Sgominata banda di albanesi: svaligiavano case in Lombardia

Arrestata una banda di cinque albanesi ritenuti responsabili di furto aggravato in abitazione, ricettazione e detenzione illegale di armi

È stata fermata nei giorni scorsi dalla polizia di Milano e Brescia una banda di cinque albanesi ritenuti responsabili di furto aggravato in abitazione, ricettazione e detenzione illegale di armi. I cinque, indagati come gruppo criminale, avevano la propria base operativa a Sesto San Giovanni (Milano) e agivano in modo sistematico e continuativo, spostandosi in diverse province della Lombardia e del Piemonte. Le indagini sono state avviate nei mesi scorsi dalla Squadra Mobile di Brescia, dopo alcuni furti nei quali risultava coinvolta la stessa auto. Un lungo lavoro di analisi delle telecamere di sorveglianza sulle strade ha consentito di individuare l'auto, rubata in Svizzera, e poi un box a Sesto San Giovanni, dove la banda, oltre a lasciare l'autovettura, deteneva diversi attrezzi per lo scasso e parte della refurtiva. In alcuni casi, il gruppo criminale aveva asportato la cassaforte, ricettando il contenuto in alcuni campi nomadi.

Le perquisizioni hanno permesso di sequestrare, oltre all'autovettura utilizzata per la commissione dei furti, diversi attrezzi per lo scasso e una parte della refurtiva di alcuni furti recenti. Tra questa, anche un pistola e 37 proiettili, risultati rubati nel corso di un furto commesso nei mesi scorsi in provincia di Bergamo. Per quattro dei cinque fermati, il gip di Milano ha convalidato il provvedimento restrittivo e disposto la custodia cautelare in carcere. Il quinto soggetto, emerso solo nella fase finale delle indagini, è stato invece scarcerato. Le indagini sono state coordinate dalla Procura della Repubblica di Brescia e nella fase esecutiva dalla Procura della Repubblica di Milano.

I commenti saranno accettati:
  • dal lunedì al venerdì dalle ore 10:00 alle ore 20:00
  • sabato, domenica e festivi dalle ore 10:00 alle ore 18:00.
Non sono consentiti commenti che contengano termini violenti, discriminatori o che contravvengano alle elementari regole di netiquette.
Qui le norme di comportamento per esteso.
Commenti

maurizio50

Gio, 17/08/2017 - 10:29

Sono i migranti che per il tizio messo a fare il Papa della Chiesa Cattolica, "sono un dono di Dio"!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!

Ernestinho

Gio, 17/08/2017 - 11:25

Cosa ci facevano in Italia? Ed adesso il solito giudice li metterà fuori?

Ernestinho

Gio, 17/08/2017 - 11:26

Si erano perfettamente "ambientati" in Italia! E come loro ce ne sono tanti ancora!

Ritratto di perSilvio46

perSilvio46

Gio, 17/08/2017 - 11:39

Sono già fuori? Sicuramente per loro è un danno l'arresto, proprio ora che con case vuote il loro lavoro è facilitato. Non che l'eventuale presenza dell'occupante li freni, se lo trovano lo massacrano, ma comunque ci mettono più tempo. Certamente un giudice di sinistra terrà conto del fatto che sono stati fermati nel periodo migliore per il loro lavoro e li libererà perché possano almeno usufruire degli ultimi giorni utili.

baronemanfredri...

Gio, 17/08/2017 - 11:50

LUCA ROMANO TI SEI DIMENTICATO ASSOCIAZIONE A DELINQUERE, SCUSI LUCA ROMANO QUESTA PAROLA ASSOCIAZIONE A DELINQUERE ESISTE SOLO PER GLI ITALIANI. ORA SE QUESTI HANNO DAVANTI UN MAGISTRATO DI SINISTRA COME LA MAGISTRATURA DEMOCRATICA SI COMPORTERA' CON QUESTI FRAAAAATELIIIIIIIIIIII CATTIVI?

Ritratto di Memphis35

Memphis35

Gio, 17/08/2017 - 11:52

Sfogatevi pure ora a precisare la nazionalità dei criminali. Tra poco non lo si potrà più fare: politically uncorrect!

senzasperanza

Gio, 17/08/2017 - 12:08

albanesi,non e' possibile.sono solo risorse. ma basta ne abbiamo li p...piene

Ritratto di bandog

bandog

Gio, 17/08/2017 - 12:33

Ma comeee? Stavano lavorando per pagarvi le pensioni e le Forze dell'Ordine li arrestano?? Ha ragione cecco...non c'è più religione!

Ritratto di Raperonzolo Giallo

Raperonzolo Giallo

Gio, 17/08/2017 - 12:40

Dicesi "banda sgominata" quel gruppo di risorse, prevalentemente albanesi, romeni o rom, colti sul fatto durante l'orario di lavoro, accompagnati davanti al giudice, trattenuti per pochi giorni in attesa della scarcerazione conseguente a "depenalizzazione del reato" da parte del PD. Aggiornate i dizionari.

Lapecheronza

Gio, 17/08/2017 - 12:43

Ovviamente dire che ci sono alcune etnie che più di altre contribuiscono all'evidenza statistica del crimine è considerato xenofobo e razzista. Qualcuno conosce, qualcuno sa se gli Svizzeri, Norvegesi o Austriaci sono dediti al crimine come le etnie di cui 90 volte su 100 appaiono sempre gli stessi gruppi etnici ?

umberto nordio

Gio, 17/08/2017 - 12:51

Domani liberi! Ci pensa il magistrato di turno.

teo44

Gio, 17/08/2017 - 13:15

se scrivo quello che penso stasera arriva la digos e mi porta via e rischiare il carcere per esprimere un pensiero in questo povero paese proprio non ne vale la pena.ma ha molto a che fare con i rastrellamenti saluti

Renee59

Gio, 17/08/2017 - 14:03

Quattro buffetti, ed è finita lì.

Ritratto di mbferno

mbferno

Gio, 17/08/2017 - 14:30

Bene bene bene:viene così certificata l'alleanza fra albanesi e zingari (si può dire?): certamente due etnie di stakanovisti del lavoro,che pagano le tasse fino all'ultimo cent e dalla fedina penale immacolata. Salvini,accendi le ruspe!

Ritratto di nando49

nando49

Gio, 17/08/2017 - 14:32

Molta della delinquenza slava ed extracomunitaria si è trasferita nel nostro paese grazie alle leggi troppo garantiste e ai giudici buonisti che le applicano. Non c'è più la certezza della pena. Troppi avvocati in parlamento che fanno anche gli avvocati difensori. C'è conflitto di interessi.

bobots1

Gio, 17/08/2017 - 14:40

Grazie alle nostre autorità che lasciano girare in Italia tutto e di più! Saranno espulsi? Ma poi tornano: stiamo pure tranquilli!