Unica certezza: governo più debole

Per la terza volta in due anni e mezzo Giuseppe Conte si è presentato in Parlamento a cercare la fiducia

Per la terza volta in due anni e mezzo Giuseppe Conte si è presentato in Parlamento a cercare la fiducia. Ogni volta lo ha fatto con una maggioranza diversa, stile Prima Repubblica, promettendo cose mirabolanti per l'Italia e gli italiani senza riuscire fino ad ora ad onorare l'impegno. A ogni giro di giostra ha perso pezzi e questa volta rischia di non farcela a ottenere il controllo assoluto del Senato. Conte, comunque vada, si è indebolito e un uomo debole dicono i saggi - non può essere sincero. Dice infatti di volere governare con la sinistra, i comunisti e i Cinque Stelle, ma per farlo chiede i voti dei liberali e dei moderati; strizza l'occhio alla Cina e, contemporaneamente, corteggia europeisti ed atlantisti. Insomma, tanto per cambiare non si capisce che direzione voglia imboccare.

Conte promette tutto a tutti, ma è nelle condizioni di colui che fatica a pagare le bollette a fine mese. Ieri ha alzato di nuovo l'asticella delle promesse: seguitemi è stato il senso del suo discorso e vi porterò nel giardino dell'Eden. A parte che ben sappiamo come è finita la storia di Adamo ed Eva, il premier si guarda bene dall'entrare nei dettagli di come, quando e con chi intende intraprendere il viaggio. Non vuole a bordo Renzi, questa è l'unica cosa che abbiamo capito, ma i posti occupati fino a ieri dai renziani sono vuoti, al massimo si accomoderanno viaggiatori clandestini che lui chiama non più «costruttori» ma «volenterosi» - pagati per fare da comparse. «Conte vuole decollare con Air Mastella», ha ben riassunto la situazione Giorgia Meloni nel suo intervento di ieri alla Camera.

Ma, nonostante l'intensa attività di reclutamento, l'esito della conta al Senato rimane incerta. A Conte restano poche ore per completare l'operazione «voto di scambio», con i senatori in libera uscita dai loro gruppi e partiti, e raggiungere oggi un consenso se non di improbabile maggioranza assoluta (161) almeno accettabile per il Quirinale (156). Ma anche se accadesse, la domanda è: e poi che succede? Succede che un minuto dopo ci troveremmo con un governo ancora più fragile, ricattabile e indeciso a tutto rispetto a quello che stiamo per lasciarci alle spalle.

Sai che vittoria per il premier più trasformista e illusionista della nostra storia.

I commenti saranno accettati:
  • dal lunedì al venerdì dalle ore 10:00 alle ore 20:00
  • sabato, domenica e festivi dalle ore 10:00 alle ore 18:00.
Non sono consentiti commenti che contengano termini violenti, discriminatori o che contravvengano alle elementari regole di netiquette.
Qui le norme di comportamento per esteso.
Commenti
Ritratto di mauriziogiuntoli

mauriziogiuntoli

Mar, 19/01/2021 - 17:29

Conte rappresenta il Paese dei bisognosi come nessun altro. Responsabili, costruttori? Ma non fateci ridere, bisognosi siete, da sempre. Conte per primo. E' uno qualsiasi che l'assurdo della nostra Carta ha fatto diventare "qualcuno", anzi PdCdM della Repubblica Italiana, quella fondata sul lavoro e non su libertà e dignità. Sa di che pasta è fatto lui e son fatti gli italiani: mutuo da pagare, moglie, figli, debiti, casa e promesse. Non c'è governo che tenga. Diventiamo tutti Polverini. Al momento del bisogno si abbandonano amici colleghi promesse e si salta sul carro di chi promette di più. Ma non ci sarà niente per nessuno perché chi non ha dignità non merita niente. Buon governo Conte! Gli italiani sono tutti con te. Ma proprio tutti!

Darth

Mar, 19/01/2021 - 17:50

Che cosa succede se prendono meno di 161 voti? Che ci sarà un governo di minoranza che esiste solo per l'astensione benevola di Renzi, che dunque potrà continuare a fare il bello e il cattivo tempo con il vantaggio di non essere coinvolto direttamente nell'operato - o nell'inoperato... - del governo. E, naturalmente, sarà ostaggio anche di tutti i voltagabbana in ordine sparso che gli hanno dato la fiducia, ognuno con le sue richieste; non dovrà accontentare più solo due o tre partiti, ma qualche decina di soggetti vari. Dalla sua, comunque, Conte continuerà ad avere la più forte di tutte le forze della natura, quella che tiene il fondoschiena di un parlamentare incollato al suo scranno. E, in più, avrà i miliardi dei prestiti europei, con cui potrà accontentare le richieste dei soggetti di cui sopra, e che noi e i nostri figli dovremo ripagare nei decenni a venire.

Ritratto di 02121940

02121940

Mar, 19/01/2021 - 18:05

Più debole, non c’è dubbio, ma soprattutto non è in grado di portare avanti l’Italia.

kytra1936

Mar, 19/01/2021 - 18:06

Ho sentito il discorso di Conte. Mancava solo che promettesse la costruzione di una base lunare, lo sbarco su Marte ed una spedizione interplanetaria verso Plutone. Intanto, mentre fervono i preparativi, qualche prossimo stipendio è assicurato. Del resto, sono o no quelli delle (cinque) stelle ?

ex d.c.

Mar, 19/01/2021 - 18:28

Debole ma resterà Fino a fine legislatura ed avremo un altro Presidente di SN

Cheyenne

Mar, 19/01/2021 - 18:48

L'Italia unico paese al mondo dove è vietato andare ad elezioni. Perfino in Congo si fanno le elezioni. La costituzione non dice che "qualunque maggioranza" va bene. Matty rileggitela bene o te la fai spiegare da benigni.

Ritratto di Leonida55

Leonida55

Mar, 19/01/2021 - 19:28

Non solo governo più debole, ma sottoposto alle tempeste nella sua prossima navigazione. Cadrà malamente. A prest o su quest ischermi.

Ritratto di mortimermouse

mortimermouse

Mar, 19/01/2021 - 19:44

i deboli non stanno a sinistra! QUELLI sono prepotenti, violenti e ipocriti! alla larga!!

ilrompiballe

Mar, 19/01/2021 - 19:47

E meno male che arrivano i "costruttori"! Piccone e badile per tutti.

Ritratto di mauriziogiuntoli

mauriziogiuntoli

Mar, 19/01/2021 - 19:57

Non fatevi illusioni italiani. Sarete comprati tutti ma proprio tutti coi miliardi che verranno dall'Europa. Uno per uno gli italici bisognosi saranno accontentati o tacitati con le solite promesse. Ecco cosa c'è in ballo! Chi tiene la borsa tiene il banco e quindi il potere. I singoli ricattatori, i costruttori di oggi, avranno anche più potere e disponibilità, per se stessi famiglia parenti ed amici. E se si va ad elezioni e vince la destra? Uguale! Il vizio sta nella Carta ed in chi l'adora. La chiamano democrazia ma è mercato. Molto simile a quello cinese.

Ritratto di dlux

dlux

Mer, 20/01/2021 - 10:13

"Non vuole a bordo Renzi"...beh, secondo me non è proprio così, perché in questo bailamme di incoerenze Lei si meraviglierebbe se Renzi ...? Il giochino del "bomba" è facile da scoprire. Ha notato come ha votato Italia Viva? Quell'astensione/assenza ha tutta l'aria di una pistola carica alla tempia del premier, non crede? Diciamo che Renzi è riuscito nel suo intento, quello, cioè, di diventare un nuovo Craxi (con tutti i distinguo del caso), "ago della bilancia" senza il quale il governo vive o muore...Piuttosto, che ne pensa dei due (ex?)forzisti corsi in aiuto dei giallo-rossi? Altro appunto: non sarebbe il caso di togliere ai senatori a vita (ricordo che non sono eletti ma nominati) la possibilità di voto? Non è ammissibile che le sorti di un governo siano in mano di uno che passa per caso di lì...

Ritratto di dlux

dlux

Mer, 20/01/2021 - 14:18

Quello che fa paura, molta più paura è il comportamento del PdR. La sua faziosità e partigianeria non è più occultabile né giustificabile. Conte si dovrebbe dimettere in quanto ha perso numeri che ha recuperato in parte con dei traditori (come si fa a continuare a chiamarli onorevoli?), ma Mattarella dovrebbe dimettersi per tradimento dei più basilari principi di Democrazia.