Toghe intoccabili. Non illudiamoci

Li hanno beccati con le mani nella marmellata e provano a fare retromarcia per salvare almeno la faccia

Li hanno beccati con le mani nella marmellata e provano a fare retromarcia per salvare almeno la faccia. Scoperto, grazie alle intercettazioni, l'inciucio tra politica e magistratura per fare fuori per via giudiziaria Matteo Salvini, la maggioranza si è inventata un modo per negare l'autorizzazione a processare il leader leghista per il caso Open Arms, la nave carica di immigrati alla quale l'allora ministro dell'Interno aveva negato l'attracco. La decisione, presa dalla giunta del Senato, dovrà ora essere confermata dall'Aula nelle prossime settimane, ma tutto lascia intendere che questa volta Salvini non finirà (ingiustamente) alla sbarra.

Il piano dei suoi nemici però resta in piedi, dato che il Senato, prima che l'intrigo delle toghe fosse svelato, aveva già autorizzato un analogo processo per il precedente caso della nave Diciotti (che si svolgerà a ottobre). Il fatto che ieri in commissione i senatori della sinistra abbiano comunque votato «sì» al processo (sapendo che non sarebbero stati maggioranza) dice quanto profondo e diffuso sia il cancro della giustizia politicizzata e della politica giustizialista. Neppure davanti alla realtà dei fatti - un importante magistrato che ammette «Salvini non ha commesso reati ma dobbiamo colpirlo» scatta un sussulto di onestà e dignità: non una parola di biasimo per gli amici magistrati che hanno tentato non solo di inguaiare un innocente, ma addirittura di prendere per i fondelli il Senato della Repubblica.

E noi dovremmo credere che gente così sia sincera quando sostiene di volere riformare la giustizia? Ma quando mai questi molleranno la loro arma migliore, quella con cui - sia pure dopo vent'anni di tentativi - sono riusciti ad azzoppare Silvio Berlusconi e tornare per vie traverse (non certo elettorali) al governo del Paese? Non illudiamoci, lo scandalo che sta emergendo è da considerarsi solo un incidente di percorso, uno spiacevole imprevisto. Faranno un po' di fumo ad uso allocchi e poi tutto tornerà esattamente come prima. Perché in questo Paese puoi anche chiudere la gente in casa per tre mesi, ma guai a toccare anche solo di striscio chi ti può aiutare a modificare in corsa un risultato elettorale sgradito. Cioè guai a toccare i magistrati.

I commenti saranno accettati:
  • dal lunedì al venerdì dalle ore 10:00 alle ore 20:00
  • sabato, domenica e festivi dalle ore 10:00 alle ore 18:00.
Non sono consentiti commenti che contengano termini violenti, discriminatori o che contravvengano alle elementari regole di netiquette.
Qui le norme di comportamento per esteso.
Commenti

lavitaebreve

Mer, 27/05/2020 - 17:22

I SINISTRI POLITICI STANNO SEMPRE IN GINOCCHIO DAVANTI AI MAGISTRATI E DAVANTI AI BUROCRATI EUROPEI. SPERIAMO CHE QUALCHE ELETTORE DI SINISTRA SI SVEGLI E NON LI VOTI MAI PIÙ.

Pigi

Mer, 27/05/2020 - 17:32

Sono intoccabili per una classe politica di basso livello. Una politica autorevole ha tutti i mezzi che l'ordinamento mette a disposizione, con le riforme costituzionali, per disarticolare la magistratura deviata. Per esempio, può estromettere i pubblici ministeri dalla magistratura, come in Germania. Può modificare la composizione del CSM, togliendo alla magistratura la maggioranza dei membri, come avviene in tutti gli organi disciplinari. Invece il metodo di contrastare la magistratura deviata aggiungendo i propri uomini di fiducia, si è dimostrata chiaramente perdente.

amedeov

Mer, 27/05/2020 - 18:11

L'unica cosa da fare è prendere esempio dai gillet gialli francesi. Purtroppo noi siamo italiani

Ritratto di mortimermouse

mortimermouse

Mer, 27/05/2020 - 18:29

gli italiani dovrebbero capire che è berlusconi la persona giusta per cambiare la magistratura! ne ha tutti i requisiti per farlo! :-)

Ritratto di Gigliese

Gigliese

Mer, 27/05/2020 - 18:29

DIRETTORE CONDIVIDO TUTTO. E UNA VERGOGNA, ANCHE CHE IL QUIRINALE TACCIA IN QUESTO CASO.

cusrer

Mer, 27/05/2020 - 19:03

Il puzzo però si avvertiva da qualche decennio. Bravo Belpietro ad aver scoperchiato il "vaso di pandora". No Direttore, non sono d'accordo. Il lezzo è oramai insopportabile. L'olfatto è ritornato anche a coloro che lo avevano perso.

porcorosso

Mer, 27/05/2020 - 19:11

Ed i vertici del CSM? Che dicono?

Nicola48ino

Mer, 27/05/2020 - 19:20

Egregio direttore ho qualche anno più di lei e conosco molto bene i compagni. Gente senza remora e onore. Nel 1960 il mio paese era una frazione 4 volte più grande del comune che dipendevamo. Per incartamenti vari dovevamo andare in comune c'erano 2 corse al giorno s'immagini x un certificato dal mattino alla sera. Il comune era retto dai compagni gia prima della guerra, noi la frazione a trazione dc, dopo anni di guerra ci fecero fare il referendum x staccarci. Direttore non dico bugie, i compagni del mio paese fecero propaganda e votarono contro la scissione, vinceMi deve scusare vincemmo a man bassa però ero un ragazzotto ma mi è rimasto l'anti. Non centra con l'articolo ma sono lo stesso comunisti.

zagor1963

Mer, 27/05/2020 - 19:55

le toghe rosse hanno fatto perdere molta credibilità nella magistratura

nopolcorrect

Gio, 28/05/2020 - 10:11

Il Silenzio di Mattarella è la migliore dimostrazione di quanto giustamente sospettato dal Direttore....

glasnost

Gio, 28/05/2020 - 10:12

Credete che sia da illusi pensare che esista una "parte sana" della Magistratura, che non sia asservita alla sinistra politica ed ai poteri massonici? E che questa parte possa avere il coraggio di contribuire a modificare la situazione di degrado attuale della Magistratura? O è tutta DEVIATA?

ferdinando55

Gio, 28/05/2020 - 10:16

Purtroppo la situazione della giustizia italiana non mi sorprende, perché solo chi non voleva vedere poteva non sapere che la magistratura da decenni costituisce una fazione politica che indirizza le sorti del Paese, un vero e proprio cancro della nazione e della democrazia. CHI INVECE MI SORPRENDE, E NON POCO, E' MATTARELLA CON IL SUO SILENZIO E LA SUA INERZIA A DIR POCO SCONCERTANTI! FACCIA SENTIRE LA SUA VOCE (ALMENO UNA VOLTA, VISTO CHE FINORA MI HA DELUSO SU TUTTI I FRONTI) OPPURE SE NON SE LA SENTE SI DIMETTA E SI GODA LA MERITATA PENSIONE.

Cosean

Gio, 28/05/2020 - 10:41

E' vero! Se si toccano le toghe la gente scoprirà che non saremo più in democrazia. Sarebbe la fine di questa situazione. Difatti tutti sanno che eliminato il potere giudiziario, rimarrà solo il Potere politico! Intanto si è già fatto passare agli Italiani che si può facilmente intrufolare un virus letale per gli anziani, in case di riposo per anziani in cambio di interessi economici. E i media non dicono nulla! Naturalmente

Ritratto di dlux

dlux

Gio, 28/05/2020 - 10:49

Direttore, volevo ribadire che ormai da venti anni la giustizia italiana è lungi dall'essere "giusta". Da quando i comunisti infiltrarono i loro "ometti" per fare pulizia (ricorda "mani pulite"? Tutti con le mani sporche fuorché loro, i comunisti) è stato un susseguirsi di scandalosi comportamenti da parte dei vari organi della magistratura. Il tutto sotto gli occhi del popolo italiano, sempre meno protagonista della scena politica. Soprattutto sotto gli occhi (disinteressati? Ho qualche dubbio...) dei vari pdr che si sono avvicendati, senza muovere un dito per dimostrare di essere meritevoli del termine "custodi della costituzione" e soprattutto "presidenti del CSM".

roberto bruni

Gio, 28/05/2020 - 11:05

Carisimo Direttore, quanta ragione hai!! Sono anch'io perfettamente consapevole che non succedera' nulla. Non ci saranno dimissioni. Non sara' ribaltato (come dovrebbe essere) il CSM E, guarda caso, il nostro Presidente non si accorgera' di nulla. Sembra di stare in un paese latino Americano Certo che se fosse successo l'opposto......sai che fiume di manifestanti per strada (nonostante i divieti)?

barnaby

Gio, 28/05/2020 - 11:23

Il nostro ordinamento normativo non ci premunisce dalla deriva illegittima di certi magistrati. Finché essi sono praticamente sottratti al principio di responsabilità civile, all'impossibilità di un organo esterno di indagarli, finché vengono giudicati dallo stesso organo di cui fanno parte, mentre essi - al contrario - possono indagare e giudicare ministri e partiti, siamo di fronte ad un grave sbilanciamento che fa prevalere sui parlamentari legittimamente eletti l'ordine giudiziario non eletto. E' un sistema squilibrato che li rende immuni e che genererà sempre nuovi "mostri".

Ritratto di Bob184

Bob184

Gio, 28/05/2020 - 11:38

Non solo non illudiamoci ma facciamo anche una buona dosa di "mea culpa". Perché l'ingerenza della politica e della sinistra in Magistratura era evidente molti decenni fa. Cosa fece il CDX di allora e suoi nipoti per modificare ? Niente, sempre succubi della sinistra che ad ogni parola non gradita sollevava polveroni da vento del deserto. Sarebbe bastato, ma forse era già tardi, che un PdCdM ad un annuncio informale di indagine avesse detto andate a ..., prima provate e poi se ne parla. ma no, talmente perbenista da dare subito le dimissioni a chi ... non aspettava altro. Tutto questo permesso da una Costituzione ultra obsoleta il cui guardiano principale, anche a capo del CSM si guarda bene da intervenire, almeno per arginare o modificare istanze che ad occhi meno settari non possono che apparire rivoluzionarie. In una Democrazia ? Via, siamo onesti, abbiamo voluto la bici e se ora non ci va di pedalare allora scarpiniamo, ma nella direzione giusta.

IronHandIronHead

Gio, 28/05/2020 - 12:33

Perché possono truscare, trusciare, arraffare, contrattare, partecipare a dibattiti pubblici? Perché, non tutti vero, ma molti si, non lavorano. Infatti la giustizia in Italia non funziona, poiché la magistratura lavora poco e male. Quindi, semplici modifiche, senza roboanti atti di imperio o complicate inattuabili riforme. Ovvero: mettiamo i timbrini e obblighiamoli ad essere nei tribunali per almeno 8 ore del loro tempo, come fanno gli operai in fabbrica, nel processo penale, se l’imputato viene assolto il PM non può appellare, se il PM perde tre processi a fila, lo si licenzia per manifesta incapacità e per aver speso in indagini fatte male il denaro dei contribuenti ed infine chi giudica abbia un percorso formativo e professionale e i PM un altro. Il sistema giudiziario è la burocrazia al cubo e la vera palla al piede della nazione: senza gli orpelli e le fandionie dei giudici, senza la stupidaggine del Codice degli Appalti, avremmo almeno 5 punti di PIL annuo. Libertà!

ohibò44

Gio, 28/05/2020 - 12:39

Per la riforma della Giustizia c’è un solo sistema: candidarsi alle elezioni avendo già pronta la legge nei minimi dettagli, i regolamenti e i provvedimenti di attuazione, poi al momento di formare il governo impegnare i partner a votare l’intero fascicolo nella prima settimana di governo ponendo la fiducia e dichiarando che in caso di sfiducia il governo cadrebbe. Tutto il resto sono ipotesi superflue perché la magistratura bloccherebbe tutto.

Giorgio Colomba

Gio, 28/05/2020 - 14:16

Partita ai tempi del "Migliore" Guardasigilli, sancita dal congresso Anm del '70 (quelli che “il significato concreto delle leggi dipende in primo luogo dalla scelta di valore fatta dall’interprete”) e perfezionata con la finta epopea di Mani Pool-ite, l'esondazione delle toghe non ha mai conosciuto remore nell'orientare a sinistra la politica del Paese. Più che una riforma, alla nostra giustizia urge una catarsi.

Altoviti

Gio, 28/05/2020 - 14:19

Se le toghe non rispettano la costituzione vanno rimoose dall'incarico, senza pensione. LA legge è ugulae per tutti, anche per i giudici! Chi sapeva e non ha denunciato va pure indagato.

IronHandIronHead

Gio, 28/05/2020 - 14:20

oibò44 Giustissimo, tenere il programma nascosto, così che non rompano in campagna elettorale e poi subito, immediatamente la riforma: responsabilità civile, carriere separate, timbrini e impossibilità di adire ad appello per i PM. Dulcis in fundo: licenziamento del PM per tre processi a fila persi e rivalsa sui beni personali e della famiglia....

Duka

Gio, 28/05/2020 - 15:03

Toghe intoccabili è vero almeno fino a quando questo popolo MASOCHISTA continua a votare la sinistra.

glasnost

Gio, 28/05/2020 - 15:20

Della situazione della giustizia in Italia lo sapevano tutti, anche se si fingeva di credere che non fosse così. Tanto i media di regime falsificavano le informazioni! Ma mi stupisce (poco,invero) la UE che si scaglia contro la Polonia per le riforme della Giustizia Polacca e tace (come Mattarella, del resto) su quello che avviene in Italia.e

claudioarmc

Gio, 28/05/2020 - 15:28

Analisi che condivido purtroppo anche per quello che riguarda il destino della Giustizia italiana già segnato ed irrecuperabile

Boxster65

Gio, 28/05/2020 - 15:37

Parole sante caro Sallusti!

gedeone@libero.it

Gio, 28/05/2020 - 16:26

Anche su questo articolo nessun commento dei sinistrati? Che comincino ad avere un po di vergogna?

Destra Delusa

Gio, 28/05/2020 - 17:24

Capisco i vostri problemi ma sinceramente sembrano solo vostri. In questo periodo di enorme crisi economica hanno priorità altre cose. Ad esempio la pioggia di miliardi che l'Europa ha destinato all'Italia, la bellezza di 180 di cui 80 a fondo perduto e il rimanente da restituire in 1000 anni.

IronHandIronHead

Gio, 28/05/2020 - 18:29

La giustizia è il fondamento secondo dello stato liberale. Averla affidata ad una casta autoreferenziantesi è stato un errore madornale. La non giustizia e la pressione giudiziaria con relativa cultura del sospetto e dell'impedimento al fare pesa almeno 5 punti di PIL. I giudici sono diventati il PROBLEMA della Nazione. Libertà!

grigonero

Gio, 28/05/2020 - 19:02

Caro Direttore, mi trova pienamente concorde conle sue sffermazioni. Dai tempi dei tempi i magistrati sono intoccabili,tranne quelli che nn seguono le "scie",per quelli c'è altro.

Maver

Gio, 28/05/2020 - 19:04

. Parole condivisibili Direttore, il popolo Italiano ha imparato da secoli a vivere nell'impotenza, ma dal dopoguerra sino a oggi liberalismo e liberismo hanno pure scommesso su un maggior tasso di scolarizzazione (probabilmente intendendo con ciò garantire sempre nuove esigenze e conseguentemente sempre nuovi consumi). Tuttavia non tutte le esigenze sono circoscrivibili nella dispensatrice competenza degli ipermercati; rimangono pur sempre imprescindibili tensioni etiche, mai sopite; anzi, oltremodo avvertite dall’esserci definititivamente affrancati da un analfabetismo abbruttente e livellatore e via di seguito, dall’essersi assunti sempre più alti incarichi e responsabilità. A fronte di ciò che probabilità di riuscita può vantare ancora, a suo giudizio, la pervicace e reiterata volontà di trattare gli italiani alla stregua di plebe?

Ilsabbatico

Gio, 28/05/2020 - 19:57

Fate la valigia e andatevene....dubito che in Italia le cose cambieranno, purtroppo!

Ritratto di Nubaoro

Nubaoro

Ven, 29/05/2020 - 12:11

La domanda è, a fronte di una decina di delinquenti beccati con le mani nella marmellata, quanti altri ce ne saranno?? Statisticamente moltissimi, con immunità data da colleghi e presidente della repubblica. TUTTO MARCIO

Ritratto di Leonida55

Leonida55

Ven, 29/05/2020 - 12:29

No direttore non ci illudiamo, ne siamo ben coscienti. Ma è ora di finirla con questo scempio.

Unoamareggiato

Ven, 29/05/2020 - 13:41

Il cancro devastante di questa magistratura intoccabile é il silenzio imbarazzato e assordante del PdR che proprio non ha voglia di difendere la Costituzione. Suvvia un po' di coraggio e la gente avrebbe più fiducia negli organi Costituzionali.

robertino

Ven, 29/05/2020 - 13:44

Io invece non sono cosi pessimista caro Direttore, però vorrei sottolineare che alle prossime elezioni il centrodestra avrà il mio voto SOLAMENTE se la vera Riforma della Giustizia, nonchè una modifica della costituzione nelle parti che riguardano questo tema sia al primissimo posto del Programma di Governo. Inoltre mi aspetto altrettanto un referendum sulla elezione diretta del Presidente della Repubblica. Secondo me questa è la base indispensabile per far ripartire l'Italia e proiettarla in un futuro miglior, altrimenti questo Paese soccomberà .

cesrosan

Ven, 29/05/2020 - 14:06

Bisogna ripristinare la legge sulla Immunità Parlamentare, basterebbe solo quella per togliere tutto questo potere alla Magistratura, e a chi ne approfitta

agosvac

Ven, 29/05/2020 - 15:29

Egregio direttore, è vero che, allo stato attuale, con questo Governo e questo Presidente della Repubblica, le toghe sono intoccabili. Ma non è detto che le cose continueranno così. Ho sempre pensato che la magistratura italiana è destinata ad autodistruggersi a causa della sua stessa arroganza: credono di potere fare quello che vogliono ma, appunto per questo, prima o poi faranno un qualche errore madornale. Un errore tale che li porterà alla rovina: già ci sono molto vicini.

Ritratto di vince50_19

vince50_19

Ven, 29/05/2020 - 15:45

Caro Direttore, oltre quanto da lei ben descritto, osservo un fatto: il silenzio del Colle! Finchè sarà mantenuto quello "status quo" dal P.d.R., i segnali non possono che essere poco chiari. Della serie .. temporeggiare per vedere se la bufera si placa, come e quando. Sta alla sua categoria (giornalisti) tenere sempre alto il livello di attenzione per evitare che per certi attori, dopo essersi piegati al passaggio della bufera, tutto torni come prima. Forse con qualche cambiamento (suggerito al governo..) di facciata, poco sostanziale, non come quello proposto Nordio e su cui, per quel poco che vale il mio giudizio, concordo al 100%. Cordialità.

Ritratto di dlux

dlux

Ven, 29/05/2020 - 16:03

agosvac - Speriamo che tu abbia ragione. Nel frattempo la politica di sinistra continuerà a tessere la "rete". Continuerà ad occupare tutto lo spazio disponibile, tutti i posti da cui si possa esercitare il minimo potere, fino ai massimi vertici: che poi è la situazione attuale. Informazione, istruzione, enti, magistratura, finanza, pdr,...tutto in mano loro. Quindi, come vedi, per quanto grave possa essere il loro errore, cascano sempre in piedi...Il problema è che si rischia un moto popolare, visto che di provvedimenti di altro tipo, auspicabili ma troppo utopistici, non se ne vedono.