Salerno, tenta rapina e aggredisce gli agenti: fermato nordafricano

Un 30enne nordafricano ha tentato una rapina ai danni due giovani in Piazzale Serino a Salerno e poi, per fuggire, ha aggredito gli agenti giunti sul posto

Salerno, tenta rapina e aggredisce gli agenti: fermato nordafricano

Un nordafricano di 30 anni, senza fissa dimora e ancora in Italia nonostante un provvedimento di rifiuto di protezione internazionale, è stato arrestato dagli agenti della polizia di Stato in forza all’Ufficio prevenzione generale Sezione volanti di Salerno con le accuse di tentata rapina, resistenza e violenza a pubblico ufficiale.

L’extracomunitario, S. M., nella notte tra mercoledì e giovedì ha provato a rapinare due giovani che avevano appena parcheggiato la propria automobile in Piazzale Serino, nella zona orientale della città campana.

Il suo tentativo, fortunatamente, non è andato a buon fine anche grazie al pronto intervento dei poliziotti allertati da una segnalazione giunta al numero d’emergenza 112.

Arrivati sul luogo, gli agenti hanno colto sul fatto il rapinatore. Lo straniero, infatti, stava colpendo energicamente la vettura al cui interno si erano rifugiati i due ragazzi. Alla vista delle forze dell’ordine, il nordafricano ha tentato una disperata quanto inutile fuga. Rincorso dai poliziotti, il nordafricano è stato immediatamente raggiunto e bloccato.

L’extracomunitario, però, non si è arreso e, in preda ad un forte stato di agitazione psicomotoria, ha opposto una feroce resistenza al fermo tentando di aggredire gli agenti. Solo dopo diversi momenti di grande concitazione, i poliziotti sono riusciti a bloccare definitivamente l’esagitato rendendolo inoffensivo.

L’immigrato, privo di documenti d’identità, è stato condotto negli uffici per essere sottoposto a rilievi foto- segnaletici da parte del personale della Polizia scientifica. Dopo le formalità di rito, il nordafricano è stato arresto e posto a disposizione dell’Autorità giudiziaria che ne ha disposto il trasferimento presso il carcere di Salerno- Fuorni in attesa del giudizio di convalida.

Commenti