebbe recato neanche un giorno al Bambin Gesù ma avrebbe lavorato presso un negozio.

I commenti saranno accettati:
  • dal lunedì al venerdì dalle ore 10:00 alle ore 20:00
  • sabato, domenica e festivi dalle ore 10:00 alle ore 18:00.
Non sono consentiti commenti che contengano termini violenti, discriminatori o che contravvengano alle elementari regole di netiquette.
Qui le norme di comportamento per esteso.
Commenti

Giorgio5819

Ven, 13/02/2015 - 18:08

Roma, capitale dello schifo italico.

angelomaria

Ven, 13/02/2015 - 18:23

LUI UNO DEI TROPPI!!!