Quel salvacondotto ai migranti ​che piace tanto alle toghe rosse

Su Questione giustizia, rivista di Md, il giudice Martina Flamini ha espresso apprezzamento per una sentenza emessa dalla corte di Napoli riguardo la vicenda di un immigrato pachistano

Non bastano le ondate di immigrati, alcuni anche positivi al coronavirus, che stanno arrivando in Italia dalle coste del nord Africa in un momento delicato visto che siamo ancora alle prese con l’emergenza sanitaria legata a Covid-19. Ora il nostro Paese rischia di dover accogliere clandestini da ogni angolo di mondo che fuggirebbero dalla malattia. Una possibilità, questa, più remota, soprattutto se farà giurisprudenza la sentenza emessa il 25 giugno scorso da una corte napoletana con la quale si è stabilito che un cittadino pachistano ha diritto al riconoscimento della protezione umanitaria perché nel Punjab, regione da cui proviene, il virus si sta diffondendo rapidamente e le locali strutture sanitarie non sono adeguate a fronteggiare l'emergenza.

Una sentenza, svelata ieri da La Verità, che potrebbe creare un precedente con il quale si spalancano le porte d’Italia a imponenti flussi di irregolari. Eppure le toghe rosse di Magistratura democratica sposano la decisione del Tribunale di Napoli. In pratica, accogliere tutti quelli che vivono in Paesi dove le strutture sanitarie non sono all'altezza. Una bella cosa aiutare tutti, certo. Ma questo sogno utopico si scontra con la realtà. L’Italia non potrebbe reggere ad un flusso imponente di immigrati. A dire il vero, neanche la Ue potrebbe affrontare una situazione simile senza la collaborazione di altre potenze mondiali. E se poi l’epidemia dovesse divampare in Africa? A quel punto si aprirebbero scenari da incubo.

La sentenza della corte di Napoli potrebbe fare giurisprudenza e diventare la decisione sulla quale fondare altre sentenze che, di fatto, spalancherebbero le frontiere a contagiati asiatici e africani. Su Questione giustizia, rivista di Magistratura democratica, il giudice a Milano, Martina Flamini, ha manifestato apprezzamento per la teoria dei colleghi partenopei spiegando come ci siano"numerosi gli spunti rilevanti da approfondire". Ad esempio, "l'estensione del contenuto del dovere di cooperazione del giudice, il rapporto tra valutazione di credibilità ed esercizio del predetto dovere di cooperazione istruttoria, la rilevanza di un fatto sopravvenuto quale l'emergenza sanitaria ai fini del riconoscimento della protezione umanitaria, il rapporto tra condizione di vulnerabilità e giudizio di comparazione". Il collegio napoletano aveva ritenuto non credibile il racconto del pachistano nella parte relativa alle ragioni che lo avevano spinto a lasciare il suo Paese ma ha esercitato il potere istruttorio di cooperazione ritenuto sussistenti i presupposti per il riconoscimento della protezione umanitaria.

Inoltre, La Verità sottolinea che la questione al Covid non era neppure stata segnalata dal difensore dell'immigrato. I giudici di Napoli hanno deciso di effettuare un approfondimento sulle misure sanitarie pachistane in modo autonomo. "La giurisprudenza di legittimità- ha precisato la Flamini- è, sul punto, giunta a conclusioni non sempre omogenee". In alcune decisioni della Suprema corte, i giudici hanno basato la valutazione sull'attendibilità del richiedente asilo e, se questa era in discussione, era ritenuto impossibile un approfondimento istruttorio. E la richiesta veniva bocciata. In altre decisioni, invece, hanno affermato che il giudizio di scarsa credibilità sui fatti a sostegno della domanda da rifugiato politico"non può precludere la valutazione, da parte del giudice, ai fini del riconoscimento della protezione umanitaria, delle diverse circostanze che concretizzino una situazione di vulnerabilità". Ed è questa’ultima la linea, adattata all'emergenza Covid, seguita dai giudici napoletani e apprezzata da Md.

Per valutare la condizione di "vulnerabilità" del pachistano, il giudice di Md ha spiegato che "sono state indicate fonti (aggiornate a pochi giorni prima del deposito del decreto) che testimoniavano un elevato numero di persone positive al virus e di pazienti ricoverati, nonché una forte diffusione proprio nell'area di provenienza del ricorrente". Inoltre lo stesso magistrato ha sottolineato che "il Tribunale ha poi fatto riferimento a un rapporto pubblicato dall'Easo (l'ufficio europeo per il sostegno all'asilo, ndr) dal quale emerge come più del 65 per cento della popolazione rurale non abbia accesso alle strutture sanitarie di base e come i servizi sanitari per i più poveri siano diventati scarsi". Il rapporto citato, però, è di ben 5 anni fa. Un po’ datato.

Secondo l'esponente di Md, in questo contesto il respingimento del pachistano "vedrebbe fortemente compresso il diritto fondamentale alla salute". "La condizione di vulnerabilità- ha aggiunto la Flamini- è stata valutata in modo non atomistico, ma unitamente al percorso di integrazione compiuto in Italia" e soprattutto "in applicazione del noto giudizio comparativo”. Proprio la comparazione con la situazione nel Paese d'origine viene sottolineata più volte nella parte finale del commento alla sentenza. "In molte pronunce le domande volte a ottenere la protezione umanitaria vengono rigettate proprio all'esito di un giudizio comparativo effettuato senza considerare che la condizione di vulnerabilità che avrebbe portato al riconoscimento della tutela è del tutto estranea a quelle situazioni di fatto (l'integrazione sociale e lavorativa) che hanno portato la Suprema corte a delineare il predetto criterio", ha affermato ancora la Flamini.

"La comparazione con l'attuale livello di integrazione sociale in Italia- ha concluso l’esponente di Md- è del tutto irrilevante, atteso che queste sono situazioni di per sé costitutive di un presupposto per la protezione umanitaria". In pratica, una sorta di salvacondotto che potrebbe aprire le porte d’Italia a flussi migratori biblici.

I commenti saranno accettati:
  • dal lunedì al venerdì dalle ore 10:00 alle ore 20:00
  • sabato, domenica e festivi dalle ore 10:00 alle ore 18:00.
Non sono consentiti commenti che contengano termini violenti, discriminatori o che contravvengano alle elementari regole di netiquette.
Qui le norme di comportamento per esteso.
Commenti
Ritratto di do-ut-des

do-ut-des

Dom, 19/07/2020 - 11:16

I troppi libri fanno male, specialmente se sono sulla legge. Questi non ragionano più, il popolo non si spazientisce, subisce. Altro che fascismo siamo capitati. Ragionare no eh?

Enne58

Dom, 19/07/2020 - 11:32

Si chiude giustamente a paesi europei a rischio, dove chi arriva ha documenti ed è rintracciabile ma si apre a estraeuropei che arrivano senza documenti, fuggono dai campi e sono difficilmente rintracciabili. Chi ci capisce è bravo, una bella coerenza

ITA_Chris

Dom, 19/07/2020 - 11:35

Quindi quelli del bangladesh che arrivano in aereo non si possono rimandare indietro......non si riesce proprio a liberarsi da queste persone sgradite!

Giorgio Colomba

Dom, 19/07/2020 - 11:37

Nel cuore e sotto l'ala protettrice dei nipotini di Togliatti in toga facenti capo a MD i migranti hanno sostituito - pardon, si sono aggiunti - agli attivisti sinistri di ogni specie, ordine e grado.

Ritratto di ex finiano

ex finiano

Dom, 19/07/2020 - 11:48

Preset l'ideologia politica rossa si emettono sentenze folli!

Ritratto di bandog

bandog

Dom, 19/07/2020 - 12:23

do-ut-des Dom, 19/07/2020 - 11:16,non sono i troppi libri,ma la mancata meritocrazia che ha avvantaggiato chi ha tessere di partito o simpatie sinistroidi

White_Pride

Dom, 19/07/2020 - 12:45

Masochismo o semplice stupidità? Entrambe le risposte sono un’inquietudine che gli italiani hanno accettato silenti. Le conseguenze sono già nefaste

ziobeppe1951

Dom, 19/07/2020 - 13:15

L’intero terzo e quarto mondo non ha strutture sanitarie adeguate..cosa facciamo?..non spargete la voce, altrimenti...tutti qui!!!

OttavioM.

Dom, 19/07/2020 - 14:17

Fanno bene i paesi del Nord Europa a non darci un euro, finchè l'Italia non farà le riforme, in primis quella della giustizia, dare soldi all'Italia è solo uno spreco.

killkoms

Dom, 19/07/2020 - 14:17

come se da noi non fosse accaduto nulla?

leopard73

Dom, 19/07/2020 - 14:40

Siamo da tempo comandati dal vero FASCISMO dobbiamo solo rompersi la schiena di lavoro e guardare dove spendono le nostre fatiche sono senza vergogna pure abbiamo la giustizia che fa solo il LORO INTERESSE!!!!

Happy1937

Dom, 19/07/2020 - 14:47

La Magistratura dovrebbe applicare le Leggi dello Stato votate dal Parlamento. In Italia invece in troppi casi cerca di sovvertire l'ordine dei poteri, pretendendo di sostituirsi agli organi legislativi previsti dalla Costituzione.

AntonioLatela

Dom, 19/07/2020 - 14:55

Per una sentenza ! Annunciate una probabile catastrofe. Uno scenario apocalittico ! Ma per cortesia ! Un po’ di rispetto per la Magistratura dello Stato. Basta con queste strumentali storie ed illazioni su “toghe rosse, toghe sporche”. Se non ci fossero i magistrati l’Italia affonderebbe nella corruzione, nel razzismo, nella violenza, in sporche storie di illeciti interessi da parte di certa parte della società. E la criminalità organizzata spadroneggerebbe ovunque. I Magistrati fanno le sentenze; i politici le leggi; le sentenze sono utili alle riflessioni giurisprudenziali ma non vincolano le determinazioni di altri magistrati. Non è corretto mettere i cittadini contro la magistratura e screditarla con queste storie e tendenziose osservazioni. Ogni tanto evidenziate anche che molti magistrati vicini a magistratura democratica hanno dato colpi mortali alla mafia, alla camorra, alla ndrangheta ed alla politica super corrotta : questa è storia reale non fantasia.

Ettore41

Dom, 19/07/2020 - 15:49

@ANTONIOLATELA: Sveglia ed aggiornati. Ormai la Magistratura si e' screditata da sola. Rispetto!!! Si quando avremo un sistema dove le correnti vengano abolite per legge.

AntonioLatela

Dom, 19/07/2020 - 16:19

Tutti i cittadini e tutti i lavoratori hanno ( e ne hanno il diritto) ideologie politiche, appartenenze ad organizzazioni riconosciute dalla legge come sindacati, associazioni etc. Ma ciò non significa che necessariamente sono “di parte” nell’espletamento delle loro funzioni pubbliche. Esiste la moralità; la deontologia professionale, l’onesta’ ed il rispetto per le Istituzioni. Anche se rari, molto rari casi possono attestare il contrario.

Ritratto di Giusto1910R

Giusto1910R

Dom, 19/07/2020 - 16:57

Le sentenze di certi Corti sono da ritenersi molto molto dannose per l'Italia.

Giorgio5819

Lun, 20/07/2020 - 11:05

Lo schifo assoluto, possibile solo a sinistra.