Quel sacerdote vittima di chi nega verità e regole

La prima notizia ufficiale parlava di un prete ucciso a Como da un pazzo

La prima notizia ufficiale parlava di un prete ucciso a Como da un pazzo. Con il passare delle ore, a fatica, il «pazzo» - nel frattempo arrestato - è diventato un «pazzo senzatetto». C'è voluto un po' di tempo perché sui siti e nei tg di Stato, nelle pieghe dei servizi, si ammettesse marginalmente ciò che invece era noto dal primo minuto, cioè che il «pazzo senzatetto» era un immigrato. Non solo, il «pazzo senzatetto» un tunisino era un immigrato irregolare che aveva subito numerose ingiunzioni di espulsione dall'Italia ovviamente tutte ignorate. E della sua «pazzia» non si trova traccia medica.

Ma ancora ieri sera era difficile trovare la parola «immigrato irregolare» nei resoconti dell'omicidio di don Roberto Malgesini, 51 anni. «Ucciso a coltellate il prete degli ultimi», titolava il sito de La Repubblica che posizionava la notizia ben dopo quelle su Ilary Blasi, Flavio Briatore e le avventure di un cucciolo di golden retriever; meglio, come gerarchia, faceva il Corriere della Sera, che sull'identità dell'arrestato era però altrettanto vago: «Prete degli ultimi ucciso in piazza da un senzatetto».

Il motivo di tanta ritrosia ad ammettere da subito la semplice verità (immigrato uccide prete) è semplice: la notizia urta contro la narrazione ufficiale da tempo diventata pensiero unico che gli immigrati sono tutti brava gente vittime del nostro egoismo. Non è così ovviamente: ci sono immigrati bravi, altri farabutti e altri ancora assassini (esattamente come tra i nativi) e non ammetterlo non solo non risolve il problema dell'integrazione, ma alla lunga diventa pericoloso.

Non credo che don Roberto, prete in odore di santità per la sua disponibilità verso gli ultimi, avrebbe condiviso questa tesi. Non per nulla scelse di fare il prete e non il giornalista, l'amministratore o il politico, categorie che nella società hanno altri compiti e ruoli: raccontare i fatti per come sono, garantire pace sociale, legalità e sicurezza per tutta la comunità. Don Roberto è stato ucciso perché non lui, volontario dell'accoglienza a prescindere, ma tutti noi abbiamo fallito. Del resto, quando si mettono l'ideologia e la demagogia davanti al buon senso, è ovvio che può finire male. Quell'immigrato, che è stato anche nel cuore di don Roberto, non doveva né poteva stare qui. Chi ha sostenuto e sostiene il contrario guardi in faccia la realtà e si prenda le sue responsabilità.

I commenti saranno accettati:
  • dal lunedì al venerdì dalle ore 10:00 alle ore 20:00
  • sabato, domenica e festivi dalle ore 10:00 alle ore 18:00.
Non sono consentiti commenti che contengano termini violenti, discriminatori o che contravvengano alle elementari regole di netiquette.
Qui le norme di comportamento per esteso.
Commenti
Ritratto di Spiderman59

Spiderman59

Mer, 16/09/2020 - 17:13

Congratulazioni Direttore, spero vivamente ci siano sempre più persone convinte come Lei, nel raccontare la verità dei fatti, non a celarla dietro quell'orrido paravento di finto buonismo, deprecabile, antipatico, persino stucchevole.

Ritratto di Agrippina

Agrippina

Mer, 16/09/2020 - 17:14

Eviterei di manipolare il pensiero di una persona che non c'è più, Don Roberto si occupava anche di quelle persone, persino di quello che è stato il suo assassino, questo è ciò che ha fatto di concreto. Quanto al protocollo di espulsione, bisognerebbe spiegare come la legge che lo regola sia carente al riguardo e magari ricordare anche quale sia la legge, ma capisco che poi non tornerebbero i conti.

Ritratto di 02121940

02121940

Mer, 16/09/2020 - 17:42

La sinistra, quella che ama tanto l’immigrazione, trova difficoltà a dire tutta le verità. Quindi capita che le notizie “scottanti” vengano quasi ignorate, non evidenziando la realtà completa dei fatti accaduti. Così oggi le prime notizie parlano di un”pazzo” che ha ucciso un prete, senza indicare chi sia l’assassino e da dove il presunto pazzo sia arrivato. Ora sappiamo che si trattava di un immigrato, la cui origine rimane ignota, per ora. Staremo a vedere.

tremendo2

Mer, 16/09/2020 - 18:15

evidentemente da parte di qualcuno ci sono state delle omissioni, ma chissà perché in Italia tutti si autoassolvono e le omissioni rimangono impunite. Non si tratta di perseguitare qualcuno, ma se questo qualcuno è pagato per fare certe cose e non le fa, va licenziato e deve pagare i danni.

ex d.c.

Mer, 16/09/2020 - 18:34

Il movente?

Ritratto di HARIES

HARIES

Mer, 16/09/2020 - 18:51

Già, proprio così!

giangar

Mer, 16/09/2020 - 19:20

Penso che la storia di questo omicida vada approfondita, prima di cominciare, come è nostro solito, a rinfacciarci le colpe per la sua mancata espulsione. Mi sembra superficiale trattare il caso come se stessimo parlando di uno arrivato con il barcone il mese scorso. Questo era in Italia da 27 anni, arrivato nel 1993, quando i barconi quasi non esistevano, probabilmente era arrivato in aereo con i documenti. Ha sposato un'italiana, non so se avesse mai lavorato in Italia, aveva precedenti penali. Aveva figli? Sicuramente aveva i documenti, non era un irregolare, se non per il fatto di non aver ottemperato ad un decreto di espulsione.27 anni sono una vita passata in Italia. Sicuramente ne sapremo di più. una preghiera per Don Roberto

Ritratto di bonoitalianoma

bonoitalianoma

Mer, 16/09/2020 - 19:23

Il problema non sono i cosiddetti pazzi che imperversano nel Bel Paese ma gli ormai ripetuti e comprovati episodi di illegalità con la conclusione di sostanziale impunità frutto di una moralità ridotta a stracci e delle interpretazioni che esulano dai principi fondamentali della Costituzione tramite Leggi che la disarticolano.

Ritratto di mortimermouse

mortimermouse

Mer, 16/09/2020 - 19:56

verità che la sinistra la vuole affondare, mettendoci sopra pietre e pietre di bugie....:-) la sinistra eh! ma voi, babbei comunisti grulli, perchè continuate a criticare berlusconi e il centrodestra? :-) siate coerenti!

Ritratto di babbeipersempre

babbeipersempre

Mer, 16/09/2020 - 20:04

Responsabili tipo i ministri che non l hanno espatriato?

Ritratto di 02121940

02121940

Gio, 17/09/2020 - 10:33

La violenza operata dagli immigrati, sempre verso persone non in grado di difendersi, non è una novità, anzi sta diventando un’abitudine, grazie al fatto che lo “stato” dorme, consentendo ed accettando tutto. Questa volta siamo arrivati addirittura all’uccisione di un sacerdote. Ciò mentre il governo in carica consente, senza reagire, il forte aumento dell’immigrazione da parte di persone che non hanno la capacità di guadagnarsi un’accoglienza che non meritano, di fatto impossibile.

Ritratto di babbeipersempre

babbeipersempre

Gio, 17/09/2020 - 10:58

"La violenza sempre verso persone non in grado di difendersi, non è una novità, anzi sta diventando un’abitudine". hai ragione, willy con tutti i ragazzi pestati dal branco in questi mesi e in futuro, ti ringraziano per il tuo pensiero gentile.

Ritratto di adl

adl

Gio, 17/09/2020 - 17:17

Direttore, diciamola tutta, quella che usualmente si chiama "narrazione main stream" non è altro che l'epopea delle bugie sinistre. Se sull'efferato omicidio di don Roberto il main stream, preferisce tacere, a mio modesto avviso è meglio. Ove parlasse non farebbe altro che aggiungere bugie a bugie.

Ritratto di adl

adl

Gio, 17/09/2020 - 17:20

L'ultimo editoriale di G.Gaiani, ha il seguente titolo: "Ma lo Stato Italiano esiste ancora ?"

necken

Gio, 17/09/2020 - 18:17

questi stranieri che bene o male manteniamo e poi tuteliamo i loro diritti anche a scapito dei nostri ebbene i questi casi lo stato non ha ne autorità ne autorevolezza

necken

Gio, 17/09/2020 - 18:18

questi stranieri che bene o male manteniamo e poi tuteliamo i loro diritti anche a scapito dei nostri ebbene in questi casi lo stato non ha ne autorità ne autorevolezza

Ritratto di Leonida55

Leonida55

Gio, 17/09/2020 - 19:34

@Agrippina - eviterei di manipolare quanto succede. Straniero pluripregiudicato, entrato con il vosrto beneplacito, espulso 2 volte dal paese, trattenuto qui da voi sinisrti con le vostre malsane leggi antiitalia, difeso e giustificato anche quando uccide orribilmente alle spalle colui che l'ha aiutato a vivere. Tu difendi costui? Te la prendi anche tu con gli italiani? Difendi i criminali perchè stranieri? La legge non deve essere uguale per tutti? A nessuna di queste domande sai rispondere. Lascia la tua faziosità comunista a casa, oppure meglio non scrivere più.

Ritratto di Leonida55

Leonida55

Gio, 17/09/2020 - 19:36

@Agrippina - qui nessuno manipola niente. Tu invece cerchi di difendere uno straniero pluripregiudicato con doppio foglio di espulsione che ha commesso un delitto orrendo, alle spalle. Se fosse stato italiano, invece...denota i lrazzismo viscido che c'è in te, solo per viscido scopo politico.