"Sei casi di trombosi su 1,6 milioni di dosi". Adesso l'Aifa frena gli allarmismi

Il presidente dell’Agenzia italiana del farmaco Giorgio Palù ritiene difficile che ci sia una correlazione tra la somministrazione dei vaccini AstraZeneca e i decessi

“È improbabile un nesso causale diretto tra vaccinazione e decessi; al massimo potrebbe esserci una concausa, nel senso che i problemi potrebbero riguardare solo persone predisposte a sviluppare queste patologie”. Getta acqua sul fuoco il presidente dell’Agenzia italiana del farmaco (Aifa) Giorgio Palù, dopo le ultime morti sospette che hanno portato alla sospensione del vaccino AstraZeneca in Italia e in altri Paesi d’Europa. In un’intervista concessa al Corriere della Sera, il virologo cerca di tranquillizzare tutti coloro che hanno ricevuto la prima dose dell’antidoto prodotto dalla casa farmaceutica inglese. Nelle ultime 24 ore la preoccupazione è cresciuta a dismisura e, dopo la sospensione a titolo cautelativo del vaccino AstraZeneca, si attendono chiarimenti su questo provvedimento.

“Chi ha fatto la prima dose – ha dichiarato Palù – può aspettare la seconda con tranquillità”. Il presidente di Aifa ha spiegato come si è giunti alla decisione di sospendere la somministrazione del vaccino AstraZeneca. Tutto ha avuto origine in Germania, dove il “Paul Ehrich Institute”, l’ente regolatorio e di ricerca tedesco, ha suggerito al ministro della Salute Jens Spahn di sospendere temporaneamente e in forma cautelativa il preparato di AstraZeneca in seguito al verificarsi di sei casi di tromboembolia in soggetti di sesso femminile, due dei quali risultati mortali, su 1,6 milioni di dosi inoculate. Da qui, la scelta di altri Paesi europei, tra cui l’Italia, di seguire l’esempio dei tedeschi.

A quanto pare, si sta verificando se c’è un nesso tra il vaccino AstraZeneca e i decessi per tromboembolia, ossia la formazione di un coagulo di sangue all'interno di un vaso, in grado di bloccare in tutto o in parte una vena (trombosi venosa) o un’arteria (trombosi arteriosa). Quando un trombo, sviluppatosi in qualsiasi vaso periferico va incontro a frammentazione, il frammento trombotico che ne deriva (embolo) si muove all'interno del circolo sanguigno potendo così arrivare anche al polmone determinando l’embolia polmonare, condizione estremamente grave che molto spesso conduce alla morte. “L’evidenza scientifica di un nesso causa-effetto rispetto al vaccino – ha ribadito Palù – al momento non c’è. Adesso si esprimerà l’Ema. L’agenzia regolatoria europea dovrebbe acquisire i dati di farmaco vigilanza e delle autopsie sulle persone decedute entro giovedì e dare una risposta”.

L’ottimismo, in ogni caso, regna sovrano. Nei dodici milioni di vaccinati del Regno Unito e nei cinque milioni in Europa, i casi registrati di questi eventi gravi erano finora prevalenti in persone anziane, età media 70 anni. L’incidenza è dunque nettamente inferiore a quella di un caso su mille circa tipico di queste manifestazioni. Bisognerà adesso studiare il caso specifico delle donne che hanno perso la vita in Germania. “Ma nessun allarmismo – ha concluso il presidente di Aifa – la seconda dose di AstraZeneca va fatta alla dodicesima settimana, quindi c’è tutto il tempo di attendere l’imminente decisione di Ema. Non solo. I vaccini basati sulla tecnologia utilizzata da AstraZeneca danno eventuali reazioni alla prima dose e molto meno alla seconda, il contrario di quanto avviene per quelli a Rna messaggero (Pfizer-Biontech e Moderna)”.

I commenti saranno accettati:
  • dal lunedì al venerdì dalle ore 10:00 alle ore 20:00
  • sabato, domenica e festivi dalle ore 10:00 alle ore 18:00.
Non sono consentiti commenti che contengano termini violenti, discriminatori o che contravvengano alle elementari regole di netiquette.
Qui le norme di comportamento per esteso.
Commenti

jaguar

Mar, 16/03/2021 - 11:21

Per caso qualcuno dell'Aifa è stato colpito da trombosi post vaccinale? No perchè qui sono tutti bravi a rassicurare sulle disgrazie altrui.

Ritratto di beatoangelico

beatoangelico

Mar, 16/03/2021 - 11:22

A fronte di un virus con tasso di mortalità pari allo 0,15%. Dati OMS. Quando si sveglierà questo popolo di ebeti ?

UgoCal

Mar, 16/03/2021 - 11:23

Bha .. prima fino a 55 anni, poi sino a 65, quindi anche over, blocco alcune partire, infine blocco totale. Ma un pò di serietà no! Un ottimo lavoro per gli scienziati. Non parliamo poi dei vaccini .. l'UE non è in grado di produrne di suoi, non ha scienziati e laboratori? Viene da pensare.

Calmapiatta

Mar, 16/03/2021 - 11:28

E secondo voi, dopo tutta questa tarantella, la gente correrà a frotte per farsi vaccinare?

ortensia

Mar, 16/03/2021 - 11:32

Il prof.Vaccinazione:il prof. Palú esclude il fenomeno ADE per che ha avuto il coronavirus senza sintomi?

tersicore

Mar, 16/03/2021 - 11:32

Anche qui potrebbe esserci una manipolazione dei dati, e comunque non hanno preso in considerazione moltissime conseguenze gravi ma non letali. La mamma di un mio amico, e una sua amica, hanno avuto febbre a 38 per tre giorni, e sensazioni di grave malessere, per non dire di altri casi. In altre parole fidarsi è bene, ma non fidarsi è meglio, soprattutto degli ‘esperti’ AD USUM DELPHINI’ della TV.

Happy1937

Mar, 16/03/2021 - 11:44

6 soli? Lo vada a spiegare a quei 6 che sono finiti sotto terra.

ortensia

Mar, 16/03/2021 - 11:45

UgoCal: vero! Prima fino a 55 solo se in buona salute,poi fino a 65, poi anche i nonnetti. Giocano ai dadi sulla nostra pelle?

bernardo47

Mar, 16/03/2021 - 11:46

La gente ha paura e vuole certezze! Se serve sierologico prima del vaccino, lo si imponga, per controllare se si è già avuta infezione silente! Per evitare reazioni!

Baryton

Mar, 16/03/2021 - 11:46

@beatoangelico nel 2020 sono decedute 100.000 persone in più rispetto alla media dei 5 anni precedenti (+15.5%). Posto che, come dice Lei, questo virus ha un tasso di letalità pari allo 0.158%, ha qualche idea non ebete in merito all'impennata di decessi nel 2020?

ortensia

Mar, 16/03/2021 - 11:54

Una domanda al prof.Palú: un test sierologico prima di fare il vaccino potrebbe ridurne ulteriormente i rischi? E anche il numero dei vaccinandi? Ormai anche noi casalinghe al mercato parliamo dell'Ade senza capirne un akka.

Ritratto di anticalcio

anticalcio

Mar, 16/03/2021 - 11:58

la prova del 9?? al papa e al matterello,dopo che è stato sperimentato ad altri,hanno fatto il moderna!ma quale saltare le file...questa è pura astuzia!!

Ritratto di beatoangelico

beatoangelico

Mar, 16/03/2021 - 12:19

Baryton@ eccolo pronto all'appello degli ebeti. Credi ancora ai dati sulla mortalità da Covid anche se te l'hanno detto in ogni occasione quelli del ISS che sono stati conteggiati come Covid tutti i morti con Covid ? Ti sei mai chiesto come sono stati curati i malati nelle prime settimane ? Perchène hanno bruciato i corpi, perchè non ci sono referti e perchè i primi casi li hanno spediti nelle RSA ?

ortensia

Mar, 16/03/2021 - 13:31

anticalcio: avevo letto che a mottarella avevano fatto il moderna, non sapevo del papa, si vede che anche a francesco non bastano le preghpiere e ha voluto stare nel sicuro. Questi due eroi hanno fatto un sierogico prima,? Come mai il moderna? Perché loro sono loro?

Baryton

Mar, 16/03/2021 - 15:52

@beatoangelico come previsto Lei non è in grado di rispondere alla mia domanda. Certo, informarsi è una faticaccia, ma faccia almeno uno sforzo... Le darò qualche indizio: nel Quinto Rapporto ISTAT-ISS (5 marzo) si rileva nel 2020 si sono verificati 75.891 decessi causa COVID... ma naturalmente sono tutti ebeti, vero? Ancora: mentre in Lombardia si sono rilevati, tra Marzo e Aprile 2015-2019, in media 16.681 decessi, nello stesso periodo del 2020 (durante la sedicente - come direbbe Lei - prima ondata) i morti sono stati 42.968 (+157.6%). Naturalmente il COVID è innocente, ed allora Le chiedo: si è verificata un'impennata di suicidi? un'invasione di extraterrestri? la Lombardia ha dichiarato guerra la Svizzere ed ha perso? Orsù, ci fornisca la Sua risposta, certamente più dettagliata ed esauriente delle mie ebeti osservazioni…